Brunfelsia

Brunfelsia
Brunfelsia

La Brunfelsia è un piccolo genere che comprende oltre trenta specie neotropicali appartententi alla famiglia delle Solanaceae.  E’ una pianta arbustiva sempreverde originaria dell’India Occidentale e dell’America tropicale distribuita dalle Antille all’Argentina.

Si presenta come un piccolo alberello caratterizzato da foglie coriacee e lucide, alternate, che possono essere da ellittiche a ovate, sempreverdi.

Produce fiori profumati variano il loro colore con lo scorrere del tempo: quando sbocciano sono viola, ed seguito i petali si schiariscono passando dal lilla al bianco. I fiori presentano corolle piatte, lievemente zigomorfe, con cinque lobi, generalmente molto profumati, che in alcune specie cambiano colore durante la fioritura. Diverse specie del genere sono molto apprezzate come piante ornamentali per i bellissimi fiori e per il fogliame fitto, che ben si presta alla creazione di siepi informali.

La Brunfelsia è coltivata per i suoi bei fiori, le cui sfumature uniche regalano uno straordinario effetto, ideale per decorare casa. Si adatta perfettamente alla coltivazione in vaso.

Classificazione botanica

La Brunfelsia è un genere che appartiene alla famiglia delle Solanaceae.

Principali specie

Il genere Brunfelsia comprende oltre 30 specie. Si tratta di arbusti sempreverdi, che talvolta assumono l’aspetto di piccoli alberi e che producono fiori molto decorativi. Ecco le principali

Brunfelsia americana 

Brunfelsia americana
Brunfelsia americana- foto di Wayne BoucherCC BY-SA 2.5

Si tratta di un piccolo albero, o anche un arbusto che può essere eretto o espanso, originario delle Antille. Arriva a misurare un’altezza che varia da da 2 a 5 metri, presenta foglie da ellittiche a obovate, di un bel verde profondo, lunghe fino a 15 cm. Durante i mesi estivi produce grandi fiori solitari, dal diametro fino a 8 cm. I fiori sono bianchi al momento dell’apertura, poi diventano giallo crema. Durante la notte profumano intensamente.

Brunfelsia australis ​

Brunfelsia australis
Brunfelsia australis- foto di Forest and Kim StarrCC BY 3.0 US

E’ la specie più rustica, è diffusa nei boschi aperti dalla Colombia all’Argentina, dove vive fino a un’altitudine di 1000 metri. E’ un arbusto o un piccolo albero di portamento espanso, che può arrivare a misurare 4 metri di altezza. E’ caratterizzato da foglie ovali, coriacee, verde medie. Dall’inizio dell’estate all’autunno fiorisce copiosamente regalando fiori che al momento dell’apertura sono porpora con un occhio centrale bianco, il secondo giorno sbiadiscono in lavanda ed il terzo giorno, poco prima di appassire, diventano bianchi. La sua coltivazione è diffusa in Sud America, dove è chiamata diamelo. Tra tutte le specie è quella con in fiori più piccoli, ma la sua rusticità e l’abbondanza della fioritura la rendono una specie meritevole di attenzione.

Brunfelsia latifolia 

Brunfelsia latifolia
Brunfelsia latifolia – foto di H. ZellCC BY-SA 3.0

Questa specie è originaria delle regioni tropicali dell’America dello stato di Rio de Janeiro in Brasile. Si presenta come un arbusto basso ed espanso, che solitamente non supera il metro di altezza e che tende a ramificare alla base con rami spesso a zig zag fittamente coperti di foglie. Le foglie misurano da 5 a 13 cm ed hanno forme molto variabili, da ovate a ellittiche a inversamente ovate, con pagina superiore lucida e verde scuro, pagina inferiore opaca e verde chiaro, tomentosa.

La Brunfelsia latifolia produce infiorescenze da 3 a 20 fiori con corolle dall’aspetto lievemente stropicciato. Inizialmente il colore è viola chiaro ma poi sbiadisce in bianco. Viene spesso confusa con la specie pauciflora, di cui a volte è indicata come sinonimo, mentre si tratta due specie diverse.   

Brunfelsia pauciflora 

Brunfelsia pauciflora
Brunfelsia pauciflora- foto di Wayne BoucherCC BY-SA 2.5

E’ originaria degli stati di Rio de Janeiro e Santa Catarina in Brasile. Si tratta di un arbusto cespuglioso che arriva a misurare due metri di altezza. Presenta foglie oblunghe o ellittiche, coriacee, lucide, verde scuro, lunghe fino a 15 cm. Dalla fine della primavera all’estate produce infiorescenze terminali o ascellari di non più di 10 fiori, con un diametro di circa 5 cm. La corolla cambia colore virando dal viola scuro, al lavanda pallido e infine al bianco. Si tratta della specie più nota e coltivata, con diverse selezioni orticole, come ‘Eximia’, di dimensioni più compatte; ‘Floribunda’, con portamento espanso e fiori abbondanti, viola alla schiusa quindi purpurei; ‘Macrantha’, con fiori più grandi (fino a 8 cm) con gola bianca

Brunfelsia undulata ​

Brunfelsia undulata
Brunfelsia undulata- foto di Wolfgang Sauber –CC BY-SA 3.0

Questa specie arriva dalla Giamaica. Si tratta di un arbusto alto fino a due metri, caratterizzato da foglie strettamente lanceolate, cuneate alla base, con apice acuto, lucide, verde medio. Produce attraenti fiori bianco neve con tubo molto lungo bianco verdastro e lobi dai margini ondulati, con un profumo simile a quello della gardenia. Non è molto coltivata da noi, anche se in qualche vivaio specializzato è reperibile la cultivar ‘White caps’, con fiori di dimensione maggiore

Brunfelsia calycina

Brunfelsia calycina – foto di MokkieCC BY-SA 3.0

Caratterizzata da un portamento eretto, questa specie è originaria del Brasile. E’ ramificata fin dalla base, presenta foglie lanceolate, dotate di un corto picciolo e dalla lamina glabra e di un bel verde brillante. Da aprile ad agosto compaiono copiosi i fiori riuniti in infiorescenze ascellari o terminali, con un piccolo occhio bianco e cinque petali appiattiti dai margini leggermente ondulati. Il loro colore vira dal viola malva intenso alla schiusura al lilla pallido al bianco. Raggiunge i 60-70 cm. di altezza. La varietà nana “Floribunda” presenta fioritura invernale-primaverile, se mantenuta alla temperatura di 15-17°C. La varietà “Macrantha” ha fiori color lavanda o porpora larghi fino a 8 cm.

Brunfelsia undulata

Si tratta di una specie piuttosto rara originaria delle Indie Occidentali che presenta foglie lucide ovato-lanceolate. Da giugno a ottobre produce fiori tubulosi di colore bianco. Cresce fino a 1,2 m.

Fioritura

La fioritura della Brunfelsia avviene all’inizio della primavera e dura per tutta l’estate.

Consigli per la coltivazione della Brunfelsia

La Brunfelsia non è difficile da coltivare se si considera che è originaria di zone calde ed umide.

Coltivazione in vaso

Nelle regioni a clima temperato la Brunfelsia necessita di essere coltivata in vaso in quanto durante la stagione calda può essere poste all’aperto mentre durante i mesi freddi deve essere ritirata in ambienteprotetto. Il rinvaso si esegue solo la fioritura, sono nel caso in cui il vaso diventa troppo piccolo per le radici. Il terriccio deve essere composto da terreno fertile, torba e sabbia grossolana.

Coltivazione in piena terra

Le piante di Brunfelsia si mettono a dimora in primavera quando è ormai del tutto scongiurato il periodo delle gelate notturne. Le piante giovani soffrono molto le escursioni termiche tipiche della primavera. Il terreno che deve accogliere la pianta deve essere lavorato a fondo, preventivamente arricchito di nutrienti e mescolato a una parte di buon materiale. drenante.

Pianta da siepe

La Brunfelsia è molto apprezzata per il suo fogliame fitto, che la rende perfetta per la creazione di siepi informali.

Coltivazione in terrazzo

Gli esemplari allevati in vaso possono decorare terrazzi e balconi.

Temperatura

Brunfelsia
Brunfelsia

La temperatura ideale per la coltivazione della Brunfelsia si aggira attorno ai 21-26°C, mentre quella minima non deve scendere al di sotto dei 10-13°C. Teme infatti il freddo, per cui si consiglia di non esporre mai la pianta a una temperatura inferiore ai 10°C. E’ consigliabile coltivare questa pianta in vaso perchè durante le stagioni calde possono essere collocate all’aperto, mentre in inverno bisogna ritirarle.

Luce

La Brunfelsia preferisce esposizioni in pieno sole ma non nei periodi più caldi dell’anno. Ama gli ambienti luminosi, ma non tollera i raggi diretti del sole.

Terriccio

Ama un terriccio fertile con aggiunta di torba e sabbia per garantire un buon drenaggio. Perfetta una miscela di terra concimata e terra di foglie matura, con aggiunta di sabbia e torba.

Annaffiatura

Questa pianta necessita di annaffiature regolari, si deve evitare che il terreno si asciughi completamente tra un’ irrigazione e l’altra. Durante il periodo invernale le annaffiature vanno diminuite ma si deve lasciare empre il terreno leggermente umido.

Moltiplicazione

La Brunfelsia si propaga per talea in primavera ed estate. E’ consigliabile di rimuovere le talee semi-legnose lunghe 10cm e interrarle in torba e sabbia, in un ambiente caldo e avendo cura di mantenere il suolo umido. Si deve attendere circa 30 giorni per vedere radicare le nuove piantine.

Brunfelsia latifolia
Brunfelsia latifolia – foto di Christian HummertCC BY-SA 3.0

Concimazione

Durante il periodo vegetativo occorre intervenire ogni 15 giorni con un concime liquido diluito all’acqua delle annaffiatura.

Potatura

La Brunfelsia non ha bisogno di essere potata, ma è bene rimuovere tutte le foglie ed i rami malati. Per dare compatezza alla pianta si può intervenire subito dopo la fioritura.

Abbinamenti con altre piante

Si possono realizzare siepi miste le piante di Brunfelsia alternate con piante della stessa famiglia come il Solanum capsicastrum.

Altri consigli per la cura

Predilige terreni ricchi di humus e ben drenati. Di tanto in tanto si può potare la pianta per conferire un aspetto più compatto. Il rinvaso si effettua dopo la fioritura.

Parassiti, malattie ed altre avversità

La Brunfelsia teme i marciumi radicali, quindi è necessarsio evitarei ristagni idrici ed i terreni fradici. La pianta può inoltre subire attacchi da parte di afidi che succhiano la linfa e rendono la pianta appiccicosa. In questo caso, si possono impiegare antiparassitari specifici. Le foglie appassite indicano un eccesso di acqua.

Anche la cocciniglia cotonosa può attaccare la Brunfelsia, soprattutto in presenza di clima caldo e secco. E’necessario elevare il tasso di umidità ambientale e trattare la pianta con un prodotto anticoccidico o strofinare le parti colpite con un batuffolo di cotone bagnato con acqua e alcool.

Curiosità

La Brunfelsia è originaria dell’America tropicale. La caratteristica di alcune specie è la variazione di colore che assumono i fiori; essi, infatti, passano dal viola, al momento della schiusura, a un pallido lavanda, per finire al bianco. Il genere è stato dedicato a Otto Brunsfeld, teologo tedesco vissuto a cavallo del XV e XVI secolo.
La Brunfelsia americana  è utilizzata nella medicina tradizionale, contiene alcaloidi tossici, tanto che in Dominica è chiamata empoisonneur, “avvelenatore”. Un altro nome comune è “signora della notte” per il profumo notturno

Tossicità  e/o uso erboristico

La Brunfelsia è stata utilizzata nella medicina tradizionale per le proprietà officinali, ma anche allucinatorie e psicotrope. Contiene diversi alcaloidi che possono essere fortemente tossici. Sono documentati casi di avvelenamenti sia di animali sia di esseri umani.


Attenzione: Le applicazioni farmaceutiche sono indicate a solo scopo informativo. Devono essere consigliate e prescritte dal medico.

Linguaggio dei fiori

Il significato di questa pianta rappresenta la mutazione, i cambiamenti che avvengono da  un giorno all’altro, rappresentati dal cambiamento del colore dei fiori.

Articoli correlati che possono interessarti

L'hai trovato interessante? Votalo, e dicci come migliorarlo nei commenti
[Voti Totali: 2 Media: 4.5]

Vuoi fare una domanda? Vuoi dire la tua? Ti serve aiuto o consigli?

Fai la tua domanda sul nostro gruppo FACEBOOK (clicca qui)


Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.