Andromeda

L’Andromeda appartiene alla famiglia delle Ericacee, il genere comprende solo due specie: L’Andromeda polifolia e l’andormeda glaucophylla. E’ un arbusto perrenne piuttosto basso (30-40 cm) e cespuglioso, con foglie di colore verde chiaro nella parte superiore e azzurro argenteo o bianco in quella inferiore. Nella glaucofilla la parte inferiore è pelosa

FIORITURA: i fiori sono di colore rosa e la fiorituria inizia in maggio e continua fino a settembre anche se in tono minore. L’Andromeda serve soprattutto per decorare scarpate ma può anche essere coltivata in vaso come pianta da appartamento.

ACQUA: non bisogna eccede con le annaffiature. La dose giusta è annaffiare la pianta ogni 15 giorni con un bicchiere.

CONCIME: la crescita a stento dell’andromeda può essere aiutata con stimolante ormonico.

 

CONSIGLI: se si vuole coltivare l’andromedanil terreno deve essere mescolato a 1/5 di sabbia e 1/5 di torba. La moltiplicazione avvieen per seme in primavera o per marotta in luglio su rami da fiore che devono essere staccati dalla pianta madre in novembre e possono essere anche posti in serra tiepida per farli fiorire in inverno. Può anche avvenire per propaggine, per divisione o per talea di rami legnosi da eseguire in autunno e da far radicare in sabbia in ambiente caldo.

CURIOSITA’: l’Andromeda è considerata da molti pianta venefica e, come tale, le si attribuisce il simbolo della difesa. Anticamente si usava piantare le andromede all’ingresso delle fattorie per evitare che entrassero greggi di passaggio: sembra infatti accertato che questa pianta sia fatale alle pecore. Il nome deriva dal mito di Andromeda condannata da Poseidone ad essere esposta su uno scoglio quale vittima di un mostro marino e salvata da sicura morte da Perseo che sul cavallo alato uccise il mostro.

L'hai trovato interessante? Votalo, e dicci come migliorarlo nei commenti
[Voti Totali: 4 Media: 4.3]
oppure sentiti libero di Condividerlo
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Pin on Pinterest
Pinterest
0Email this to someone
email

Vuoi fare una domanda? Vuoi dire la tua?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.