Dracena

Dracaena fragrans

Dracaena fragrans – Foto CC BY di zobacs zasady

Dracene e cordiline appartengono all’ordine delle Liacee;

Il genere Dracena comprende circa 40 specie e il genere Cordiline comprende circa 20 specie, tutte originarie dell’Africa tropicale e occidentale, del Capo di Buona Speranza, delle Isole dell’Oceano Indiano e dell’America Centrale.

Sono piante erbacee, arbustive o arboree; queste ultime nella fase giovanile sono formate da un tronco diritto sormontato dal un ciuffo di foglie, in seguito il fusto si ingrossa e si suddivide a somiglianza di veri e propri alberi.

Le foglie possono essere di forma ovale o allungata e molto appuntite; il colore varia dal verde vivo al verde scuro, spesso interrotto da striature  bianche o gialle oppure da macchiettature chiare e sfumature.

Dracene e Coridiline si adattano facilmente alla vita in appartamento, sono piante di lunga durata.

Alcune Specie e Varietà

Le specie più utilizzate come piante ornamentali sono:

Dracaena deremensis o  Dracaena fragrans comunemente detto Tronchetto della Felicità

Talvolta indicate come specie differenti (Deremensis e Fragrans), in realtà sono dei sinonimi.

Originaria dei paesi dell’Africa tropicale è un piccolo arbusto, che non raggiunge mai dimensioni notevoli.  Ha foglie larghe, generalmente molto lunghe, lucide, di color verde brillante   e talvolta con strisce in bianco, giallo  o in avorio  lungo i margini del fogliame che ne accentuano l’eleganza.

All’aperto può assumere l’aspetto di un albero, ma solitamente viene impiegata come pianta da appartamento;

di questa specie esistono diverse varietà, tutte apprezzate per la decorazione dell’appartamento.

Esistono diversi cultivar tra le quali citiamo:

  • ‘Bausei’ con foglie provviste da venature centrali bianche
  • ‘Warneckii’ con due bande chiare ai lati della foglie ed talvolta anche una banda centrale bianca.
Dracaena deremensis ' Warneckii'

Dracaena deremensis ‘ Warneckii’ – foto di KENPEI, CC BY-SA 3.0.

  • Lemon Lime’: con foglie di colore verde chiaro tendenti al giallo con striature interne rispettivamente di colore bianco crema e verde chiaro.
  • Massangeana’: con foglie lunghe tra i 20 e i 60cm, di colore verde pallido. Le foglie inoltre hanno delle striature di colore verde-grigio e strisce longitudinali di colore bianco.
  • Compacta’: di dimensioni molto ridotte e fogliame piccolo in proporzione alle dimensioni della pianta.
  • Janet Craig’: più rustica rispetto alle altre e molto resistente ai parassiti.
  • Kerry’:  con foglie di colore verde scuro, particolarmente larghe e di aspetto coriaceo molto di più rispetto alle altre cultivar.
  • Lindenii‘: con  foglie dai margini giallo-dorati che delineano la parte centrale verde e gialla.
  • Victoriae‘: con foglie col centro verde striato da bande color argento e larghi margini color giallo-crema o avorio.

Dracena marginata

Dotata di fusti sottili e slanciati che portano dei ciuffi di foglie molto sottili striate di rosso giallo e verde;

La varietà Dracaena marginata ‘Tricolor’ ha la le foglie con striature color crema e rossastre.

Da qualche tempo è stata “declassata” a varietà della specie Reflexa, in particolare la Dracaena Marginata è diventata sinonimo della Dracaena reflexa var. angustifolia.

Dracena marginata

Dracena Marginata – CC BY-SA 3.0, Link

Dracaena Hookeriana

alta non più di 2 metri anche se coltivata, è compresa fra le specie ornamentali per la casa: le sue foglie hanno a volte margini bianchi, interessanti le varietà latifolia e variegata con foglie variegate.

Dracaena goldieana

di limitata statura ha fogliame molto decorativo congrandi macchie e striature, talvolta anche rosse.

Dracaena Reflexa (o Pleomele)

Originaria del Madagascar, Mauritios è comune negli appartamenti e molto resistente.  Le foglie sono di colore verde e crema, sono semplici, molto ravvicinate, lanceolate e disposte a spirale lungo l’asse, molto decorative.

Dracaena sanderiana o   Dracena braunii

ha foglie che si allargano mollemente verso l’esterno, di colore verde vivo interrotto da bande bianche   con il fogliame ovale con strisciature verdi e bianche.
Si trova comunemente in commercio come lucky bamboo (non c’entra niente con i veri bambù).

Lucky bamboo

Lucky bamboo – Foto di Toby Lee Spiegel
(CC BY 2.0)

.

 

    Dracena draco

presenta sulla parte apicale del fusto ciuffi di foglie strette e lunghe, di colore verde cupo da cui un tempo si estraeva il “sangue di drago” utilizzato per la preparazione di vernici usate per gli strumenti musicali a corda.  Nativa delle isole Canarie, CapoVerde e Madeira.

Dracaena Draco

Dracaena draco in Vila Nova Sintra, Island of Brava, Cape Verde – Foto di Torbenbrinker, CC BY-SA 3.0, Link

Fiori delle Dracene

I fiori, raccolti in una infiorescenza a pannocchia di colore verde-giallo, hanno uno scarso effetto decorativo; la fioritura avviene tra la primavera e l’estate. E’ raro che avvenga in Appartamento.

Dracaena Deremensis Janet Craig in Fioritura

Dracaena Deremensis Janet Craig in Fioritura – Foto di Nickjhowe, CC BY-SA 3.0

Luce

Richiede molta luminosità, ma evitate l’esposizione in pieno sole.

Terriccio

Richiede terriccio soffice organico molto ben drenato, ad esempio con aggiunta di sabbia. Teme i ristagni d’acqua.

Temperatura

occorre evitare improvvise correnti d’aria e la temperatura deve essere costante e non elevata.

Acqua

Le annaffiature devono essere somministrate con ritmo regolare ogni 4/5 giorni nella misura di un quarto di litro d’acqua per piante non più alte di mezzo metro e la dose deve essere aumentata in proporzione alla statura degli esemplari.   In generale controllare che il terriccio sia umido, ma non inzuppato.

In generale ama gli ambienti umidi ma annaffiature solo se necessarie.

I ristagni d’acqua possono farla marcire.

Moltiplicazione

La moltiplicazione avviene per margotta o talea.

Parassiti, Malattie ed altre avversità

Se l’innaffiatura è eccessiva, può essere attaccata dai funghi che provocano il marciume delle radici e del tronco.   Usate terriccio ben drenato e date acqua solo quanto basta.

Non infrequenti gli attacchi degli acari.

Curiosità

Con il nome Dracena si è soliti comunemente inicare piante appartenenti a due generi distinti ma molto simili: il genere Dracaena e il genere Cordyline.

Il nome delle Dracene deriva dal vocabolario greco “drakaina” ossia femmina di drago: tale denominazione deriva forse dal fatto che il succo di queste piante era noto nell’antichità come “sangue di drago” e gli si attribuivano particolari proprietà magiche.

Si chiamavano “Sangue di Drago” poiché quando seccava tendeva a diventare rosso, ed era usato da vari alchimisti.

Il nome delle cordiline deriva anch’esso dal greco e significa a forma di clava, con riferimento alla forma delle radici di queste piante.

Il messaggio di amore espresso dalle piante di dracena è : io ruberò il tuo cuore.

Molte varietà di Dracene sono utili per ripulire l’aria nelle case e negli uffici.

L'hai trovato interessante? Votalo, e dicci come migliorarlo nei commenti
[Voti Totali: 32 Media: 4.5]
oppure sentiti libero di Condividerlo
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Pin on Pinterest
Pinterest
0Email this to someone
email

5 pensieri su “Dracena

  1. Ho interrato la dracena in un vaso ne di plastica ho messo l’argilla ma non ho fatto buchi nel vaso…..marcisce ?

    • Le foglie con punta secca della dracena possono essere:
      – troppa acqua, in tal caso riduci le innaffiare
      – aria troppo secca, in tal caso è bene vaporizzare le foglie spesso, per creare buona umidità

  2. Ciao, mi hano regalato una dracena quasi rovinata e non si sta riprendendo. Ho cambiato il vaso e tutto ma non sta riprendendo. Cosa mi consigliate? Se taglio la parte del cufo , il tronco si salva?

Vuoi fare una domanda? Vuoi dire la tua?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.