Araucaria heterophylla (Pino di Norfolk)

Araucaria heterophylla

Araucaria heterophylla – Pino di Norfolk (foto Pat M2007 CC BY-NC-ND 2.0)

L’ Araucaria heterophylla (sin. Araucaria excelsa) è la pianta perfetta per il proprio giardino e per il proprio appartamento. Alla famiglia delle Araucariaceae appartengono specie che raggiungono altezze impressionanti, veri e propri colossi naturali. Questa specifica scheda, però, riguarda una la specie heterophylla, l’unica del genere di appartenenza a poter essere coltivata anche in vaso.

Immaginate un grande albero, un pino dalle incredibili dimensioni e dalla vertiginosa altezza. Non sarebbe fantastico poterlo piantare e far crescere davanti la propria abitazione, per sfruttarne l’ombra, ovvero per rendere il giardino ancor più affascinante? Tutto questo è possibile. Immaginate, invece, di far entrare una specie arborea simile direttamente in casa. Impossibile? No, anche questo si può fare.

Il Pino di Norfolk (Araucaria heterophylla) è l’unica specie che può essere coltivata in spazi ridotti, quindi in vaso e in appartamento. Può essere anche lasciata libera in spazi aperti, per vederla crescere in modo incredibile.

Il portamento maestoso rende tale pianta affascinante e la regolarità (si può parlare quasi di perfetta simmetria) con cui crescono i singoli rami è una caratteristica che la rende ancor più bella. Dei veri e propri piani regolari riempiti dai tantissimi aghi di colore verde scuro. Colore che può variare, assumendo tonalità più chiare, quando coltivata in appartamento.

È il momento di rispondere alla domanda che gira tra i vostri pensieri fin dalla lettura del titolo. Perché l’Araucaria heterophylla è conosciuta come Pino di Norfolk? Tale identificazione deve essere ricollegata al botanico inglese Joseph Banksnel, che scoprì l’Araucaria proprio nell’Isola di Norfolk, in Australia.

I più bravi in geografia sicuramente avranno notato un particolare richiamo ad una regione cilena ben precisa. Nella provincia di Arauco, regione di Bìo Bìo, l’Araucaria heterophylla è una pianta molto comune. Grazie alle particolari condizioni climatiche del Paese riesce a svilupparsi con estrema facilità, raggiungendo altezze considerevoli. Chiusa questa piccola parentesi di geografia, possiamo tonare a sottolineare il fatto che il nome di Pino di Norfolk è stato assegnato per merito di Banksnel.

Araucaria heterophylla in piena terra

L’eleganza di una grande pianta: bellissimo esemplare di Pino di Norfolk – Araucaria heterophylla (Austronesian Expeditions CC BY-NC-ND 2.0)

Araucaria heterophylla: il Pino di Norfolk in casa

La specie che stiamo descrivendo può raggiungere anche nel nostro Paese, quando coltivata in piena terra nelle regioni con clima più mite, altezze considerevoli. Non è raro trovare l’heterophylla in luoghi poco distanti dal mare. Quando coltivata in casa, invece, non supera i 2 metri di altezza.

Per dare una descrizione generale della Araucaria heterophylla possiamo definirla come conifera sempreverde a crescita lenta (circa 15cm all’anno), con aghi dal colore verde intenso e pochi rami molto ordinati (un pino dalla forma piramidale). Il verde degli aghi più vecchi crea con la tonalità più chiara di quelli più giovani un contrasto cromatico molto piacevole.

Ha un apparato radicale molto sviluppato: per la coltivazione in casa si consiglia di optare per un vaso abbastanza profondo. La sua grande chioma conica dona allo specifico ambiente interno, ove la pianta è collocata, un aspetto totalmente diverso. Chiunque sarà attratto dalle sue forme perfette e dalla sua semplicità. Poi, avere un pino in casa è una tentazione difficilissima da controllare.

Vigorosa ed elegante: l’ Araucaria heterophylla era utilizzata come pianta da appartamento già alla fine dell’800. In seguito, a partire dagli anni Venti, è diventata il simbolo dell’eleganza naturale in casa. Infatti, si sposa perfettamente con un arredamento di pregio classico. Un grande ambiente con un mobilio di raffinata fattura e con questa pianta in un angolo era (ancora oggi è così) espressione di stile.

Dove posizionare il Pino di Norfolk in casa? Per valorizzare l’ambiente domestico di riferimento e per valorizzare la stessa pianta, si consiglia di scegliere una posizione isolata. L’importante è assicurarle tanta luce.

L’ Araucaria heterophylla come albero di Natale? Pianta verde tutto l’anno, coloratissima a dicembre. Il Pino di Norfolk può essere tranquillamente addobbato con tutti gli accessori e le lucine che ogni anno danno il benvenuto al Natale. Passato il periodo di festa, l’alberello casalingo torna a vestire i panni, anzi gli aghi, di una bellissima specie di pino da appartamento.

Classificazione botanica

Regno: Plantae;
Divisione: Pinophyta;
Classe: Pinopsida;
Ordine: Pinales;
Famiglia: Araucariaceae;
Genere: Araucaria;
Specie: Araucaria heterophylla (sinonimo Araucaria excelsa).

Fioritura

La fioritura dell’ Araucaria heterophylla avviene dopo circa 15/20 di età. Niente fiori colorati, ma strobili dalla sferica forma.

I semi, che si disperdono in autunno quando i coni hanno raggiunto la maturazione, sono contenuti nei coni globosi degli esemplari femminili. Sono di colore marrone chiaro.

Consigli per la coltivazione dell’ Araucaria heterophylla (Pino di Norfolk)

L’insieme di appartenenza è quello delle piante facili da coltivare. Le cure per il Pino di Norfolk si riducono a pochissime operazioni, sia quando coltivato in casa, sia quando piantato in giardino.

Coltivazione in vaso

Scegliere un vaso di media grandezza, ma abbastanza profondo. Anche se l’ Araucaria heterophylla è una pianta a crescita lenta, l’apparato radicale è molto sviluppato ed ha bisogno di spazio in profondità. In poco tempo occuperanno tutto lo spazio che hanno a disposizione e per evitare il loro soffocamento sarà necessario trasferire la pianta in un vaso più grande.

Quando effettuare il rinvaso? Il periodo primaverile è perfetto per portare a termine questa operazione, che deve essere fatta ogni due anni circa.

Araucaria heterophylla in vaso

Piccolo Pino di Norfolk (Araucaria heterophylla) in vaso (foto NC Cooperative Extension Horticulture CC BY 2.0)

Coltivazione in piena terra

Inutile descrivere la bellezza del Pino di Norfolk in giardino. Una grande pianta che maestosa domina tutte le altre specie vegetali presenti e che incrementa in modo esponenziale il valore estetico del personale angolo verde.

L’ Araucaria heterophylla ha bisogno di tanto spazio, quindi meglio piantarla in un angolo del giardino e lontano da altre piante di media grandezza. Con le giuste cure riuscirà a vivere per tanti anni.

Pino di Norfolk in giardino

Giovane esemplare di Araucaria heterophylla in giardino (foto Melanie J Watts CC BY-NC 2.0)

Temperatura

Il clima mediterraneo di molte regioni del nostro Paese assicura le ideali condizioni per lo sviluppo di questa conifera sempreverde. La temperatura ideale per l’ Araucaria heterophylla è compresa tra i 10 e i 24°C.

In casa: quando coltivata in vaso la pianta deve essere tutelata da correnti d’aria e dal calore diretto di termosifoni o altro.

In piena terra: sopporta bene le alte temperature, mentre qualche problema potrebbe presentarsi quando si scende sotto i 5°C.

Luce

L’ Araucaria heterophylla necessita di tanta luce. Se coltivata in casa si consiglia di scegliere una stanza molto luminosa, evitando i raggi diretti del sole. Accortezza che deve essere presa anche quando, nelle stagioni più calde, viene trasferita su grandi terrazzi. Far prendere aria al Pino di Norfolk in vaso è utile per far rinvigorire la pianta, la quale diventa più forte e pronta ad affrontare nel migliore dei modi la stagione autunnale e l’inverno.

Terriccio

Il terriccio ideale per l’ Araucaria heterophylla è ricco di sostanza organica, con pH acido e ben drenato. Il substrato perfetto è composto da terriccio organico (con foglie decomposte e aghi di pino), al quale aggiungere pietra pomice, ghiaia o argilla espansa per aumentarne la capacità drenante. I ristagni di acqua potrebbero causare marciume radicale.

Innaffiature

Coltivazione in vaso: le irrigazioni devono essere regolari e nel periodo della vegetazione (da marzo ad agosto) devono essere almeno due a settimana, cercando di mantenere un basso livello di umidità del terreno. Procedere solo quando il substrato è asciutto, per evitare marciume radicale e la caduta degli aghi. In inverno le innaffiature devono avvenire ogni 2 settimane circa. In casa, per contrastare il fattore aria secca, a causa dei riscaldamenti, è possibile effettuare delle regolari nebulizzazioni sulla chioma.

Coltivazione in piena terra: l’ Araucaria heterophylla si accontenta dell’acqua che dal cielo viene giù. Solo in caso di periodo di siccità prolungata sarà opportuno intervenire.

Moltiplicazione

L’ Araucaria heterophylla si riproduce per semi. In questo caso è difficilissimo ottenere esemplari con le stesse caratteristiche della pianta madre. I rami saranno più sottili, meno ordinati e contorti. Solo Madre Natura può con successo portare a termine questa tipologia di riproduzione, che per l’uomo è incredibilmente difficile.

La moltiplicazione può avvenire anche per talee di punta. Operazione più rapida e che assicura una crescita eccellente. Non è facile e si consiglia di rivolgersi ad esperti floricoltori specializzati, i quali possono portare a termine l’operazione in serra.

Concimazione

Un fertilizzante liquido (anche granulare può andar bene) per piante acidofile è perfetto, da somministrare ad ogni irrigazione (nel periodo vegetativo). Nel periodo invernale le concimazioni devono essere sospese.

Potatura

Eliminare solo i rami morti o danneggiati, senza mai tagliare la punta della pianta. Tali interventi servono solo per preservare la forma ordinata a piramide.

Quando coltivata in piena terra, l’intervento di un esperto può essere necessario per evitare che la pianta cresca in modo disordinato e per farla sviluppare principalmente in altezza.

Potatura Pino di Norfolk

Mai tagliare la punta dell’Araucaria heterophylla durante la potatura (Ernest McGray, Jr. CC BY-SA 2.0)

Parassiti, malattie e altre avversità

La principale minaccia per l’ Araucaria heterophylla è la cocciniglia, che solitamente attacca il tronco. Un intervento primario con olio bianco e un successivo intervento con un antiparassitario specifico bastano per tutelare la pianta e allontanare la minaccia.

Attenzione ai ristagni idrici: il marciume radicale è frequente.

Curiosità

L’ Araucaria heterophylla ha capacità depurative dell’aria. Rientra tra le piante che puliscono l’aria domestica. Riesce ad assorbire le sostanze tossiche sprigionate da materiali edili o da prodotti chimici normalmente utilizzati per l’igiene della casa e trasformarle in ossigeno.

Il Pino di Norfolk, così come tutte le altre specie appartenenti al genere Araucaria, ha origini lontane, anzi lontanissime. Reperti fossili dimostrano che il genere Araucaria esisteva anche prima dell’era Mesozoica.

Il numero più alto di specie di Araucaria si registra sulle isole della Nuova Caledonia, dove le condizioni climatiche assicurano un habitat perfetto.

Articoli correlati che possono interessarti

Ti piace l'articolo? Allora votalo! Usa i commenti e dicci cosa migliorare.
[Voti Totali: 0 Media: 0]
Ti è piaciuto? Allora Condividilo:
Share on Facebook
Facebook
6Share on Google+
Google+
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Pin on Pinterest
Pinterest
48Email this to someone
email

Vuoi fare una domanda? Vuoi dire la tua?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Add your own review

Rating

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.