Yucca Elephantipes (o Gigantea)

Sa decorare giardini e terrazze come poche altre piante sano fare, dall’aspetto delicato ed elegante quasi maestoso. Stiamo parlando della Yucca  Elephantipes (nome ufficiale è Yucca Gigantea), una pianta succulenta sempreverde che arriva dal Messico e dal Guatemala. Si tratta di una pianta comune nei giardini temperati che  può essere coltivata, a seconda delle varietà, da esterno e da interno.

Classificazione botanica

La Yucca  Elephantipes fa parte della Famiglia delle Agavaceae al Genere Yucca.

Il nome ufficiale è Yucca Gigantea, qualcuno la chiama ancora Yucca guatemalensis.

Caratteristiche generali

E’ una pianta sempreverde con portamento arbustivo o arboreo con una forma largamente colonnare e uno sviluppo in altezza piuttosto che in larghezza, cresce molto lentamente. Le sue dimensioni variano a seconda del luogo dove cresce,  nel suo habitat naturale, questa pianta può superare i 10 metri di altezza ed arrivare ad un’estensione di 8 metri.

Se coltivata in vaso in  giardino può comunque raggiungere i 5 metri di altezza. Niente paura, in appartamento non arriva a raggiungere  dimensioni eccessive, proprio grazie anche alla sua crescita lenta.

I ciuffi di foglie crescono sui tanti fusti legnosi, sono  lanceolate lucide di colore verde, rigide e, nelle piante giovani, sono  molto appuntite, poi man mano che invecchiano si curvano. Le foglie sono l’elemento che la distinguono dalla Dracena, perché queste due piante sono spesso confuse tra loro.

Come si fa a distinguere una Yucca dalla Dracena?

La Yucca viene anche chiamata Tronchetto della Felicità e questo porta confusione tra questa pianta e la Dracena. Come riconoscerle? La Yucca si distingue dalla dracena dalle foglie, nella Dracaena sono morbide e flessibili, ricurve verso il basso, i bordi del fogliame della Yucca sono molto taglienti, le foglie della Yucca  sono molto più coriacee, fibrose, appuntite ed erette. Al tatto le foglie della Yucca sono dentate, ruvide, danno quella sensazione di sabbia fra le dita mentre nella Dracena sono lisce e con margini interi.

Principali varietà e cultivar

Premettiamo che la yucca elephantipes, o yucca gigantea, è la specie più grande di yucca esistente. Ci sono alcune cultivar di Yucca elephantipes, citiamo  quelle più diffuse :

Yucca elephantipes ‘Variegata’: cultivar che vanta dimensioni e portamento uguale alla specie madre e che differisce solo nelle foglie che sono verdi ma  con margini bianco crema.

Yucca elephantipes ‘Artola Gold’: in questa cultivar le foglie hanno i margini colore giallo oro.

‘Silver Star’: in questa cultivar le foglie sono verde scuro e margine di colore bianco-argenteo.

Yucca elephantipes ‘Jewel’

Consigli per la coltivazione della Yucca Elephantipes

Se avete intenzione di coltivare una Yucca Elephantipes sappiate che questa pianta è indicata sia per esterno che per interno. In giardino l’albero è pianta singola., In vaso avrà uno  sviluppo  limitato al formato del contenitore ma considerate che spesso non produrrà fiori.

Terreno

Il terreno più idoneo alla coltivazione della Yucca elephantipes è soffice e leggero, ben drenato ma in grado di trattenere una certa quantità di umidità.

Il substrato ottimale è composto da 4 parti di torba,2 parti di sabbia  e altre due parti di terriccio generico per piante da appartamento, con una buona dose di sostanza organica.

Esposizione

La Yucca elephantipes deve essere posta in una posizione molto luminosa anche al sole diretto. Se in appartamento si può scegliere di metterla accanto ad una ampia finestra.

Durante l’estate può essere messa sul balcone in una posizione abbastanza soleggiata ma non per scongiurare il rischio di far asciugare troppo il substrato.

Temperatura

Tollera le alte temperature (d’estate 25°C purché abbiano a disposizione aria fresca) ,ma non quelle basse, quindi durante l’inverno va protetta, in quanto è una pianta semirustica e non sopporta temperature inferiori a 10-15 gradi. E’ opportuno evitare bruschi sbalzi di temperatura e cercare di mantenerla costante, occorre fare attenzione che durante la notte la temperatura non scenda sotto i limiti consigliati.

Annaffiature

Nel periodo estivo è bene bagnarla abbondantemente, avendo però cura di controllare che l’ acqua non ristagni. Nei periodi più caldi occorre annaffiare  a giorni alterni sempre considerando che  la frequenza delle annaffiature deve basarsi anche  a seconda dell’umidità dell’aria e della composizione del terriccio.

Durante l’estate è bene nebulizzare le  foglie al mattino presto o, meglio ancora, la sera con  acqua a temperatura ambiente.

D’ inverno è sufficiente annaffiarla una volta ogni 10 giorni. Ogni tanto, specie d’ estate, spruzzare le foglie con acqua a temperatura ambiente. Durante l’inverno la pianta non necessita di troppe irrigazioni, è sufficiente annaffiarla  ogni 8-10 giorni.

E’ sempre opportuno evitare le eccessive irrigazioni in quanto così facendo si facilitano  i marciumi compromettendo la salute della pianta.

Concimazione

La concimazione della Yucca elephantipes è fondamentale soprattutto per piante coltivate in vaso in quanto  il ridotto volume di substrato possono esaurire i nutrienti del terreno .

Le fertilizzazioni si fanno da inizio primavera fino alla fine dell’estate e poi di dovranno ridurre  progressivamente fino alla sospensione totale a metà autunno. Il fertilizzante, liquido, si somministra ogni  10-15 giorni. Deve contenere microelementi per effettuare le fertirrigazioni.

Fioritura

La Yucca Elephantipes fiorisce in estate producendo  fiori bianchi profumati dalla forma campanulata, raccolti in pannocchie portate su lunghi steli che emergono dal centro della pianta. I singoli fiori sono reclinati di colore bianco o bianco crema hanno una forma semiglobosa e misurano dai 3 ai 4 cm. La loro bellezza fa si che questa pianta sia molto apprezzata come pianta ornamentale in ville e giardini.

Potatura

In genere la Yucca non si pota. Vanno eliminate le foglie che via via disseccano per evitare che diventino veicolo di malattie parassitarie.

Moltiplicazione

La moltiplicazione della Yucca elephantipes si può fare tramite divisione dei polloni basali, più difficile quella  tramite semina, perché la pianta fiorisca è indispensabile  una buona quantità di luce e una temperatura alta e costante.

La moltiplicazione tramite polloni basali di fa in primavera coltivando le porzioni di pianta coni radici in un terriccio corrispondente alla esigenze delle piante adulte e in vasi adeguati alle oro dimensioni. Si potranno poi  trapiantare la primavera successiva.

La riproduzione tramite seme potrebbe richiedere  l’impollinazione manuale dei fiori che può essere fatta con un pennellino a setole fini durante il periodo della fioritura. Quando le bacche saranno mature è possibile conservarle e piantarle nella primavera dopo.

Il terriccio adatto alla coltivazione è composto da parti uguali da sabbia e torba. I vasetti si tengono in un propagatore a temperatura inclusa tra i 20 e i 24 gradi fino a che non avranno germinato. Una volta cresciute di 2-3cm le piantine vanno acclimatate gradualmente e mantenute a 20 gradi costanti.

Parassiti e malattie

La Yucca elephantipes può subire gli attacchi di  diversi parassiti come il Ragnetto rosso, le Cocciniglie, la Tignola, alcuni Afidi come i boccioli fiorali

Ci sono poi Malattie provocate da funghi come il Marciume secco delle foglie, lo Oidio, il Marciume basale, le Maculature fogliari

Con la Yucca, nelle coste del Caribe (Caraibi- Isole Vergini), si produce una focaccia chiamata cazabe.

Curiosità

La yucca è considerata un simbolo della fortuna: ideale, dunque, anche per un dono ben augurante oltre che elegante.

yucca_big

Dove acquistare la Yucca

su eBay puoi trovare  varie piante e semi di Yucca Elephantipes

 

Articoli correlati che possono interessarti

L'hai trovato interessante? Allora votalo!
[Voti Totali: 17 Media: 3.8]
Ti è piaciuto? Allora Condividilo:
Share on Facebook
Facebook
0Share on Google+
Google+
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Pin on Pinterest
Pinterest
0Email this to someone
email

Vuoi fare una domanda? Vuoi dire la tua?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Add your own review

Rating

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.