Bergenia

Bergenia
Bergenia

Se siete alla ricerca di una pianta bella, resistente, robusta che possa essere tramandata di generazione in generazione la pianta che fa per voi è senz’altro la Bergenia. Andiamo a scoprirla.

La Bergenia è stata largamente impiegata nei giardini della fine dell’Ottocento e il periodo della Belle Epoque, il suo arrivo in Europa risale al 1700 circa.

Forse avete avuto occasione di ammirarla nel giardino dei vostri nonni o nelle aiuole di qualche vecchia villa.

Peccato che ora non sia più cosi di moda coltivarla perché si tratta di una pianta che possiede il fascino tipico della piante che hanno una storia da raccontare, piante che vengono dal passato e che resistono ancora oggi testimoni silenziose di vicende, vicissitudini, storie. Questa pianta Può durare per decine d’anni, purché la si tenga all’ombra in estate.

Il genere Bergenia comprende piante erbacee perenni, rustiche che compongono dei piacevoli cespugli perlopiù di un bel colore rosa.

Si tratta di una pianta sempreverde molto utilizzata per creare delle bordure e come pianta tappezzante per via della foglia larga che la rende perfetta per coprire il terreno.

Le specie sono originarie delle zone umide dell’Asia centrale ed orientale dove crescono nei pascoli.

Si presenta con foglie che vantano un alto potere decorativo per la colorazione che durante l’inverno può diventare rossastra.

Una peculiarità di questa pianta riguarda infatti proprio il fogliame che muta facilmente di colore, assumendo delle tinte rossastre dovute o alle rigide temperature o all’eccessiva esposizione dei raggi solari.

Le foglie sono disposte a rosetta che possono essere intere oppure dentate, coriacee e lucide.

I fiori campanulati o imbutiformi in base alla specie, sono portati su lunghi steli e sono disposti a pannocchia. Il suo apparato radicale consiste in un rizoma robusto.

Classificazione botanica

Bergenia

La Bergenia è un genere appartenente alla famiglia delle Saxifragaceae.

Principali specie

Il genere Bergenia conta 6 specie, ecco le più diffuse:

Bergenia cordifolia

Bergenia cordifoglia
Bergenia cordifoglia

La Bergenia cordifolia può arrivare a misurare 30 centimetri di altezza. Si tratta della specie più comune e più diffusa nei nostri giardini
Originaria dell’Asia orientale, della Siberia dove cresce spontanea, la Bergenia cordifolia è stata importata in Europa nel 1779.

E’ caratterizzata da foglie rotonde e da fiori campanulati rosa lilla. La fioritura avviene nei mesi di marzo aprile proprio ad inizio primavera.

E’ facile da coltivare, riesce a tollerare anche terreni fortemente alcalini, l’essenziale è il mantenimento di una costante umidità del terreno.
L’esposizione può avvenire sia in condizioni di pieno sole che in condizioni di mezz’ombra, purché non si tratti di ombra assoluta.

Bergenia crassifolia

Bergenia crassifolia
Bergenia crassifolia

Si tratta di una specie originaria della Siberia che può arrivare a misurare 30 centimetri di altezza

E’ caratterizzata da foglie ovate e da fiori rosa tenue che arrivano a misurare 2 o 3 centimetri. La fioritura avviene da gennaio ad aprile. Lo sviluppo avviene orizzontalmente.

Bergenia purpurascens

Bergenia purpurascens-
Bergenia purpurascens- foto di Magnus ManskeCC BY-SA 3.0

Questa specie somiglia molto alla crassifoglia ma rispetto a quest’ultima ha le foglie più strette. Produce fiori campanulati di colore rosa porpora che sono riuniti a pannocchia. La fioritura avviene in primavera nei mesi di aprile maggio.

Bergenia stracheyi

Bergenia stracheyi
Bergenia stracheyi – foto di SphlCC BY-SA 3.0

La Bergenia stracheya è originaria dell’Himalaya. E’ caratterizzata da foglie lggermente più piccole rispetto alle altre specie e per questo non si presta bene come tappezzante. La fioritura avviene ad inizio primavera nei mesi di marzo-aprile.

I fiori campanulati sono bianco rosati ed arrivano a misurare 2 centimetri. Di questa specie ci sono tante varietà: la Bergenia stracheyi Abendglut la cui altezza arriva a 25 cm con fiori rosso porpora, la Bergenia stracheyi Silberlicht che invece misura 40 cm e che ha foglie grandi e fiori rosa chiaro con petali bianchi.

Bergenia ciliata ​

Bergenia ciliata
Bergenia ciliata – foto di Magnus ManskeCC BY-SA 3.0

E’ originaria delle aree temperate della regione himalayana dove cresce lungo i corsi d’acqua e in terreni umidi.  E’ caratterizzata da rosette di foglie verde medio ampiamente obovate, pelose, che arrivano a misurare fino a 35 centimetri di lunghezza.

All’inizio della primavera sbocciano le infiorescenze erette con fiori rosa o bianco che sfuma nel bianco, con calici rosa scuro.  

Fioritura

Bergenia
Bergenia

La fioritura della Bergenia avviene alla fine dell’inverno proprio ad annunciare la primavera. Non è raro che i primi fiori si danneggino per il gelo.

Spesso fiorisce in concomitanza con la festa di San Giuseppe, il 19 marzo, e per questo un nome comune che le viene attribuito è proprio fiore di San Giuseppe.

Consigli per la coltivazione della Bergenia

La grande rusticità di questa pianta la rende facile da coltivare. La Bergenia si adatta a tutti i tipi di terreno, anche in quelli più calcarei, sta bene sia al sole che all’ombra, resiste al freddo ed è perfetta per essere coltivata nei giardini rocciosi e per creare le bordure.

Coltivazione in vaso

La Bergenia può essere coltivata anche in vaso. Il contenitore può essere in plastica o in terracotta, e deve avere un diametro di 18 cm per pianta con fusto di 4 cm di diametro alla base. Per fiorire deve “stare stretta” , altrimenti produce solo foglie.

Il rinvaso si effettua solo quando le radici fuoriescono dal foro di drenaggio, scegliendo un contenitore di in una misura in più. Per il substrato si può usare un buon terriccio universale avendo cura del drenaggio sul fondo.

In caso di coltivazione in vaso, sul balcone, occorre fare ai venti forti che la pianta non tollera. Con temperature inferiori ai -10°C, è bene spostare i vasi al riparo o coprire la pianta con tessuto non tessuto.

Coltivazione in piena terra

Bergenia
Bergenia

La Bergenia ben si presta per creare bordure o come pianta tappezzante per aiuole poco soleggiate o semi ombreggiate.

Sceglietele una posizione dove possa ricevere i raggi del sole ma che resti in ombra nelle ore più calde della giornata.

Tieni conto che si espande con facilità, se glielo permettete.

Temperatura

La Bergenia non teme il freddo ma ci sono alcune specie che è preferibile crescere in zone non eccessivamente rigide.

Luce

La Bergenia cresce bene sia in pieno sole che all’ombra. Nelle zone molto esposte al sole è bene ombreggiare la pianta nelle ore più calde per evitare che si brucino le foglie.

Terriccio

Bergenia
Bergenia

La Bergenia è una pianta con una buona rusticità che si adatta anche ai terreni calcarei. L’importante è accertarsi che il terreno sia ben drenato e fertile. Dunque è necessario monitorare il tasso di umidità del terreno, prestando attenzione a possibili, e dannosi, ristagni idrici.

Annaffiatura

Questa pianta ha bisogno di acqua. Soprattutto in estate è bene avere cura di non lasciare asciugare il terreno. Non deve essere zuppo ma va mantenuto sempre umido.

Moltiplicazione

Bergenia
Bergenia

Questa pianta può essere propagata per divisione o per porzioni di rizoma. Nel primo caso si deve procedere in primavera disotterando la pianta madre, ripulendo i rizomi e dividendoli in due parti.

Ogni porzione deve avere una discreta quantità di radici. Le nuove piante, una volta divise possono essere poste a dimora alla stessa profondità della pianta madre.

La moltiplicazione per rizoma si effettua in autunno o in primavera tagliando i rizomi e sistemandoli in un vaso con sabbia o piantandoli in piena terra nelle zone con temperatura non eccessivamente rigide.

Concimazione

Per la stagione primavera estate è necessario concimare ogni 15 giorni usando dei concimi completi che contengano quindi macro elementi e microelementi

Potatura

Bergenia
Bergenia

La Bergenia non va potata, è sufficiente eliminare le foglie che si seccano o che si danneggiano per evitare che possano veicolare malattie o parassiti.

Altri consigli per la cura

Per migliorare la fioritura, quando i fiori sono completamente secchi, è opportuno eliminare lo scapo e pulire i cespi tagliando le foglie morte alla base.

Parassiti, malattie ed altre avversità

Bergenia
Bergenia

La Bergenia non è particolarmente soggetta a malattie. La sua rusticità quindi si rivela anche in questo senso. Tuttavia può subire attacchi di lumache e chiocciole.

Può essere anche attaccata dal punteruolo rosso, un acerrimo nemico complicato da debellare e soprattutto complicato da sconfiggere una volta iniziato l’attacco ma che si può prevenire usando pesticidi naturali per lotta biologica.

Attenzione al marciume radicale provocato dai ristagni idrici.

Tossicità  e/o uso erboristico

Bergenia
Bergenia

Molte specie sono uste nella medicina tradizionale; studi recenti ne hanno confermato le proprietà antinfiammatorie, antiossidanti, antivirali e antimicotici. Pare abbia inoltre anche attività antitumorali. 

L’ingestione dei fiori e delle foglie può provocare dolori addominali, problemi cardiaci e respiratori.

Attenzione: Le applicazioni farmaceutiche sono indicate a solo scopo informativo. Devono essere consigliate e prescritte dal medico.

Linguaggio dei fiori

La Bergenia è conosciuta soprattutto per essere il cosiddetto Fiore di San Giuseppe.
La sua fioritura si manifesta proprio attorno al 19 marzo, il giorno in cui si celebra la festa del papà ed è perfetta per essere regalata in questa ricorrenza.
Per questo motivo è simbolo di fiducia assoluta, accettazione e amore incondizionato, quei sentimenti che costituiscono il legame indissolubile tra un padre un figlio.

Articoli correlati che possono interessarti

L'hai trovato interessante? Votalo, e dicci come migliorarlo nei commenti
[Voti Totali: 2 Media: 5]

Vuoi fare una domanda? Vuoi dire la tua? Ti serve aiuto o consigli?

Fai la tua domanda sul nostro gruppo FACEBOOK (clicca qui)


Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.