Il tappeto erboso: tipi, costo, messa in posa e manutenzione. Intervista a Daniele Marinotto

Parte integrante del giardino, il tappeto erboso e la sua posa, cura e manutenzione, sono fondamentali sia da un punto di vista estetico sia per quel che concerne la funzionalità stessa del giardino. E’ preferibile un prato a rotoli o un prato a semina naturale? Qual è il costo del tappeto erboso? E come manutenerlo? Queste e altre domande ho rivolto a Daniele Marinotto, da anni progettista, costruttore e manutentore di giardini, oltre che formatore di settore.
Dopo le interviste Il Giardino biologico e come curarlo e La potatura delle piante, in quest’occasione, per la rubrica Passione Giardinaggio, Daniele ci illuminerà sul tappeto erboso con la sua ormai consueta dovizia di particolari. Pronto a prende appunti? Cominciamo!

 

#1. Cos’è il tappeto erboso?

Il tappeto erboso è una parte integrante del giardino, assolve sia alla parte estetica (insieme alle piante) sia alla parte funzionale. Pensa al tappeto erboso come come a una moltitudine di piante da curare e coccolare.

#2. Qual è la funzione del tappeto erboso nell’allestimento di un giardino?

Oltre all’aspetto estetico, dobbiamo tenere presente le convenienze che derivano dal costruire il tappeto erboso e dal piantare alberi e arbusti intorno alle nostre abitazioni.

La più importante funzione svolta dal tappeto erboso nell’allestimento di un giardino è la termoregolazione che svolge, abbassando la temperatura e creando un microclima a noi congeniale.

Altre preziose funzioni del tappeto erboso sono l’assorbimento delle polveri sottili dannose alle nostra salute; la captazione delle precipitazioni meteoriche e, non da ultimo, l’emissione di ossigeno, al pari delle piante.

#3. È preferibile un prato a rotoli o un prato a semina naturale? Perché?

Non vi è alcuna differenza tra il prato pronto e quello seminato, infatti le varietà contenute nel prato pronto sono le stesse che possiamo seminare direttamente sul nostro terreno. La differenza sta nel pronto effetto.

Il prato a rotoli, dopo la radicazione (che in genere avviene in circa dieci giorni) può essere utilizzato immediatamente.

Con il prato seminato, invece, dobbiamo attendere la radicazione e i successivi sfalci fino all’infoltimento prima di poterlo usare.

#4. Quali sono i tipi di tappeto erboso che è possibile installare in un giardino?

Il tappeto erboso deve far parte della progettazione del giardino poiché la composizione del miscuglio da utilizzare, che sia esso composto da microterme o da macroterme, deve prevedere il grado di calpestio sopportabile e la futura manutenzione a cui vogliamo o possiamo sottoporlo.

#5. Quanto costa un tappeto erboso?

Questa è una domanda con due risposte. Il tappeto erboso, infatti, può essere fai da te o commissionato a dei professionisti. Il prezzo comunque non può essere generalizzato, poiché per determinarlo devono essere presi in considerazione diversi fattori, tra i quali: la correzione del terreno, la formazione delle pendenze, la qualità e le varietà delle sementi utilizzate, la tipologia dei concimi e la dimensione dell’area interessata.

Per quanto riguarda il tappeto erboso posato da un professionista, per un lavoro da 500 mq senza troppe problematiche il prezzo per il prato pronto è di circa 10/12,00 euro a mq e per quello seminato di 5/6,00 euro a mq.

Per il tappeto erboso fai da te dobbiamo considerare le caratteristiche e i prezzi dei materiali. I migliori miscugli di sementi devono avere un prezzo che si aggira intorno agli 11,00 euro a kg, devono essere selezionati, micorizzati, con alta purezza e germinabilità (sono queste le caratteristiche di confronto da analizzare quando si acquistano i sementi) da distribuire sul terreno in ragione di circa 30/40 grammi a mq.

I migliori concimi da utilizzare sono quelli a cessione controllata e un sacco da 25 kg costa circa 60/80,00 euro a seconda della composizione e della tecnologia e sono da distribuire a circa 30 gr./mq. L’acquisto del prato pronto a rotolo incide circa 3,5 /5,00 euro a mq, escluso i trasporti.

La differenza tra il tappeto erboso posato dal professionista e il tappeto erboso fai da te sta nella manodopera, nei mezzi per l’esecuzione e nella successiva garanzia e gestione del tappeto dopo la sua formazione.

#6. Come realizzare un tappeto erboso perfetto?

Il tappeto erboso perfetto è quello che soddisfa il proprietario. Come Giardiniere Bioetico, ritengo una cosa naturale la presenza di piante pioniere all’interno del prato e non userei mai i diserbanti selettivi per eliminarle. Altrettanto importante, però, è attuare tutte le tecniche agronomiche per mantenere il prato in salute.

Si comincia con la preparazione del terreno, dopo l’analisi delle condizioni ambientali (quella chimica e quella pedologica) si effettuano le dovute correzioni intervenendo con la correzione della struttura, con la correzione chimica (ph) e con l’integrazione organica.

Il secondo passo da compiere è la scelta del seme da usare: macroterme per le zone con clima invernale mite o caldo (Cynidon dactylon, Paspalum vaginatum, Zoysia japonica, Stenotophrum secundatum ) e microterme per le zone con clima invernale rigido (Festuca arundinacea , festuca rubra, Lolium perenne, Poa pratensis, Agrostide stolonifera). In Friuli e in tutto il nord Italia si usano le microteme mentre ho seminato paspalum in Sardegna e cynodon a Salerno, per farvi capire le aree di utilizzo.

Indispensabile è eseguire o acquistare sementi conciate con le micorrizze (associazione simbiotica tra funghi buoni e radici del prato). In commercio anche i prati in rotolo sono già micorizzati.

In foto potete vedere l’estensione dell’apparato radicale che permette al prato di sopportare periodi siccitosi e captare nutrienti in un’area di terreno davvero notevole. La scelta del seme tiene conto anche dell’utilizzo di varietà rizomatose o cespitose, a seconda della manutenzione o dell’utilizzo a cui è destinato. Ricordate che le rizomatose hanno capacità rigenerative maggiori.

 

Tappeto-erboso-passione-giardinaggio

#7. Quali sono i principali nemici di un tappeto erboso sano?

Il nemico numero uno è il manutentore che per pigrizia o ignoranza esegue tagli troppo bassi, usa concimi agricoli anziché quelli a cessione controllata e non segue una conduzione agronomica corretta programmata, provocando l’insorgenza delle malattie fungine che distruggono il prato lasciando spazio alle piante pioniere (infestanti) che vanno ad insediarsi negli spazi lasciati liberi .

#8. Ci suggerisci 3 consigli per manutenere un buon tappeto erboso?

Il primo consiglio è di fondamentale importanza. Una volta scelte le varietà, l’altezza di taglio è fondamentale per mantenerle in salute: Agrostide 0,5/1,25 cm, Cynodon 1,25/2,5, Poa Festuca rubra e Loietto 2,5/5,00 , Festuca arundinacea 3,75/7,5 cm.

Il secondo consiglio é senz’altro di micorizzare il tappeto erboso. Se non lo avete fatto in fase di semina, potete farlo in fase di arieggiatura o di rigenerazione. E’ fondamentale avere un apparato radicale esteso e in salute, come vi suggerisco nel video.

 

 

Il terzo consiglio è quello di affidare la messa il posa del prato a un Giardiniere Certificato Bioetico (o quantomeno richiedergli una consulenza), poiché è il solo che con la sua esperienza potrà farvi vivere un prato sano e in salute, senza l’utilizzo dei fitofarmaci che vengono utilizzati per il controllo delle malattie delle infestanti. Ricordate che hanno permanenza nel terreno e voi con i vostri bambini o animali dovreste utilizzarlo.

L'hai trovato interessante? Votalo, e dicci come migliorarlo nei commenti
[Voti Totali: 2 Media: 5]
oppure sentiti libero di Condividerlo
Share on Facebook
Facebook
10Tweet about this on Twitter
Twitter
Pin on Pinterest
Pinterest
0Email this to someone
email

Vuoi fare una domanda? Vuoi dire la tua?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.