Palma di Bambù (Chamaedorea seifrizii)

Palma di Bambù - Chamaedorea seifrizii

Palma di Bambù – Chamaedorea seifrizii all’aperto. Foto di Scott.Zona (CC BY-NC 2.0)

La Palma di Bamboo (nome ufficiale  Chamaedorea seifrizii )  è facile da coltivare e popolare nelle case e negli uffici commerciali. Ha degli steli lunghi  e nodosi simili a quelli del bambù, da cui il nome.
Gli steli quando crescono formano delle fronde dense con foglie dal verde scuro al grigio

Una palma di Bambù può crescere sino a 1,8 metri.

Sono spesso scelte per l’interior design poiché sono abbastanza resistenti agli insetti ed altri parassiti ed aggiungono all’ambiente quella sensazione tropicale di pace laddove sono posizionati.

La Chamaedorea seifrizii è nativa del Messico e dell’America Centrale. Fa parte della famiglia delle Arecaceae (ovvero la Palme), Genere  Chamaedorea.

Producono delle infiorescenze formate da fiorellini di colore giallino, crema.

Sono piante dioiche vale a dire che esistono piante che portano solo fiori maschili e piante che portano solo fiori femminili. I frutti sono delle bacche.

Consigli per la Coltivazione

In generale la Palma di bambù (Chamaedorea seifrizii) è molto facile da curare e coltivare e non richiede molti sforzi.

Coltivazione in Vaso

E’ la prassi comune per tenerla in appartamento, usando vasi di dimensione adeguata e soprattutto sottovasi per mettere della ghiaia che mantenga umido il terriccio.

Abbiate cura di mettere argilla espansa o cocci in fondo al vaso per un buon drenaggio, per far defluire l’acqua adeguatamente.

Rinvasare solo quando necessario, di solito dopo 2 o 3 anni facendo cura di non rovinare le radici.

Coltivazione all’aperto

Sono piante rustiche e nel SUD Italia dove la temperatura è adeguata si possono piantare in piena terra e in semi ombra.

Alcune piante riescono anche a dare semi fertili sempre che piante maschili e piante femminili siano sufficientemente vicine e fioriscano contemporaneamente.

Luce

Ha bisogno di luce, ma non diretta. L’ideale sarebbe vicino ad una finestra. Può tollerare la luce del sole se ben acclimatata.

Temperatura

Quella dell’appartamento va bene, tra 16°C e 24°C è l’ideale, mai sotto i 10°C in inverno.

Evitate le correnti di aria fredda.

Terriccio

Il terriccio deve essere ben drenato.

Meglio non calcareo.

Può essere usato terriccio comune con l’aggiunta di Sabbia (o altro materiale)  per migliorarne il drenaggio.

Acqua

Innaffiare adeguatamente durante il periodo della crescita attiva. In Inverno, durante il riposo vegetativo, riducete le innaffiature avendo cura soltanto che il terriccio sia umido a sufficienza.

Un buon metodo è mettere nel sottovaso della ghiaia o della argilla espansa su cui appoggiare il vaso in modo che l’umidità arrivi alle radici, ma senza toccarle.

Teme i ristagni d’acqua.

Preferisce acqua NON calcarea.

Concime

Applicare il fertilizzante bilanciato (per piante verdi) nei mesi in cui cresce per mantenere la pianta verde ed in salute.

Propagazione

Per seme, ma occorrono fino a 6 mesi e non è molto facile.

Parassiti, Malattie ed altre Avversità

Può essere attaccato dal Ragnetto Rosso, soprattutto quando l’aria è troppo secca.   Per prevenire è opportuno nebulizzare o lavare con delicatezza con un panno umido periodicamente le foglie.

Può essere colpita anche da cocciniglia, ma è meno comune. In tal caso potete usare un batuffolo con alcol per eliminarle o lavare le foglie con acqua e sapone.

Raramente può essere colpita da funghi che la fanno marcire.

Se le punte delle foglie si seccano vuol dire che c’è un problema con le innaffiature, qui occorre solo prevenire, nebulizzando periodicamente le foglie, innaffiando quando serve ed evitare i ristagni di acqua.

Se le foglie presentano macchie marroni, non solo sulle punte, può essere dovuto alla presenza di correnti d’aria o di temperature non corrette. Cambiate posizione alla pianta. Questa cosa può succedere anche se l’acqua è molto calcarea.

Curiosità

Ha un alto tasso di traspirazione dalle foglie, per cui è molto utile per umidificare l’aria degli ambienti chiusi, soprattutto durante l’inverno quando i sistemi di riscaldamento seccano l’aria.

Inoltre è una delle migliori piante  per Depurare l’aria delle stanze da Benzene, Formaldeide e Tricloroetilene.

Insomma una pianta da avere in casa e/o in ufficio perché bella, ma soprattutto perché salutare.

 

Cosa ne pensano i nostri lettori:
Ti è piaciuto l'articolo? Dagli un voto:
[Voti Totali: 1 Media: 5]
E ora Condividilo sui tuoi social preferiti:Share on Facebook2Share on Google+2Pin on Pinterest2Tweet about this on Twitter3Email this to someone
Vuoi ricevere tutti gli articoli come questo?
Iscriviti ora. E' gratis.

Non facciamo spam!
TI invieremo anche qualche offerta speciale

Riceverai al massimo due mail al mese
Autorizzo al trattamento dei dati personali D.L. 196/03

Rispondi