Guzmania

guzmania

La Guzmania  è una pianta che ammalia soprattutto per il suo fogliame e per la sua fioritura.   Utile da tenere in casa perché pulisce l’aria da inquinanti.

Caratteristiche generali

La Guzmania  appartiene ad un genere che include oltre 200 specie di piante erbacee, perenni, sempreverdi, generalmente epifite.

Hanno la caratteristica di avere  foglie lineari, cheformano una rosetta al cui centro una cavità trattiene l’acqua. La fioritura produce fiori tubulosi il cui colore può variare dal  bianco al giallo. La sua altezza non supera il metro.

La Guzmania  è adatta anche alla coltivazione in appartamento.

Classificazione botanica

La Guzmania (Ruiz & Pav) è un genere di piante appartiene  alla famiglia delle Bromeliaceae, Subfamily   Tillandsioidea, e al genere Guzmania.

Principali specie

Il genere Guzmania  include oltre  oltre 200 specie perenni e sempreverdi, prevalentemente epifite, più raramente terrestri.

Ci sono inoltre tantissimi ibridi e Cultivar in commercio.

Tra le più comuni in commercio citiamo:

Guzmania Lingulata

E’ tra le specie più coltivate e tra le più facili da trovare in commercio.

La Guzmania lingulata ( che significa a forma di lingua) può raggiungere fino  a 30 cm di altezza. E’ caratterizzata da fiori bianco-gialli, che restano all’interno della rosetta di foglie.

Si contano diverse  cultivars: la Guzmania  lingulata ‘Concolor’ , la Guzmania lingulata ‘Lingulata’ o ‘Splendens’etc.

 Guzmania lingulata

Guzmania lingulata, foto di Ryan Somma (CC BY-SA 2.0)

Guzmania Conifera

La Guzmania conifera è  native del Ecuador e del Peru,   può raggiungere fino  a un metro di altezza.  Ha foglie strette, lunghe e rigide, dalla quale sbuca alla fine dell’estate un’infiorescenza che sembra una pigna.

Guzmania conifera

Guzmania conifera – foto di Tim Waters (CC BY-NC-ND 2.0)

Guzmania Lindenii

Le Guzmania  lindenii hanno fiori bianchi.

Guzmania Zahiii

La Guzmania zahnii può arrivare fino a 60 cm di altezza. Ha  fiori bianchi o gialli.  Hanno creato tantissimi cultivars e ibridi di questa specie.

Guzmania zahnii variegated variety

Guzmania zahnii variegated variety – foto di Keith Edkins, CC BY-SA 3.0

Guzmania Monostachya (Tricolor)

La Guzmania monostachya o G. tricolor è nativa del Sud America fiorisce durante l’estate.

Guzmania monostachia

Guzmania monostachia – foto di Timm Stolten, CC BY-SA 3.0.

Guzmania Musaica

Pianta sempreverde, epifica, perenne che può raggiungere i 20-40 cm di altezza. Le foglie sono semplici di colore verde chiaro con alcune striature trasversali.

La Guzmania musaica ha fiori gialli.  Sono presenti diverse varietà e cultivar.

Guzmania musaica

Guzmania musaica in natura, foto di Dick Culbert, CC BY 2.0

Guzmania Angustifolia

Nativa del Centroamerica, presenta foglie strette e lunghe

Guzmania angustifolia

Guzmania angustifolia – foto di
Dick Culbert
, (CC BY 2.0)

Guzmania Berteroniana

La Guzmania berteroniana si trova soprattutto a Panama, Repubblica Dominicana e Porto Rico, pianta abbastanza grande, spesso presente in gruppi.

Guzmania berteroniana

Guzmania berteroniana – foto di
scott.zona
, (CC BY-NC 2.0)

Consigli per la coltivazione e la cura della Guzmania

La Guzmania  non è difficile da coltivare, occorre però rispettare le sue esigenze, soprattutto avere una innaffiatura corretta (una giusta dose di umidità, senza affogarla) e una buona dose di luce, ma non ai raggi diretti del sole.

Esposizione

Non ama il sole diretto ma va collocata in una zona ben illuminata. L’intensità del colore del fogliame rispecchierà il bisogno di luce (se la luce è troppa il verde schiarisce, se è poca al contrario scurisce)

Temperatura

La temperatura ideale oscilla tra i 15-20°C,  quindi la temperatura degli appartamenti va bene. Accetta temperature più alte, ma temperature più basse non sono tollerate.

La Guzmania  richiede circolazione d’aria ma non tollera le correnti.

Annaffiature

il terreno va mantenuto costantemente umido ma occorre fare attenzione a non lasciare ristagni idrici nel sottovaso che possono far marcire le radici.

Sono piante che vivono nelle foreste, con poche radici, prendono acqua dalle piogge e lo accumulano tra le foglie. Per cui l’incavo centrale va tenuto sempre colmo di acqua che non deve però essere calcarea. Due volte al mese l’acqua va cambiata per evitare putrefazione.

Una buona idea può essere anche quella di tenere la sopra un sottovaso con acqua e con ghiaino che consente di mantenere un ambiente umido attorno alla pianta senza che le radici si inzuppuno.

Gradisce nebulizzazioni costanti

 

come innaffiare la Guzmania

Acqua nelle foglie – Foto di Andrew Goloida, (CC BY 2.0)

Terreno

La Guzmania  va rinvasata solo quando il suo vaso non è sufficiente per contenere le radici.

Il terreno ideale è composto con torba, sabbia grossolana e corteccia, leggermente acido.  Il terreno ideale è simile a quello per le orchidee.

E’ fondamentale evitare i ristagni idrici.

Concime

La Guzmania  va concimata due volte al mese a partire dalla primavera fino a fine estate con un concime che contenga   azoto, fosforo, potassio, magnesio, ferro,  manganese,  rame, zinco, boro, molibdeno.

guzmania

Fioritura

L’eleganza della Guzmania raggiunge il suo apice quando emette lo stelo fiorale.

La Guzmania  fiorisce durante l’estate, i fiori non durano molto, ma le bratee, che sono l’attrattiva maggiore,  che si formano in concomitanza con la fioritura sono persistenti e molto decorative, con colorazioni molto accese che vanno dal giallo, al rosso passando dal arancio e dal fucsia.

Quando si parla di fiore, infatti, occorre fare distinzione tra  il fiore “vero” e la brattea (ovvero foglie trasformate che hanno funzionalità di attirare insetti impollinatori e/o proteggere il vero fiore).

Il fiore  è bianco oppure giallo, e ha una vita breve, le  brattee durano anche due mesi.

Tenete presente che una volta fiorita, la pianta intera andrà incontro a deperimento.  Ma solitamente troverete numerosi “figli” (polloni) alla base che potete prelevare per  crare nuove piante, che necessitano di qualche anno (3 o 4) a rifiorire.

Potatura

La Guzmania  non va potata, ci si limita ad eliminare le foglie danneggiate.

Moltiplicazione

La Guzmania  può essere moltiplicata per germogli basali o per seme.

La moltiplicazione per seme non garantisce di ottenere esemplari uguali alla pianta madre. Quindi se si vuole ottenere un esemplare preciso è meglio optare per la moltiplicazione per germogli basali.

Moltiplicazione per germogli basali

Con un coltello affilato e disinfettato vanno separati i germogli che si formano alla base della pianta dopo la sua fioritura.

Moltiplicazione per semi

In primavera si dispongono i semi in un terreno, che va mantenuto sempre umido, composto da torba e sabbia, si mette il contenitore, coperto da un foglio di plastica trasparente, in un luogo con poca luce a 25 gradi circa.

I semi vanno seminati in primavera in una composta formata da tre parti di torba ed una di sabbia grossolana o perlite o vemiculite. Si compatta bene il terriccio, si inumidisce completamente e quindi si spargono i semi sulla superficie, senza interrarli.

Quando i semi germogliano il telo di plastica va tolto e si sposta il vassoio alla luce fino a quando le piante non sono abbastanza robuste per poter essere trapiantate in vasetti singoli.

guzmania

Parassiti e malattie

La Guzmania  è piuttosto resistente alle malattie, piuttosto i loro problemi derivano da una cattiva manutenzione come la troppa o la poca luce o l’eccessiva annaffiatura.

Può essere attaccata dagli Afidi che la rendono appiccicosa. Si eliminano lavando la pianta delicatamente con del sapone o trattandola con insetticidi specifici.

Anche la  cocciniglia farinosa può colpire la pianta, in tal caso eliminateli con batuffoli di cotone inbevuti di alcool.

Se vi accorgete che le foglie hanno dei puntini gialli e tendono ad accartocciarsi, si è probabilmente in presenza di un attacco di ragnetto rosso (acaro). Di solito le nebulizzazioni sono sufficienti ad eliminarlo, i alternativa, se il problema non è di notevoli dimensioni si può tentare con dei batuffoli di cotone inzuppati con acqua mista a sapone neutro.

Curiosità

Il nome  Guzmania è un tributo a Anastasio Guzman, un naturalista spagnolo vissuto nel 1700.

Come tutte le Bromeliacee  è molto utile per depurare l’aria di casa e degli uffici.  Quindi oltre ad essere molto belle è anche molto utile per la nostra salute.

Linguaggio dei fiori

Il fiore della Guzmania che si trova racchiuso all’interno di un fogliame simboleggia il fascino e la bellezza. Per questo regalare questa pianta significa dire ad una persona che è  affascinante.

Articoli correlati che possono interessarti

L'hai trovato interessante? Votalo, e dicci come migliorarlo nei commenti
[Voti Totali: 40 Media: 4.6]
oppure sentiti libero di Condividerlo
Share on Facebook
Facebook
18Tweet about this on Twitter
Twitter
Pin on Pinterest
Pinterest
0Email this to someone
email

Vuoi fare una domanda? Vuoi dire la tua?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.