Aechmea Fasciata

aechmea

Pianta dalle grandi foglie disposte a rosetta, dure e resistenti, che spesso presentano delle striature trasversali argentee.

A maturità la pianta emette al centro un infiorescenza composta da brattee di color rosa, dalle quali fanno capolino piccoli fiori celeste, che presto mutano il colore in rosso.

Questa specie (vedi anche tutto il genere Aechmea)   è una delle più popolari e note bromeliaceae, è comune negli appartamenti come pianta ornamentale, grazie alla facilità di coltivazione, alla bellezza del fogliame e della infiorescenza.

Fioritura

La pianta è molto usata proprio per la sua fioritura spettacolare.

Emette uno stelo (scapo) centrale, lungo fino a 40 cm coperto da piccoli fili bianchi. Alla fine c’è una infiorescenza con i fiori veri e propri. I fiori hanno dei petali di colore blu tendente al rosa alla fine della fioritura. Ma anche i Sepali (le foglie sotto i petali) sono colorate di rosa o bianco.

I piccoli fiorellini celesti/blu, avvolti da brattee si presentano dopo diversi anni e fioriscono una volta soltanto, solitamente in estate.

Inoltre sono presenti anche delle brattee (foglie modificate che servono a progettere i fiori) di colore rosa, appuntite e più grandi dei fiori, lunghe fino a 5 cm

I fiori posso essere impollinati solo se c’è un’altra pianta, non si autoimpollinano, sono autosterili; i frutti sono piccole bacche globose ricoperte da un velluto bianco, che maturano in 8-9 mesi, contenenti semi lunghi circa 2 mm.

Dopo la fioritura

Al termine della fioritura, nell’arco di alcuni mesi, la pianta muore: dapprima disseccano le brattee dell’infiorescenza, poi cominciano a disseccare tutte le foglie.  E’ normale fa parte del ciclo di vita della pianta. Ma di solito rimangono le piante figlie, vedi la parte sulla Moltiplicazione

Come far rifiorire la Aechmea Fasciata

Questa pianta viene, solitamente posta in vendita fiorita, e il fiore dura molto a lungo, anche 6 mesi.

Poi alla base della pianta madre nascono nuove piantine, che possono fiorire quando raggiungono  la maturità, all’incirca dopo 3 anni.

Ma spesso anche dopo 3 anni non si vede fiore. Questo dipende solitamente dalle condizione ambientali non ideali, magari aria troppo secca ma soprattutto luce inadeguata ecc.
C’è però un trucco  per farla fiorire: incappuccia la pianta con film plastico trasparente e metti alla base una-due mele tagliate (la frutta matura, in particolare la mela, sviluppa etilene ormone che  avorisce la fioritura nell’ananas) per circa tre settimane, dopo sei-otto settimane, se la pianta è già matura, dovrebbe iniziare la fioritura.

Aechmea fasciata

Aechmea fasciata

Consigli per la coltivazione e la cura dell’Aechmea Fasciata

Di solito si coltiva in vaso usando un terriccio molto aerato, poroso, ben drenato e ricco di sostanza organica.  Nei climi caldi (sud Italia vicino alle coste) dove la temperatura esterna va raramente sotto zero, può anche essere coltivata all’esterno, ma possibilmente al riparo dalle piogge invernali che possono farla marcire.

Di solito non è necessario rinvasare, eventualmente la rinvasatura va fatta quando la pianta è troppo cresciuta, prima della fioritura che generalmente si ha in estate.

Luce

Ha bisogno di molta luce per favorire la fioritura. Tollera anche un minimo di luce solare diretta. Non deve essere mai posta vicino a fondi di calore, tipo termosifoni.

Acqua

Dai acqua regolarmente in estate, ma lasciando asciugare il terriccio prima di innaffiare di nuovo, e diradate in inverno.

Gradisce nebulizzazioni, soprattutto in presenza di aria secca ed elevate temperature utilizzando acqua a temperatura ambiente e non calcarea per evitare macchie sulle foglie.

Inoltre, soprattutto in estate, mettete nella rosetta concava centrale due centimetri di acqua, meglio se piovana, che andrà cambiata spesso, per non creare cattivi odori e per non farlo diventarle focolaio di zanzare.

Temperatura

L’ Aechmea vuole temperature attorno ai 15-20 °C, ma mai sotto i 10-11 °C. Non tollera le correnti d’ aria.

Concime

Questa pianta non è esigente in fatto di concimazioni, comunque l’ aggiunta di qualche concime liquido all’ acqua di annaffiatura risulterà sempre gradita.

Riproduzione

Per moltiplicarla si usa il sistema della separazione dei germogli basali laterali, asportandoli dalla pianta madre dopo la fioritura. Le piante possono essere staccate quando hanno raggiunto una dimensione pari almeno ad un terzo di quella della pianta madre. In questo modo le piantine raggiungono la maturità ed emettono il fiore dopo 3 anni.

Si riproduce facilmente anche per seme, da distribuire sulla superficie di un  terriccio mantenuto costantemente umido. Partendo dal seme occorrono molti anni (fino a 6 anni) affinché la pianta giunga alla maturità e quindi fiorisca.

Malattie ed altre avversità

E’ una specie piuttosto resistente alle malattie, teme però l’acqua eccessiva.

Se bagnata troppo può apparire il marciume del colletto. Oppure possono marcire foglie e fusto. In tal caso far asciugare e dare meno acqua.

Se le foglie invece diventano scure sui bordi può essere la conseguenza di un periodo siccitoso troppo prolungato.

Curiosità

Il nome Aechmea deriva dal greco “aichme” = punta di lancia, con riferimento agli apici spinosi dei sepali (le foglie sotto i fiori) e delle brattee floreali; il nome   “fasciata”  è  riferito alle fasce orizzontali sulle foglie.

Questa pianta è originaria delle zone tropicali dell’ America centro-meridionale.

In casa contribuisce a migliorare l’ ambiente, perchè hanno la proprietà di umidificare l’ aria e di depurarla dai vapori chimici nocivi.

Articoli correlati che possono interessarti

L'hai trovato interessante? Votalo, e dicci come migliorarlo nei commenti
[Voti Totali: 80 Media: 4.4]
oppure sentiti libero di Condividerlo
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Pin on Pinterest
Pinterest
0Email this to someone
email

6 pensieri su “Aechmea Fasciata

  1. Salve, mi hanno regalato una Aechmea fasciata, le sue foglie però non sono dentate. Volevo sapere quale è il ciclo vitale dell’ infiorescenza centrale: dura per tutta la vita della pianta o soltanto per pochi mesi? Se l’acqua la metto soltanto nel sottovaso e non nella rosetta centrale, la pianta ne soffre?
    Grazie!

    • Ciao Carla, ci sono varietà con foglie più liscie e non dentate.

      L’infiorescenza centrale dura pochi mesi, e quando sfiorisce muore anche la pianta. Ai lati della pianta però ci saranno delle piantine piccole che possiamo staccare e rinvasarli singolarmente, oppure lasciare che si sviluppino nello stesso vaso, dando origine ad una colonia di piante.

      In appartamento per far produrre i fiori, devono avere MOLTA luce, non sole diretto, ma molta luce si.

      Fai bene a mettere l’acqua nel Sottovaso, perché altrimenti rischi di far marcire le radici.

      • Ciao Luca, grazie per aver risposto alle mie domande! Che tristezza! Non pensavo morisse anche la pianta… spero di vedere i piccoli germogli laterali per fare dei rinvasi! Adesso il fiore centrale sta perdendo il suo colore, da un rosa acceso sta passando a un rosa pallido, chissà quanto ancora durerà! Grazie ancora!

      • La mia ha i fiori secchi ma la punta non si è seccata, anzi ha fatto I figli. Devo tagliare i fiori secchi, come mi devo Comportare

  2. Salve ho questa pianta da quasi un anno quando l’ho comprata aveva il fiore ora il fiore nn c’è più però nn mi é morta la pianta,mi ha fatto un germoglio che ho rinvasato.vorrei sapere se è possibile che mi faccia di nuovo il fiore o no?e se la dovrei potare?grazie

  3. Buongiorno! É una splendida pianta..io mi prendo cura particolarmente di lei perché vedo che vuole un’po più attenzione dalle altre specie. Cresce vigorosa,ha dei germogli, non ho rinvasato.. solo… non capisco perché non fa fiori..perché? cosa devo fare.

Vuoi fare una domanda? Vuoi dire la tua?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.