Haemanthus

Coltivazione Haemanthus

Scopriamo insieme come prendersi cura dell’ Haemanthus, pianta delicata e bellissima (foto Leonora (Ellie) Enking CC BY-SA 2.0)

Il genere Haemanthus comprende circa 50 specie di bulbose originarie delle regioni più a sud del continente africano. Un genere molto conosciuto e particolarmente apprezzato per le bellissime fioriture offerte da ogni singola specie ad esso appartenente.

Tanti pennelli colorati (la particolare forma dei fiori ricorda proprio quella dei pennelli da barba) in grado di valorizzare in modo incredibile qualsiasi ambiente.

L’ Haemanthus presenta un carnoso bulbo che ama farsi ammirare nelle sue più luminose tonalità di verde nella parte esposta alla luce. Dallo stesso si sviluppano le carnose foglie che dal basso sembrano proteggere il prezioso fiore, spingendolo sempre più in alto. Foglie simili a quelle dell’Orchidea Phalaenopsis, coriacee, dalla forma lanceolata e prive di peluria (solo un paio di specie presentano foglie ricoperte da piccolissimi peli). Non tutte le specie presentano le stesse caratteristiche per quanto riguarda le foglie: alcune sviluppano una vera e propria rosetta di foglie alla base; altre hanno foglie in numero limitano (anche solo due o una).

Sono i fiori dell’ Haemanthus a donare alla pianta un aspetto leggero e raffinato. Portati in un’ombrella, i fiori sembrano delle piccole stelle voluminose o, come detto in precedenza, piccoli pennelli.

Stelle o pennelli? Il secondo termine è quello maggiormente utilizzato per descrivere specie e varietà che rientrano in questo numeroso genere, ma il primo riesce al meglio a descrivere l’incredibile luminosità dei fiori dalla globosa forma. Hanno fiori più piccoli rispetto alle altre Amaryllidaceae, ma particolarmente attraenti perché ammassati tutti insieme dolcemente.

Non stiamo descrivendo piante facilissime da coltivare, le quali necessitano di ben precise condizioni climatiche. Però, le diverse tecniche colturali da mettere in pratica, per ottenere piante forti e affascinanti durante la fioritura, non possono essere assolutamente definite come “impossibili”. Qualche piccola accortezza e il risultato finale lascerà tutti a bocca aperta.

Classificazione botanica

La famiglia di appartenenza del genere Haemanthus è stata già nominata, non resta che analizzare le altre informazioni per una corretta classificazione:

Dominio: Eukaryota;
Regno: Plantae;
Divisione: Magnoliophyta;
Classe: Liliopsida;
Ordine: Asparagales;
Famiglia: Amaryllidaceae;
Genere: Haemanthus.

Principali specie e varietà

Sono più di 20 le specie appartenenti al genere di riferimento, tutte incredibilmente affascinanti e con le medesime caratteristiche colturali. Di seguito quelle maggiormente conosciute e diffuse.

Haemanthus albiflos

Specie che richiede dai 2 ai 5 anni per raggiungere il massimo sviluppo. È facile da coltivare (sia in vaso, che in giardini costieri) e riesce a raggiungere un’altezza massima di circa 30cm.

Presenta foglie persistenti di colore verde scuro (in alcuni casi anche particolari sfumature tendenti al grigio) e grandi fiori bianchi. Predilige posizioni di ombra parziale e non ama essere spostata e rinvasata con frequenza.

Per la coltivazione in vaso si consiglia di non utilizzare contenitori troppo profondi e di non collocarli in zone soggette a correnti d’aria e particolarmente esposte agli agenti atmosferici. Queste ultime sono indicazioni da tenere bene a mente quando tale specie è coltivata come pianta decorativa per balconi e terrazzi.

L’ Haemanthus albiflos non tollera le basse temperature e necessita di un terreno ricco di sostanza organica e sempre ben drenato.

Specie Haemanthus albiflos

Come coltivare l’ Haemanthus albiflos (By Michael Wolf [GFDL, CC-BY-SA-3.0 or CC BY 2.5 ], from Wikimedia Commons)

Haemanthus coccineus

Altra specie molto diffusa e che presenta un bulbo dal diametro di circa 8 cm. Ha foglie lanceolate molto grandi e in numero limitato (al massimo due o tre foglie che possono raggiungere anche i 50 cm di lunghezza) e che cominciano a svilupparsi dopo il periodo della fioritura.

Affascinanti le ombrelle dense di piccoli fiori di colore rosso.

È una specie che può essere coltivata come pianta solitaria o insieme ad altre specie: in quest’ultimo caso l’effetto decorativo sarà meraviglioso.

I semi dell’ Haemanthus coccineus devono essere piantati in un terreno abbastanza sabbioso e ben drenato, mentre le piccole piantine acquistate dovranno essere messe a dimora in vasi poco profondi.

Le annaffiature dovranno essere frequenti dopo aver piantato i semi o dopo la messa a dimora della giovane pianta, almeno fino a quando non si svilupperanno le prime foglie. importantissimo è assicurare sempre a questa specie un terreno ben drenato.

specie haemanthus coccineus

Coltivazione Haemanthus coccineus (By James Steakley [CC BY-SA 3.0 or GFDL], from Wikimedia Commons)

Haemanthus katherinae

Specie che cresce spontanea nelle regioni del Sud Africa e che riesce a raggiungere anche i 60 cm di altezza. Presenta foglie decidue e fiori di colore rosa (o rossi) che fanno la loro apparizione nei mesi più caldi dell’anno. Come le altre due specie prima descritte, anche questa non tollera bene le basse temperature.

haemanthus katherinae

Haemanthus multiflorus ssp. Katherinaea (By Roland zh [CC BY-SA 3.0 ], from Wikimedia Commons)

Haemanthus multiflorus

Bulbosa originaria dell’Africa Centrale dalla primaverile fioritura. Grandi fiori di colore rosso si sviluppano su steli molto alti (fino a 90 cm) e grandi foglie cominciano a svilupparsi a partire dalla fine della primavera. Necessita di molta luce, ma è sempre meglio evitare un’esposizione sotto i diretti raggi del sole.

In inverno, un luogo riparato e dove è possibile mantenere la temperatura sopra i 10/12°C è ideale per continuare con successo la coltivazione. In estate, invece, è buona regola mantenere il substrato sempre leggermente umido.

specie haemanthus multiflorus

Haemanthus multiflorus (foto leemt2 CC BY-NC-ND 2.0)

Haemanthus barkerae

Specie originaria del Sud Africa che fiorisce in estate. Può essere inserita nel gruppo delle specie più piccole, cioè quelle che non raggiungono particolari altezze e, quindi, maggiormente consigliate per la coltivazione domestica in piccoli vasi. Fiori di colore rosa e due grandi foglie alla base sono le principali caratteristiche estetiche di questa specie. Osservando i fiori dell’ Haemanthus Barkerae da lontano si possono notare alcune somiglianze con i Crocus. Solo avvicinandosi le differenze si palesano in modo chiaro.

Haemanthus canaliculatus

Presenta foglie succulente che si sviluppano successivamente alla fioritura e con macchie di colore rosso alla base. La fioritura avviene in natura alla fine dell’inverno e i grandi fiori rossi (in alcuni casi anche rosa) riescono sempre a rapire l’attenzione di ogni osservatore.

Haemanthus dasyphyllus

Bellissime le foglie di colore verde chiaro, dalla forma lanceolata e ricoperte da una sottile peluria su entrambe le pagine (questa è una caratteristica propria di questa specie e dell’H. Humilis). Tra le due grandi foglie si fa spazio il lungo stelo che sorregge delicati fiori di colore rosso, più piccoli di quelli delle specie prima descritte.

Haemanthus deformis

Specie che in natura predilige zone rocciose e un clima umido. Le foglie piatte e spesse compaiono dopo i bellissimi fiori bianchi, i quali fanno la loro apparizione nel periodo primaverile o estivo.

Haemanthus graniticus

Due foglie (in rari casi tre) lasciano spazio al rosso gambo di fioritura, dalla tonalità più chiara rispetto a quella dei fiori. È una specie che fiorisce abbastanza tardi, solitamente alla fine dell’estate.

Haemanthus montanus

Cresce nelle regioni orientali del Sud Africa ed è una delle poche specie (forse l’unica) che al meglio riesce a sopportare terreni molto umidi e con piccoli ristagni di acqua. Riesce ad adattarsi a qualsiasi tipologia di terreno e i suoi grandi fiori color crema appaiono in estate. Subito dopo la fioritura si svilupperanno le due grandi foglie verticali.

Haemanthus pauculifolius e Haemanthus nortieri

Due specie molto particolari per quanto riguarda le foglie: ne producono solo una (in rari casi due) e nel caso dell’H. nortieri è anche molto appiccicosa. Differente è il colore dei fiori: bianchi per la specie Pauculifolius, rosa o rossi per la specie Nortieri.

Haemanthus pumilio

Delicati fiori bianchi e con leggere sfumature di rosa: è questo il biglietto da visita esibito da questa bellissima specie. Le foglie, grandi e piatte, possono assumere le più scure o le più delicate tonalità di verde. In natura cresce in luoghi molto umidi.

Haemanthus crispus

Specie di piccole dimensioni e con bulbo dalla forma leggermente allungata. Solitamente presenta due grandi foglie più scure nella pagina inferiore. La fioritura avviene da marzo ad aprile e i fiori sono di colore rosso o rosa.

Haemanthus humilis

Presenta un bulbo tondeggiante e foglie che possono essere lisce o in alcuni casi ricoperti da sottilissima peluria. Bellissimi i fiori di colore bianco o rosa. L’H. humilis richiede regolari annaffiature e discrete dosi di fertilizzante nel periodo di crescita attiva. Al contrario, nel periodo di dormienza è consigliabile diminuire le quantità di acqua somministrata e mantenere il substrato più asciutto. Predilige posizioni di ombra parziale.

specie haemanthus humilis

Haemanthus humilis hirsutu (foto Haemanthus humilis CC BY-NC 2.0)

Fioritura

Il periodo di fioritura dipende dalla specie di Haemanthus presa in considerazione. In generale possiamo indicare, come principale periodo di fioritura, il periodo più caldo dell’anno, dalla fine di maggio a settembre.

Durante questo periodo si sviluppano fiori molto decorativi e sorretti da robusti steli che possono raggiungere anche i 50/60 centimetri di altezza.
T

anti piccoli fiori riuniti in ampie infiorescenze che possono assumere le più delicate tonalità del rosa o presentarsi indossando un colore rosso acceso. Non è raro imbattersi in specie dalla bianca fioritura.

fioritura haemanthus

I particolari fiori dell’ Haemanthus albiflos

Consigli per la coltivazione dell’ Haemanthus

Queste appariscenti bulbose perenni non possono essere inserite tra le piante di facile coltivazione, per il semplice fatto che necessitano di condizioni ambientali ben precise e sempre stabili. Per prendersi cura delle principali specie di Haemanthus basta seguire le informazioni date di seguito.

Coltivazione in vaso

Coltivare in vaso l’ Haemanthus è il miglior modo possibile per ottenere risultati eccellenti. Una pianta che può essere tranquillamente descritta come ornamentale bulbosa da interni e che riesce ad illuminare qualsiasi angolo della casa o ampi davanzali.

Date le dimensioni, non occorre utilizzare un vaso molto profondo e ampio. Il rinvaso dovrà essere fatto ogni due anni e sempre nel periodo primaverile, scegliendo contenitori leggermente più grandi del precedente. Prima di procedere al botanico trasloco è opportuno ripulire i bulbi dalle radici meno vigorose e danneggiate. La pianta potrà essere rinvasata in un terreno soffice e ricco di sostanza organica.

Coltivazione in piena terra

Coltivare qualsiasi specie di Haemanthus direttamente in giardino è sempre un pericolo.

Non è impossibile, ma solo giardini mediterranei e di zone dove il clima è particolarmente mite per tutto l’anno possono offrire un habitat idoneo allo sviluppo di queste bulbose. In questi casi è possibile sfruttare la loro delicata bellezza per creare delle piccole bordure o aiuole molto colorate.

Temperature troppo basse possono portare le piante alla morte, poiché le stesse non riescono proprio a difendersi dal freddo e dal gelo.

Ecco perché è consigliabile sempre procedere con la coltivazione in vaso. Il contenitore potrà essere comunque portato all’esterno durante la stagione estiva, ma con l’abbassarsi delle temperature (facendo sempre riferimento alle zone dove il clima è particolarmente rigido durante l’inverno) dovrà essere collocato in luogo caldo e riparato.

coltivazione in piena terra haemanthus

Haemanthus coccineus in giardino roccioso (Dr. Nasser Halaweh CC BY-NC 2.0)

Coltivazione sul davanzale

Dato che l’ Haemanthus è una pianta ornamentale da interni molto decorativa, è possibile sfruttare tutta la sua luminosità per dare un tocco di colore ai davanzali. Luogo perfetto per collocare il vaso, poiché è possibile sfruttare luce e calore del sole.

Temperatura

Già sotto i 10°C possono sorgere i primi problemi. Il freddo è uno dei principali nemici dell’ Haemanthus, che predilige temperature minime comprese tra i 15° e i  18°C.

Luce

Abbiamo consigliato di sistemare tali piante sui davanzali di casa perché l’ Haemanthus per fiorire necessita di tanta luce. Cresce anche in ambienti meno luminosi, ma il risultato sarà molto differente: fioritura meno abbondante e colori più tenui. Tuttavia, è sempre meglio evitare i diretti raggi del sole.

luce haemanthus

Coltivazione Haemanthus in vaso su davanzale. Un contenitore di piccole dimensioni e la giusta esposizione bastano per ottenere fiori spettacolari (By Maja Dumat from Deutschland (Germany) (Elefantenohr (Haemanthus albiflos)) [CC BY 2.0 ], via Wikimedia Commons)

Terriccio

Quale substrato scegliere per queste affascinanti bulbose? Tutte le specie riescono ad adattarsi con facilità a qualsiasi terreno, ma è consigliabile un miscuglio di terra, torba e sabbia. Deve essere ben drenato.

Annaffiatura

Le annaffiature dell’ Haemanthus devono essere regolari per tutto il periodo vegetativo (primavera e estate), ma mai eccessive. In inverno basta un intervento ogni 20/30 giorni circa. Evitare ristagni idrici.

Moltiplicazione

La riproduzione dell’ Haemanthus può avvenire:

  • per seme;
  • per divisione dei bulbilli.

La prima strada è sconsigliata perché la pianta impiega molto più tempo prima di produrre i bellissimi fiori che la caratterizzano. I semi dell’ Haemanthus devono essere sistemati in un substrato molto soffice e ricoperti da un leggerissimo strato di torba. I tempi di germinazione possono variare, ma solitamente sono molto lunghi.

La seconda strada è quella più efficace e veloce per ottenere esemplari perfettamente uguali alla pianta madre. È un’operazione da fare esclusivamente nel periodo primaverile, ma prima della ripresa del ciclo vegetativo. I piccoli bulbi laterali dovranno essere staccati con delicatezza e messi a dimora in un miscuglio di terra, torba e sabbia. Il substrato dovrà essere mantenuto sempre abbastanza umido e dopo la prima settimana sarà possibile somministrare alla pianta un concime specifico e ben bilanciato per piante da fiore o per bulbose.

Concimazione

Il concime (per piante da fiore o per bulbose) dovrà essere somministrato all’ Haemanthus solo dalla ripresa vegetativa alla fioritura. Intervenire ogni 2 o 3 settimane, diluendo sempre il prodotto con l’acqua da utilizzare per le normali annaffiature.

Potatura

Nessun intervento di potatura, ma basterà solo eliminare foglie danneggiate e fiori appassiti. In questo modo si limiteranno le probabilità di attacco da parte di pericolosi funghi o altri parassiti.

Altri consigli per la cura

Per salvaguardare la fioritura e ottenere sempre tantissimi fiori riuniti in compatte infiorescenze, si consiglia di dividere i cespi troppo folti. Un’operazione da fare con cautela e ogni 5/6 anni.

Anche se le specie di Haemanthus non raggiungono chissà quali dimensioni, è meglio sistemarle, quando si ha intenzione di riempire una grande fioriera, non troppo vicine le une alle altre. Più spazio hanno a disposizione, più abbondante e migliore sarà la fioritura.

consigli per la cura dell' Haemanthus

Anche se l’ Haemanthus è una pianta di piccole/medie dimensioni necessita di spazio per svilupparsi al meglio (foto Dr. Nasser Halaweh CC BY-NC 2.0)

Parassiti, malattie e altre avversità

Particolare importanza deve essere prestata all’innaffiatura dell’ Haemanthus: troppa acqua e ristagni possono causare marciume radicale e spianare la strada alla muffa grigia che attacca le foglie.

Tra i parassiti che solitamente attaccano le piante appartenenti a questo genere ci sono gli afidi e la cocciniglia cotonosa. In caso di attacco particolarmente forte è sempre meglio utilizzare specifici prodotti antiparassitari.

Curiosità

Il nome Haemanthus deriva dal greco àima (sangue) e ànthos (fiore). Non è difficile capire il perché, dato il rosso intenso dei fiori delle specie maggiormente diffuse.

Una delle specie più conosciute e coltivate è l’H. Coccineus, che in Sud Africa è utilizzato come pianta officinale.

Tossicità

Il bulbo dell’ Haemanthus contiene licorina (composto tossico appartenente alla classe degli alcaloidi) che può causare problemi se ingerita.

Uso erboristico

Il bulbo affettato di alcune specie di Haemanthus (vedi H. coccineus) era utilizzato in passato come potente diuretico, come espettorante e come rimedio per l’asma. Il bulbo contiene un potente alcaloide che, in eccessive dosi, può causare convulsioni.

Linguaggio dei fiori

Non possiamo parlare di specifico significato del genere facendo riferimento al linguaggio dei fiori. Però, data la particolare fioritura dell’ Haemanthus è possibile far riferimento alla leggerezza, intesa come delicata bellezza. Le specie dai rossi fiori possono essere anche inserite tra le piante che simboleggiano forti sentimenti, specialmente quando si parla di passione e di un grande amore.

Dove acquistare gli Haemanthus

potete provare su eBay

 

Articoli correlati che possono interessarti

L'hai trovato interessante? Allora votalo!
[Voti Totali: 0 Media: 0]
Ti è piaciuto? Allora Condividilo:
Share on Facebook
Facebook
6Tweet about this on Twitter
Twitter
Pin on Pinterest
Pinterest
0Email this to someone
email

Vuoi fare una domanda? Vuoi dire la tua?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Add your own review

Rating

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.