Prezzemolo (Petroselinum)

Prezzemolo

Prezzemolo

Immancabile nelle nostre cucine, insostituibile in tantissime ricette, profumato saporito e prezioso il prezzemolo è una pianta aromatica originaria delle zone mediterranee e dell’Asia occidentale. E’ una pianta annuale-biennale se coltivata, perenne se allo stato spontaneo. Lo troviamo in  quasi tutti gli orti d’Italia ed è molto apprezzato per le sue proprietà aromatiche e medicinali.

Io la tengo in estate sulle finestre, su tutte non solo su quella della cucina perché, tra le sue proprietà, c’è quella di allontanare le zanzare. Direi che non è cosa da poco, poi ogni tanto ne stacco qualche foglia e me la macino sopra il salmone, o la trito nel soffritto per il sugo.

La pianta presenta fusticini eretti, tubolari che possono raggiungere un’altezza di 70 cm e una radice a fittone ingrossata e carnosa.

Ha foglie dentate e divise in tre segmenti e di forma triangolare, portate da dei lunghi piccioli.

La raccolta delle foglie si inizia quando la pianta raggiunge l’altezza di 15-20 cm e si effettua a scalare in ogni mese dell’anno, in modo tale da consentire la formazione di nuovi fusti per una seconda raccolta. Le foglie del prezzemolo devono essere consumate fresche, subito dopo la raccolta, solo così non si perde la  fragranza  del prezzemolo. Nell’arco di un anno si possono effettuare fino a 10 tagli con una resa pari a 30 kg di prezzemolo per 10 mq.

Prezzemolo

Prezzemolo

Classificazione Botanica

Il Prezzemolo, nome scientifico Petroselinum crispum, fa parte  della famiglia delle Apiaceae (Umbelliferae)

Principali Specie

Non sono molte le varietà di Prezzemolo, le principali sono il Prezzemolo comune, quello gigante e il prezzemolo riccio, meno saporito e più decorativo che aromatico.

Petroselinum hortense

Petroselinum hortense

Petroselinum hortense

Il Petroselinum hortense è il prezzemolo comune caratterizzato da foglie piccole verde scuro, è particolarmente aromatico. Di questa specie esistono numerose varietà.

Petroselinum crispum

Petroselinum crispum

Petroselinum crispum

Il Petroselinum crispum è il prezzemolo a foglie ricce. Di questa specie ci sono  numerose varietà.

Fioritura

I fiori del prezzemolo compaiono d’estate al secondo anno di coltivazione su lunghi steli fioriferi riuniti in ombrelle sui quali si contano una cinquantina di piccoli fiori di colore bianco-verde talvolta soffusi di azzurro-violetto o giallastro e producono piccoli semi ovali, appiattiti di colore grigio-bruno percorsi da striature verticali.

Prezzemolo

Prezzemolo

Consigli per la coltivazione del Prezzemolo

Il prezzemolo ha tante qualità una di queste è la sua rusticità e la facile coltivazione. Preferisce climi temperati con inverni miti e corti.  Lo si può coltivare in vaso sui nostri terrazzi o piena terra nell’orto.  Teme il gelo, quindi non si deve seminare prima di metà aprile. Come accade per molte piante biennali se la temperatura scende sotto ai 10 gradi la pianta può andare in pre-fioritura.

Coltivazione in vaso

Il prezzemolo si può seminare in vasetti e poi, se si vuole, trapiantarlo in piena terra o in un vaso più grande. I semi vanno interrati a meno di un centimetro di profondità, dopo la semina occorre praticare una moderata annaffiatura a pioggia

Coltivazione in piena terra

Il trapianto del prezzemolo può essere effettuato in ogni periodo dell’anno. La semina, da fare nel periodo compreso tra maggio e giugno,  si fa seminando per fila distanziando le file tra loro di 30 cm e le piantine di 10 cm. Subito dopo i semi vanno ricoperti con uno strato di terriccio da due o tre centimetri. Dopo la germinazione occorre spostare i vasi in un luogo fresco per favorire lo sviluppo scongiurando il rischio di bruciature.

Il terriccio da usare deve essere ricco di sostante nutritive che la piantina assorbirà in fase di germinazione.

Già 15 giorni dopo il trapianto, quando la pianta supera i 20 cm di altezza, il prezzemolo si può raccogliere prelevando foglie o  tagliandi le cime o gli interi steli lasciando qualche centimetro da terra.

Il periodo di raccolta dipende dal periodo di  semina, ma è possibile avere prezzemolo fresco da marzo a dicembre.

Coltivazione del prezzemolo in terrazzo o davanzale

Il prezzemolo si può coltivare sui terrazzi o sui davanzali ed essere a nostra disposizione ogni qual volta desideriamo utilizzarlo nelle nostre ricette.

Prezzemolo

Prezzemolo

Temperatura

Il prezzemolo non ha particolari esigenze tuttavia preferisce un clima temperato ad inverno mite, ha anche una discreta resistenza al freddo purché non troppo intenso né troppo prolungato. Teme il gelo, Sopportano il freddo più  le piante più giovani in quanto con l’età il prezzemolo emette radici verso l’alto. E’ utile rincalzare le piante prima del freddo.

Luce

Il prezzemolo cresce anche a mezzombra ma predilige una posizione soleggiata. Nei mesi più caldi è meglio ombreggiarla un po’

Terriccio

Il prezzemolo si adatta a qualsiasi tipo di terreno, ma preferisce un substrato di medio impasto, fresco, fertile, ricco di sostanza organica.

Annaffiatura

Occorre sempre mantenere umido il terreno durante la fase di germinazione del seme ed anche dopo nel corso della coltivazione in particolare durante  i mesi estivi.

Moltiplicazione

Il prezzemolo di riproduce per seme L’epoca in cui effettuare la semina varia, se si vuole raccogliere il prezzemolo nei mesi estivi si seminerà nei mesi di   gennaio e febbraio se la semina viene eseguita in serra o in un luogo altrettanto protetto o nei mesi di marzo e aprile nel caso in cui  la semina viene eseguita in vaso all’aperto o in piena terra.

Per poter raccogliere il prezzemolo la primavera successiva,  la  semina sarà fatta nei mesi di maggio o giugno o, in ambiente protetto, a settembre e ottobre.

Si dispongono i semi nel terreno  e si copre con  un foglio di plastica trasparente che quotidianamente andrà tolto per eliminare la condensa.

Il contenitore con i semi  va tenuto all’ombra, ad una temperatura intorno ai 20-26°C con terreno costantemente umido  fino al momento della germinazione.

Quando i semi hanno germogliato, si toglie definitivamente il coperchio di plastica e si aumenta la quantità di luce. Quando le piantine sono abbastanza robuste si prelevano e di mettono a dimora definitivamente. Generalmente la prima raccolta di fa 70-80 giorni dopo la semina

Concimazione

Si prepara il terreno distribuendo concimi azotati a lenta cessione e abbondante letame composto ben maturo.

Abbinamenti con altre piante

Il prezzemolo può essere coltivato in abbinamento a piante dalle esigenze simili ed a crescita rapida. In particolare lo si può abbinare al  basilico, al cerfoglio ed all’ erba cipollina. Non tutte le erbe aromatiche, però, possono condividere lo stesso vaso: il prezzemolo non può ad esempio essere consociato con erbe a crescita lenta o media.

Prezzemolo

Prezzemolo

Altri consigli per la cura

La raccolta si può eseguire asportando a mano soltanto le foglie più sviluppate, oppure, quando la coltura ha raggiunto l’altezza massima si taglia a mano o a macchina l’intero apparato vegetativo a 1-2 cm dalla superficie del terreno. Nel corso del periodo della coltura è possibile eseguire più tagli (6-10), sfruttando la capacità al ricaccio di questa specie.

Il prezzemolo ha una  resa variabile da 200 fino a 400 q per ettaro in relazione alle tecniche colturali, alle condizioni climatiche e soprattutto potenzialità produttiva delle diverse varietà .

E’ possibile avere prezzemolo fresco per tutto l’anno; tuttavia è possibile conservare le foglie per 1-2 mesi in frigorifero a 0-1 °’C

Parassiti, malattie ed altre avversità

Il prezzemolo può essere colpito dalle stesse malattie a cui sono soggette le altre piante ombrellifere. Teme la cercospora che si manifesta con  macchie sulle foglie che arrivano a seccare la pianta. E’ opportuno sostituire il prezzemolo ammalato piuttosto che spendere tempo e risorse in un trattamento. Gli afidi bloccano la crescita del prezzemolo è bene tagliare le parti della pianta colpite

Il prezzemolo può essere attaccato da diversi insetti come le larve di maggiolino e oziorrinco che si nutrono delle radici.

Prezzemolo

Prezzemolo

Curiosità

È un ingrediente usato per la preparazione di  molte pietanze e di molte salse, gusto particolare e deciso riesce a regalare un profumo ai soffritti davvero inconfondibile. Ma anche a crudo da quel tocco in più alle pietanze.

Le foglie e i fusti del prezzemolo sono consumati sia freschi che per la preparazione di salse, zuppe e pesce. Un esempio il prezzemolo tritato fresco sul pesce.

Ricordo inoltre che allontana le zanzare, perfetto quindi per arredare i vostri davanzali e proteggere la casa da questi fastidiosi insetti.

Tossicità  e/o uso erboristico

Il Prezzemolo è dotato di particolari proprietà terapeutiche. E’ diuretico, stomachico, espettorante ed afrodisiaco.

L’impacco di foglie pestate è usato per alleviare punture di insetti, contusioni e mal di denti.

Nell’erboristeria cinese è utilizzato anche come rimedio per la pressione alta.

Anticamente era utilizzato anche come emmenagogo e abortivo, per via  dell’apiolo, un componente principale, che contrae la muscolatura liscia dell’intestino, vescica e utero. È sconsigliato l’uso in quantità massicce non controllate, dato che in tal caso può provocare disturbi notevoli ed intossicazioni.

L’olio essenziale di prezzemolo, se ingerito, può dare effetti avversi anche a livello epatico e lo psoralene e i suoi derivati presenti nella pianta sono stati collegati alle fotodermatiti che colpiscono i raccoglitori di prezzemolo

Il prezzemolo è velenoso per gatti, pappagalli e piccoli animali in genere.

“Attenzione: Le applicazioni farmaceutiche sono indicate a solo scopo informativo. Devono essere consigliate e prescritte dal medico.”

Linguaggio dei fiori

Il significato del prezzemolo è piuttosto noto. Dire ad una persona «Sei come il prezzemolo» equivale a dire “sei invadente” in riferimento  al fatto che il prezzemolo fin dall’antichità era la spezia più usata in cucina.

La scuola medica salernitana affermava: «salvia, sale, pepe, aglio e prezzemolo fanno un ottimo condimento se non ci si mette altro».Un altro detto nei confronti del prezzemolo è legato al fatto che cresce praticamente dappertutto anche nelle condizioni più dure. Da qui il detto: «Ti crescerà il prezzemolo nelle orecchie» riferito soprattutto ai bambini che non amavano tanto lavarsi le orecchie.

Per quel che mi riguarda il prezzemolo mi sa di casa, mi sa del sugo di mia mamma, mi ricorda le polpette alle patate, mi ricorda i muscoli (cozze) alla marinara spolverati di questa pianta aromatica. Quindi, per me, non può che avere un significato positivo.

Prezzemolo

Prezzemolo

Bibliografia e note

Carota – finocchio – sedano – prezzemolo  – La tecnica di coltivazione e la difesa antiparassitaria di Franceschetti, Belletti Quagliotti

L'hai trovato interessante? Votalo, e dicci come migliorarlo nei commenti
[Voti Totali: 0 Media: 0]
oppure sentiti libero di Condividerlo
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Pin on Pinterest
Pinterest
0Email this to someone
email

Vuoi fare una domanda? Vuoi dire la tua?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.