Verbena

verbena Mix

Erbacea annuale e perenne, dal portamento arbustivo e cespuglioso, molto utilizzata per abbellire balconi e terrazzi. .

E’ caratterizzata da foglie ovali e dentate, appuntite all’ estremita e con evidenti nervature.

Le Piante di Verbena sono ricadenti e ben si adattano alla coltivazione in vaso, anche in quelli sospesi o in aiuole in piena terra.

I fiori variamente colorati e profumati, simili alle primule, sono raccolte in infiorescenze compatte e sferiche; i colori variano dal bianco al rosa, al rosso, dall’ azzurro al lilla, in tinte unite o screziati.

Specie di Verbena

La Verbena appartiene alla famiglia della Verbenacee. Comprende più di 250 specie, in genere spontanee, diffuse soprattutto nelle Americhe, ma presenti anche in Europa. Non è difficile trovarne alcune che si adattano perfettamente alla coltivazione domestica.

Sono tantissime le verbene ibride (potete trovarle anche con nomi commerciali, ad esempio Temari e Tapien) presenti sul mercato, sono le varietà più comuni che potete trovare presso vivaisti e fioristi.

Di seguito alcune specie di Verbena

  • La Verbena bonariensis proviene dall’America del Sud ed è piuttosto diffusa nelle nostre latitudini. Fiorisce da giugno ad ottobre e presenta fiori color lavanda.

    Verbena bonariensis

    Verbena bonariensis (conosciuta anche come Argentinian vervain)

  • La Verbena canadensis, invece, è originaria degli Stati Uniti e regala spettacoli variopinti, con colori che possono variare dal bianco al rosa, dal lavanda al viola.
  • La Verbena officinalis è forse la più diffusa in Europa allo stato spontaneo, tanto che a volte diventa infestante e fastidiosa. Nonostante ciò, lo spettacolo offerto dalla fioritura, nel periodo che va dalla primavera all’autunno, è veramente gradevole per la vista. Ha proprietà usate in medicina (vedi sotto)

    Verbena officinalis

    Verbena officinalis – foto di Andreas Rockstein – (CC BY-SA 2.0)

  • La Verbena peruviana,  di colore rosso, adatta alla coltivazione domestica, specie se collocata in vasi sospesi che ne esaltano la caratteristica strisciante.
  • La Verbena pulchella  con fiori blu-violetto perenne sempreverde, molto vigorosa ed è per questo che viene usata come tappezzante per coprire zone di terreno di difficile coltivazione

Fioritura

Fiorisce da inizio giugno fino a settembre inoltrato.  I fiori piccoli, sono riuniti in infiorescenze a ombrello o a sfera e sbocciano dalla tarda primavera fino all’estate.

La fioritura delle verbene è molto prolungata, e lo sviluppo è rapido, potete  quindi  ottenere un vero e proprio letto di fiori

 

Luce

Predilige posizioni soleggiate, e se possibile al riparo dal vento.

Mettetela in in pieno sole per almeno metà della giornata, l’ideale sarebbe al sole al mattino e in ombra nel pomeriggio.

Acqua

Annaffiature regolari, abbondanti d’estate.  Alcune varietà resistono alla siccità, ma in generale sopportano per brevi periodi la siccità.

Per avere dei vasi sempre fioriti conviene innaffiare con regolarità, aspettando che il terreno si asciughi tra un’irrigazione e la successiva.

In caso di periodi particolarmente siccitosi e caldi innaffiare più spesso.

Temperatura

Si adatta molto bene ai climi temperati.  Ma non sopporta il freddo, la temperatura minima invernale non dovrebbe essere al di sotto dei 7-13 °C.

In caso di temperature troppo elevate, meglio una zona dove ci siano solo poche ore di sole al giorno.

Sebbena la verbena sia una pianta perenne,  spesso viene coltivata come annuale appunto perché non riesce a superare l’inverno a causa delle basse temperature.

Se coltivata come perenne in piena terra, proteggetela nei mesi invernali con coperture di paglia o con tessuto/non tessuto.
Se in vaso riparatela in ambiente chiuso, luminoso e ben riscaldato.

Verbena

Concime

Per la pianta in vaso, 2 volte al mese, con un fertilizzante liquido aggiunto all’ acqua di annaffiatura.

Moltiplicazione

La moltiplicazione può essere fatta per semina o per talea.  La riproduzione avviene sopratutto per seme, ma per mantenere fedelmente i colori della varietà è meglio riprodurre per talea o margotta.

Semina

Si effettua nel periodo febbraio-marzo, mettete i semi in un vaso con del terriccio umido misto a sabbia;
il contenitore dovrà poi essere posizionato in un ambiente ombreggiato e nel quale la temperatura resti intorno ai 18-24 °C.
Una volta che saranno comparsi i primi germogli e che le piantine saranno abbastanza robuste potete effettuare il rinvaso.

Moltiplicazione per talea

Rimuovete dalla pianta le parti apicali, togliere le foglie che si trovano più in basso e mettere le talee in un contenitore con un substrato composto da torba e sabbia; una volta che saranno nati i primi germogli,  potete mettere le piante  nel loro vaso.

Potature

Per avere sempre delle splendide piante e stimolare l’emissione di nuovi fiori il consiglio è quello eliminare quelli che man mano seccano.

Altri Consigli per la Coltivazione della Verbena

Le verbene gradiscono terreni leggeri, dotati di sostanza organica.

Rinvasare solo se necessario, in primavera.

Verbena

Principali Problemi

Sono piante di solito ben resistenti.

Le verbene, soprattutto quelle ibride, in genere sono ben resistenti alle malattie fungine, quali ruggine e oidio.

In caso di forti umidità  possono però venire attaccate dagli afidi, che vanno debellati prontamente, o ci priveranno delle prime fioriture, rovinando i boccioli.

Evitate irrigazioni eccessive che possono dar luogo a marciumi radicali.

Fitoterapia

Valida solo per la  Verbena Officinalis

La Verbena officinalis (non tutte le specie attenzione) è  molto utilizzata in fitoterapia per la sua azione calmante, utile contro lo stress, ma anche per lenire le infiammazioni muscolari, favorire la digestione e proteggere la pelle.

In medicina è considerata tonica, antinevralgica, diaforetica, antinfiammatoria, antireumatica, espettorante e astringente.

La pianta è ricca di oli essenziali e importanti principi attivi come  i flavonoidi, i tannini, e le mucillagini. Inoltre contiene la verbenalina che svolge un’azione analgesica, sedativa, digestiva e antinfiammatoria.

La verbena era ritenuta erba sacra dagli antichi egizi e dagli antichi romani soprattutto grazie alle proprietà magiche e afrodisiache attribuite alla pianta.

La verbena è una pianta molto utilizzata in erboristeria in quanto ha molteplici proprietà medicinali: viene usata per curare i calcoli, è spasmolitica, drenante, antinfiammatoria, analgesica, diuretica, antidolorifica, tonica, vermifuga, febbrifuga, tranquillante, ecc.

Viene usata tramite infuso, decotto, impacco.

Se ne consiglia l’uso esterno, perlomeno come infusi e decotti. L’uso tradizionale è consigliato da secoli come pianta tonica amara, stomachica digestiva, deostruente splenico-biliare. In pratica combatte alcune disturbi digestivi e aiuta contro la diarrea

La dose consigliata tradizionalmente è di una tazza di tisana con un cucchiaio di erba 2-3 volte al dì.

Questa pianta è stata utilizzata in erboristeria per trattare problemi nervosi e insonnia, allevia gli stati di stress e previene le crisi d’asma.

Controindicazioni Verbena Officinalis

Non va usata in gravidanza o durante l’allattamento.

Se ne sconsiglia uso in caso di problemi alla tiroide.

Se non si superano i dosaggi opportuni, ovvero dai 2 ai 4 grammi al giorno, non ha particolari controindicazioni.

Bisogna però fare attenzione in caso di allergie o intolleranze, ma anche durante l’assunzione di altri farmaci: soprattutto terapie ormonali o farmaci sedativi, in tutti questi casi meglio consultare prima il medico.

L’uso dei suoi oli essenziali deve essere effettuato con cautela soprattutto in soggetti con pelli sensibili.

Curiosità

Il nome sembra derivare dal latino Verbenae, che stava ad indicare un ramoscello sacro, dato che questo genere di pianta veniva spesso usato in cerimonie religiose.

Ma qualcuno associa il termine Verbene al celtico Ferfaen, ovvero “scacciare via la pietra”, visto l’impiego della pianta nella cura dei calcoli.

Cresce in luoghi incolti, ai margini di sentieri, in tutta l’ Europa ad eccezione della zona settentrionale.

La pianta della verbena è considerata velenosa per i vampiri.

La Verbena officinalis è stata anche considerata un’erba di ispirazione, quindi è stata a lungo ritenuta una potente alleata di poeti e scrittori. Più di recente, gli indiani Pawnee l’hanno utilizzata per migliorare i loro sogni

Linguaggio dei Fiori

Con questo fiore si esprime SOLIDARIETA’.

Articoli correlati che possono interessarti

L'hai trovato interessante? Votalo, e dicci come migliorarlo nei commenti
[Voti Totali: 136 Media: 4.4]
oppure sentiti libero di Condividerlo
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Pin on Pinterest
Pinterest
0Email this to someone
email

Vuoi fare una domanda? Vuoi dire la tua?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.