Liatris

Liatris spicata ‘Schneewitchen’ foto di Stefano Fabre Repetto

Se desiderate un fiore molto appariscente, rustico e perfetto anche come fiore reciso, se desiderate tante farfalle nel vostro giardino, ecco a voi il Liatris.

Il Liatris è una pianta bulbosa rustica molto resistente, si tratta di una perenne coltivata sia a scopo ornamentale che come fiore reciso per i suoi fiori molto particolari e di lunga durata. Il Liatris, originario dell’America settentrionale, ha un  portamento eretto e cespitoso, è caratterizzata dal fogliame stretto e allungato paragonabile a quello di molte graminacee.

Nel periodo estivo dai cespi si sviluppano steli robusti che formano nella parte apicale la spiga fiorita, che inizia a sbocciare partendo dall’alto (e questa è una particolarità di questo fiore). I fiori, pur se piccoli, sono riuniti nella densa infiorescenza cilindrica, e diventano quindi molto appariscenti e scenografici.

Nei vivai generalmente sono reperibili le varietà di Liatris spicata nei colori rosa, porpora brillante, rosa violetto, rosa lilla e bianchi.

La maggior parte delle specie cresce nelle praterie e nelle radure, ma alcune specie preferiscono gli acquitrini o gli specchi d’acqua o fiumi

Classificazione botanica

Il genere Liatris, che conta circa 40 specie, appartiene alla Famiglia Asteraceae.

Principali specie

Il genere Liatris conta una quarantina di specie tutte originarie dell’America del Nord. Considerando che di nove specie sono note alcune distinte varietà naturali, il numero di diversi tipi di Liatris  a settanta.

Liatris spicata

Liatris spicata

Si tratta senza dubbio della specie più nota. Questa specie è originaria del Canada orientale e della fascia costiera orientale degli Stati Uniti fino agli Stati centrali, il suo habitat sono i prati, il margine di acquitrini e i pendii umidi. E’ in grado di  produrre numerosi steli alti la cui altezza arriva a 90 cm, I fiori in bocciolo sono rosa-porpora scuro, quelli aperti rosa-porpora. Le infiorescenze sono molto appariscenti. Ci sono tantissime cultivar tutte una più bella dell’altra.

Liatris aspera

Kristine Paulus – liatris aspera –   CC BY 2.0

 

Questa specie è originaria delle zone sudorientali degli Stati Uniti e fino al Texas, Raggiunge un’altezza massima di 120 cm, ma è generalmente molto più bassa. Ha 20 – 40 capolini  larghi, tondeggianti e disposti in una spiga cilindrica rada. La fioritura ad estate inoltrata.

Liatris cylindrace

Liatris cylindracea –  Aaron Carlson CC BY-SA 2.0

Questa specie è originaria del Canada e del nord-est degli Stati Uniti fino al sud dell’Arkansas, dove cresce in particolare su suoli sassosi. Raggiunge un’altezza massima di 45-50 cmLa fioritura avviene in estate.

Liatris elegans

Questa specie è originaria della fascia che va dalla Virginia al Texas, ed è caratterizzata da lunghe infiorescenze. Raggiunge un’altezza di cm 120 cm. Si distingue per i splendidi colori nell’infiorescenza : bianco-crema e rosa-viola delicatissimo talvolta giallognolo. La fioritura avviene in tarda estate o all’inizio dell’autunno.

Liatris ligulistylis

Liatris ligulistylis –   Nadiatalent CC BY-SA 4.0

Questa specie è originaria del Canada e della fascia centrale degli Stati Uniti fino al New Mexico, Raggiunge un’altezza  di 80 cm, Fiorisce in piena estate producendo fiori cremisi quando in bocciolo e rosa-porpora quando completamente aperti.

Liatris punctata

Liatris punctata –  Matt Lavin CC BY-SA 2.0

 

Questa specie è originaria degli stati centrali del Canada e degli Stati Uniti, dove cresce in praterie tendenzialmente asciutte. Fiorisce  in tarda estate o all’inizio dell’autunno.

Liatris pycnostachya

Questa specie è originaria degli Stati Uniti del Minnesota fino alla Florida ed il Texas, dove vive in praterie umide. Raggiunge un’altezza  di 120 cm, Fiorisce  in piena estate e la fioritura dura spesso  fino alla metà dell’autunno. I fiori attraggono molte farfalle, in particolare Le Monarche. E’ nota

Liatris scariosa

Questa specie è originaria della Pennsylvania e degli stati sud-orientali degli Stati Uniti, dove cresce nelle montagne. La fioritura avviene in tarda estate. Il colore dei fiori è porpora o bianco.

Liatris squarrosa

Liatris squarrosa  

Questa specie è originaria degli Stati sud-orientali e fino al Texas negli Stati Uniti, e  raggiunge l’altezza di 60-90 cm. Fiorisce in piena estate o all’inizio dell’autunno.

Fioritura

ll Liatris fiorisce da luglio in poi, il periodo cambia comunque a seconda delle specie; i fiori sono lunghi circa 30 cm e la fioritura persiste sugli steli anche per settimane. Il colore varia dal bianco al viola e si aprono partendo dall’alto verso il basso.

Data la particolarità delle sue infiorescenze, il Liatris viene utilizzati sia come fiore reciso, per originali composizioni, che come pianta decorativa per le aiuole fiorite.

Consigli per la coltivazione del Liatris

Il Liatris è di facile coltivazione, molto apprezzata per la fioritura che si prolunga per settimane.

Si può coltivare in vaso, in giardino è perfetto per la creazione di macchie nei bordi misti, in aiuole accanto ad arbusti a fioritura bianca

Coltivazione in vaso

Le piante di  liatris possono essere allevate in grandi vasi, nei quali è possibile durante il ciclo vegetativo assicurare la necessaria costante umidità e che possono essere tenuti durante l’inverno in una zona protetta da eccessive precipitazioni meteoriche. Per la coltivazione in vaso  è consigliabile un terriccio universale misto a sabbia.

Rinvaso del Liatris

I liatris coltivati in vaso vanno rinvasati quando le radici fuoriescono dal foro di drenaggio dell’acqua:

Coltivazione in giardino

In Europa si possono coltivare tutte le specie senza particolari problemi, ma sul mercato si trovano per lo più delle varietà di Liatris spicata.

Dopo l’acquisto i cormi vanno piantati in un posto assolato il più presto possibile in un qualsiasi terreno da giardino alla profondità di 7-10 cm e vanno distanziati secondo l’effetto che si desidera ottenere. Se si vuole fare un lavoro preciso  la distanza dovrebbe essere pari circa il doppio del diametro del cormo, mentre in un giardino naturale la distanza può essere molto maggiore.

Ad inizio crescita, prima che emergano i germogli dal terreno si deve essere parsimoniosi con l’apporto di acqua, ma assicurando sempre una leggera umidità del suolo. Poi  le innaffiature devono essere abbondanti durante l’intero ciclo vegetativo evitando anche brevi eventi di siccità. Cos’ si assicura la turgidità del fusto. Si tratta di  una cosa fondamentale per la pianta, una caratteristica che contribuisce in maniera decisiva alla sua bellezza. In Italia le piante fioriscono  tra la fine della primavera e luglio.

A fine autunno di può  decidere se gli organi ipogei possono essere lasciati indisturbati nel suolo oppure dovranno devono dissotterrati e conservati in un luogo ben ventilato, questo a seconda delle precauzioni che si possono prendere in previsione del rischio di ristagno di acqua durante l’inverno. Si può anche decidere di coprire il suolo con materiali impermeabili o di scavare solchi profondi di drenaggio intorno alla zona in cui le piante di Liatris sono coltivate. Se si dissotterrano i cormi dissotterrati per la loro conservazione durante l’inverno occorre pulirli delicatamente dai residui di terra e metterli in recipienti (reti) assolutamente permeabili e metterli in un ambiente asciutto e ventilato. Vanno poi ripiantati all’inizio delle primavera.

Temperatura

Il Liatris non teme il freddo e può essere coltivata senza particolari accorgimenti e senza dover prevedere delle protezioni per la stagione invernale.

Luce

Prediligono posizioni ben luminose soleggiate, ed occorre evitare i luoghi eccessivamente ombreggiati. In ombra, avranno una crescita stentata e non produrranno una fioritura apprezzabile..

Terriccio

Il Liatris tollera senza problemi la comune terra da giardino, ma per uno sviluppo ottimale eper ottenere un’ abbondante fioritura si consiglia di utilizzare del buon terriccio universale, mescolato a sabbia, per aumentare il drenaggio. Durante i mesi freddi temono terreni compatti, pesanti e umidi. Occorre quindi tenere presenti queste esigenze quando si mettono a dimora nuovi esemplari di liatride a spighe, ed è opportuno preparare  un substrato leggero e ben drenato.

Annaffiatura

Per le piante che sono a dimora da tempo è sufficiente l’acqua delle precipitazioni; le giovani piante invece vanno annaffiate da marzo a ottobre regolarmente, ogni volta che il terreno è ben asciutto,. Sopportano senza problemi brevi periodi di siccità. E’ bene verificare che nel terreno intorno alla liatride non si siano formazioni di ristagni d’acqua, che possono essere dannosi in quanto provocano l’insorgenza di marciume radicale.

Per le piante di liatris spicata coltivate in vaso, occorre tener presente che il terreno, nella stagione più calda può asciugarsi più rapidamente ma, nel contempo, un’eccessiva fornitura d’acqua, può far si che le radici rimangano bagnate troppo a lungo.

Liatris spicata ‘Kobold’ – foto di Stefano Fabre Repetto

Moltiplicazione

Il liatris si riproduce per seme. mediante tuberi e per divisione dei cespi.

La moltiplicazione per divisone dei cespi è la tecnica più impiegata perchè le nuove piante fioriscono da subito contrariamente a quelle ottenute per seme ( mese di marzo) che per fiorire impiegano minimo 2 anni.

Inoltre le piante ottenute per seme e non sempre presentano le stesse caratteristiche della pianta madre

Concimazione

Il liatris va concimato in primavera con stallatico ben maturo

Potatura

Dopo la fioritura recidere gli steli alla base. Può risultare conveniente tagliare le spighe sfiorite sotto il capolino più basso che fiorisce per ultimo

Altri consigli per la cura

Le piante allevate in casa vanno spostate in locali non riscaldati e annaffiate di rado fino alla ripresa vegetativa.

Parassiti malattie ed altre avversità

Le Liatris temono l’oidio, in particolare se coltivate troppo fitte, e quindi con scarsa ventilazione ed eccesso di umidità. In caso di attacco è necessario eliminare gli esemplari malati

Altro nemico delle Liatris è il marciume radicale che spesso colpisce bulbi e radici. E’ quindi opportuno porre molta attenzione al drenaggio del terreno nel momento in cui si pongono a dimora nuove piante di questo genere.

Le Liatris possono subire attacchi anche da  lumache e limacce che in primavera divorano i teneri germogli che spuntano dal terreno.

Liatris spicata ‘Kobold’ – foto di Stefano Fabre Repetto

Curiosità

I fiori di Liatris sono particolarmente attraenti per gli insetti, Soprattutto in America per la farfalla La Monarca (Danaus plexippus) – dichiarata “insetto nazionale” sia del Canada che degli Stati Uniti che adora i Liatris. Le spighe servono anche solo come posatoi. Sul web si possono trovare tantissime belle fotografie delle varie specie di Liatris con gli insetti più svariati.

Alcune specie di Liatris vengono impiegate per la produzione di fiori recisi, particolarmente apprezzati per la lunga durata della fioritura

I cormi di Liatris sono molto apprezzati  dai roditori sia in conservazione che durante il ciclo vegetativo.

Tossicità e/o uso erboristico

Non ci sono ricerche scientifiche atte a confermare le proprietà curative di questa pianta ma nell’ antichità veniva impiegata contro le coliche, in cado di indigestione, per l’emicrania. E’ amata dai gatti e non è tossica.

Linguaggio dei fiori

Nel linguaggio dei fiori il Liatris vuol dire “ci riproverò” forse ad indicare la resistenza, la rusticità di questa pianta così spettacolare.

Articoli correlati che possono interessarti

L'hai trovato interessante? Allora votalo!
[Voti Totali: 3 Media: 4.7]
Ti è piaciuto? Allora Condividilo:
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Pin on Pinterest
Pinterest
11Email this to someone
email

Vuoi fare una domanda? Vuoi dire la tua?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Add your own review

Rating

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.