Il giardino di Tiziana: un pezzo di Paradiso verde in Sardegna

Rosa-Paul-Transon foto di Tiziana Sanna

Tulbaghia cominsii e Iris nano rosa- Foto di Tiziana Sanna

Chiamarla passione è sbagliato, perché questo è amore puro. Un amore profondo, quotidiano, costante e durevole, un amore incondizionato.

Il giardino di Tiziana, ma è sbagliato chiamarlo giardino, è amore puro.

Siamo in Sardegna, nel comune di  Sinnai, a due passi da Cagliari, qui si trova  una vera e propria oasi, un microcosmo verdissimo dove convivono felici piante, fiori, farfalle, uccelli, api e, forse, anche fate e folletti.

Un microcosmo che Tiziana, un’incantevole donna, ha creato e ora cura con un amore commovente.

Il “giardino” di Tiziana, e concedetemi le virgolette nella parola giardino, è fuori dal comune. In questo spazio vi è un concentrato di amore, di  passione, di amicizia, di conoscenza, di curiosità, di sperimentazione, rarissimi da trovare altrove.

Viburnum opulus e gabbietta decorativa- foto di Tiziana Sanna

La straordinaria bellezza, la pace che sprigiona, l’armonia che regala sono elevati all’ennesima potenza dalla descrizione che Tiziana, forte di un bagaglio tecnico sorprendente unito ad una passione rarissima, fa di ogni pianta, nei minimi dettagli. La sua descrizione non si ferma ai dettagli tecnici e scientifici.  Tiziana va oltre, lei racconta della pianta, racconta la sua storia.

panoramica sul giardino davanti casa con in evidenza il Geranium maderense- Foto di Tiziana Sanna

Tiziana sa apprezzare le piante, e la natura in genere, come pochi, coglie le loro sfumature, i loro colori, le loro forme talvolta buffe, apprezza i riflessi creati con i raggi del sole i lievi movimenti che compiono. Tiziana osserva ed apprezza la natura come tutti dovremmo imparare ad apprezzare e la natura ripaga Tiziana con questo Paradiso lussureggiante, con generose fioriture .

Questa donna riesce a cogliere la bellezza di piante che la maggior parte di noi considereremmo infestanti, coglie aspetti che la maggior parte di noi non coglie.

Foto di Tiziana Sanna

Nel suo giardino, ogni sua pianta ha una storia, Tiziana scambia i semi con altri appassionati giardinieri, quindi ogni fiore le ricorda qualche amico lontano e questo rende tutto ancora più speciale.

Tiziana i fiori li alleva con amore, crea nuovi ibridi, li attende (alcuni anche per anni) e poi li accoglie e li cura nel suo paradiso.

Il suo giardino Tiziana lo ha creato dal nulla. Una vera e propria sfida che ha trasformato uno spazio quasi completamente fatto  di sterpaglie in un qualcosa di straordinario. La trasformazione è stata graduale, sono arrivate prima le Aquiegie, poi le Digitalis e piano piano si è arrivati allo straordinario risultato.

angolazione della Tulbaghia cominsii e Iris e sullo sfondo la fioritura del Geranium maderense- foto di Tiziana Sanna

La sua grande esperienza è ben raccontata nel suo blog Furighedda nel quale Tiziana racconta, descrive del suo giardino rendendoci partecipi alla sua grande passione.

L’esperienza di Tiziana, fuori dal comune, si sta diffondendo nel settore, tanto che capita sempre più frequentemente che Tiziana venga invitata  ad eventi per tenere delle piccole conferenze sul suo  giardino o su argomenti mirati, un esempio  l’anno scorso ad Ortocolto dove Tiziana ha parlato delle piante più resistenti a situazioni estreme come troppo sole o siccità. Del suo giardino ne ha parlato anche la trasmissione GEO di Rai 3  

Rosa ‘Ghislaine de Feligonde foto di Tiziana Sanna

Sono dunque onorata di poterle fare qualche domanda.

In realtà avrei  mille domande da farle ma mi rendo conto che sarebbe riduttivo chiederle quanto annaffia o altre cose simili. Il suo bagaglio tecnico è impressionante, Tiziana possiede un know how eccezionale.

Ma in questo caso così particolare quello che mi interessa davvero è sapere da cosa nasce questo amore, cosa le dà il suo giardino. Vorrei sapere cosa prova quando  fa colazione in quello che chiama “l’angolo del mattino”, sono curiosa di sapere quante persone ha conosciuto grazie a questo amore per le piante, quanti giardini ha visitato, quante nuove piante semina, dove ha imparato tutto ciò che sa.

rosa-Cesar-di-Meilland-si-affaccia-sulla-panchina Foto di Tiziana Sanna

Foto di Tiziana Sanna


Tiziana, quanti giardini ha visitato?

Ancora troppo pochi per i miei gusti!

La mia attività quotidiana sui social mi ha permesso di stringere molte amicizie nell’ambito del giardinaggio, per cui molti dei miei viaggi fatti per lavorare come garden blogger ad eventi, si allungano di qualche giorno e mi consentono di visitare i giardini delle amiche e degli amici conosciuti virtualmente.

Finora ne ho visti circa una dozzina, senza contare poi altre location visitate insieme agli amici stessi!

E quante nuove piante semini ogni anno?

Agli albori di questo giardino  seminavo e sperimentavo molto di più.

Ora semino un po’ meno, dato che ho il giardino è pienissimo e sta per scoppiare!

Scherzo! L’anno scorso ho avuto poco tempo per le semine e le poche fatte  non sono riuscita a seguirle bene per impegni di lavoro e perché  qui al Villaggio, dove abito, in estate l’acqua scarseggia, perché non siamo collegati con l’acquedotto, ma abbiamo una piccola diga di raccolta dell’acqua.

L’anno scorso è stato un anno particolarmente siccitoso, non è piovuto da aprile fino a fine ottobre e le riserve d’acqua scarseggiavano, per cui non ho affrontato nuove semine.

Quest’anno però ci riprovo, abbiamo avuto un ottimo apporto d’acqua dalle piogge invernali e primaverili.

l’angolo ombroso con una piccola collezione di Hosta. foto di Tiziana Sanna

Foto di Tiziana Sanna

Il tuo bagaglio è impressionante, dove hai imparato tutto ciò che sai?

Ho sempre avuto la curiosità per il verde!

Fin da piccola, a casa di mia mamma, tentavo semine e talee di piante nelle sue grandi vaschette ed ho sempre avuto il pollice verde.

Quando da adulta ho avuto l’opportunità di avere un giardino, prima in un condominio ed era piccolo e prettamente mediterraneo, poi quando mi trasferii in questa casa circa vent’anni fa, ho voluto sperimentare semine e talee più importanti.

Avendo da sempre la passione per i giardini all’inglese, mi informavo tramite riviste nazionali sul giardinaggio o tramite il web.

Mi sono iscritta ad un forum di giardinaggio ed ho imparato anche scambiando esperienze e pareri sull’argomento.

Il web per me è stato molto importante, navigavo su siti stranieri e soprattutto sui primi blog di appassionati di giardinaggio americani o nord europei, loro erano già tanto avanti e all’epoca qui in Italia i blog sul giardinaggio erano davvero pochissimi!

Il tuo è una sorta di giardino sensoriale, dove tatto olfatto e udito sono continuamente stimolati, qual è il senso più appagato?

Sicuramente l’olfatto!

Molte delle piante che ho voluto fortemente in giardino sono super profumate!

Si comincia da fine marzo con la Clematis Armandii, a cui poi si aggiungono le prime rose come la Mme Alfred Carriére ed il Glicine ( Wisteria floribunda ‘Black Dragon ) e poi via via tante rose profumate e in questo periodo per esempio il Caprifoglio ( Lonicera caprifolium ) che ha un intenso profumo, specialmente la sera all’imbrunire.

Foto di Tiziana Sanna – l’angolo del mattino

Usi l’aggettivo “sperimentale” per definire il tuo giardino. Quanti ibridi hai creato?

Io non sono un’ibridatrice, lascio fare a Madre Natura e per farti un esempio ho un Aster ageratoides ‘Ezo Murasaki’ che si è ibridato, modificando il colore delle foglie, più sul verde acido, ed i fiori, solitamente viola scuro, mentre l’ibrido è un bel color lilla-rosa

E’ molto bello lo scambio di semi che fate tra voi appassionati di giardinaggio Quante amici nuovi hai conosciuto grazie alla tua passione?

Ah sì sì! Lo scambio dei semi è meraviglioso!

Non solo hai la possibilità di avere in giardino specie che non ti immagineresti mai di vedere, per esempio in Sardegna, ma ti permette di fare la conoscenza di amici appassionati da tutte le parti del mondo!

Ho iniziato anni fa dapprima sul forum di giardinaggio a livello nazionale, poi la creazione del Furighedda gardening blog mi ha permesso di conoscere la mia cara amica Isabelle Olikier, una grande esperta di rose e di giardinaggio, che mi aveva dapprima incoraggiata ad iscrivermi su Facebook per stringere amicizia con altri appassionati d’oltralpe, i francesi ed i belgi sono davvero grandi entusiasti giardinieri!

In un secondo momento ha avuto l’idea brillante di  indire annualmente  uno scambio internazionale di semi fra amici giardinieri , arrivata ormai al sesto anno consecutivo, con un sempre maggior numero di amici che si iscrivono interessati allo scambio gratuito di specie annuali o perenni.

E’ grazie anche a questa iniziativa che il numero di amicizie virtuali sui social per me è lievitato notevolmente negli ultimi anni

rosa ancora senza nome probabilmente un ibrido derivante da 'Dorothy Perkins' Foto di Tiziana Sanna

rosa ancora senza nome probabilmente un ibrido derivante da ‘Dorothy Perkins’ Foto di Tiziana Sanna

Parlaci del tuo blog Furighedda gardening

Su Furighedda pubblico reportage su giardini che visito o manifestazioni florovivaistiche. E poi esperienza personale in giardino, Tutorial, Semine o talee, rinvasi, bouquet etc.


Aggiungo che il blog di Tiziana, curato da lei e da Delia e Serena,  altre due appassionate del settore, è un pozzo di sapienza, una vera e propria risorsa per chi vuole imparare davvero tutto sui fiori.

Grazie Tiziana per aver condiviso con noi la tua passione, la tua esperienza, per averci mostrato questo paradiso e, soprattutto, personalmente, ti ringrazio perché mi hai fatto capire quanto tempo prezioso ho perso non fermandomi ad osservare un fiore, una pianta, un riflesso. Errore che d’ora in avanti, grazie a te, non commetterò più.

Rosa 'Cardinal de Richelieu' e Alliums.

Rosa ‘Cardinal de Richelieu’ e Alliums. foto di Tiziana Sanna

L'hai trovato interessante? Allora votalo!
[Voti Totali: 1 Media: 5]
Ti è piaciuto? Allora Condividilo:
Share on Facebook
Facebook
132Share on Google+
Google+
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Pin on Pinterest
Pinterest
10Email this to someone
email

Vuoi fare una domanda? Vuoi dire la tua?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Add your own review

Rating

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.