Rododendro (Rhododendron)

rododendri

rododendri

 

Classificazione botanica

Le piante note comunemente come azalee in realtà fanno parte del genere Rhododendron e appartengono alla famiglia delle Ericaceae. La classificazione botanica di questa specie è particolarmente complessa, lo dimostra il fatto che annualmente vengono pubblicate revisioni e aggiornamenti dalla  Royal Horticoltural Society di Londra.

Caratteristiche generali

Differenze tra Azalea e Rhododendron: facciamo chiarezza

Il merito dell’istituzione del genere Rhododendron, avvenuto nel  1580, va al botanico Andrea Cesalpino. Linneo nel 1780 istituì il genere Azalea per poi rendersi conto, solo pochi anni dopo, che tra il genere Rhododendron ed il genere Azalea le differenze sostanziali sono praticamente inesistenti e dunque decise che il genere Azalea potesse rientrare a pieno titolo nel genere Rhododendron.

Di solito le due specie si distinguono perchè i rododendri, tranne un paio di esemplari,  hanno un’altezza che arriva anche a 4 metri mentre le azalee sono piccole, perfette per essere coltivate in vaso e generalmente, a differenza dei rododendri, perdono le foglie durante l’ inverno.

Si tratta di  piante che vegetano spontaneamente vicino ai  corsi d’acqua all’ombra nelle da zone boscose e umide di alta montagna. Sono provenienti provengono dall’ Asia (Vietnam, Nepal, Cina, Corea del Nord Giappone), dalla Florida e dal Nord Europa. La loro introduzione nel nostro Paese risale al 1800 per opera dei lanieri inglesi nel Biellese dove trovarono le condizioni ottimali per crescere.

rhododendron

rhododendron

Principali specie di Rododendri

Il genere comprende circa 500 specie di arbusti e alberi, a foglie persistenti o decidue, rustici o delicati, comprendenti sia i rododendri propriamente detti (da alcuni autori considerati il sottogenere Eurhododendron) sia le azalee (indicate anche come sottogenere Azalea),

Tra le maggiori specie di Rhododendron  a foglia caduca troviamo :

  • Rhododendron luteum, ha origine europea, ed ha i  fiori gialli;
  • Rhododendron japonicum, proviene dal  Giappone ed ha i fiori gialli;
  • Rhododendron molle, ha origini cinesi e produce fiori gialli.
  • Rhododendron canescens produce fiori rosa e bianchi;
  • Rhododendron alabamense con fiori gialli,
  • Rhododendron austrinum
  • Rhododendron bakeri produce fiori gialli.

Tra le maggiori specie di Rhododendron  a foglia persistente ci sono:

  • Rhododendron indicum, proviene dal Giappone, è caratterizzato da due tipologie di foglie che cambiano a seconda delle stagioni,
  • Rhododendron simsii proviene dalla Cina e produce fiori rosa
  • Rhododendron korume, proviene dal Giappone

E poi ancora: Rhododendron saluenense, Rhododendron sargentianum, Rhododendron scintillans, Rhododendron thomsonii, Rhododendron trichostomum, Rhododendron wardii, Rhododendron williamsianum, Rhododendron yakushimanum, Rhododendron yunnanense, Rhododendron albrechtii, Rhododendron arborescens,Rhododendron atlanticum, Rhododendron calendulaceum, Rhododendron indicum, Rhododendron kampferi, Rhododendron kiusianum, Rhododendron luteum, Rhododendron occidentale, Rhododendron quinquefolium, Rhododendron reticulatum, Rhododendron schlippenbachii, Rhododendron simsii o Azalea indica, Rhododendron vasey, Rhododendron viscosum, Rhododendron aberconwayi, Rhododendron augustinii, Rhododendron auriculatum, Rhododendron bullatum, Rhododendron burlaviRhododendron callimorphum,Rhododendron calophytum,,Rhododendron caloxanthum, Rhododendron campylocarpum, Rhododendron campylogynum, Rhododendron catawbiense, Rhododendron ciliatum, Rhododendron cinnabarinum, Rhododendron concatenano,Rhododendron concinnum, Rhododendron crassum, Rhododendron decorum, Rhododendron fargesii, Rhododendron fastigiatum, Rhododendron ferrugineum, Rhododendron forrestii, Rhododendron fortunei, Rhododendron glaucophyllum, Rhododendron griersonianum, Rhododendron hanceanum, Rhododendron hippohaeoides, Rhododendron hirsutum, Rhododendron impeditum, Rhododendron imperator, Rhododendron lutescens, Rhododendron orbicolare, Rhododendron oreotrephes, Rhododendron pemakoense, Rhododendron racemosum, Rhododendron radicans, Rhododendron rubiginosum, Rhododendron russatum.

rododendro

Gli ibridi

C’è poi un ampio numero di ibridi a foglie di forma oblungo-ellittica persistenti (di colore verde scuro) o decidue (di colore verde chiaro) che sono suddivisi in 11 gruppi:

  • I gruppo: include rododendri a foglie persistenti, che variano per dimensioni e colore dei fiori (di solito grandi da 3 a 8 cm.). derivano in modo particolare dalle specie asiatiche, se ne trovano di totalmente rustici e di semirustici, sensibili alle gelate tardive.
  • II gruppo: include  rododendri sempreverdi e rustici che derivano dalle specie asiatiche, americane e europee. Si sviluppano fino a 3-5 m. di altezza e, tra la fine di maggio e la fine di giugno, producono fiori tubulosi, larghi 5-8 cm., di tutti i colori.
  • III gruppo: è composto  da rododendri meno rustici, adatti alla coltivazione all’aperto solo in zone a clima mite, mentre in quelle a clima rigido si ricorre alla serra fredda per tutto l’anno o almeno da ottobre a primavera. Raggiungono l’altezza di 1,2-1,8 m. e presentano fiori campanulati, larghi 5-8 cm., in varie tonalità di colore e tutti profumati, che compaiono tra aprile e maggio (anticipata di un mese nelle coltivazioni in serra).
  • IV gruppo o Azaleodendron: include ibridi ottenuti dall’incrocio tra azalee e rododendri. Sono piante rustiche a foglie semipersistenti o decidue. Tra questi merita di essere nominato “Glory of Littleworth” ibrido arbustivo che si sviluppa fino a 1,2 m. di altezza e 1,8 m. di larghezza e, in maggio, produce fiori larghi 5-8 cm., imbutiformi, di colore giallo-crema con una macchia arancione.
  • V gruppo o Azalee Ghent: è composto da ibridi, provenienti dall’America nord-orientale, ottenuti da R. luteum, tutti rustici, a foglie decidue. Si sviluppano fino a 1,5-2 m. di altezza e, in maggio-giugno, producono fiori tubulosi, allungati, di varie tonalità di colore, spesso profumati.
  •  VI gruppo o Azalee Mollis: include arbusti a foglie decidue ottenuti dall’incrocio tra R. molle e R. japonicum. Di solito, si sviluppano fino a 1,5 m. o più di altezza e presentano foglie lanceolate, lineari, tomentose e ruvide, che in autunno assumono tonalità variabili dall’arancione al rosso scarlatto. All’inizio di maggio producono fiori imbutiformi, larghi 5-6 cm., di varie tonalità di colore.
  • VII gruppo: include ibridi ottenuti incrociando gli esemplari del gruppo “Ghent” con R. japonicum. Rustici e a foglie decidue, questi arbusti crescono fino a 2 m. di altezza. In maggio-giugno producono fiori larghi 6 cm., di vari colori e profumati.
  •  VIII gruppo o Occidentali: è composto da ibridi ottenuti incrociando gli esemplari del gruppo di Azalee Mollis con R. occidentalis. Queste azalee, che si sviluppano fino a 2-2,5 m. di altezza e 2,5-3 m. di larghezza, hanno foglie decidue e fiori imbutiformi, delicatamente colorati e profumati, larghi 5-8 cm. La fioritura avviene tra maggio e giugno.
  •  IX gruppo o Exbury o Knap Hill: include azalee, ottenute dall’incrocio tra R. luteum, R. japonicum, R. molle e R. occidentalis, che raggiungono l’altezza di 1-2 m. Presentano tutti foglie decidue che allo stadio giovanile presentano delle belle sfumature bronzee e in autunno assumono varie colorazioni. Più tardivi degli ibridi Mollis, hanno fiori imbutiformi di dimensioni più grandi.
  •  X gruppo o Kurume: includono azalee sempreverdi provenienti dal Giappone che sono frutto dell’incrocio tra R. kiusianum e R.kaempferi.
  •  XI gruppo: include ibridi sempreverdi, provenienti da Europa e America, delicati che hanno bisogno di esposizioni riparate dai venti freddi e dal sole mattutino. Si sviluppano fino a 1-1,2 m. di altezza e, nel mese di maggio, producono fiori imbutiformi, larghi 5-8 cm., di varie tonalità di colore.

Consigli su come coltivare i Rododendri

Durante la bella stagione questa pianta può restare all’aperto purchè collocata all’ombra e all’umido, durante i mesi freddi (che corrispondono al periodo di intensa fioritura)  si può tenere in casa ma non alla luce diretta del sole e non accanto  a fonti di calore.

il Rhododendron  necessita di una temperatura compresa tra gli  8°C ei 16°C, la zona dove sono collocate (se in casa) deve avere un buon ricambio d’aria.

Annaffiature

il substrato del Rhododendron va mantenuto costantemente umidoe anche la  la chioma va nebulizzata frequentemente. L’acqua deve essere senza calcare perché altrimenti le foglie ingialliscono e cadono

Terriccio

Il substrato ideale è soffice, acido, privo di calcare.

TERRICCIO DI QUALITA' PER AZALEE RODODENDRI E PIANTE ACIDE IN
EUR 5,50 EUR 5,50
Generalmente spedito in 1-2 giorni lavorativi
Dettagli >>
TERRICCIO DI QUALITA' PER AZALEE RODODENDRI E PIANTE ACIDE IN
EUR 11,85 EUR 23,50
Generalmente spedito in 1-2 giorni lavorativi
Dettagli >>

Rinvaso

Il rinvaso va effettuato nel momento in cui  le radici non hanno più spazio a disposizione.

Concimazione

Ogni 15 giorni,  durante il periodo che va da aprile a settembre,  si può concimare con concime liquido assieme  all’ acqua dell’annaffiatura

Compo 1270712005 Concime per Rododendri con Guano, 3 kg, Marrone
EUR 11,81 EUR 13,87
Generalmente spedito in 1-2 giorni lavorativi
Dettagli >>
Compo 1086302005 Concime per Azalee, Rododendri e Camelie, 1
EUR 6,26 EUR 7,97
Generalmente spedito in 1-2 giorni lavorativi
Dettagli >>

Fioritura

La fioritura del  Rhododendron da molta soddisfazione ha fiori molto colorati che rallegrando l’inverno.

Potatura

La potatura del rododendro si esegue a metà primavera con una leggera accorciatura dei rami. la pianta va poi sempre mantenuta simmetrica

rododendro

rododendrom

 

Moltiplicazione

La moltiplicazione per talea, quella consigliata, si fa tra luglio a settembre prelevando  dei germogli, lunghi circa 10 cm, erbacei o semi-legnosi di azalee, e mettendoli  a radicare in una cassetta con torba e perlite.

Le talee si tagliano sotto il nodo in senso obliquo poi vanno sistemate in una composta di torba e perlite ad una profondità di 1,5-2 cm.

Il vaso va poi ricoperto con un foglio di plastica trasparente e messo in una zona con penombra e ad una temperatura intorno ai 20°C. il terriccio va sempre leggermente umido.

Ci vuole un mese perché le talee sviluppino l’ apparato radicale, poi vanno invasate in vasi con diametro di 8 cm ca con substrato di torba, aghi di pino e terra di brughiera

20 giorni spunterà il bocciolo fiorale che va asportato, va contestualmente fatta una cimatura

Dopo due mesi si rinvasa in vasi più grandi, di circa 15 cm di diametro con substrato soffice e poroso.

Parassiti e malattie

Le malattie ed i problemi  più comuni del rododendro sono  legati alla  carenza d’ acqua, alla temperatura troppo alta, all’attacco del  ragnetto rosso.

Curiosità

Molti rododendri contengono glucosidi che vantano proprietà antisettiche e antireumatiche e sostanze che sono impiegate come stabilizzanti nella stampa fotografica a colori.

Linguaggio dei fiori

L’azalea nel linguaggio dei fiori e della piante simboleggia la  “felicità misteriosa”. Ma è il colore a fare la differenza: il  colore rosso indica la  vendetta. Il colore giallo indica falsità

Articoli correlati che possono interessarti

Cosa ne pensano i nostri lettori:
Ti è piaciuto l'articolo? Dagli un voto:
[Voti Totali: 7 Media: 4.4]
E ora Condividilo sui tuoi social preferiti:Share on Facebook5Share on Google+1Pin on Pinterest13Tweet about this on Twitter2Email this to someone
Vuoi ricevere tutti gli articoli come questo?
Iscriviti ora. E' gratis.

Non facciamo spam!
TI invieremo anche qualche offerta speciale

Riceverai al massimo due mail al mese
Autorizzo al trattamento dei dati personali D.L. 196/03

2 pensieri su “Rododendro (Rhododendron)

Rispondi