Margherita

margherita

Si tratta di una delle piante più popolari e tra le più semplici da coltivare sia in terrazza che in giardino. Esistono varietà di diverse dimensioni e colori, con necessità anche distinte ma con un elemento in comune: sono capaci di regalare un  aspetto rustico alla vostra casa. Le margherite  sono molto amate per la loro semplicità, ne sono proprio il simbolo, ma oltre che belle sono anche molto utili: sono capaci di attirare api e farfalle e quindi sono idonee per le aiuolo e per le bordure.

Classificazione botanica

La margherita fa parte della famiglia delle Asteraceae del genere Leucanthemum, specie L. vulgare.

Caratteristiche generali

La margherita è un fiore piccolo, si tratta di un’ erbacea perenne che produce le  infiorescenze tipiche delle asteracee, sono formate da fiorellini con un centro carnoso. I fiori hanno petali bianchi che in primavera coprono i prati incolti  d’Europa. In commercio  si trovano diversi ibridi con i fiori colorati (possono essere gialli, rosa, crema) e con fioriture che si protraggono anche per tutta l’estate. L’infiorescenza della margherita si chiama “capolino” ed è formata da diversi fiori singoli (i floculi)  che a loro volta possono essere  tubulosi o ligulati. Il suo nome scientifico deriva  dal greco, leucanthemum e,  significa “ bianco e fiore”  riferendosi  al colore del fiore.

margherita

margherita

Principali specie

Tra le specie più note ed apprezzate troviamo

Aster alpinus

Si tratta di una meravigliosa perenne perfetta per ricoprire il suolo e per  i  giardini rocciosi. Proviene dall’Europa, dall’Asia e dal Nordamerica, ed in Italia la si può trovare allo stato spontaneo sulle Alpi. Necessita di  un terreno calcareo e fresco e  con un buon drenaggio. Preferisce  la mezz’ombra. Le sue infiorescenze sono composte da capolini grandi che sorgono su steli eretti.

Chrysanthemum leucanthemum

Si tratta della classica margherita dei campi caratterizzata da disco giallo e fiori bianchi. Quella del “m’ama non m’ama per intenderci) . E’ una specie endemica dell’Europa e nel nostro Paese è facile trovarla a coprire prati in collina o in montagna. Le farfalle ne sono molto attratte.

Chrysantheum maximum

E’ nota come “margheritona” ma in realtà si tratta di un crisantemo. Proviene dall’Europa e in particolare dai Pirenei. E’ caratterizzata da fusti che arrivano anche a 9 cm di altezza, molto robusti.

Ha petali bianchi con disco giallo e foglie verdi brillanti. La fioritura avviene da metà di luglio a tutto novembre. Il Chrysantheum maximum è molto facile da coltivare, è idonea sia per location soleggiate che per location ombreggiate. Sono presenti diverse cultivar prodotte dagli ibridatori, ne troviamo con  fiori doppi, etc. E’ una specie perfetta per chi ama il giardino naturale e perfetta per le aiuole.

Osteospermo (dimorphoteca)

Si tratta di un genere che include circa settanta specie  perenni o annuali originarie dell’Africa meridionale e dell’Arabia. Sono caratterizzati da  fiori i cui colori vanno dal  giallo all’arancione fino al rosa ed al viola.

La sua fioritura perdura per tutta la stagione. Si tratta di una specie perfetta per essere coltivata in vaso, per le aiuole, per le  bordure, per i giardini rocciosi. Preferiscono posizioni soleggiate, ma tollerano anche una  leggera ombra.

Felicia amelloides

Si tratta di una margherita che proviene dal  Sudafrica e dall’Abissinia e che è  caratterizzata  dal fiore azzurro, nota  come Agathea o Aster Capensis. A seconda del clima la si può considerare annuale o perenne.

E’ idonea sia come pianta da vaso che come fiore reciso.

La sua fioritura avviene  dalla primavera e perdura sino alla fine dell’autunno. Preferisce terreni freschi, ben drenati e necessita di  concimazioni costanti.

Echinacea

Si tratta di margherite estive caratterizzate da steli robusti e da  i fiori del disco sporgenti . Proviene dal  Nordamerica ed è  caratterizzata da foglie verde scuro e da fiori grandi che possono essere rosa, rossi ,  bianchi, gialli ed arancioni. Il terreno deve essere ricco di humus e con buon  drenaggio.

Le echinacee richiedono una buona pacciamatura invernale per scongiurare il pericolo di marciume dell’apparato ipogeo.

Fioriscono in estate e, con le dovute accortezze (rimuovendo i  capolini appassiti), anche a metà autunno.

Rudbeckia

Questa varietà è caratterizzata da fiori che hanno colori con sfumature calde, (gialle, arancioni, marroni, rosse) Richiedono una coltivazione facile, preferiscono  terreni umidi e una location  ben soleggiata. La loro altezza generalmente  oscilla  tra i 60 e i 100 cm. Sono note diverse cultivar: Rudbeckia sullivanti goldstrum, Rudbeckia hirta Goldilocks, Rudbeckia lancinata Hortensia.

Cosmos

Si tratta di annuali e perenni caratterizzate da lunghi steli esili e le foglie simili a felci. La loro coltivazione è piuttosto semplice. Preferiscono  posizioni soleggiate e terreno  ben drenato.

La loro altezza oscilla trai 60 ed i 90 cm, il colore dei fiori varia  dal bianco al rosa al rosso, la fioritura avviene per tutta l’estate.

Sono perfette come fiori recisi, come bordure, per la composizione nelle aiuole.

margherita

Consigli per la coltivazione della margherita

La coltivazione della margherita è piuttosto semplice ma occorre rispettare alcune semplici regole.

La margherita necessita  di molta luce; l’ ideale è collocarla in una zona molto soleggiata.

Annaffiature

Tutte le margherite hanno bisogno di annaffiature abbondanti nel periodo di crescita e quando comincia a far caldo. Mantenere il substrato umido ma evitare i ristagni d’ acqua.

Temperatura

La tolleranza rispetto alla temperatura varia molto da una varietà all’ altra. Le margherite arbustive sono le più rustiche: sopportano fino a 5 °C.

Concimazione

L’ astro della Cina e la pratolina si concimano tutte le settimane. La margherita gialla va concimata in basse dosi con la stessa frequenza.

Potatura

Non esiste una vera e propria potatura ma occorre eliminare i fiori avvizziti per far durare la fioritura più a lungo: stimolerà le produzioni successive.

Mescolare diverse varietà di margherite e si otterrà un effetto molto gradevole.

Fioritura

La margherita  fiorisce a seconda del clima, da maggio ad ottobre nelle zone fredde, anche per il resto dell’ anno nelle zone miti.

flowers-113503_960_720

Parassiti e malattie

La margherita è soggetta ad avvizzimenti, una malattia comune nelle specie ornamentali erbacee provocate dal fungo Verticillium dahliae. Si tratta di patologie difficili da debellare che coinvolgono il sistema linfatico della pianta causando alterazioni di diverso tipo. il fungo penetra nella pianta attraverso le e si diffonde rapidamente all’interno di essa per mezzo della linfa, provocando l’avvizzimento della parte epigea.

Nella margherita  l’avvizzimento fungino si riconosce da diversi sintoni: dapprima parte della chioma diventa clorotica ossia più chiara rispetto al normale o quasi gialla, per poi diventare  grigiastra. La crescita è stentata e la pianta  si dissecca.

Occorre dunque intervenire salvaguardando la salute delle piante vicine ancora indenni, quindi eliminando  le piante infette ed anche   il terriccio contaminato.

margherita

Curiosità

La Margherita è un fiore che annuncia e simboleggia la primavera. Gli innamorati la sfogliano per sapere se il loro amore è ricambiato. Il significato attribuito a questo fiore è: SEMPLICITA’, FRESCHEZZA e PUREZZA.

Linguaggio dei fiori

La margherita assume sempre un significato positivo. Si tratta di un fiore che si dona quindi sempre per lieti eventi e per messaggi positivi. Il concetto predominante legato a questo fiore è la verità. Si tratta di un fiore semplice, delicato che purezza ed innocenza, e che simboleggia amore fedele e pazienza.

La margherita simboleggia anche l’innocenza giovanile, tant’è che un tempo le ragazze vi si adornavano i capelli.

Inserita nel bouquet la margherita recisa viene generalmente inserita per  celebrare il 5° anniversario, e un mazzo  di margherite si regala alla neo-mamma in segno di accoglienza del neonato.

Anche la forma del fiore ha il suo significato: i petali a raggiera attorno al disco centrale giallo ricordano il  sole e quindi il fiore  “porta il sole nella vita delle persone”.

 

 

Articoli correlati che possono interessarti

L'hai trovato interessante? Votalo, e dicci come migliorarlo nei commenti
[Voti Totali: 52 Media: 4.3]
oppure sentiti libero di Condividerlo
Share on Facebook
Facebook
9Tweet about this on Twitter
Twitter
Pin on Pinterest
Pinterest
0Email this to someone
email

3 pensieri su “Margherita

  1. Mi piacciono molto le margherite, purtroppo quest'anno le ho comprate ma sono già appassite.

    Adesso provo a tagliarle e vedere se ad aprile ricrescono, non avendo il sole sul balcone è un problema.

    • ciao, ho delle bellissime margherite grose grosse che vengono dalla svizzera. i primi anni erano
      cresciute singole bellissime. poi in seguito ora crescono con tanti fiori sullo stesso stelo.
      Vorrei sapere se devo dividere le radici in autunno ? grazie per la risposta.

  2. Sig.raciao, all'inizio dell'estate ho acquistato delle piante di margherita. le ho piantate in un vaso di coccio. fino all'inizio di agosto era ben fiorita poi i fiori si sono appassite e lo ho tagliate da allora non è più cresciuta neanche una margherita è rimasto un cespuglio grosso verde senza un fiore. cosa devo fare? grazie per un Vs. riscontro

Vuoi fare una domanda? Vuoi dire la tua?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Add your own review

Rating

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.