Agave

Agavi

Le Agavi, originarie delle zone calde e desertiche del continente americano, sono piante perenni, con fusto breve e rosetta di foglie grosse e carnose, spesso con spina legnosa all’ apice.

Le infiorescenze si formano su un ramo fiorifero al centro della rosetta di foglie che può arrivare a 10 m di altezza. Il genere comprende circa 300 specie.

 

Classificazione Botanica dell’Agave

L’Agave è un genere di pianta succulenta (ovvero dotate di peculiari tessuti, i parenchimi acquiferi, che immagazzinano grandi quantità di acqua) monocotiledone (piante erbacee originarie delle Americhe caratterizzate dal fatto che il loro fiore è trimero, ovvero le parti fiorali sono in numero di tre o di multipli di tre).

Regno: Plantae
Classe: Monocots
Ordine: Asparagales
Famiglia: Asparagaceae
SottoFamiglia: Agavoideae
Genere: Agave

 

Caratteristiche dell’Agave

Il nome Agave fu coniato da Linneo nel Settecento e deriva dal greco ἀγαυός, che significa illustre, nobile. Le Agave sono piante perenni a portamento cespuglioso a forma globosa, le foglie sono disposte a rosetta, sono lanceolate e più o meno carnose, terminano con un importante aculeo e quasi sempre sono spinose sui margini.

Dal centro della rosetta di foglie, su un ramo fiorifero legnoso, nascono i fiori, che si dispongono in infiorescenze a forma di pannocchia.

Il frutto è una capsula trivalve e le radici hanno una conformazione fascicolata, sono filamentose e hanno uno spessore massimo circa 2,5 mm.

L’Agave fiorisce una sola volta nella vita, quando raggiunge la maturità, ovvero all’età di 10-50 anni. Dopodiché, generalmente. muore. La fioritura avviene tra la tarda primavera e l’inizio dell’estate.

Le principali specie dell’Agave

L’Agave conta più di 300 specie e molte di queste sono anche prestigioso ornamento decorativo. Queste le principali specie dell’Agave:

#1.  L’Agave Americana

L’Agave Americana è la varietà più nota e diffusa al mondo e si caratterizza per le sue affascinanti foglie verdi-grigio, spinose lungo i margini e terminanti con un grosso aculeo. L’Agave Americana è una pianta che cresce molto velocemente e che riesce a raggiungere la maturità in pochi anni ed è capace di crescere anche in vaso.

Esistono numerose varietà di Agave Americana. Tra queste:

  • l’Agave Americana Striata, che si caratterizza per le foglie verdi che nella parte centrale della foglia sono striate di giallo e di bianco;
  • l’Agave Americana Marginata, le cui foglie di colore verde intenso sono striate di giallo sui margini;
  • l’Agave Americana Medio-Picta, le cui foglie presentano un colore grigio-verde e una striatura centrale bianco-argentata.

 

agave americana marginata

 

#2. L’Agave Victoriae Reginae

L’Agave Victoriae Reginae, originaria delle zone desertiche del Messico e tipica dei terreni calcarei, è una delle varietà di Agave più amate e ricercate perché è piccola e resta compatta. Presenta foglie lunghe e sottili con striature bianche irregolari e si caratterizza per un’infiorescenza vistosa, che si erge da uno stelo lungo dai 2 metri ai 4 metri.

 

#3. L’Agave Stricta

L’Agave Stricta si caratterizza per le sue foglie verdi, sottili e rigide, lunghe fino a 40 cm e che terminano con una spina. L’infiorescenza si sviluppa a partire da un lungo stelo fiorale, alto fino a due metri. L’Agave Stricta può essere coltivata in giardino, in terrazzo, in prato, in campagna, in vaso o in contenitore.

 

#4. L’Agave Sisalana

L’Agave Sisalana è una pianta succulenta originaria della penisola dello Yucatan, in Messico. Si caratterizza per la quasi totale assenza dello stelo, le foglie robuste e rigide e l’aspetto simile a quello di un rosone composto da spine. A rendere amata l’Agave Sisalana è il fatto che è la pianta grassa a più rapida crescita: occorre poco tempo affinché, a partire dal seme, possa ottenersi la pianta adulta.

L’Agave Sisalana, inoltre, è una pianta che non ha bisogno di molte cure: necessita, infatti, di poca acqua e di poco fertilizzante e richiede l’annaffiatura solo nel periodo estivo e con la cadenza di una volta a settimana.

 

#5. L’Agave Tequilana o Agave Blu

L’Agave Tequilana o Agave Blu è originaria degli altopiani del Messico ed è molto diffusa nei climi tropicali.  Ha foglie carnose, verdastre e acquose, la cui struttura interna è gelatinosa; agli apici e ai lati le foglie presentano degli aculei.
L’Agave Tequilana è la base di produzione della tequila messicana e del succo d’agave, il dolcificante sostituto del saccarosio.

 

agave tequilana o agave blu

 

#6. L’Agave Filifera

L’Agave Filifera è una specie delle Asparagaceae la cui altezza non supera i 50 centimetri e solitamente si ferma a 40 centimetri e presenta un tipo di fogliame persistente. Occorrono dai 10 ai 20 anni affinché la pianta raggiunga il suo massimo sviluppo e la coltivazione può essere fatta in giardino, in terrazzo o cortile, in vaso o in contenitore.

 

#7. Agave Salmiana o Agave Ferox

Originaria dell’America centrale-meridionale, l’Agave Salmiana o Agave Ferox è una pianta succulenta sempreverde, dalle lunghe e numerose radici e dal fusto breve. Le foglie di colore verde scuro, solitamente dotate di spina apicale, hanno un diametro di circa 2 metri, sono disposte a rosetta, sono carnose e sono ascendenti, con la parte terminale curvata verso il basso. L’Agave Salmiana o Agave Ferox, durante il proprio ciclo vitale, produce un’unica grande infiorescenza di colore giallo chiaro e che può crescere in altezza fino a 5/6 metri.

La pianta predilige le zone soleggiate e i terreni soffici, ma può essere coltivata anche in zone fredde, poiché riesce a resistere fino a temperature minime di -10/-12°C.

 Agave Salmiana-Agave Ferox

#8. Agave Potatorum

L’Agave Potatorum fiorisce un po’ prima rispetto alle altre piante della specie, ovvero tra settembre e dicembre, ha piccole dimensioni e cresce solitaria, agglomerandosi lentamente nella forma di una rosetta succulenta simmetrica e compatta.

L’Agave Potatorum è una specie polimorfa, si caratterizza per la vasta gamma di variabilità, anche nelle dimensioni, che possono essere tra 10 e 90 centimetri di diametro.

Le rosette che l’Agave Potatorum forma sono carnose e rigide, ispessite e strette verso la base, anche queste variabili per forma, dimensione e colore.

#9. Agave Messicana o Agave Attenuata

Originaria del Sud America, e più precisamente delle aree deserte del Messico, l’Agave Messicana (per l’appunto) o Agave Attenuata è un tipo di pianta nota per la sua rarità. Trova difficoltà a crescere in natura e perciò, al fine di evitarne l’estinzione, viene fatta crescere in modo artificiale.

Il nome scientifico dell’Agave Messicana o Agave Attenuata è Agauos, che deriva dal greco antico e significa letteralmente splendido.

Pianta succulenta e di consistenza carnosa, questa pianta signorile è turgida e acquosa, adora il caldo tipico della sua zona d’origine ed è refrattaria alle temperature rigide.

L’Agave Messicana o Agave Attenuata si distingue dalla maggior parte delle altre piante cactacee per l’assenza di spine sulle foglie carnose, ragion per cui è considerata tra le più eleganti della sua specie.

Altra peculiarità di questa pianta è che, in fase adulta, genera il caule, un fusto molto robusto e forte che le permette di ergersi fino a un metro, un metro e mezzo di altezza. In questa stessa fase le foglie possono raggiungere ben settanta centimetri di lunghezza.

 

agave messicana o agave attenuata

 

#10. Agave Geminiflora o Agave Bonapartea

L’Agave Geminiflora, dal nome botanico Agave Geminiflora, è nota anche come Agave Bonapartea ed è una pianta sempreverde succulenta proveniente dal centro-nord dell’America ed è molto diffusa anche nel bacino del Mediterraneo. E’ una pianta che, se in condizioni di crescita favorevoli, vive per molti anni.

Le foglie dell’Agave Geminiflora o Agave Bonapartea sono di colore verde scuro, rigide e dal margine liscio, sono sottili, lunghe fino a 20 centimetri e presentano una cima appuntita. I fiori sono lunghi circa 3 centimetri e si caratterizzano per un colore iniziale verde, che poi diviene rossastro.

L’Agave Geminiflora o Agave Bonapartea è ben nota per le sue proprietà benefiche: è un ottimo digestivo, un buon tonificante, ha effetti diuretici ed è rinomata anche per la produzione dello sciroppo d’Agave, il più salutare sostituto dello zucchero bianco.

 

Lo sciroppo d’Agave

Lo sciroppo d’agave o succo d’agave si ricava dall’amido della radice contenuta nel bulbo dell’Agave Tequiliana o Agave Blu, contiene il 90% di fruttosio, dolcifica ma senza alterare il sapore degli alimenti e si caratterizza per il basso indice glicemico. E’ per questa ragione che lo sciroppo d’agave è utilizzato come dolcificante naturale anche da chi soffre di diabete, che in ogni caso deve assumerne dosi moderate.

 

Le proprietà dello sciroppo d’agave

Composto in buona parte da fruttosio, lo sciroppo d’agave si caratterizza per il suo indice glicemico comunque più basso rispetto allo zucchero semplice e anche al miele. Ricco di calcio, magnesio, potassio e ferro, il succo d’agave ha un’importante funzione mineralizzante; contiene carboidrati e conta circa 60 calorie ogni 100 grammi. Il carboidrato principale contenuto nello sciroppo d’agave è l’inulina, ottimo per abbassare il colesterolo.

Il succo d’agave è ben noto anche per altre preziose proprietà:

  • è un ottimo antitumorale,
  • è ottimo nelle diete sia perché  in grado di dolcificare il 25% in più dello zucchero bianco, sia perché favorisce il senso di sazietà;
  • è un ottimo alleato del sistema immunitario;
  • aiuta a combattere l’osteoporosi, grazia alla elevata quantità di calcio contenuta;
  • protegge l’intestino: l’inulina e le fibre contenute nello sciroppo d’agave favoriscono la flora batterica;
  • stimola la digestione. fanno bene all’intestino e lo proteggono facilitando la digestione e aumentando la flora batterica.

 

Sciroppo d’agave: le controindicazioni

Molto importante è distinguere lo sciroppo d’agave prodotto tradizionalmente da quello prodotto con metodi industriali e commerciali. In questo caso, infatti, l’estratto di succo dalla pianta è sottoposto a trattamenti chimici ad alte temperature, che modificano gli zuccheri e dissolvono i minerali e le vitamine che l’agave naturalmente contiene. Inoltre, potrebbe contenere pericolosi livelli di fruttosio e favorire l’insorgere del colesterolo, per questo andrebbe assunto moderatamente.

 

Il fiore dell’Agave

Il fiore dell’Agave è un concentrato di forza, fascino e mistero, coniuga la vita e la morte. Occorrono almeno 15-20 anni di crescita (è l’età minima) alla pianta dell’Agave per raccogliere tutte le forze, le energie e i nutrienti necessari per fiorire.

Questo perché il fiore dell’agave non è un comune fiorellino di pianta, ma è un fiore alto più di 5 metri, tanto da sembrare un albero. Ecco la ragione per cui l’Agave impiega molti anni prima di fiorire.

Nel momento in cui nasce il fiore dell’Agave ricorda un gigante asparago che raggiunge 5 metri di altezza in appena un mese, crescendo in modo impressionante, ovvero ben 15-20 cm al giorno.

Quando la crescita verticale è quasi al termine cominciano a formarsi i rami di questo albero-fiore,  all’estremità dei quali crescono delle sorta di spazzole giganti di colore verde. Da queste sbocciano tantissimi fiori gialli, che si caratterizzano per l’intenso profumo che ricorda il melone maturo.

Ed è proprio la fioritura a sancire la morte della pianta dell’Agave, depauperata da questo estremo e potente sforzo naturale di dare alla luce un fiore così imponente.

 

fiore agave

 

Come coltivare l’Agave

L’Agave è una pianta che non necessita di molte cure e dedizioni, ma richiede alcune accortezze fondamentali per il suo sviluppo. Nelle zone fredde, infatti, è opportuno coltivare l’agave in vaso oppure, se è piantata nel giardino è molto importante coprirla con dell’apposito tessuto-non-tessuto in modo da proteggerla da clima rigido, dalle basse temperature e dall’umidità invernale.

L’ Agave fiorisce una sola volta nella sua vita e poi muore e questo avviene quando la pianta ha raggiunto la piena maturità. La fioritura avviene in tarda primavera, inizio estate. Il momento ideale, invece, per trapiantare l’agave in giardino è nei mesi di maggio e giugno.

 

Agave: consigli per la cura e la manutenzione

Come curare l’agave? Ecco i nostri consigli:

  • l’Agave richiede un luogo soleggiato, molto luminoso, al riparo da venti freddi;
  • l’Agave è molto resistenti alla siccità, per questo può accontentarsi dell’acqua proveniente dalle piogge. Se però le piogge scarseggiano e, in ogni caso, nella stagione estiva l’Agave richiede discrete annaffiatura, quanto basta per mantenere il terriccio appena appena umido;
  • ricorda che l’Agave teme i ristagni d’ acqua;
  • in Italia le piante appartenenti a questo genere vivono all’ aperto nelle zone centrali e meridionali a clima temperato. Al nord devono essere riparate in serra durante l’ inverno (temperatura non inferiore ai 5° C);
  • nel periodo vegetativo puoi fornire del concime per piante succulente ogni 20-30 giorni;
  • le piante di grandi dimensioni si rinvasano ogni anno all’ inizio della primavera mentre quelle di piccole dimensioni ogni 2-3 anni. Il nostro consiglio è di usare vasi in terracotta per favorire la respirazione della terra. La moltiplicazione avviene tramite semi che si interrano in primavera, in semenzai che vanno mantenuti umidi e in luogo soleggiato. Solitamente l’Agave si propaga asportando i germogli basali, che radicano con molta facilità.

Curiosità sull’Agave

Pianta originaria delle zone desertiche dell’ America, l’Agave ha molteplici usi: si utilizzano le sue foglie, ricche di fibre longitudinali che rappresentano il suo sistema vascolare, per produrre canapa, corde, reti, ecc.

Con l’Agave, inoltre, sono prodotte diverse bevande: il Pulque, il Mezcal e la Tequila.

In cucina la pianta è commestibile e viene utilizzata cotta oppure cruda nella medicina popolare.

Dove comprare le piante di Agave

molto facile da trasportare, può essere agevolemente acquistata via Internet

Cosa ne pensano i nostri lettori:
Ti è piaciuto l'articolo? Dagli un voto:
[Voti Totali: 11 Media: 3.9]

Articoli correlati che possono interessarti

Ti è piaciuto? Allora Condividilo:
Share on Facebook7Share on Google+0Tweet about this on TwitterPin on Pinterest0Email this to someone
Vuoi ricevere tutti gli articoli come questo?
Iscriviti ora. E' gratis.

Non facciamo spam!
TI invieremo anche qualche offerta speciale

Riceverai al massimo due mail al mese
Autorizzo al trattamento dei dati personali D.L. 196/03

Vuoi fare una domanda? Vuoi dire la tua?