Heucherella

Heucherella
Heucherella – foto di Photo by David J. StangCC BY-SA 4.0

L’Heucherella è una perenne semi-sempreverde frutto dell’incrocio tra Heuchera, nota come campane di corallo, e la Tiarella.

Il risultato è lei, l’Heucherella, un nome scelto con una parola ‘portmanteau‘. Si tratta di un’ottima tappezzante ed anche un’ottima pianta da bordura che raggiunge un’altezza di 30 centimetri, si espande facilmente e può essere usata con successo nel giardino roccioso. Presenta somiglianze con entrambi i genitori: i loro colori brillanti del fogliame arrivano dalla parte del genitore Heuchera, mentre i disegni scuri delle foglie e le forme delle foglie tagliate arrivano dal genitore Tiarella.

E’ caratterizzata da foglie altamente decorative e persistenti nei climi miti e da spighe di fiorellini che, in primavera, sono molto abbondanti e che possono essere bianchi, rosa o crema, a seconda della varietà.

Forma ciuffi o piccoli cumuli di fogliame sempreverde con i suoi steli di fiori eretti che misura da 20 a 60 centimetri di lunghezza.

Classificazione botanica

Heucherella
Heucherella – foto di Photo by David J. StangCC BY-SA 4.0

L’ Heucherella è il risultato dell’incrocio tra l’Heuchera e la Tiarella, appartiene alla famiglia delle Saxifragaceae.

Principali varietà

Ecco le varietà più diffuse dell’Heucherella.

xHeucherella ‘Sunrise Fall’

Questa varietà di Heucherella, frutto del lavoro di ibridatori americani, ha un portamento ricadente o tappezzante. Resta fiorita tutta l’estate e talvolta fino ad autunno inoltrato. E’ caratterizzata da foglie verde acido macchiate di porpora. Per uno sviluppo ideale va coltivata in un terreno fertile, drenato, in ombra luminosa. Occorre fare attenzione a non coprire troppo il colletto della pianta al momento del trapianto per evitare marciumi.

xHeucherella ‘Sweet Tea’

Si tratta di una varietà sempreverde caratterizzata da foglie grandi, color arancio bruciato, molto chiare dall’inverno alla fine della primavera e più scure (fino ad un color mattone) durante l’estate. E’ una pianta rustica, resistente e di rapido accrescimento. E’ adatta alla coltivazione in piena terra, ma perfetta anche per il vaso, purchè posta in posizioni ombreggiate. Rispetto alle Heuchera presenta una fioritura più abbondante e lunga, portata da steli più alti. Necessita di un terreno fresco, ricco, ben drenato, non troppo bagnato. Può tollerare brevi periodi di siccità.

xHeucherella ‘Plum Cascade’

Bellissima varietà ricadente o tappezzante con foglie viola argentate, in fiore per tutta l’estate e talvolta fino ad autunno inoltrato con corti steli carichi di fiori bianchi. Coltivare in terreno fertile, drenato, in ombra luminosa, per uno sviluppo ideale. Fare attenzione a non coprire troppo il colletto della pianta al momento del trapianto per evitare marciumi.

Heucherella ‘Twilight’

E’ caratterizzata da foglie vellutate di colore grigio argento venato di bordeaux, disposte simmetricamente. La fioritura è composta da spighe di fiorellini bianchi in primavera, che sbocciano abbondanti.

Fioritura

Heucherella – foto di Photo by David J. StangCC BY-SA 4.0

L’ Heucherella fiorisce in primavera estate producendo spighe di fiorellini possono essere bianchi, rosa o crema, in base alla varietà.


Consigli per la coltivazione dell’Heucherella

La coltivazione dell’Heucherella non è difficile, si devono però rispettare le sue esigenze colturali: in primis un terreno ben drenato, fondamentale per evitare i ristagni idrici ed i conseguenti marciumi radicali. L’ombra è l’esposizione migliore per la maggior parte delle varietà di Heucherella, anche se la pianta può tollerare più sole nei climi più freschi.

Coltivazione in vaso

L’Heucherella può anche essere allevata in vaso. In tal caso si devono scegliere grandi contenitori da tenere in zone esposte all’ombra. Ogni tre o quattro anni si può procedere al rinvaso.

Coltivazione in piena terra

Heucherella – foto di Photo by David J. StangCC BY-SA 4.0

Prima della messa a dimora si può arricchire il terreno con compost o letame. L’Heucherella preferisce terreni organici ben drenati e annaffiature regolari. Da i suoi spettacoli migliori nelle stagioni fresche della primavera o dell’autunno se sono del tipo a foglie colorate. E’ poco soggetta a parassiti e malattie purché sia coltivata in un buon terreno in condizioni adeguate, e divisa ogni tre o quattro anni.

Coltivazione in terrazzo

Quando allevata in vaso, l’Heucherella può decorare terrazzi e balconi che sono esposti in ombra.

Temperatura

L’Heucherella sopravvive a temperature che vanno da -20 e 40 °C, può quindi essere allevata in tutta Italia senza particolari problemi.
Sempreverde nei climi temperati, in caso di inverni molto rigidi dissecca la vegetazione aerea per ripresentarsi a primavera.

Luce

Heucherella – foto di Photo by David J. StangCC BY-SA 4.0

L’esposizione migliore per questa pianta è l’ombra e la mezz’ombra anche se la pianta può tollerare più sole nei climi più freddi. Le varietà di Heucherella più recenti sono più tolleranti al sole.

Terriccio

L’Heucherella ama crescere in terreni organici ben drenati.

Annaffiatura

L’Heucherella è relativamente tollerante alla siccità, ma beneficia di annaffiature occasionali durante il tempo caldo e secco. E’ opportuno non lasciare che la pianta soffra troppo la sete, ma si deve anche fare attenzione a non innaffiare eccessivamente, in quanto l’heucherella è incline ai marciumi radicali.

Moltiplicazione

Heucherella – foto di Photo by David J. StangCC BY-SA 4.0

La riproduzione dell’Heucherella può avvenire per seme o per divisione dei cespi.

Se si provede con la semina occorre sistemare i semi in un substrato leggero da mantenere sempre umido fino alla comparsa delle prime foglie. Quando la piantina raggiunge un’altezza tale per essere maneggiata senza pericoli si potrà trasferire in piena terra o in vaso (sempre in primavera).

La moltiplicazione per divisione dei cespi va fatta in autunno, procedendo con attenzione alla divisione dei cespi che dovranno avere delle radici sane. La divisione può essere fatta ogni 3 o 4 anni circa, ossia quando l’Heuchera ha raggiunto il suo massimo sviluppo. Il terreno dovrà essere lavorato con l’aggiunta di specifico fertilizzante prima della messa a dimora.

Concimazione

É una pianta che si nutre poco, ma trae beneficio da regolari applicazioni di un fertilizzante povero di azoto.

Potatura

La pianta non necessita di potatura. E’ sufficiente levare via via le foglie che seccano.

Abbinamenti con altre piante

Heucherella
Heucherella – foto di Photo by David J. Stang CC BY-SA 4.0

L’Heucherella può fungere da tappezzante sotto una Callicarpa oppure può essere associata a Hosta, Felci, Astilbe, Heuchera e altre piante perenni che amano l’ombra.

Altri consigli per la cura

Nel momento del trapianto è bene fare attenzione a non coprire troppo il colletto della pianta per evitare marciumi.

Parassiti, malattie ed altre avversità

La pianta può essere soggetta a marciumi radicali se coltivata in un terreno scarsamente drenato. L’esposizione scorretta può danneggiare il fogliame.

Curiosità

L’epiteto generico è un diminutivo di Heuchera, genere dedicato al botanico tedesco Johann Heinrich von Heucher (1677-1747).

Il nome Heucherella è quello che Lewis Carrol (in ‘Through the Looking-Glass, and What Alice Found There’) definisce un portmanteau o neologismo sincratico, ossia una parola che nasce dall’unione di due termini tra loro diversi.

Le Heucherella sono il frutto di ibridazione intergenerica (indicata dal simbolo x prima del nome di genere) tra Heuchera e Tiarella. il primo esemplare fu ottenuto nel 1912 da Emile Lemoine, che creò un ibrido sterile tra Heuchera × brizoides e Tiarella cordifolia.

Tossicità  e/o uso erboristico


L’Heucherella non rientra nella lista delle piante tossiche più pericolose.

Attenzione: Le applicazioni farmaceutiche sono indicate a solo scopo informativo. Devono essere consigliate e prescritte dal medico.

Bibliografia

Heuchera, Tiarella and Heucherella: A Gardener’s Guid di Charles Oliver  e Martha Oliver (in inglese) 

Articoli correlati che possono interessarti

L'hai trovato interessante? Votalo, e dicci come migliorarlo nei commenti
[Voti Totali: 2 Media: 4.5]

Vuoi fare una domanda? Vuoi dire la tua? Ti serve aiuto o consigli?

Fai la tua domanda sul nostro gruppo FACEBOOK (clicca qui)


Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.