Rhapis

Species from China Common name: Lady Palm Photographed at the Conservatory of Flowers

Species from China
Common name: Lady Palm
Photographed at the Conservatory of Flowers

Foto wikipedia CC BY SA di Eric in SF

Classificazione botanica

In questo genere ritroviamo le signore delle palme, si tratta di palme splendide, molto diffuse grazie alla loro semplicità di coltivazione ed alla loro bellezza che le rendono veramente uniche e quasi sempre presenti in tutte le case.

Le rhapis fanno parte della famiglia delle Arecaceae. Un genere, il Rhapis, in cui si ritrovano le signore delle palme (lady Palm). Si tratta di meravigliose palme, diffusissime per la facile coltivazione e per la bellezza notevole.

Caratteristiche generali

Il genere Rhapis appartiene alla famiglia delle Arecaceae, un genere che include  piante che trovano le loro origini in Asia, Cina e Giappone.

Sono palme con lunghi steli rigidi, senza ramificazioni, con foglie a forma di ventaglio divise in segmenti di numero che varia a seconda della specie, provviste di un sottile picciolo con nervature parallele piuttosto evidenti e con i margini dentati leggermente.

I fiori sono raggruppati in infiorescenze ramificate e sono di colore giallo, arancio, rosa  in base alla varietà. Le Rhapis sono piante dioiche quindi ci sono  “piante femminili” e “piante maschili

I frutti sono oblunghi e hanno un solo seme per frutto.

Principali specie

Rhapis conta circa 12 specie le più note sono:

RHAPIS EXCELSA

La Rhapis excelsa è la specie più nota e più diffusa diffusa tra quelle del genere. E’ chiamata la signora delle palme.

Con le giuste condizioni può essere coltivata  sia all’interno che all’esterno. La sua altezza può raggiungere i 3-4 metri, ma la crescita è molto lenta.

Ha foglie che ricordano il bambù  con steli lunghi e rigidi, senza ramificazione, con il diametro che va da 1 a 3 cm. Gli steli sono ricoperti da materiale fibroso ( la guaina fogliare). Le foglie sono a ventaglio e sono suddivise in 5-8 segmenti. I  gambi sono lunghi 30 cm .

I fiori della Rhapis excelsa  sono rosati.

RHAPIS HUMULIS

La Rhapis umilis somiglia molto alla Rhapis  excelsa. La differenza è nel fusto che nella umilis è di  diametro più sottile. E’ caratterizzata da foglie lunghe fino a 25-30 cm, a forma di ventaglio divise in 10-20 segmenti. Rispetto alla Rhapis excelsa  è meno diffusa.

e ancora:

  • Rhapis Cochhinchinensis
  • Rhapis gracilis
  • Rhapis Micrantha
  • Rhapis Multifida
  • Rhapis Robusta
  • Rhapis Siamensis
  • Rhapis Subtilis
  • Rhapis Vidalii

Consigli su Come coltivare la Rhapis

La Rahpis ha una coltivazione facile. Ed è di crescita molto lenta

La temperatura ideale in primavera estate è di circa 20°C mentre durante la stagione fredda le temperatura  non dovrebbe scendere sotto i 10°C. Per periodi brevi la Raphis tollera anche temperature più rigide, anche di zero gradi, se per brevi periodi.

La Rahpis ama la luce ma non il sole diretto, se esposta fuori deve stare all’ombra.

Le foglie della Raphis sono molto grandi ed è facile che si impolverino. Vanno regolarmente pulite con  un panno morbido imbevuto con acqua.

Annaffiatura

La Rahpis richiede abbondanti annaffiature durante la bella stagione. Durante i mesi freddi le annaffiature devo essere sufficienti a non fare seccare il terreno. Durante tutto l’arco l’anno, è opportuno vaporizzare le fronde con acqua tiepida per manterene l’ambiente umido intorno alla pianta.

Attenzione ai ristagni idrici non tollerati da questa pianta. Per scongiurare il pericolo, oltre alle dovute attenzioni si possono utilizzare sassi in fondo al vaso

Terreno

La Rhapis si rinvasa biennalmente nei mesi di marzo-aprile, con un buon terriccio fertile miscelato con un po’ di sabbia grossolana per consentire il drenaggio dell’acqua di irrigazione.  Per le Rahpis è sconsigliato utilizzare vasi troppo grandi, è bene arrivare ad un massimo di 30 cm di diametro, successivamente ci si può limitare al rinnovo dei primi 5 centimetri del terreno.

Concimazione

Durate la bella stagione occorre concimare settimanalmente con un concime completo che contenga tutti i nutrienti utili al corretto e rigoglioso sviluppo della pianta.

Fioritura

Le Raphis fioriscono durante l’estate. I loro fiori sono raggruppati in infiorescenze che partono dall’ascella delle foglie. I fiori cambiano colore a seconda della varietà e possono essere di colore giallo, arancio, rosa.

Moltiplicazione

La moltiplicazione della Raèhis è semplicissima, avviene tramite i germogli che si formano alla base della pianta e che possono essere asportanti nel mese di aprile o di settembre. E’ sufficiente separarli dalla pianta  madre con un po’ di radici.

le parti tagliate vanno tagliate con della polvere di zolfo e vanno poi piantatati in vasi singoli usando lo stesso terreno che si utilizza  per le piante adulte.

 

Potatura

Per le piante di Rhapis ci si limita ad asportare le foglie secche per scongiurare il rischio che veicolino malattie parassitarie. Per i tagli, e questo vale per tutte le piante, usare cesoie o coltelli disinfettati e sterilizzati.

 

Parassiti e malattie

Ecco i problemi più comuni che si possono riscontrare con questo genere di piante. Alcuni sono legati alla non corretta “manutenzione” della pianta: posizione sbagliata, poca umidità etc, altre sono legate all’attacco di acari o insetti. Vediamoli insieme.

Le foglie si ustionano

Un’ esposizione diretta al sole può causare ustione nelle foglie. .
le foglie danneggiate vanno eliminate e la pianta va spostatata dove non prende sole diretto.

Macchie scure sulle foglie

La cocciniglia  è uno dei problemi che si possono riscontrare nella Rhapis. Si possono eliminare con un batuffolo di cotone imbevuto di alcool, si può lavare la pianta con acqua e sapone neutro e si possono usare antiparassitari specifici.

 Le punte delle foglie sono secche

La poca umidità ambientale può fare insecchire le punte delle foglie. Occorre vaporizzare regolarmente la pianta con acqua tiepida. La parte secca della foglia può essere tagliata

Foglie che ingialliscono, e sono macchiettate di giallo e marrone

Il ragnetto rosso, un acaro fastidioso e dannoso, provoca ingiallimento delle foglie, il loro accartocciamento e la loro caduta. Si devono aumentare le nebulizzazioni alla chioma e di deve usare un insetticida specifico

Curiosità

Il nome Rhapis deriva dal greco “rhapís” che significa «verga, frusta» ad indicare i suoi fusti lunghi e sottili che ricordano le canne.

La Rhapis Excelsa fa parte delle piante capaci di purificare l’aria degli ambienti chiusi. E’ molto resistente agli insetti ed è in grado di assorbire composti organici volatili. nelle proprie case o in ufficio, dunque, oltre ad arredare elegantemente, disinquina l’aria.

Linguaggio dei fiori

Non esiste un’indicazione specifica per questo genere, ma come per tutte le palme anche la Rhapis porta con sé messaggi positivi. Regalarla è dunque sempre di buon augurio.

L'hai trovato interessante? Votalo, e dicci come migliorarlo nei commenti
[Voti Totali: 2 Media: 4.5]
oppure sentiti libero di Condividerlo
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Pin on Pinterest
Pinterest
39Email this to someone
email

Vuoi fare una domanda? Vuoi dire la tua?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.