Calatea (Calathea)

 

Calathea Zebrina

Calathea Zebrina – Foto CC BY Chhe

Pianta tropicale, sempreverde, dal ricco fogliame gradevolmente variegato. Sulla pagina superiore i colori variano dal verde, al giallo, all’ argento e al bianco; in quella inferiore sono rossastri.

La calatea appartiene alla famiglia della Marantacee ed il genere è composto da circa 150 specie originarie dell’America del Sud, tra Brasile e Perù.

E’ una pianta erbacea, rizomatosa, che allo stato spontaneo può raggiungere il metro di altezza, mentre in coltivazione non supera i 50-60 cm.

Le foglie hanno margine liscio o lievemente ondulato e sono rette da un lungo picciolo che parte direttamente dal rizoma: la pagina superiore del lembo fogliare è di solito verde con screziature, a volte molto regolari, di un verde più scuro; la pagina inferiore è rossastra, spesso tendente al viola, e ripete i motivi della pagina superiore.

Qualcuno la confonde con la Maranta, ma nonostante facciano parte della stessa famiglia, sono generi diversi tra di loro.

Specie di Calatea

Il genere Calathea comprende circa 150 specie, sempreverdi e provviste di una radice rizomatosa o tuberosa dalla quale partono i lunghi piccioli delle foglie. Alcune specie producono dei fiori molto delicati e graziosi anche se praticamente è raro che fiorisca in appartamento.

Tra le molte specie di calatea , tutte piante assai interessanti per la decorazione dell’appartamento, possiamo segnalare:

  • Calathea makoyana – molto diffusa in natura, ha foglie caratterizzate da sfumature rosse sulla pagina inferiore, mentre la pagina superiore è verde chiaro con macchie di colore verde più scuro.

Calathea makoyana – Foto di PINKE’ (CC BY-NC 2.0)

  • Calathea lindeniana – ha poche foglie oblunghe di colore verde scuro con strisce verde oliva nella pagina superiore, e marrone rossiccio nella pagina inferiore;
Calathea lindeniana

Calathea lindeniana – Foto di Deb Nystrom (CC BY 2.0)

  • Calathea insignis (o Lancifolia)  – ha foglie ondulate lunghe sino a 45 cm di colore verde chiaro con macchie più scure nella pagina superiore, mentre quella inferiore è porpora rossiccia;
Calathea lancifolia

Calathea lancifolia – foto di g.wu. (CC BY-NC 2.0)

  • Calathea zebrina -la pagina superiore delle foglie è vellutata e di color verde smeraldo, quella inferiore è color porpora;
  • Calathea ornata –  originaria della Guyana e della Columbia,  ha foglie lunghe circa 20 cm. Sopra sono di color verde scuro con strisce avorio che ne tracciano le nervature secondarie in modo da creare un disegno molto scenografico.  Sotto le foglie sono di  rosso porpora.
Calathea Ornata

Calathea Ornata

Temperatura

Purtroppo la Calatea non è una pianta facile da conservare in appartamento: esige infatti un’atmosfera piuttosto umida e calore intenso (non inferiore a 18 gradi) due condizioni difficilmente realizzabili contemporaneamente in una normale abitazione.

La temperatura ideale deve aggirarsi sui 18-21 °C.    Teme anche le correnti d’aria.

Non è quindi facile far crescere e fiorire una pianta tropicale come questa, preparatevi quindi alla sfida, seguendo i consigli riportati in questo articolo.
Una stanza ideale dove riporre il vaso può essere il bagno, ma non solo.

Luce

Il vaso va sistemato in zona  luminosa ma dove non arrivano i raggi del sole.

La Calathea ama la luce diffusa, filtrata da tende. La luce diretta può causare, invece, disseccamento del margine fogliare.

Può anche stare all’ombra, ma le foglie perdono di brillantezza nei colori.

Acqua

Il terriccio deve essere sempre fresco e umido ma non inzuppato.

Inoltre la Calathea ama spruzzature regolari con lo spruzzino per le piante, le foglie vanno irrorate spesso (in estate anche ogni giorno), meglio dal basso verso l’alto per rinfrescare anche la parte inferiore e farla sentire come se fosse in un sottobosco.

In estate è bene annaffiare ogni 3 giorni circa, d’ inverno ogni 2 settimane.

In estate poiché richiede molta umidità, un’altra idea usata da molti, è quella di usare un sottovaso riempito con uno strato di argilla espansa da mantenere costantemente umida.   In questo modo tutta la pianta potrà beneficiare dell’umidità che si viene a creare e le radici non essendo a contatto diretto con l’acqua non soffriranno di ristagni idrici.

Fioritura

Presenta dei fiorellini molto delicati se cresciuta nel suo habitat naturale, alle nostre latitudini difficilmente presenta fioriture.  I fiori sono insignificanti e non hanno alcun valore decorativo.

Concime

In estate usate un concime liquido per piante verdi assieme all’ acqua di annaffiatura ogni 15 giorni.

Potatura

Non necessaria, vanno solo eliminate le foglie secche che vanno tagliate alla base, dove spunta la pianta dal terreno.

Abbiate cura che l’attrezzo che usate per il taglio sia pulito e disinfettato per evitare di infettare i tessuti.

Problemi Comuni

Se le foglie si seccano ai bordi e diventano marroni vuol dire che c’è un’atmosfera troppo secca.

E’ opportuno intervenire con spruzzature di acqua sul fogliame oppure sistemando la pianta su un sottovaso con della ghiaia umida.

Se le foglie si accartocciano, vuole dire che la luce è troppa e da fastidio. Meglio spostare la pianta in un luogo più ombreggiato.

Se la pianta cresce poco e/o con colori spenti è opportuna una concimazione.

Altri Consigli per la Coltivazione della Calatea

Si consiglia un buon terriccio ricco e leggero, ben drenato.  Magari si può aggiungere della pietra pomice o dell’argilla espanza, per migliorare il drenaggio.

Il terriccio deve essere sempre soffice per cui va smosso delicatamente una volta alla settimana senza andare troppo in profondità, nel limite del possibile il vaso non va mai spostato.

Sviluppano un apparato radicale rizomatoso, abbastanza grande; ogni 2-3 anni è consigliabile rinvasare le piante, quando le radici hanno occupato completamente il vaso che le contiene.

La rinvasatura va effettuata in giugno usando vasi di diametro appena superiore a quello precedente.

Per la moltiplicazione si adopera il metodo della divisione dei cespi, avendo però l’ accortezza di lasciare per ogni cespo almeno tre foglie e un pezzo di rizoma (fusto sotterraneo).

Tale operazione va eseguita in primavera.

Curiosità sulla pianta

Il nome calatea deriva dal vocabolo greco “kalathion” che significa panierino e si riferisce alla forma dei fiori.

E’ originaria dell’ America del sud, specie del Brasile,  dove crescono all’ombra della fitta vegetazione pluviale. Sono quindi abituate a condizioni climatiche con un elevato grado di umidità e luminosità ridotta.

In Brasile gli indigeni considerano questa pianta sacra e nutrono una specie di devozione per il suo strano fogliame che ripete nelle minute macchie, nelle striature sottili e nelle sfumature variopinte i disegni che caratterizzano il piumaggio di alcuni uccelli esotici.

Le foglie di alcune specie sfoggiano macchie simili agli ocelli sulle piume di pavone. Per questo la Calathea è volgarmente chiama anche “pianta del pavone”.

Questa specie risulta presente tra le 50 piante elette come valide depuratrici dell’ aria di ambienti chiusi.

Dove comprare la Calathea

Articoli correlati che possono interessarti

L'hai trovato interessante? Votalo, e dicci come migliorarlo nei commenti
[Voti Totali: 137 Media: 4.4]
oppure sentiti libero di Condividerlo
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Pin on Pinterest
Pinterest
0Email this to someone
email

Vuoi fare una domanda? Vuoi dire la tua?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.