Lonicera (Caprifoglio)

lonicera japonica

 

E’ una pianta nota con il nome di Caprifoglio (anche se per la massima precisione, si dovrebbe chiamare così la sola specie Lonicera caprifolium), si tratta di un genere stimato soprattutto per gli esemplari rampicanti, un genere che annovera anche specie arbustive, spoglianti o sempreverdi.

Queste piante  si usano massicciamente nel giardinaggio, varie specie sono molto presenti  nei vari giardini d’Europa e degli altri paesi.

Sono considerati arbusti rustici o semi-rustici, a seconda del clima locale e della specie, e sono apprezzati per il profumo, i fiori e il portamento.

Le specie rampicanti sono utilizzate soprattutto per ricoprire muri o pergolati o creare galleria nel giardino. Quelle arbustive si prestano ottimamente per la formazione di macchie arbustive, per formare siepi o dividere zone diverse dei giardini.

Classificazione botanica

Lonicera è un genere di piante Spermatofite Dicotiledoni che appartengono alla famiglia delle Caprifoliaceae. La lonicera è originaria dell’America ed Estremo Oriente.

Ma una decina di specie è spontanea della flora italiana.

Lonicera (Caprifoglio)

Lonicera (Caprifoglio)

Caratteristiche generali

E’ doveroso precisare che con il termine caprifoglio si indica genericamente ogni specie appartenente al genere Lonicera, ma sarebbe corretto  limitarne l’impiego solo per indicare la specie Lonicera caprifolium L., e chiamare tutte le altre specie indistintamente lonìcere;

Questo gruppo di piante include diverse tipologie: piante rampicanti, lianose, arbustive e a portamento cespuglioso.

Molte di esse sono rustiche altre invece non sopportano i freddi invernali e necessitano di una coltivazione protetta in serra o in appartamento, in natura crescono da zone collinari fino a quote di 3000-3500 metri.

Le foglie dei caprifogli, ovali o oblunghe, differenziate a seconda della specie, sono opposte. I fiori hanno diverso colore e profumo; possono essere bianchi, gialli, rossi, profumati o, addirittura, senza profumo, come nel caso della Lonicera nitida.

La lunghezza dei fusti varia dai 30cm fino ai 6-7metri, sono molto numerosi e ramificati.

Il colore dei fiori varia a seconda della specie:   dal bianco al giallo, dal rosa al rosso. I fiori  raggruppati in infiorescenze e sono profumatissimi.

I frutti sono delle piccole bacche rosse, nere o blu scuro e contengono i semi, sono considerate tossiche, tranne che  le bacche della specie L. angustifolia, che sono commestibili e consumate in Asia.

Lonicera (Caprifoglio)

Lonicera (Caprifoglio)

Principali specie

Il genere Lonicera include circa 200 specie che provengono dall’Asia, dall’America settentrionale e dall’Europa, tra queste circa una decina appartengono alla flora spontanea italiana, mentre in Cina abbiamo la maggioranza di specie presenti (circa 100).  C’è poi un numero indefinito di varietà, forme, ibridi e cultivar vari.

Le piante di questo genere sono comunemente note come caprifogli. Vi appartengono, tra gli altri il caprifoglio alpino (Lonicera alpigena), il caprifoglio comune (Lonicera caprifolium), il caprifoglio mediterraneo (Lonicera implexa) e il caprifoglio peloso (Lonicera xylosteum).

Tra le specie che crescono spontanee nel nostro territorio citiamo:

Lonicera alpigena

Noto come  caprifoglio alpino. Ha un portamento cespuglioso, la sua altezza può raggiungere i  2,5-3 metri, produce  fiori di colore rosso pallido e delle bacche di piccole dimensioni di colore rosso acceso.

Lonicera caerulea

Si tratta di una varietà poco diffusa caratterizzata da un portamento cespuglioso. I frutti sono  blu scuro e hanno la forma allungata.

Lonicera periclymenum

Ha un  portamento rampicante, la sua altezza arriva a circa 6 metri. I suoi fiori sono gialli e hanno sfumature  rosse come le bacche che seguono la fioritura.

Lonicera stabiana

Si tratta di  una pianta rampicante con portamento arbustivo che produce fiori bianchi o giallo chiaro. I frutti sono  piccole bacche gialle.

Lonicera caprifolium

Nota come caprifoglio comune, ha un portamento lianoso, la sua altezza raggiunge i  5-6 metri, produce dei fiori rossi con sfumature rosa e bianco crema e piccole bacche arancio chiaro..

Lonicera xylosteum

Noto come caprifoglio peloso o Ciliegia della volpe si tratta di un piccolo cespuglio la cui altezza raggiunge al massimo un  metro e mezzo. Ha tante foglie fitte fitte, e produce fiori bianchi e fiori rossi.

Lonicera japonica

Si tratta di  una specie originaria dell’estremo oriente con portamento rampicante la cui altezza i  10 metri. Produce fiori gialli.

Lonicera implexa

Nota come caprifoglio mediterraneo, raggiunge i due metri di altezza.  Produce  fiori di colore bianco-rosato.

Lonicera periclymenum

Si tratta di  una pianta a portamento lianoso che produce fiori viola e frutti  rosso acceso.

Lonicera nigra

Nota come caprifoglio nero, è una pianta con portamento cespuglioso la cui altezza raggiunge  1,5 metri, con  foglie a forma ellittica con margine appuntito, produce  fiori sono bianchi e come  frutti due bacche nero unite alla base.

Lonicera fragrantissima

E’ originaria dell’Asia, la sua altezza arriva a 2-3 metri. Produce fiori  bianchi profumatissimi

Lonicera hildebrandiana

Si tratta di  una specie rampicante che durante l’estate produce fiori di colore arancione.

Lonicera x tellmanniana

Si tratta di un ibrido, risultato tra  le specie Lonicera tragophylla e Lonicera sempervirens. Ha un portamento rampicante e raggiunge l’estensione massima di 6 metri. Produce fiori gialli  o rossi.

Lonicera tatarica

Ha un portamento arbustivo e  raggiunge altezze massima di circa 3 metri. Produce  fiori rosa e bacche rosse.

Lonicera (Caprifoglio)

Lonicera (Caprifoglio)

Consigli per la coltivazione della Lonicera

Terreno

Il terreno ideale per la coltivazione del caprifoglio è di medio impasto, lavorato in profondità e ben drenato composto da torba e sabbia in parti uguali, una parte di terriccio organico e una parte di lapillo lavico. E’ bene  evitare terricci troppo compatti e troppo poveri di sostanza organica.

Esposizione e temperatura

La mezza ombra rappresenta l’esposizione ideale per la maggior parte di queste piante. Ci sono però specie che tollerano anche il pieno sole.

Molte delle specie più coltivate mostrano una buona resistenza al freddo e non richiedono protezioni invernali. Altre, invece, devono essere coltivate in zone a clima mite, se non, addirittura in serra.

La  temperatura  quindi varia a seconda delle varietà: alcune tollerano anche temperature invernali rigide, alte invece, necessitano un minimo di   5-7 gradi.

Fioritura

Alcune specie fioriscono subito in Primavera (L. fragrantissima); ma la maggior parte delle specie di questo genere fiorisce nella stagione più calda (estate o anche fine dell’estate).

La fioritura  dura per tutta l’estate.

Annaffiature

Va annaffiata spesso durante i periodi di caldo intenso, altrimenti va fatta  quando la superficie del terreno è  asciutta.

Concimazione

Le concimazioni vanno effettuate durate l’estate, anche se non fondamentali sono importanti se la pianta stenta a crescere. Si può aggiungere all’acqua delle annaffiature del fertilizzante liquido.

Potatura

Le potature per le piante a portamento rampicante sono utili per contenere le dimensioni, è bene effettuarle  ogni 2 o tre anni oppure a seconda delle necessità. A fine inverno si effettua una lieve potatura dei rami laterali che hanno un anno di vita, così da stimolare la pianta  a produrre nuova vegetazione. Per stimolare la fioritura si possono potare le ramificazioni che hanno portato i fiori a fine autunno dopo la fioritura, si

Per le potature alle piante a portamento arbustivo, da farsi ogni anno a fine inverno, si accorciano i  rami giovani a metà della loro lunghezza.

Lonicera (Caprifoglio)

Lonicera (Caprifoglio)

Moltiplicazione

Il caprifoglio si può moltiplicare per seme, per propaggine e per talea.

La propaggine si effettua a fine estate, interrando porzioni di ramo a intervalli regolari che, la stagione successiva, potranno essere divise e piantate singolarmente.

Per la moltiplicazione per talea si prelevano le talee legnose durante l’autunno  altrimenti si  prelevano semi-legnose in estate.

Parassiti e malattie

Se non si seguono le indicazioni per la coltivazione, il caprifoglio potrebbe risentirne, ecco alcuni sintomi:

Se le foglie ingialliscono o scuriscono significa che le innaffiature sono scarse o troppe, e si dovrebbe procedere anche alle concimazioni.

Le piante di caprifoglio possono essere soggette ad attacchi da parte di malattie crittogamiche come:

Oidio, Marciume radicale, Cercosporiosi (detta piombatura o mal del piombo)

Le giovani piante di caprifoglio possono essere attaccate da afidi e cocciniglie

Consigli

Gradisce terreni ricchi di sostanza organica, fertili, profondi, privi di ristagni d’ acqua. Pianta che non richiede particolari interventi. La moltiplicazione avviene per seme distribuito agli inizi dell’ autunno per le specie rampicanti, altrimenti per talea e per propaggine multipla.

Curiosità

Pianta originaria della Cina, Giappone, Europa meridionale. Le specie arbustive si utilizzano per bordure e divisori, mentre quelle rampicanti ben si adattano a ricoprire pergole, muri ecc.

Lonicera (Caprifoglio)

Lonicera (Caprifoglio)

Utilizzi del Caprifoglio

In alcune aree dell’Himalaya le bacche zuccherine della L. angustifolia vengono impiegate in cucina, in Siberia sono usate quelle della del L. coerulea (grande arbusto a grossi frutti). Altre specie commestibili sono la  L. involucrata e L. ciliata

Alcuni fiori delle Lonicere producono un nettare commestibile dolce che è impiegato  come sciroppo o sorbetto o in altri dolci.

In giardinaggio queste piante vengono coltivate per la profumazione, per il  portamento, le specie rampicanti sono usate per ricoprire muri o pergolati o creare galleria nel giardino, le specie arbustive sono ideali  per formare siepi o dividere zone diverse dei giardini.

Dove acquistare piante e semi di Lonicera

Trovi diverse offerte su eBay

L'hai trovato interessante? Allora votalo!
[Voti Totali: 7 Media: 4.6]
Ti è piaciuto? Allora Condividilo:
Share on Facebook
Facebook
0Share on Google+
Google+
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Pin on Pinterest
Pinterest
0Email this to someone
email

3 pensieri su “Lonicera (Caprifoglio)

  1. Buongiorno.

    Abito in provincia di Cuneo (inverni rigidi); vorrei piantare diverse piantine di caprifoglio, con fiori di colori diversi: mi potreste indicare quali sono i più indicati, affinchè possa inltrarvi un ordine di acquisto?

    Vi ringrazio cordialmente.

    • Qui non vendiamo niente 🙂

      Le specie di Lonicera più resistenti al freddo sono
      – Lonicera sempirvirens
      – L. ciliosa, L. dioica, L. glaucescens, L. hirsuta.
      – L. periclymenum (giaalo rosato)
      – la classica L. caprifolium (fiore di colore rosato),
      – L japonica ( colore giallo)

      e poi ci sono tantissimi ibridi in giro, molto resistenti al freddo intenso…
      citiamo ‘Alabama Crimson’ (rosso), ‘Blanche Sandman’ (rosso), ‘Major Wheeler’ (rosso), Manifich (arancio/rosso), ‘Magnifica’ (arancio/rosso), ‘John Clayton’ (giallo), L. X italica ‘Sherlite’. Magari chiedi al vivaista, anche online, qual è la resistenza al freddo.

  2. Buongiorno. Ho appena acquistato una pianta di lonicera japonica, e vorrei tenerla su un balcone esposto a nord-est, desidero sapere se posso lasciarla fuori anche nel periodo invernale, visto che vorrei posizionarla verso la ringhiera esterna. Premetto che vivo a Torino.Vi ringrazio per la vostra disponibilità e saluto.

Vuoi fare una domanda? Vuoi dire la tua?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.