Dendrobium o Orchidea Bambù

Dendrobium nobile

Dendrobium nobile By snotch from Sapporo, Hokkaido, Japan [CC BY 2.0], via Wikimedia Commons

Impossibile resistere al fascino delle specie appartenenti al genere Dendrobium (dette anche orchidee bambù per via dello stelo), che con le loro fioriture coloratissime ed eleganti riescono sempre ad attirare l’attenzione. Sono piante abbastanza delicate, ma con le giuste cure è possibile ottenere risultati davvero straordinari e godere di tutta la loro incantevole bellezza.

Il loro ciclo vitale si divide in tre distinte fasi:

  • fase di fioritura: dalla fine dell’inverno alla primavera;
  • fase di crescita: nel periodo che dall’estate arriva fino all’inizio dell’autunno;
  • fase di dormienza: per tutto il periodo invernale.

Al genere Dendrobium appartengono tantissime specie (è il genere più numeroso della Famiglia delle Orchidee) originarie dell’Asia orientale (in particolar modo in Nepal, Indonesia e Malesia), Australia e Nuova Zelanda.

Insomma, specie che amano quelle macrozone del Pianeta che si contraddistinguono per la massiccia vegetazione e un clima particolarmente umido. Non è inusuale trovare specie che vivono anche 3500m sul livello del mare, ovvero in zone dal clima temperato.

Come detto la maggior parte delle specie appartenenti al genere Dendrobium amano i climi tropicali e con alto tasso di umidità, ma alcune ben si sono adattate anche ad altre tipologie di habitat.

Non sono tutte uguali tra loro: alcune si presentano come veri e propri gioielli di piccole dimensione con colori brillanti, altre con forme allungate e con dimensioni nettamente maggiori. Oltre alle dimensioni si differenziano anche per altri fattori: alcune possono essere descritte come piante epifite, altre come litofite. Tutte sono accumunate da un unico fattore: la loro incredibile bellezza.

Da dove deriva il termine Dendrobium? Dobbiamo far riferimento alla lingua greca: “dendro” significa tronco, mentre “bios” si traduce con vita.

Classificazione botanica

Il genere Dendrobium appartiene come detto alla Famiglia delle Orchidee e conta un gran numero di specie. Proviamo a far chiarezza su questo genere:

Regno: Plantae;

Clado: angiosperme;

Clado: Monocotiledoni;

Ordine: Asparagales;

Famiglia: Orchidaceae;

sottofamiglia: epidendroideae;

Tribù: Dendrobiinae;

Genere: Dendrobium.

Principali specie Dendrobium

Avete un po’ di tempo per conoscere tutte le specie che appartengono a questo genere? Si contano più di 1200 specie, ma non spaventatevi, di seguito riporteremo soltanto quelle maggiormente conosciute.

Tra le principali specie è d’obbligo menzionare:

  • Dendrobium anosmum: specie di orchidea epifita, conosciuta nelle Filippine come Sanggumay, dall’intenso e gradevole profumo.
Dendrobium anosmun

Dendrobium anosmun By Orchi (Self-photographed) [GFDL or CC-BY-SA-3.0], via Wikimedia Commons

  • amabile;
  • aphyllum;
  • begaudii;
  • bilobum;
  • Dendrobium brevicaudum: conosciuta anche come orchidea di montagna, è una specie epifitica;
  • bukidnonensis;
  • bullenianum;
  • Dendrobium candidum: un’orchidea che si caratterizza per il colore bianco delicato e per la forma a stella del suo fiore;
  • cariniferum;
  • ceraula;
  • Camaleonte di Dendrobium;
  • chrysanthum;
  • conanthum;
  • crispilinguum;
  • crumenatum;
  • cuthbertsonii;
  • dearei;
  • erosum;
  • epidendropsis;
  • euryanthum;
  • fairchildae;
  • falcorostrum;
  • forbesii;
  • formosum;
  • gerlandianum;
  • Dendrobium gibsonii;
  • goldschmidtianum;
  • guerreroi;
  • hellwigianum;
  • hercoglossum;
  • heterocarpum;
  • hymenophyllum;
  • Dionuroprogeno di Dendrobium;
  • johnsoniae;
  • junceum;
  • Dendrobium kingianum: una bellissima specie di orchidea che generalmente cresce sulle rocce e che nel periodo della fioritura regala uno spettacolo unico con fiori di colore rosa;
Dendrobium kingianum

Bellissimo Dendrobium Kingianum By Maja Dumat from Deutschland (Germany) (Dendrobium kingianum) [CC BY 2.0], via Wikimedia Commons

  • lindleyi;
  • lituiflorum;
  • loddigesii;
  • Dendrobium macrophyllum;
  • macropus;
  • milaniae;
  • mindanaense;
  • miyasakii;
  • Dendrobium nobile: è questa la specie maggiormente conosciuta, che alla fine del periodo invernale regala fioriture davvero belle. Il fusto è simile al Bamboo (orchidea bambù) con foglie dal colore verde scuro che lo ricoprono per tutta la sua lunghezza.
Dendrobium nobile

Tutta l’eleganza del Dendrobium nobile By Photo by David J. Stang [CC BY-SA 4.0], via Wikimedia Commons

  • papilio;
  • Partenio di Dendrobium;
  • pendolo;
  • pentapterum;
  • phalaenopsis;
  • philippinensis;
  • phillippsii;
  • Dendrobium platycaulon;
  • profusum;
  • ramosii;
  • sanderae;
  • sanguinolentum;
  • schuetzei;
  • secundum;
  • seratilabio;
  • sinense;
  • speciosum;
  • taurinum;
  • Dendrobium thyrsiflorum;
  • thysanophorum;
  • uniflorum;
  • velutinalabrum;
  • victoriae-reginae;
  • wangliangii;
  • wenzellii;
  • Dendrobium yeagerei.

Fioritura

Come anticipato la fase di fioritura avviene tra la fine del periodo invernale e durante il periodo primaverile. Sulla parte superiore delle canne appariranno dei piccoli fiori (circa 20 per ogni canna), i quali si mostreranno in tutta la loro bellezza per circa 3 mesi.

Fioritura Dendrobium

La fioritura è sempre uno spettacolo incredibile (foto Emilio Esteban-Infantes CC BY-NC-ND 2.0)

Durante la delicata fase di fioritura ogni specie di Dendrobium non deve essere sottoposta a specifica azione di concimazione, ma basterà annaffiare la pianta settimanalmente, al fine di garantire il giusto livello di umidità. Oltre alla normale annaffiatura si può procedere quotidianamente, nelle prime ore del giorno, alla nebulizzazione di piccoli quantitativi di acqua direttamente sulle foglie. Queste sono piccole precauzioni da prendere onde evitare di veder appassire i delicati fiori.

Consigli per la coltivazione dell’orchidea Dendrobium

Sono diverse le accortezze da tenere per veder crescere un’orchidea forte e colorata, capace di incantare durante il periodo della fioritura. Con le cure giuste è possibile vedere qualsiasi specie di Dendrobium crescere e raddoppiare già entro il primo anno.

In molti, specialmente chi non si identifica come un abile pollice verde, rinunciano alla coltivazione di tali piante, spaventati dalla leggenda che i Dendrobium sono così delicati che è quasi impossibile coltivarli in casa o in giardino. Non è assolutamente vero, ma in ogni caso comunque non stiamo parlando di piante facili da coltivare. Insomma, bastano le giuste precauzioni e alcuni pratici consigli per orchidee da invidia.

Vediamo qual è la perfetta cura per i Dendrobium.

Coltivazione in vaso

Ogni orchidea può tranquillamente essere coltivata in vaso, purché siano rispettate le indicazioni circa la luce (vedi in seguito) e la corretta umidificazione del terreno. le radici sono molto delicate e per questo motivo è necessario prestare molta attenzione alla fase di rinvaso, che si effettua dopo la fioritura o quando la pianta inizia la ripresa vegetativa alla fine dell’inverno/inizio primavera.

Si consiglia di utilizzare un vaso di piccole dimensioni, poiché le radici non si espandono in modo incontrollato, ma amano spazi abbastanza contenuti.

Ogni vaso deve presentare degli specifici fori di drenaggio per evitare pericolosi ristagni d’acqua: amano l’umidità, ma non l’acqua stagnante. Utile è la collocazione di pezzi di sughero e corteggia di abete sulla base dello stesso vaso (come in foto).

Dendrobium Kingianum vaso

Coltivazione Dendrobium Kingianum in vaso. Notare terriccio e grandezza vaso. (foto Maja Dumat CC BY 2.0)

 

Coltivazione in piena terra

È possibile coltivare moltissime specie di Dendrobium anche in piena terra, magari per dare quel tocco di colore che manca al proprio giardino (non sempre è possibile). In questo caso le cose cambiano, poiché le difficoltà aumentano. Ogni pianta deve essere interrata in zone particolarmente riparate, ma dove la luce solare riesce ad arrivare senza troppi problemi. Non sempre è facile ricreare le giuste condizioni, in piena terra, per coltivare in modo sicuro queste piante.

Coltivazione in terrazzo – davanzale

Come detto le orchidee possono tranquillamente essere coltivate in vaso senza problema alcuno e ben si prestano per essere collocate sul balcone di casa. In questi casi sono 3 le accortezze da prendere:

  1. assicurarsi che la pianta sia ben esposta ai raggi solari;
  2. collocare il vaso preferibilmente in un angolo del balcone, per assicurare il giusto riparo;
  3. entrare la pianta in casa nei periodi particolarmente freddi.

Dato che il vaso da utilizzare è di piccole dimensioni è possibile sistemarlo anche sul davanzale di una bella finestra, in modo tale da far ammirare a tutti i colori della pianta (molto bello e ben visibile è il Dendrobium bianco) e garantire alla stessa la luce necessaria per il suo sviluppo.

Dendrobium nobile

Dietro le finestre: una posizione ottimale. Dendrobium nobile (foto Norbert Käßner CC BY-ND 2.0)

Temperatura

I Dendrobium riescono a sopportare il caldo senza particolari problemi, purché si riesca ad assicurare una buona ventilazione e un elevato livello di umidità.  Le temperature ideali per queste piante durante la giornata si attestano attorno tra i 20/29° C, mentre di notte tra i 18 e i 24° C.

Insomma, temperature abbastanza elevate che ci riportano al problema della coltivazione in piena terra prima citato: è difficile assicurare un habitat con tali caratteristiche all’esterno, mentre è molto più semplice mantenere costanti le temperature, nei livelli appena descritti, con la coltivazione in vaso direttamente in casa. A temperature molto fredde perderanno tutti i fiori.

Luce

Tutte le specie appartenenti al genere Dendrobium necessitano di molta luce, ma bisogna prestare la massima attenzione per una corretta esposizione.

Infatti, la luce diretta dei raggi solari non è apprezzata in particolar modo da queste piante, che amano anche un po’ di ombra.

Dove posizionarle per una esposizione perfetta? Vicino finestre rivolte ad est o ovest che catturano i raggi solari per gran parte della giornata (ma non per tutto il giorno) è la scelta giusta. In questi casi, l’esposizione diretta ai raggi del sole mattutini o a quelli del tramonto non danneggerà la pianta.

Terriccio

Per quanto riguarda il terriccio da utilizzare per i Dendrobium ci possono essere delle differenze a seconda delle specie che si intende coltivare. In ogni caso il terreno mai deve rimanere inzuppato di acqua e creare un ambiente asfittico a livello radicale e deve presentare una precisa composizione.

Il terriccio ideale è generalmente composto da 2/3 di osmunda e da 1/3 di sfagno. Anche un substrato particolarmente pietroso può andar bene, ma sarà necessario in questi casi intervenire in maniera più mirata per garantire la corretta alimentazione della pianta, attraverso la somministrazione di vitamine e componenti essenziali bilanciati.

Innaffiature

Il momento migliore per procedere all’operazione di innaffiatura dei Dendrobium è al mattino, così da dare alla pianta tutto il tempo necessario per asciugarsi prima della notte.

È fondamentale mantenere un ambiente umido attorno alla pianta, ma lo ripetiamo ancora (e se serve fino all’infinito) è d’obbligo evitare ristagni di acqua.

Insomma, ricreare il clima tropicale tanto amato da queste piante. Nei periodi più caldi si consiglia di procedere all’innaffiatura 2 volte a settimana, mentre 1 volta negli altri periodi può andar bene.

Poi, è necessario spruzzare dell’acqua (anche ogni giorno in piccole quantità) direttamente sulle foglie e sul lungo tronco. Ovviamente, tutto dipende dalla temperatura e dal livello di umidità della stanza ove è stato posizionato il vaso.

Moltiplicazione

La moltiplicazione dei Dendrobium avviene per divisione dei cespi. È un’operazione da fare esclusivamente quando la pianta è grande e robusta.

Un altro metodo per la riproduzione è quello per semi, ma è molto più difficile procedere in questo caso, poiché l’artificiale clima tropicale che ricreiamo alle nostre latitudini non permette una riproduzione del genere.

Concimazione

La maggior parte degli elementi nutritivi devono essere apportati attraverso una corretta concimazione. Ogni concime deve essere sciolto nell’acqua e prima di procedere alla somministrazione del concime è necessario assicurarsi che il terreno sia già leggermente umido.

Quale concime utilizzare? Qualsiasi fertilizzante per orchidee può andar bene, purché equilibrato (12-12-12). In caso di nuova crescita si consiglia di utilizzare un fertilizzante ricco di fosforo (10-30-20).

Mai concimare queste piante durante il periodo della fioritura.

Potatura

Come potare i Dendrobium? Non è richiesta una vera e propria potatura della parte superiore (fiori e foglie cadono da soli), quanto invece una bella pulizia e potatura delle radici quando si procede al rinvaso.

Ad esempio, nella potatura del Dendrobium nobile le radici vanno ripulite per eliminare tutto il materiale che rimane ad esse attaccato e le radici morte devono essere tagliate con cesoie disinfettate accuratamente (con alcol, con varechina o con fiamma).

Parassiti, malattie e altre avversità

Sono tante le malattie che possono interessare le specie del genere Dendrobium, alcune causate da cattiva esposizione alla luce, altre da insetti e parassiti, altre da batteri, alcune da virus e anche da funghi. Quindi, è necessario prestare la massima attenzione e intervenire rapidamente.

Malattie Dendrobium:

  • Foglie che iniziano ad ingiallire: la causa sono gli eccessi di luce. Quest’ultima è dannosa quando colpisce in modo diretto la foglia, quando la stessa non è perfettamente asciutta. Le ustioni delle foglie sono molto pericolose, perché spalancano le porte per attacchi da parte di funghi.
  • Malattie causate da insetti o acari: spesso queste piante sono attaccate dalla cocciniglia bruna o dalla cocciniglia farinosa e dagli afidi. In questi casi è possibile intervenire con un batuffolo imbevuto di alcool, per tentare una prima mossa di difesa, ovvero procedere alla somministrazione di specifico insetticida.
  • Malattie causate da funghi: si manifestano con marciume nero delle foglie (anche con macchie irregolari) e in alcuni casi delle radici. In questi casi è necessario correre ai ripari cercando di migliorare le caratteristiche dell’ambiente dove si trova la pianta: ventilazione ottimale e mantenere asciutte le parti aeree della pianta sono un buon punto di partenza.
  • Malattie causate da batteri: è il caso di marciume dei pseudobulbi e necrosi delle foglie. Le malattie batteriche sono difficili da controllare. Come comportarsi? Un’azione preventiva migliorando le condizioni di coltivazioni soprattutto riducendo le bagnature delle foglie può aiutare.
  • Malattie causate da virus: due sono i virus che possono attaccare il genere Dendrobium e sono il virus della maculatura e il virus del mosaico. In entrambi i casi non esiste cura.

Curiosità

In Australia non è per niente difficile imbattersi in specie bellissime di Dendrobium. Una pianta dai fiori raffinati e profumati, molto amata dalla popolazione locale. È una delle piante più diffuse e più importanti tanto che la specie Dendrobium Phalaenopsis è stata scelta come emblema fiscale del Queensland ed è stata inserita nel francobollo da 25 centesimi e in quello da 1,20 dollari.

Le Orchidee Dedrobium sono presenti nel libro di Wolverton, sulle 50 piante che aiutano a pulire l’aria degli ambienti chiusi come case e uffici.

Dendrobium Phalaenopsis

I colori spettacolari del Dendrobium Phalaenopsis (foto Chip Sillesa CC BY-NC-ND 2.0)

Leggenda delle orchidee: si narra che ad un fanciullo di nome Orchide erano spuntati due seni femminili.

Un particolare che lo distingueva da tutti i ragazzi e anche dalle ragazze: era un uomo, ma per alcuni aspetti si avvicinava al genere femminile.

Era considerato un “diverso” e tutti lo evitavano. Una situazione che faceva stare molto male il giovane, il quale in preda alla disperazione si suicidò gettandosi da una rupe.

Proprio sul luogo della sua morte iniziarono a spuntare come per magia dei fiori bellissimi, tutti diversi tra loro ma con tante caratteristiche in comune.

Fiori eleganti e sensuali, dalla raffinata bellezza, chiamati Orchidee.

Linguaggio dei fiori

L’orchidea è anche stata da sempre considerata una pianta capace di allontanare le influenze nefaste e in particolare la sterilità. Nel Medioevo era la pianta maggiormente utilizzata per la composizione di potenti filtri d’amore.

I Dendrobium sono anche il simbolo dell’armonia e della perfezione: simbolo di infinita e delicata bellezza.

Dove comprare le Orchidee Dendrobium

su eBay c’è un sacco di piante di specie diverse disponibile

Cosa ne pensano i nostri lettori:
Ti è piaciuto l'articolo? Dagli un voto:
[Voti Totali: 0 Media: 0]

Ti è piaciuto? Allora Condividilo:
Share on Facebook2Share on Google+0Tweet about this on TwitterPin on Pinterest8Email this to someone
Vuoi ricevere tutti gli articoli come questo?
Iscriviti ora. E' gratis.

Non facciamo spam!
TI invieremo anche qualche offerta speciale

Riceverai al massimo due mail al mese
Autorizzo al trattamento dei dati personali D.L. 196/03

Vuoi fare una domanda? Vuoi dire la tua?