Cyrtanthus

Cyrtanthus sanguineus

Cyrtanthus sanguineus. By Dick Culbert from Gibsons, B.C., Canada – CC BY 2.0.

Le Cyrtantus, note in Italia con il nome di Vallota, sono bulbi che regalano meravigliose fioriture, originari delle regioni meridionali dell’Africa. Peccato che, probabilmente per la loro delicatezza, siano piante che in commercio sono piuttosto rare. Differentemente degli altri bulbi sono perenni.

Non superano i 50-60 cm di altezza e nel nostro Paese vengono coltivate esclusivamente in vaso perché non tollerano i rigori dell’inverno. Hanno una consistenza quasi erbacea: dal fusto si sviluppano lunghe e spesse foglie lanceolate, disposte a raggio.

I fiori, dal caratteristico portamento inclinato, si sviluppano da ogni stelo e sfoggiano vivaci colori: giallo, rosso, arancio e, raramente, bianco.

Le specie del genere crescono in una vasta gamma di habitat inclusi i bordi fangosi e umidi, come epifite su altre piante e addirittura in condizioni vicine al deserto. Alcune specie si adattano bene alla coltivazione generale, altre richiedono un trattamento diverso. Possiedono requisiti che a volte sono così specifici e precisi che  la coltivazione avviene da parte di  collezionisti e coltivatori specializzati.

Classificazione botanica

Cyrtanthus è un grande genere della famiglia delle Amaryllidaceae originaria del Sudafrica.

Principali specie

Sono note circa 40 specie di Cyrtanthus. Per meglio definire le specie si può dire che il genere Cyrtanthus può essere diviso  in due gruppi distinti in base al ciclo di crescita: decidue e sempreverdi.

Le specie decidue possono essere ulteriormente divisi in specie in crescita invernale specie in crescita estiva.

Le forme sempreverdi sono tra le più coltivate di tutte le specie di Cyrtanthus. Fioriscono quando si sentono in cattività, soprattutto quando si ibridizzano con specie simili (come il Cyrtanthus brachyscyphus). Si tratta di forme ideali per i contenitori. Ci sono numerose forme di colore e tutte sono profumate.

Vediamone alcune:

Cyrtanthus angustifolius

Questa specie è caratterizzata da foglie, che solitamente si formano assieme al fiore, strette e lunghe fino a 45 cm. I fiori sono rosso-arancio e sbocciano in tarda estate e nel primo autunno, occasionalmente in inverno dopo un incendio. Questa specie non è adatta a crescere in regioni fredde. Cresce su pendii e piane di montagna in torrenti stagionali e paludi.

Cyrtanthus contractus

Cyrtanthus contractus

Cyrtanthus contractus P Wilkin  CC BY-SA 3.0

Si tratta di uno dei fiori più diffusi nel Sud Africa, è stato descritto per la prima volta nel 1898. Cresce fino ad un’altezza di 40 cm e generalmente  fiorisce in primavera e ad inizio estate. I suoi fiori sono rosa e a volte rossastri.

Cyrtanthus falcatus

Cyrtanthus falcatus

Cyrtanthus falcatus  KENPEI  CC BY-SA 3.0

Fiorisce all’inizio della primavera producendo fiori di colore tra il rosso e il rosa con una traccia di giallo nella parte esterna della corolla. Questa è una specie resistente.

Cyrtanthus brachyscyphus

Cyrtanthus brachyscyphus

Cyrtanthus brachyscyphus  User:BotBln  CC BY-SA 3.0

Questa piccola specie semi-sempreverde produce fiori rosso-arancio, si tratta di una specie tra le più facili da coltivare. Il periodo di fioritura è la primavera.

Cyrtanthus breviflorus

Fiorisce principalmente in primavera e in estate, ma possono comparire sporadiche fioriture per tutta la stagione. Produce fiori  di un bel giallo brillante.

Cyrtanthus clavatus

Si tratta di una specie dal Capo Orientale che produce un fiore bianco, crema o rosa pallido con strisce mediane rosso-marrone o verde.

E’ dormiente in inverno e fiorisce in estate, e i bulbi dovrebbero essere piantati con i colli appena sopra il livello del suolo.

Cyrtanthus elatus

Cyrtanthus elatus

Cyrtanthus elatus  Júlio Reis  CC BY-SA 3.0

Nota come  Vallota speciosa, George Lily o Giglio di Scarborough è uno dei membri più sorprendenti del genere e viene coltivato in tutto il mondo per i suoi fiori recisi. Il colore più coltivato è il rosso scarlatto, ma ora sono disponibili anche i rosa e le forme bianche.

Spesso si sente dire che questa specie fiorisce in modo molto irregolare, ma alcune forme sono naturalmente più fiorifere di altre.

Cyrtanthus eucallus

Questa specie a fioritura arancione ha numerosi ibridi che meritano un’ampia attenzione orticulturale. È sempreverde, si moltiplica rapidamente e richiede una posizione ombreggiata. E’ una specie facile ed è una pianta ideale per vasi.

Cyrtanthus fergusoniae

E’  una specie decidua o sempreverde con fiori di un acceso rosso vivo.

Cyrtanthus galpinii

E’ una  specie nana, che produce fiori rosa o arancione.

Dormiente in inverno fiorisce  in agosto-settembre nel suo habitat naturale.

Cyrtanthus guthrieae

Pochi aggettivi descrivono adeguatamente la bellezza di questa specie estremamente rara con i suoi fiori rossi brillanti che riflettono la lucentezza al sole. Fiorisce fedelmente ogni Marzo-aprile nell’emisfero australe.

Cyrtanthus spiralis

E’ una specie molto rara in natura ed è tra le più difficili da coltivare

Di solito è sempreverde in coltivazione, ma deve essere mantenuta quasi asciutto in estate, e annaffiata raramente  in inverno.

Cyrtanthus staadensis

Si tratta di una specie rara e fiorifera che produce  fiori rosso-arancio brillanti

Cyrtanthus mackenii

Cyrtanthus mackenii  Karen Wiebe  CC BY-SA 3.0

Fioritura

Il periodo di fioritura varia a seconda della specie: va da inizio della primavera all’autunno.

Consigli per la coltivazione delle Cyrtanthus

La Cyrtanthus è piuttosto delicata, per questo la sua coltivazione non è così diffusa tra i non esperti.

I bulbi si piantano verso aprile-maggio e si colloca il vaso in una posizione in pieno sole o comunque molto luminosa.

Il terreno consigliato è una miscela  di terriccio universale e sabbia grossolana. Si avrà così un terreno sufficientemente nutriente e drenante.

Coltivazione in vaso

Questa pianta si presta alla coltivazione in vaso quindi, soprattutto nelle aree dove possono verificarsi gelate, è meglio piantare i bulbi in vasi che possono essere riposti al riparo dal gelo in inverno.

Occorre, per avere successo nella coltivazione di questa pianta, avere ben chiare quelle che sono le necessità delle singole specie, soprattutto di quelle con coltivazione più difficile.

E’ bene coltivare le Cyrtanthus in contenitori generosi di varie dimensioni in base alle specie. E’ fondamentale che il terreno possegga un buon drenaggio. Un ottimo terreno è quello costituito da un mix di corteccia di compostaggio al 50%, pomice al 25% e sabbia al 25%, a cui aggiungere un composto di funghi ben decomposto, ed un fertilizzante azotato a lento rilascio, ben bilanciato con oligoelementi. Il clima adeguato rappresenta il presupposto principale e, assieme al resto, può aiutare nella coltivazione.

Detto ciò, è  meglio trattare ogni specie separatamente.

Il rinvaso della Cyrtanthus si esegue in autunno e mediamente ogni 3 anni. Il nuovo contenitore deve essere più capiente del precedente; il terreno deve essere soffice, sciolto e ricco di sostanza organica.

Cyrtanthus

Cyrtanthus

Coltivazione in piena terra

Per la coltivazione a terra occorre considerare che questa pianta non tollera il gelo (massimo 13 gradi), se non ci sono questi presupposti meglio evitare la coltivazione in giardino.

Temperatura

Le temperature ideali sono  intorno ai 20°C (soprattutto nei primi mesi di vita del bulbo). Durante l’inverno la pianta deve essere messa in un luogo riparato, che garantisca almeno 13°C di calore.

Luce

In generale questa pianta preferisce una posizione leggermente ombreggiata, o una che riceva il sole solo per metà giornata, preferibilmente al mattino. Tuttavia ci sono, alcune specie che preferiscono una posizione in  pieno sole come Cyrtanthus brachyscyphus e Cyrtanthus obliquus, mentre altri come Cyrtanthus eucallus e Cyrtanthus  labiatus fioriscono a mezz’ombra.

Terriccio

Più ricco sarà il suolo, più grandi e belli saranno fiori e pianta. La  pianta reagisce bene se riceve fertilizzante durante il periodo della sua crescita, pertanto è consigliabile amministrare, in forma liquida e solo durante quel periodo, un fertilizzante al terreno

Annaffiatura

Le annaffiature devono essere giornaliere verso maggio giugno e diradarsi verso luglio-agosto. Inizialmente, infatti, il terreno deve essere sempre umido, dopo invece è opportuno dargli tempo di asciugarsi completamente fra un’innaffiatura e l’altra. Quando si tratta di irrigazione, quando e quanto è fondamentale per il successo.

Cyrtanthus mackenii

Cyrtanthus mackenii

Moltiplicazione

Una volta terminato il periodo vegetativo della pianta, si prelevano i piccoli bulbi spuntati alla sua base che si possono utilizzare come polloni a tutti gli effetti.

Una volta piantati in vasi dal diametro medio-piccolo, questi impiegheranno circa due o tre anni prima di produrre a loro volta delle splendide fioriture.

Per quanto riguarda i semi di Cyrtanthus, questi sono di breve durata e possono essere conservati in frigorifero fino a 6 mesi.

I semi vanno seminati sulla superficie di un terreno ben drenato e solo leggermente coperti di sabbia

Concimazione

A partire dal mese di marzo e fino al mese di settembre va somministrato un concime liquido diluito nell’acqua di irrigazione ogni 2-3 settimane diminuendo leggermente le dosi rispetto a quanto riportato nella confezione.

Il concime deve essere equamente bilanciato in azoto (N), fosforo (P), potassio (K) e in  microelementi, come il magnesio (Mg), il ferro (Fe), il manganese (Mn), il rame (Cu), lo zinco (Zn), il boro (B), il molibdeno (Mo), tutti importanti per una corretta ed equilibrata crescita della pianta.

Potatura

La Cyrtanthus non si pota. E’ sufficiente  le parti che si seccano per evitare che diventino veicolo di malattie parassitarie.

Occorre sempre impiegare attrezzi puliti e disinfettati per scongiurare il rischio di infettare i tessuti.

Parassiti, malattie ed altre avversità

Questa pianta teme principalmente la cocciniglia e il ragnetto rosso che possono fare deperire la pianta molto rapidamente. Tutti

Se si notano macchie sulla pagina inferiore delle foglie probabilmente si ha a che fare con un attacco da parte della cocciniglia che si può eliminare con un batuffolo di cotone imbevuto di alcool.

Curiosità

Il nome del genere Cyrtanthus deriva dal greco kyrtos (ritorto) e anthos (fiore), a descrivere  l’intera infiorescenza con il fiore pendulo innestato sullo stelo.

Linguaggio dei fiori

Nel linguaggio dei fiori la Cyrtanthus simboleggia la fantasia ed il mistero

Libri su Cyrtanthus

The Amaryllidaceae of Southern Africa (Inglese) di Graham Duncan

Articoli correlati che possono interessarti

L'hai trovato interessante? Votalo, e dicci come migliorarlo nei commenti
[Voti Totali: 0 Media: 0]
oppure sentiti libero di Condividerlo
Share on Facebook
Facebook
22Tweet about this on Twitter
Twitter
Pin on Pinterest
Pinterest
3Email this to someone
email

Vuoi fare una domanda? Vuoi dire la tua?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.