Consigli per la coltivazione della Camassia

Camassia

Tra le bulbose primaverili la Camassia si fa ben notare con i suoi bellissimi fiori a forma di stella. Una pianta facile da coltivare e ampiamente diffusa per la realizzazione di grandi aiuole o eleganti bordure in giardino. Può essere coltivata anche in vaso e con le giuste accortezze si possono ottenere risultati straordinari.


Cosa fiorisce ad aprile? Tutte le piante che fioriscono in primavera.

Cosa Fiorisce ad Aprile

Quali sono le piante fiorite di aprile? Piccole piante, alberi ornamentali e da frutto: la primavera è una stagione ricca di colori. Una stagione profumata. Fantastica. Scopriamo quali sono le piante più belle, da coltivare in vaso o in giardino, che ad aprile diventano bellissime.


Coltivazione Tiglio

Tiglio (Tilia)

Il Tiglio (Tilia) è un albero ornamentale longevo e facile da coltivare. Indicato per giardini molto grandi e ampiamente utilizzato in parchi e viali cittadini. L’inebriante profumo dei suoi numerosi e piccoli fiori (dalle tante proprietà benefiche) annunciano l’arrivo della stagione estiva. Può raggiungere altezze considerevoli, ma con specifici interventi di potatura il suo sviluppo può essere controllato, senza intaccare la bellezza della sua folta chioma tondeggiante che offre prezioso riparo dai più cocenti raggi del sole.


Graminacee ornamentali

Le Graminacee ornamentali possono avere un ruolo di primaria importanza in giardino. Decorative, a bassa manutenzione e utili per creare delle scenografie sensazionali che richiamano la bellezza dei paesaggi d’oltremanica e americani. Sono tantissime le specie e le varietà che fanno parte di questa grande famiglia, utili per creare aiuole o bordure in giardino, ma adatte anche alla coltivazione in vaso. Poche cure per un mirabile risultato. Basta un leggero soffio di vento per vederle ondeggiare leggere e sognare ad occhi aperti di essere nel bel mezzo di una prateria del Nord America, in Scozia o… nessun limite all’immaginazione.


Tasso

Tasso (Taxus – Albero della morte)

Il Tasso (genere Taxus), conosciuto anche come Albero della morte, è ampiamente utilizzato per impreziosire giardini di diverso genere. Facile da coltivare come pianta isolata, perfetto per la realizzazione di siepi di medie e grandi dimensioni. Le caratteristiche più interessanti del Tasso sono la facilità di coltivazione e di contenimento. Nessuna cura particolare e con mirati interventi di potatura si possono ottenere delle vere e proprie sculture di arte topiaria. Il Tasso è una conifera dai mille volti: pianta ornamentale di valore, pianta tossica, pianta utile nella cura dei tumori. Insomma, un genere tutto da scoprire.


abete di douglas

Abete di Douglas (Pseudotsuga menziesii)

Portamento slanciato e maestoso, chioma piramidale e grande facilità di coltivazione: dall’America giunge a noi l’Abete di Douglas (Pseudotsunga menziesii), ampiamente utilizzato come albero ornamentale. Una specie che predilige i climi umidi e nebbiosi delle coste del Nord America e il fresco delle regioni montane del Canada, ma che anche in Europa e nel nostro Paese può essere coltivata senza particolari problemi. In casa come albero di Natale, in giardino come grande pianta per completare gli spazi verdi con eleganza.


Salvia Splendens

Salvia Splendens

La Salvia splendente o splendida è una bella pianta annuale che decora terrazzi, balconi, aiuole e giardini.


Coltivazione Quercus rubra (Quercia rossa)

Quercia rossa (Quercus rubra)

Raggiunge i 25-30 metri di altezza, ha una chioma ricca e leggera, domina lo spazio circostante con eleganza infinita: questa è la Quercia rossa (Quercus rubra). Una specie che è stata introdotta nel nostro continente nel XVII secolo, ma che oggi è una delle più apprezzate per completare parchi e giardini di ogni tipo. Rigogliosa durante tutto l’anno, spettacolare in autunno, quando le sue foglie si colorano di un bel rosso acceso. Una pianta dominante, facile da coltivare e pronta a sorprendere.


paulonia

Paulonia (Paulownia)

Albero ornamentale dal maestoso portamento: ecco come è possibile descrivere la Paulonia (Paulownia). La fioritura primaverile non passerà di certo inosservata: tantissimi fiori lilla che trasformano la grande chioma in una leggera nuvola colorata. L’albero perfetto per qualsiasi giardino.


Coltivazione Catalpa (Albero dei sigari)

Catalpa (Albero dei sigari)

La Catalpa, conosciuta anche come Albero dei sigari, è una pianta dalle straordinarie caratteristiche estetiche. Riesce ad adattarsi a qualsiasi ambiente, trasformando il giardino in un vero e proprio paradiso ombreggiato. La grande chioma elegante, fatta di grandi foglie cuoriformi, e i tantissimi fiorellini primaverili sono i tratti distintivi di questo albero facile da coltivare e dall’immenso valore ornamentale.


acero

Acero

Portamento elegante e bellissima chioma: l’Acero è un albero davvero straordinario, facile da coltivare e in grado di rendere speciale qualsiasi spazio verde. Tante le specie che si tingono di rosso durante l’autunno, come quelle giapponesi dall’alto valore ornamentale. In vaso o in piena terra lo spettacolo è assicurato.


Amaryllis

Chi non ha mai sentito parlare di Amaryllis belladonna? La specie appartiene ad un genere di bulbose che spesso viene confuso con l’Hippeastrum. Coltivare l’Amaryllis non è difficile, ma un po’ più complicato è riuscir a far chiarezza dal punto di vista tassonomico. Differenze a parte, il genere di riferimento raggruppa poche specie in grado di incantare con i loro bellissimi fiori.


Ciclamino

Ciclamino (Cyclamen)

I ciclamini sono tra i fiori più diffusi nel nostro Paese. I loro fiori colorati rendono l’inverno un po’ più allegro, ma ci sono specie anche primaverili.


crisantemo

Cosa fiorisce a Novembre?

Cosa fiorisce a novembre? Sono tante le piante per il giardino o da coltivare in vaso pronte a colorare con calde sfumature l’autunno. Alcune sono già in fiore, altre iniziano a produrre boccioli e tanti arbusti si caricano di meravigliose bacche.


Heuchera

L’Heuchera è un genere che comprende circa 50 specie e nel quale rientrano tantissime varietà e ibridi dai colori spettacolari. Il punto di forza di queste piante è il fogliame decorativo che può assumere tonalità più scure o chiare e che sempre offre la possibilità di valorizzare in modo straordinario giardini rocciosi o aiuole di vario genere. Tutte le specie sono facili da coltivare (sia in piena terra, sia in vaso) e bastano pochissime accortezze per veder crescere, in breve tempo, piante forti e con una folta chioma.


Capsicum baccatum

La specie Capsicum baccatum è la più diffusa in molti Stati dell’America del Sud, specialmente in Bolivia e Perù. Facile da coltivare e particolarmente produttiva: i piccoli frutti, che in alcune varietà assumo forme davvero strane, hanno una piccantezza medio-bassa (non superano mai i 30.000-50.000 SHU) e sono utilizzati per esaltare pietanze di ogni tipo.


Capsicum frutescens

Tra le 5 specie di peperoncino è proprio la Capsicum frutescens quella maggiormente coltivata per scopi ornamentali. Tutte le varietà si caricano di grandi frutti e sono adatte ad una coltivazione in vaso. Le compatte dimensioni e le poche esigenze colturali ne fanno piante perfette per essere coltivate anche dai meno esperti. Il sapore dei frutti? Tabasco! Non serve aggiungere altro.


Capsicum chinense

Le più piccanti varietà di peperoncino appartengono alla specie Capsicum chinense. Coltivarla è alla portata di tutti e sia in vaso che in piena terra i risultati saranno eccellenti con poche cure. Il sapore fruttato e il particolare profumo dei frutti sono le principali caratteristiche che distinguono questa specie dalle altre 4 che rientrano nel genere Capsicum. Habanero, Carolina Reaper o Trinidad Moruga Scorpion? Prima di procedere alla messa a dimora delle piantine per poter raccogliere e consumare i frutti maturi è bene dare un’occhiata alla Scala Scoville. Alcune varietà sono davvero piccantissime!