Haworthia

Haworthia greenii

Haworthia greenii – foto di Drew Avery (CC BY 2.0)

Piccole, bellissime, facili da coltivare: vi presentiamo le Haworthia delle piante grasse che rallegreranno i vostri davanzali.

Classificazione botanica

Haworthia è un genere di piante succulente endemiche in Africa australe, che prendono il nome del botanico britannico Adrian Hardy Haworth. somigliano a delle piccole Aloe. Appartengono alla  Famiglia delle Asphodelaceae, alla Subfamiglia delle Alooideae al Genere Haworthia

L’ Haworthia fu inclusa nel genere Aloe prima che la sua classe venisse riassegnata nei primi anni del 1800. Nel 2013, ulteriori studi genetici dividono Haworthia nei tre generi: Haworthia (42 specie), Haworthiopsis (18 specie) e Tulista (4 specie).

Caratteristiche generali

Le Haworthia sono delle piccole piante grasse, facili da coltivare, che vantano un’ abbondante vegetazione e che sono molto decorative per il loro caratteristico portamento a rosetta.  Sono generalmente prive di fusto, oppure con fusto breve e ricoperto di foglie. Le foglie carnose e appuntite sono ornate di formazioni puntiformi rilevate, macchie o striature. Le appartenenti a questo genere si ibridano facilmente con le piante vicino alle quali sono coltivate. I fiori , poco significativi, hanno in genere lunghi peduncoli. Tra le varietà più comuni ricordiamo l’Haworthia cymbiformis e la fasciata.

Haworthia mirabilis – CC BY-SA 4.0 Abu Shawka 

 

Principali specie

Esistono numerose specie nel genere Haworthia circa 90, originarie dell’Africa meridionale tra queste citamo:

Haworthia cymbiformis

La Haworthia cymbiformis caratterizzata da un portamento molto compatto. Ha foglie disposte a rosetta grigio verdi, la cui lunghezza non supera i 2,5 cm.  A seconda della varietà sono più o meno variegate

Haworthia cymbiformis – Abu Shawka CC-Zero

Haworthia  pumila o margaritifera

La Haworthia margaritifera (ora rinominata  Tulista pumila) produce foglie verde scuro, molto carnose che misurano anche 15 cm di larghezza.

Haworthia margaritifera o pumila

Haworthia margaritifera o pumila – foto di Karelj, CC BY 4.0, Link

Haworthia reinwardtii

La Haworthia reinwardtii si distingue dalle altre specie perchè forma una rosetta molto più allungata con le foglie di colore verde scuro, variamente screziate di bianco.

Haworthia Reinwardtii – Foto di Peter Kemmer CC BY 2.0

 

Haworthia attenuata

E’ una specie molto diffusa in commercio caratterizzata da foglie della lunghezza du circa 6 cm, generalmente erette, verde militare con punta non è acuminata quindi adatta anche in abitazioni dove ci sono bimbi piccoli o animali domestici.

Haworthia attenuata – Andrew Butko cc-by-sa

Haworthia truncata

Caratterizzata dalla strana forma delle foglie che sono quasi rettangolari e disposte in linea retta. Il suo apice è tronco, produce fiori chiari con striature brune.

Haworthia truncata

Haworthia truncata – foto di Mike Keeling ,(CC BY-ND 2.0)

Haworthia minima

Si distingue per le sue dimensioni contenute: arriva al massimo a 8 cm di altezza e ampiezza. È una specie molto variabile per quanto riguarda forma e colori delle foglie. Produce fiori bianchi con sfumature rosate.

Apprezzata  perché vive bene in diverse condizioni di luce.

Haworthia minima

Haworthia minima – foto di stephen boisvert (CC BY 2.0)

Haworthia venosa

Tende a crescere in larghezza nonostante il suo portamento eretto. Produce  foglie appuntite e rivolte verso l’esterno, dentate lungo i bordi. Il colore è verde scuro. Arriva a 60 cm di altezza.

Haworthia venosa ssp. tesselata

Haworthia venosa ssp. tesselata – foto di stephen boisvert (CC BY 2.0)

Haworthia retusa

La caratteristica è la forma ricurva delle foglie,   molto appiattita sul terreno. Ogni foglia forma un triangolo, trasparente.

Haworthia retusa

Haworthia retusa

Haworthia mirabilis

Molto simile alla retusa, è molto appiattita.

Haworthia mirabilis var mirabilis

Haworthia mirabilis var mirabilis – foto di Abu Shawka, CC BY-SA 4.0, Link

Consigli per la coltivazione della Haworthia

Le Haworthia sono considerate piante d’appartamento facili da coltivare, se si riesce a tenere in vita un vaso di aloe su un davanzale, è probabile lo si possa  fare con una pianta di Haworthia. Come con tutte le piante grasse, il rischio maggiore   è l’eccesso di annaffiature. Una caratteristica di queste piante è che si tratta di piante decorative che possono essere coltivate in contenitori originali e decorativi come  tazze o vecchie scarpe.

Mentre la maggior parte delle piante grasse amano il pieno sole, le Haworthie sono più adatte alle condizioni di semi-ombra. Spesso crescono sotto piante arbustive o vicino alle rocce. Nei loro habitat nativi, le Haworthie sono molto difficili da trovare per via delle loro piccole dimensioni.

Una caratteristica meravigliosa della Haworthia è la grande variazione nell’aspetto. Le trame e i colori variano molto tra le specie e spesso stupiscono con  combinazioni straordinarie. I coltivatori selezionano attentamente i genitori per creare degli ibridi sempre più belli.

haworthia-fasciataEsposizione e temperatura

Le Haworthia crescono bene in posizioni non troppo soleggiate. La luce e il calore intensi possono provocare  bruciature o disidratazione e causare nella pianta un’antiestetica colorazione rossastra. Quindi sono perfette come  piante da interno. All’esterno è bene collocarle nelle zone ombreggiate.

Amano  temperature costanti per tutto l’anno, tra i 15 e i 22°C. Durante l’inverno  tollerano un freddo leggero, ma non si deve scendere sotto i 5°C

Terreno

Il terreno ideale per le haworthia è  povero e estremamente drenante. E’ opportuno mescolare della ghiaia di fiume media e fine con della sabbia o con della agriperlite agricola.

Annaffiature

Per queste piante in natura è sufficiente l’umidità lasciata dalla notte sul terreno. A fine inverno durante il periodo  di massima crescita vegetativa occorre irrigare più frequentemente  irrigazioni un po’ più frequenti sempre lasciando  che il  terreno resti asciutto un giorno. Durante i mesi caldi si può lasciare più tempo tra un’annaffiatura e l’altra. Si può però vaporizzare la pianta. Durante l’ inverno le irrigazioni si possono sospendete quasi in toto.

Rinvaso della Haworthia

Il rinvaso si può fare in  qualsiasi momento dell’anno quando le radici non hanno più spazio  disponibile

E’ opportuno optare per vasi più alti che larghi e in materiale naturale

Concimazione

A partire dalla primavera e per tutta l’estate si somministra un fertilizzante con l’acqua di irrigazione una volta al mese, le dosi vanno dimezzate rispetto a quanto riportato nella confezione.

Il concime deve avere  azoto (N), fosforo (P), potassio (K) e  i microelementi, necessari  per una crescita corretta ed equilibrata.

Fioritura

Fiorisce durante l’estate solo se coltivata in condizioni particolarmente favorevoli. In interni non presenta fioritura I fiori che produce la haworthia sono piccoli ed insignificanti ed è preferibile che vengano rimossi non appena si formano.

Potatura

La Haworthia non si pota. vanno solo eliminate le foglie che col tempo seccano per evitare che diventino veicolo di malattie parassitarie.

Moltiplicazione

La Haworthia si moltiplica per seme o per divisione dei germogli

Moltiplicazione per germogli

Ad inizio della primavera si possono staccare dalla pianta madre i germogli che si formano intorno alla sua base.  Si lasciano quindi asciugare per 3-4 giorni e si piantano in vasi con un terriccio per cactaceae. Ogni giorno i germogli vanno nebulizzati fino alla completa radicazione. Quanto iniziano a comparire i nuovi germogli la pianta va trattata come se fosse adulta.

Moltiplicazione per semi

In primavera, si dispongono i semi su ghiaia e del terriccio per cactaceae in vasi di piccole dimensioni. Il terriccio va tenuto umido ed in un luogo caldo al riparo dai raggi diretti del sole e dalle correnti di aria fredda. Quando  le piantine sono sufficientemente grandi da essere manipolate si trapiantano nei vasi definitivi.

haworthiaParassiti e malattie

Le Haworthia sono piante molto robuste e raramente sono soggette a malattie.

Se le foglie diventano brune e molli probabilmente si tratta di un eccesso di annaffiature.

Vanno quini regolate le irrigazioni.

Se la pianta assume un aspetto allungato e perde la sua forma a rosetta probabilmente la pianta riceve poca luce occorre quindi spostare la pianta in una posizione più luminosa, anche al sole diretto.

Se si nota la presenza di chiazze bianche cotonose sulle foglie  ci troviamo in presenza della cocciniglia ed in particolare della cocciniglia farinosa che si può eliminare con un batuffolo di cotone imbevuto di alcool denaturato oppure lavando la pianta con un acqua e sapone neutro strofinando delicatamente con una spugna morbida per eliminare tutti i parassiti.

Consigli

Utilizzare un terriccio sabbioso e grossolano per facilitare il drenaggio. Teme gli sbalzi di temperatura e le correnti d’aria.

Curiosità

Pianta originaria del Sudafrica. Vengono anche chiamate “piante davanzale”. Piante molto simili alle Aloe, dalle quali differiscono solo nella grandezza, infatti l’Haworthia a dimensioni più ridotte. Nel loro habitat naturale crescono immerse per metà sotto la sabbia.

Dove acquistare l’Hawortia

Articoli correlati che possono interessarti

Ti piace l'articolo? Allora votalo! Usa i commenti e dicci cosa migliorare.
[Voti Totali: 40 Media: 4.3]
Ti è piaciuto? Allora Condividilo:
Share on Facebook
Facebook
8Share on Google+
Google+
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Pin on Pinterest
Pinterest
25Email this to someone
email

Vuoi fare una domanda? Vuoi dire la tua?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *