Dieffenbachia

Dieffenbachia_seguine
Dieffenbachia seguine – Foto CC BY 3.0 Deed di Forest e Kim Starr

La Dieffenbachia è una delle piante da appartamento più coltivate. Si tratta di un genere che comprende una trentina di specie originarie dell’America tropicale.

È un arbusto sempreverde e perenne formato da un fusto carnoso, grosso, normalmente eretto, qualche volta prostato. Può raggiungere anche il metro e mezzo di altezza, cresce rapidamente.

Le foglie, portate da lunghi piccioli carnosi semicilidrici, sono ovali, molto grandi, solcate da nervature ben evidenti. Il colore, a seconda delle specie o cultivar, varia dal verde chiaro al verde cupo, sempre interrotto da macchiettature e screziature in bianco, crema o giallo e in toni contrastanti che danno alla pianta un aspetto marmorizzato.

Fra le piante da appartamento più decorative si annovera senz’altro la Dieffenbachia per le sue belle foglie lucide marmorizzate.

Principali specie : la Dieffenbachia seguine

Dieffenbachia
Dieffenbachia

La specie ornamentale più diffusa è la Dieffenbachia seguine, sinonimo di Dieffenbachia pictia o Dieffenbachia maculata.

Viene comunemente chiamata anche canna da zucchero ed è originaria del Brasile. È apprezzata per il il suo attraente fogliame. Si tratta di una perenne caratterizzata da foglie lucide da ovate-oblunghe a oblunghe e appuntite di colore variabile, generalmente verde con macchie o chiazze di bianco/crema. Quando le foglie più basse cadono, si può notare il fusto simile a una canna. Nel suo habitat nativo, le piante raggiungono i 6-10 metri di altezza, ma se coltivate in casa sono molto più piccole. In appartamento raramente fiorisce. I fiori che somigliano a quelli della calla sono seguiti da bacche rosse. Le cultivar e gli ibridi di questa specie hanno foglie di colori variegati.

Tra le varietà di Dieffenbachia seguine troviamo le seguenti

  • D. seguine var. seguine ‘Morlof’
  • D. seguine var. seguine ‘Topic Alix’
  • D. seguine var. seguine ‘Tropic Snow’
  • D. seguine var. seguine ‘Anne’
  • D. seguine var. seguine ‘Camille’: la parte bianca può ridursi se posta in una zona buia. Questa varietà è citata su libro di Wolverton sulla piante che purificano l’aria delle case
  • D. seguine var. seguine ‘Exotica‘: riconoscibile perché priva di fusto e con foglie irregolarmente variegate di bianco e giallo
  • D. seguine var. seguine ‘Exotica Compacta‘: come la Exotica, ma più piccola, raggiunge al massimo i 60 cm di altezza.
    Anche questa cultivar è presente nel Libro di Wolverton della NASA sulle piante che puliscono l’aria
  • D. seguine var. seguine ‘Perfection’
  • D. seguine var. seguine ‘Forest’
  • D. seguine var. seguine ‘Lancifolia’
  • D. a seguine var. seguine ‘Perfection Compacta’
  • D. seguine var. seguine ‘Rebecca’s Jewel’
  • D. seguine var. seguine ‘Silver’

Altre specie e varietà di Dieffenbachia disponibili commercialmente

Commercialmente sono disponibili altre specie e varietà di Dieffenbachia, tra cui:

Dieffenbachia amoena

Dieffenbachia amoena- foto di David J. StangCC BY-SA 4.0 Deed

La Dieffenbachia amoena (dumbcane) è una monocotiledone che viene comunemente coltivata come pianta da appartamento, per le sue foglie decorative. È una pianta molto popolare e resistente che ama l’ombra. Le sue foglie sono grandi, oblunghe, di colore crema o giallo chiaro con macchie e strisce verde intenso lungo le nervature e il bordo. Come ogni altra Dieffenbachia, la sua linfa è velenosa.

La Dieffenbachia amoena può essere propagata per talea di punta e per talea nodale. In condizioni favorevoli può raggiungere un’altezza di 2 metri. Ama l’umidità elevata e un’atmosfera priva di correnti d’aria. Non deve essere collocata davanti a un condizionatore o a un ventilatore. Dopo l’annaffiatura le sue foglie diventano dritte e fragili. Quindi, se è necessario trasportarla, sospendete le annaffiature per qualche giorno, per evitare che le foglie si rompano. Dieffenbachia amoena è considerato un nome non risolto da The Plant List.

La pianta tende a perdere le foglie basali. Dalla specie originaria sono state ottenute per selezioni successive molte varietà “Tropic”.

Dieffenbachia oerstedii

Dieffenbachia oerstedii

Questa Dieffenbachia è ancora una delle più belle in assoluto. Di distingue per le semplici foglie verde scuro con una striscia centrale bianca. È anche una delle più resistenti e adattabili.

Dieffenbachia ibridi

Ci sono poi un sacco di ibridi di questa pianta, ecco alcuni esempi

  • Dieffenbachia ‘Angustior’
  • Dieffenbachia ‘Bali Hai’
  • Dieffenbachia ‘Bausei’
  • Dieffenbachia ‘Golden Sunset’
  • Dieffenbachia ‘Hilo’
  • Dieffenbachia ‘Nelly’
  • Dieffenbachia ‘Paradise’
  • Dieffenbachia ‘Rebecca’
  • Dieffenbachia ‘Starry Nights’
  • Dieffenbachia ‘Triumph’
  • Dieffenbachia ‘Tropic Star’
  • Dieffenbachia ‘Victory’

Fioritura della Dieffenbachia

Fioritura della Dieffenbachia
Fioritura della Dieffenbachia- foto di gianni del bufaloCC BY 2.0 Deed

La Dieffenbachia fiorisce in estate (anche se raramente in appartamento), producendo infiorescenze simili a una spiga.

Consigli per la coltivazione della Dieffenbachia

La Dieffenbachia si coltiva al meglio come pianta da interno, in piena luce solare indiretta. Va piantata in un terriccio fertile e ben drenato con un alto contenuto di torba. Essendo una pianta tropicale, si trova bene in condizioni di elevata umidità, che si può garantire posizionando il vaso su un vassoio di ciottoli riempito d’acqua.

Coltivazione in vaso

Dieffenbachia
Dieffenbachia

Si tratta di una perfetta pianta da appartamento.

In rinvaso va fatto in primavera mettendo le piante in un vaso con un diametro leggermente superiore. È bene porre attenzione ai segni di stress della pianta, come radici che spuntano dalla superficie del terreno, affollamento o caduta delle foglie, che potrebbero indicare che la pianta ha bisogno di essere rinvasata. Per il rinvaso è sufficiente sollevare la pianta con il pane delle radici, eliminare il terriccio vecchio e il materiale morto dalle radici e collocarla in un contenitore più grande con l’aggiunta di terriccio fresco. La posizione ideale della Dieffenbachia è una zona naturalmente umida, come il bagno o la cucina, dove potrà prosperare. Se la pianta viene collocata in una zona asciutta della casa, si consiglia di nebulizzarla o di metterla su un vassoio di roccia riempito d’acqua che evaporerà naturalmente e creerà umidità intorno alla pianta.

Coltivazione in piena terra

Dieffenbachia 'Camille'
Dieffenbachia ‘Camille’ – foto di Leonora (Ellie) Enking ( CC BY-SA 2.0)

Si può coltivare la Dieffenbachia all’aperto? No, nelle nostre zone la coltivazione di questa pianta è riservata all’interno. Se si vive in un clima caldo, si può tuttavia piantare la dieffenbachia all’aperto, in un giardino ombreggiato dove possa godere di un po’ di luce soffusa. La messa a dimora di fa all’inizio della primavera.

Coltivazione in Terrazzo

Gli esemplari allevati in vaso possono essere spostati su terrazzi e balconi.

Temperatura

Questa pianta ha bisogno di una temperatura di almeno 15 °C e tollera temperature fino ai 23-24 °C. Sopporta per un breve periodo l’ aria fredda e umida, perdendo però qualche foglia.

Si tratta di una pianta da interno, per via della sua capacità di adattarsi alle condizioni climatiche che abbiamo nelle nostre case.

Luce

Dieffenbachia seguine
Dieffenbachia seguine

Contrariamente a quanto si pensa la Dieffenbachia, come quasi tutte le specie da appartamento, non vuol troppe cure, se non un’esatta posizione, che deve essere luminosa, ma non assolata, lontano da correnti d’aria e fonti di calore. Necessita di luce diffusa ma non diretta. La sua posizione ideale è davanti a una finestra protetta.

La pianta si sviluppa verso la luce, consigliamo quindi di ruotarla periodicamente (all’incirca una volta al mese).

Terriccio

Usare un buon terriccio a base di foglie leggermente acido. Molto importante aggiungere materiale drenante, come pomice.

Annaffiatura

Dieffenbachia seguine
Dieffenbachia seguine-foto di Krzysztof Ziarnek, KenraizCC BY-SA 4.0 Deed

Quante volte si annaffia la Dieffenbachia?

Le annaffiature non devono essere eccessive perché i tessuti carnosi della pianta trattengono molta umidità: è sufficiente somministrare mezzo litro d’acqua (per esemplari di una certa mole), una volta alla settimana, facendo attenzione che il liquido eccedente che fuoriesce dal vaso non ristagni nel sottovaso.

In inverno è è possibile ridurre le irrigazioni, limitando le annaffiature ad una sola volta ogni 2/3 settimane con acqua a temperatura ambiente.

Giovano invece molto le irrorazioni al fogliame, da ripetere ogni due giorni, mentre una volta alla settimana si dovrà irrorare con acqua e stimolante ormonico nella dose di 5 gocce per litro d’acqua

Prima di annaffiare è bene assicurarsi che la parte superiore del terreno sia completamente asciutta.

Moltiplicazione della Dieffenbachia

La Dieffenbachia può essere coltivata da seme, ma si tratta di un’operazione impegnativa, che richiede l’impollinazione e che è meglio lasciare ai propagatori commerciali. Esistono modi più semplici per propagare questa pianta.

Propagazione per divisione delle radici
Durante il rinvaso in primavera, si divide la pianta, lasciando intatte alcune radici.
È bene assicurarsi di non danneggiare l’apparato radicale della pianta madre e usare uno strumento sterilizzato per evitare di diffondere malattie.
Si pianta ogni talea in un vaso riempito di terriccio a rapido drenaggio e si irriga bene.

Propagazione per divisione dei cespi
Nelle dieffenbachie più vecchie si può tagliare la parte superiore della pianta, si immerge l’estremità tagliata in un ormone radicante.
Si pianta quindi in un vaso con un terriccio a rapido drenaggio. Dal moncone spunteranno nuove foglie.
Una volta apparse le nuove foglie, si possono rimuovere quelle più vecchie.

Propagazione per talea
Si possono far germogliare le talee ponendole orizzontalmente in un terriccio umido.
Man mano che le talee attecchiscono, spunteranno gradualmente le foglie.
Ogni talea radicata può essere piantata singolarmente in un vaso riempito con terriccio fresco.

Concimazione

Per ottenere risultati ottimali si rivelano molto utili le concimazioni settimanali con un prodotto solubile e minerale da interrompere però da novembre a marzo per dare modo alla pianta di riposare un pò.

Il concime ideale è quello per piante verdi con alta dose di azoto, rispetto a Potassio e Fosforo.

Potatura

Non occorre potare la pianta, è sufficiente rimuovere foglie secche e danneggiate.

Dieffenbachia
Dieffenbachia – Foto CC BY 2.5 Deed di Eget verk

Parassiti, malattie ed altre avversità

La maggior parte dei problemi si verificano per la cattiva manutenzione.

Gli steli molli e le foglie scolorite sono probabilmente dovute a un eccesso di acqua o a basse temperature.
Trattamento: spostare la Dieffenbachia in un posto adeguato con temperature adeguate e ridurre le innaffiature.

Le foglie appassite, ingiallite e cadenti possono essere il risultato di temperature basse e umidità insufficiente. Mettere in un luogo più caldo e vaporizzare di più. In alcuni case può denotare mancanza di nutrienti, in tal caso occorre concimare di più.

Si deve porre particolare attenzione alle malattie fungine (macchie fungine, marciume e ruggine) che sembrano colpire nei mesi più freddi quando la resistenza delle piante è bassa.
La pianta può inoltre essere attaccata da ragnetti rossi e acari. Se presa all’inizio possono bastare delle nebulizzazioni. Se l’attacco è avanzato procuratevi un buon insetticida contro gli acari.

Talvolta può subire un attacco di cocciniglie, in tal caso provare a togliere con un batuffolo intriso di alcool. In caso di infestazione avanzata procuratevi un insetticida contro la cocciniglia

Classificazione botanica

La Dieffenbachia appartiene alla famiglia delle Aracee, sottofamiglia Aroideae, tribù Dieffenbachieae. Il genere comprende una trentina di specie originarie dell’America tropicale.

Alla sottofamiglia delle Aroideae appartengono piante comunemente utilizzate come ornamentali tra cui citiamo: Aglaonema, Alocasia, Arisaema, Arisarum, Arum (Arum italicus), Caladium, Colocasia, Dracunculus, Homalomena, Philodendron, Syngonium.

Curiosità

Il nome scientifico di questa pianta Dieffenbachia ricorda quello del botanico tedesco J.F. Dieffenbach (che era il curatore dei giardini imperiali austriaci), vissuto nell’Ottocento, cui fu dedicata da Schott, un divulgatore scientifico che si occupò particolarmente delle Aroidee, piante appartenenti alla stessa famiglia delle dieffenbachia.

Questa bella pianta da appartamento non ha, nel linguaggio dei fiori, alcun significato simbolico. Ma utile comunque a pulire l’aria degli appartamenti e degli uffici.

Tossicità e/o uso erboristico

Nei paesi di origine è invece ritenuta pianta sacra agli spiriti del male in quanto i succhi che si estraggono dai suoi tessuti sono altamente tossici; questi succhi sono spesso utilizzati per preparare pozioni venefiche per punire i colpevoli di particolari delitti, specialmente i tradimenti e le delazioni del nemico, e servono inoltre ad intingervi le frecce affinché possano ferire mortalmente.

La Dieffenbachia seguine, in inglese è detta Dumb Cane, ovvero Canna o Pianta del muto in quanto la linfa contiene il Calcium Oxalate che entrando in contatto con gli organi vocali, li rende muti per qualche giorno.

La linfa della dieffenbachia contiene una sostanza tossica: indossate dei guanti quando tagliate la pianta

“Attenzione: Le applicazioni farmaceutiche sono indicate a solo scopo informativo. Devono essere consigliate e prescritte dal medico.”

Iscriviti alla newsletter

Compila il form per ricevere periodicamente novità dal nostro sito.

L'hai trovato interessante? Votalo, e dicci come migliorarlo nei commenti
[Voti Totali: 247 Media: 4.5]

11 pensieri su “Dieffenbachia

  1. Ho una pianta uguale, ma visto che ho una casa senza riscaldamento, ho notato che un ramo più o meno a metà altezza sembra marcio, come posso recuperare ?

  2. Ho comprato una bellissima diaffembachia Camilla contenuta in un vaso troppo piccolo secondo me. Il terriccio mi è sembrato completamente secco e la ho innaffiata lasciando scolare completamente ed eliminando l’acqua in eccedenza. dopo pochissimi giorni molte foglie hanno cominciato a macchiarsi di colore bruno e ad avere una consistenza cartacea . Non vedo alcun tipo di marciume. La pianta e’in posizione luminosa ma non al sole. Aiutatemi a capire dove ho sbagliato. Grazie

  3. Buongiorno, ho un problema con la mia diaffembachia che fini ad ora è cresciuta bene apparentemente emettendo nuove foglie anche se perdeva periodicamente quelle di sotto, dovrei reciderla per far si che gli occhi stoloni alla base di ogni foglia che seccava potessero crescere, ma non ho il coraggio di fare tale operazione. Oggi la domanda è, la pianta sta emettendo molte più foglie del solito che fanno quasi fatica ad uscire perchè una dietro l’altra, ed oltretutto sono più piccole, quale può essere la causa?

  4. Ciao Corrado

    se fa molte foglie, vuol dire che la tua Dieffenbachia tutto sommato ha trovato un buon ambiente.
    Per avere foglie più grandi prova a concimarla con un prodotto per piante verdi.
    Puoi anche provare a potare, se ritieni che la pianta cresca in maniera disordinata, visto che fa molte foglie non dovrebbero esserci problemi.

  5. La mia pianta ha otto anni. Negli ultimi due anni è anche fiorita, ma ha un tronco spoglio di quasi un metro e foglie solo nella parte alta, più piccole rispetto a quelle di otto anni fa. Dal basso stanno spuntando alcune foglie. Mi hanno detto che dovrei tagliare la pianta dove spuntano le nuove foglie in basso, ma non ho il coraggio. Che fare?

    • Ciao Michela
      si alcune varietà di Dieffenbachia tendono a perdere le foglie sotto.
      Si può potare la pianta, la puoi cimare e usare la parte superiore come talea, la inserisci in un vaso con sabbia e torba, molto umido e potrebbe are un’altra pianta. Periodo ideale primavera-estate.
      Il resto della pianta non dovrebbe subire ripercussioni.

      Se è lunga la pianta, come sembra, puoi anche provare a fare una margotta…

  6. Salve ho acquistato questa pianta ieri , oggi lho trovata con tutte le foglie bagnate cosa potrebbe essere? Sembra che pianga! Grazie

  7. Buongiorno,
    Mi è stata regalata una dieffenbachia circa un mese fa. In casa c’è una temperatura di circa 21°C, la tengo esposta vicino alla finestra e la annaffio una volta alla settimana.
    Oggi mentre toglievo la carta che avvolgeva il suo vaso,ho notato che alcune foglie in basso ( le prime,diciamo) sono gialle. Sto sbagliando qualcosa?
    Grazie!

  8. Io ho una dieffembachia da 46 anni ma non sono mai riuscita a farla stare bene, migliora in estate quando la metto in giardino dove non batte sole, ma, specialmente in inverno le foglie diventano marroni cominciando dalla punta ed ci io devo toglierle alla fine. La mia casa non e’ mai caldo perché e’ grande e vivo a 500 metri di altezza, non sapevo di doverla spruzzare con l’acqua sulle foglie, quindi forse ha anche sete. In primavera ed estate la annaffio con sangue di bue diluito una volta a settimana (più o meno)


Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.