Eulychnia

Eulychnia
Eulychnia – di Nikon D70sCC BY-SA 2.5

Nel meraviglioso mondo dei cactus c’è l’Eulychnia, un genere di piante colonnari, arborescenti, che presenta vistose areole, dai lunghi ciuffi di peli bianchi e lanosi. In passato le specie del genere appartenevano al genere Cereus.

E’ originario delle aree desertiche di Cile e PerĂą (solo deserti nebbiosi). Non si tratta di un genere molto diffuso perchĂ© non è facilissimo da coltivare, in particolare, ha bisogno di un clima molto umido.

E’ piĂą comune trovare varianti con forma a spirale, crestate, talvolta addirittura in forma di disco, molto ricercate dai collezionisti.

Classificazione botanica

L’Eulychnia è un genere che appartiene alla famiglia delle Cactaceae.

Principali specie

In passato l’Eulychnia apparteneva al genere Cereus, da cui poi è stata distaccata.
Al genere non appartengono molte specie ma, per ogni specie, ci sono diverse varianti. Vediamone alcune.

Eulychnia acida

Eulychnia acida
Eulychnia acida- di Pato Novoa CC BY 2.0

Eulychnia acida è una pianta da fiore che appartiene alla famiglia delle Cactaceae. Si tratta di un cactus arborescente, prevalentemente colonnare. Presenta un unico tronco di base, e sviluppa una corona profusa che misura fino a tre metri di diametro. Raggiunge altezze variabili da 1,5 a 6 metri a seconda della zona di temperatura e del microclima. Presenta lunghe spine flessibili. I fiori sono di medie dimensioni ed hanno petali che vanno dal rosa al bianco.

Eulychnia breviflora

Eulychnia breviflora
Eulychnia breviflora – di Frank VincentzCC BY-SA 3.0

Questa specie è colonnare e molto ramificata dal basso. Presenta un tronco legnoso ben sviluppato. Ha molte costole che sono incastonate con grandi ciuffi lanosi bianchi accentati da lunghe spine centrali.
In estate sbocciano i fiori, a forma di campana, misurano 2 centimentri di lunghezza ed il colore va dal bianco al rosa pallido. Si sviluppano da boccioli molto lanosi pieni di densa lana.


Eulychnia castanea vaspiralis

Eulychnia castanea spiralis
Eulychnia castanea spiralis- di Stefano CC BY-NC-SA 2.0

Questa varietà della specie castanea è nota come diversi nomi: spiralis, varispiralis o semplicemente mostruosa. Cresce e si sviluppa sulle pareti rocciose attigue uno dei deserti più aridi del mondo: l’Atacama. Pertanto è una pianta abituata a lunghi periodi di siccità.

Si tratta di una cultivar molto variabile della quale se ne possono distinguere almeno quattro varianti:

  • Mostrousa colonnare: si tratta della forma piĂą comune, è un cactus colonnare con una superficie irregolare.
  • Discoidale colonnare: è caratterizzata da curiosi dischi verdi sovrapposti uno sull’altro.
  • Spirale colonnare: questo cactus colonnare piuttosto raro ha una crescita spiraliforme.
  • Crestata: questa variante, molto rara, è caratterizzata da forme scultoree che spesso racchiudono le caratteristiche delle altre tipologie. generalmente presenta delle escrescenze a forma di ventaglio. E’ una vera e propria pianta da collezione.

Fioritura


L’Eulychnia fiorisce in piena estate, nei mesi di giugno e di luglio. I fiori, compatti e vistosi, sbocciano sulla sommitĂ  delle colonne.

Il colore dei fiori varia in base alla specie: generalmente sono bianchi o giallo chiaro, ma talvolta hanno sfumature decisamente piĂą accese.

Consigli per la coltivazione dell’Eulychnia

Questa cactacea non è facile da coltivare. La principale difficoltĂ  dell’Eulychnia è la necessitĂ  di ricreare l’umiditĂ  della sua zona di origine, quindi quella di mantenere un ambiente tendenzialmente umido.

Diversamente dalle altre cactacee, è opportuno nebulizzare quotidianamente la pianta durante l’estate.

Coltivazione in vaso

L’Eulychnia può essere coltivata in vaso. Le necessitĂ  di rinvaso  variano in base alla specie ma generalmente avviene ogni due anni. L’operazione avviene in primavera quando le radici fuoriescono dai fori di drenaggio. Il nuovo contenitore si riempie per un quarto con ciottoli, ghiaia o altro materiale drenante e poi si aggiunge  terreno fresco adatto per cactus. Sopo il rinvaso, si deve fare passare almeno una settimana prima di innaffiare.

Coltivazione in terrazzo

Eulychnia
Eulychnia

Gli esemplari allevati in vaso possono decorare terrazzi e balconi. Importante tenere in considerazione esposizione e temperatura.

Temperatura

Questi cactus sopportano il caldo e crescono bene anche a temperature che arrivano ai 50 gradi ma non amano le basse temperature. E’ quindi bene che la temperatura resti sopra gli 8 °C. In inverno quindi è necessario trasferire queste piante in un luogo asciutto e riparato.

Luce

L’Eulychnia ama un’esposizione in pieno sole.

Terriccio

Il terreno ideale per l’Eulychnia è un compost specifico per cactus che possegga l’adeguata quantitĂ  di minerali per scongiurare il rischio che assuma una forma troppo allungata.

E’ importante che sia sabbioso e molto drenante considerando che è una pianta abituata alla siccitĂ  prolungata.

Annaffiatura

Non si deve annaffiare questa pianta troppo spesso, in quanto, come avviene anche per le altre cactacee, le radici tendono a marcire facilmente. Durante l’estate è però necessario procedere ad una nebulizzazione quotidiana della chioma.

Moltiplicazione

Eulychnia

L’Eulychnia si può moltiplicare sia tramite talea che per innesto.

La riproduzione per talea si esegue in primavera o in estate in quanto le talee di Eulychnia riescono ad attecchire solo a determinate temperature, superiori ai 20 gradi. Si ottiene la talea tagliando una porzione dello stelo con un coltellino sterilizzato, si lascia quindi asciugare la talea nel punto del taglio lasciandola in un luogo caldo e asciutto per circa 7-10 giorni.

Nel momento in cui si forma un callo cicatriziale sulla ferita, si può procedere ad interrare la talea in un vaso che contiene del terriccio per cactus. Tra la talea ed il terriccio, si deve porre uno strato di ghiaietta o pietrisco, per fare in modo che il callo non  si bagni troppo e per fare in modo che le radici siano libere di generarsi e allungarsi penetrando nel terriccio. Nel giro di due settimane le talee dovrebbero attecchire.

L’Eulychnia può essere innestata sul Myrtillocactus geometrizans che pare dia la maggiore quantità di successo nell’attecchimento della pianta.

Si deve dapprima selezionare il Myirtillocactus, e poi si deve tagliare una porzione di Eulychnia ed adagiarla sul tronco della pianta ricevente appena tagliato. A quel punto una pianta va assicurata all’altra (si può fare con del nastro adesivo). L’innesto va posto in un luogo caldo e asciutto, per i primi giorni si deve evitare di bagnare la pianta. Nel giro di qualche settimana l’innesto attecchisce e la pianta inizia a crescere.

Concimazione

Per quel che concerne la concimazione, da fare solo durante l’estate, è opportuno usare un fertilizzante ad alto contenuto di potassio.

Potatura

Questa pianta non deve essere potata, è sufficiente eliminare le parti che dissecano.

Abbinamenti con altre piante

L’Eulychnia cresce bene come esemplare isolato oppure abbinata a piante con le medesime esigenze colturali.

E’ spesso innestata su Myrtillocactus geometrizans ma cresce bene anche sulle sue radici.

Altri consigli per la cura

E’ bene trattare la pianta con un insetticida sistemico almeno due volte l’anno, in primavera e in autunno.

Parassiti, malattie ed altre avversitĂ 

L’Eulychnia teme fondamentalmente tre cose:

  • l’eccesso di acqua che provoca marciume radicale;
  • le gelate o le basse temperature;
  • i parassiti.

Si può intervenire limitando le innaffiature o riponendo la pianta in un luogo riparato dal freddo, e facendo attenzione ai diversi tipi di parassiti che possono attaccare la pianta.  Tra questi ci sono i ragnetti rossi e cocciniglia cotonosa.

CuriositĂ 

Di questa pianta vengono specco coltivate varianti con forma a spirale, crestate, e con altre forme rare che ne fanno una vera particolarità nell’ambito delle cactacee.

TossicitĂ   e/o uso erboristico


Il frutto dell’Eulychnia è commestibile, ma non molto gustoso.

“Attenzione: Le applicazioni farmaceutiche sono indicate a solo scopo informativo. Devono essere consigliate e prescritte dal medico.”

Linguaggio dei fiori

Come per tutti i cactus anche il significato dell’ Eulychnia è legato alla resistenza alle avversitĂ .

Dove acquistare l’Eulychnia

su eBay si trovano molte proposte

Articoli correlati che possono interessarti

L'hai trovato interessante? Votalo, e dicci come migliorarlo nei commenti
[Voti Totali: 2 Media: 5]

Vuoi fare una domanda? Vuoi dire la tua? Ti serve aiuto o consigli?

Fai la tua domanda sul nostro gruppo FACEBOOK (clicca qui)


Il tuo indirizzo email non sarĂ  pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.