Callisia

Callisia repens

Callisia repens  Mokkie  CC BY SA 3.0

Se c’è una cosa che amo tantissimo sono i cesti sospesi. Danno quel tocco di freschezza quel senso di allegria. Tra le piante idonee per la coltivazione in cesti sospesi troviamo la Callisia, una pianta molto apprezzata per il suo valore ornamentale. E’ piccola, produce belle foglie carnose e cadenti che regalano un effetto molto gradevole.

Ma i pregi di questa pianta sono anche altri:  è in grado di resistere anche alla mancanza d’acqua e alla mancanza di luce. Ma non ve ne approfittate: se viene curata adeguatamente ci ripagherà con  un fogliame verde vivo all’esterno e viola all’interno, rendendosi perfetta per  arredare gli angoli di casa.

E’ una piante erbacea, perenne, con fusti striscianti, succulenti, dai quali partono i rami risorgenti che sono completamente ricoperti dalle foglie, inguainanti alla base ed alterne.

É  molto apprezzata perché in grado di adattarsi  a diverse situazioni pedoclimatiche e perché non richiede particolare cure colturali.

Il genere Callisia appartenente alla famiglia delle Commelinaceae, il genere comprende piante che ricordano tantissimo  la Tradescanzia con le quali vengono sono confuse. Sono originarie del Messico e delle zone tropicale del nord e sud America.

Classificazione botanica

Il genere Callisia appartenente alla famiglia delle Commelinaceae.

Principali specie

Sono note numerose specie nel genere Callisia tra queste  le più diffuse sono:

Callisia elegans

Callisia elegans

Callisia elegans  Oeropium  CC BY3.0

Si tratta senza dubbio della specie più diffusa e coltivata.

E’ una pianta succulenta perenne strisciante, caratterizzata da foglie piccole, ovali e appuntite della lunghezza di  5-10 cm e di un bel colore verde oliva nella pagina superiore e viola in quella inferiore con striature bianche.

Dall’autunno all’inverno produce piccoli fiori  bianchi poco appariscenti, Fiorisce.

Callisia fragrans

Callisia fragrans

Callisia fragrans  Yercaud-elango   CC BY SA 4.0

Questa specie, originaria del Messico, produce foglie cerose disposte lungo il fusto, alla base sono talmente avvolgenti che formano delle vere e proprie rosette di foglie. Il colore nella pagina inferiore è violaceo.

dall’inverno alla primavera produce piccoli fiori bianchi, , profumati

Callisia repens

La Callisia repens è una piccola pianta perenne strisciante che non arriva a superare i 50 cm di altezza. E’ caratterizzata da un fusto ramificato, lungo e prostrato. Dal fusto partono le  piccole foglie cerose verdi nella pagina superiore e viola in quelle inferiori.  In autunno produce piccoli fiori bianchi.

Fioritura

La Callisia fiorisce generalmente durante il periodo estivo. I fiori non hanno un grande valore ornamentale, sono  isolati o riuniti  in infiorescenze spiciformii petali sono generalmente  bianchi – traslucidi ma in alcune specie possono essere rosa.

Consigli per la coltivazione della Callisia

La Callisia ha un’ottima rusticità e  non richiede particolari cure di coltivazione.  E’ in grado di adattarsi alle diverse situazioni pedoclimatiche ma occorre considerare, e questo vale sempre per tutte le piante, il luogo di origine. Nel caso della Callisia sono i paesi caldi, pertanto preferisce temperature che durante i mesi invernali non siano eccessivamente bassi.

Preferisce  stare in pieno sole ma cresce anche in mezz’ombra. In tal caso perderà le screziature e la colorazione violacea delle foglie. E’ perfetta per essere coltivata  in panieri sospesi.

Coltivazione in vaso

La Callisia necessita di un rinvaso annuale in quanto la sua crescita è piuttosto veloce. Per il rinvaso è bene usare un  terriccio universale. Non occorre un vaso grande perché dura, purtroppo, poco  ma è facile moltiplicarla  per talea, quindi non scoraggiatevi.

Coltivazione in terrazzo o davanzale

Se avete un terrazzo coperto potete sfruttare il fatto che la Callisia può essere coltivata con successo  nei panieri sospesi oltre che negli altri vasi. Possibilmente scegliere un’esposizione luminosa dove possa ricevere i raggi del sole.

Temperatura

Si adatta facilmente alle temperature. Ma se vogliamo farla felice consideriamo che la sua temperature ideale è  18 °C. IN caso di caldo eccessivo è opportuno verificare se l’ambiente è abbastanza umido. Durante i mesi freddi è meglio tenere la pianta tra i 10 e i 15 °C cosi da consentirle di entrare  nel riposo vegetativo.

Luce

La Callisia necessita di luce ma non deve essere eccessivamente intensa.

Terriccio

Si adatta bene anche per quel che concerne il  terreno. E’ comunque consigliabile impiegare un  buon terriccio fertile che garantisca sempre  un buon drenaggio dell’acqua di irrigazione perché questa pianta non ama i ristagni idrici.

Annaffiatura

La Callisia va annaffiata abbondantemente  durante il suo periodo di crescita in quanto il terreno necessita  di essere costantemente umido. Durante i periodi di caldo intenso andrebbe nebulizzato il fogliame. Durante i mesi di riposo vegetativo le irrigazioni vanno ridotte ed è sufficiente mantenere il terreno umido.

Sopporta anche la mancanza di acqua ma ne risentirà la colorazione del fogliame. E’ molto importate evitare ristagni idrici.

Moltiplicazione

La Callisia può essere moltiplicata  per talea e mediante divisione dei cespi.

Si prelevano talee, lunghe circa 10 centimetri e si  mettono a radicare in un miscuglio di torba e sabbia in parti uguali oppure in un po’ d’acqua come avviene  con il Cisso e il Pothos. Nel momento in cui spuntano le piantine si possono travasare nei vasi avendo cura di non mettere più germogli nello stesso vaso

Concimazione

Va concimata ogni 15 giorni a partire dalla primavera e per tutta l’estate impiegando un  fertilizzate liquido che da sciogliere nell’acqua di annaffiatura. Il concime deve avere sia macroelementi che microelementi.

Potatura

La Callisia non si pota, occorre però eliminare le foglie che via via seccano onde evitare che si trasformino  in veicolo di malattie parassitarie.

Parassiti, malattie ed altre avversità

E’ una pianta robusta, tuttavia non è immune da attacchi. Soprattutto da parte delle lumache che nutrendosi dei teneri germogli ne rallentano la crescita, Per tenere lontano le lumache è sufficiente spargere ai piedi delle piante un po’ di cenere del camino.

Può essere anche attaccata  dagli afidi che formano dense colonie tra le ascelle delle foglie. Gli afidi possono essere combattuti con un antiparassitario naturale all’aglio o all’ortica.

Se notate che i suoi rami sono spogli forse c’è poca luce.

Se le foglie appaiono come bruciate forse la pianta è, al contrario, troppo esposta ai raggi del sole.

Se la vostra Callisia sta  perdendo le foglie alla base cogliete l’occasione per rinnovarla per talea.

La Callisia non tollera il marciume delle radici. Per evitarlo  si consiglia di svuotare il sottovaso dopo 30 minuti dalle annaffiature.

Curiosità

É largamente impiegata pianta da terrario, perché è adatta all’alimentazione di rettili.

La Callisia fragrans, per la sua capacità di rapida crescita nelle zone subtropicali è anche chiamata pianta polpo, in quanto considerata infestante.

In Brasile si dice che la Callisia repens sia una pianta che porti fortuna e denaro alla persona che ricevono un piatto con i germogli della pianta come un dono.

Tossicità

Non è tossica, ma può diventarla se  si ingeriscono  una grande quantità di foglie. La Callisia fragrans può provocare dermatiti da contatto nei gatti

Linguaggio dei fiori

La Callisia porta fortuna, regalarla è quindi di buon auspicio.

 

Articoli correlati che possono interessarti

L'hai trovato interessante? Votalo, e dicci come migliorarlo nei commenti
[Voti Totali: 0 Media: 0]
oppure sentiti libero di Condividerlo
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Pin on Pinterest
Pinterest
3Email this to someone
email

Vuoi fare una domanda? Vuoi dire la tua?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.