Anice

Con il nome Anice vengono raggruppate diverse specie, ma non hanno nessuna parentela botanica tra di loro. C’ è solo una caratteristica che li accomuna cioè, l’ aroma dei loro frutti che risulta essere identico. E’ una pianta annuale, dal fusto rotondeggiante e radice fusiforme; può raggiungere un metro di altezza. Il fusto è ramificato, porta delle foglie alternate poco numerose. I fiori dell’ Anice sono piccoli, bianchi e disposti in infiorescenza a ombrello. Il suo frutto è un achenio.

FIORITURA: La fioritura avviene in piena estate.

LUCE: Predilige esposizioni soleggiate.

ACQUA: Le annaffiature devono essere regolari ma non eccessive. Evitare i ristagni idrici.

CONSIGLI: Utilizzare un terreno leggero, finemente lavorato. Si riproduce per semina in primavera in serra o semenzaio. Per germogliare impiegano circa un mese, dopo di che le piantine crescono rapidamente. Dell’anice si usa il frutto, che si raccoglie ad agosto, circa un mese dopo la fioritura. Le ombrelle si raccolgono quando non sono ancora completamente secche ed iniziano ad assumere colorazione scura. Le piante raccolte si fanno essiccare all’ombra, in mazzi o strati sottili su telai. Si battono su un telo e si setacciano per separare i frutti dalle altre parti della pianta.

CURIOSITA’: Questa pianta è originaria delle regioni mediterranee. E’ parecchio utilizzata in cucina per comporre dolci,  pani aromatici, liquori, caramelle ecc. Molto efficace anche per le sue proprietà terapeutiche: stomachiche, spasmolitiche, balsamiche. E’ utile in caso di asma, tosse nervosa, coliche dei lattanti.

Ti piace l'articolo? Allora votalo! Usa i commenti e dicci cosa migliorare.
[Voti Totali: 0 Media: 0]
Ti è piaciuto? Allora Condividilo:
Share on Facebook
Facebook
8Share on Google+
Google+
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Pin on Pinterest
Pinterest
0Email this to someone
email

Vuoi fare una domanda? Vuoi dire la tua?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Add your own review

Rating