Ophiopogon planiscapus

Ophiopogon planiscapus-
Ophiopogon planiscapus- foto di Krzysztof Ziarnek, KenraizCC BY-SA 4.0

L’Ophiopogon planiscapus è una piccola perenne sempreverde originaria del Giappone dove cresce su pendii aperti e boscosi.

È una pianta senza fusto che arriva a misurare fino a 20 cm di altezza per 30 cm di larghezza, ha una radice tuberosa, spesso stolonifera.

Cresce tipicamente in ciuffi che si diffondono lentamente, le foglie sono basali strette, lineari, di colore verde intenso. In estate sbocciano i fiori bianchi a forma di campana a 6 petali, spesso sfumati di lilla. Alla fioritura seguono le bacche globose, grandi come un pisello, di colore viola scuro lucido.

Classificazione botanica

L’Ophiopogon planiscapus è una specie del genere Ophiopogon della famiglia delle Asparagaceae, sottofamiglia Nolinoideae.

Alla sottofamiglia delle Nolinoideae appartengono molte altre piante ornamentali, tra cui citiamo i generi Aspidistra, Beaucarnea, Convallaria (tra cui il Mughetto o Convallaria majalis), Dracaena, Liriope (tra cui le specie L. muscari, L. spicata), Nolina, Polygonatum, Ruscus, Sansevieria.  

Principali varietà

Tra le varietà della specie citiamo Ophiopogon planiscapus ‘Nigrescens’, probabilmente la forma più diffusa in coltivazione, ma ci sono anche due forme variegate denominate ‘Little Tabby’ e ‘Silver Ribbon’, verdi con bordi bianchi attorno alle foglie, la cultivar ‘Kokuryu’ (black mondo), coltivata come tappezzante o come sottopianta per arbusti più grandi.

Ophiopogon planiscapus ‘Nigrescens’

Questa varietà è una tappezzante sempreverde caratterizzata da foglie a nastro di colore nerastro. Produce fiori rosati a cui seguono bellissime bacche violacee. Permette di realizzare tappeti persistenti con un grande effetto cromatico e di lunga durata.

Fioritura

I fiori campanulati poco vistosi compaiono in estate, sono bianchi, rosati all’esterno.

Consigli per la coltivazione dell’Ophiopogon planiscapus

L’Ophiopogon planiscapus si rivela ottima anche per la realizzazione di giardini rocciosi, per piccole macchie dove occorre la persistenza del fogliame, per ricoprire zone ai piedi di alberi ad alto fusto.

È una specie ornamentale a bassa manutenzione che viene coltivata soprattutto per i suoi ciuffi di foglie simili all’erba.

Si coltiva preferibilmente in terreni ricchi, fertili, leggermente acidi, umidi ma ben drenati, che siano da parzialmente ombreggiati a completamente ombreggiati.

Preferisce un’umidità costante e uniforme e quindi terreni che restino costantemente umidi.

Il fogliame della pianta è sempreverde nei climi caratterizzati da inverni miti.

Coltivazione in vaso

Questa pianta è perfetta anche per essere coltivata in vaso.

Coltivazione in piena terra

Ophiopogon planiscapus
Ophiopogon planiscapus- foto di Forest & Kim StarrCC BY 3.0

Il suo sviluppo avviene tramite stoloni sotterranei caratterizzati da spesse radici carnose, che formano colonie di discrete dimensioni che possono essere facilmente separate.

Coltivazione in terrazzo

Gli esemplari allevati in vaso possono decorare terrazzi e balconi.

Temperatura

L’Ophiopogon planiscapus tollera temperature minime invernali di qualche grado inferiore allo zero ma in caso di inverni troppo rigidi è bene eseguire una pacciamatura.

Si può coltivare in giardino per tutto l’arco dell’anno. In genere durante i mesi più freddi dell’anno la parte aerea dissecca per poi riniziare a svilupparsi con l’arrivo della primavera successiva.

Luce

L’esposizione ideale dell’Ophiopogon planiscapus è l’ombra, o la mezz’ombra. Per uno sviluppo equilibrato è consigliabile posizionarla in luogo in cui riceva almeno alcune ore di sole diretto.

Terriccio

Cresce bene su su terreni neutri o leggermente acidi, ben drenati e fertili.

Annaffiatura

Ophiopogon planiscapus
Ophiopogon planiscapus- foto di Meneerke bloem CC BY-SA 3.0

Necessita di irrigazioni regolari durante la primavera e l’estate. È importante evitare la formazione di dannosi ristagni idrici, che possono causare marciumi radicali.

Moltiplicazione

L’Ophiopogon planiscapus si propaga per divisione in primavera.

Concimazione

Ogni 3-4 mesi si può somministrare un concime granulare a lenta cessione, o, in alternativa, si può usare un concime liquido per piante da fiore, da diluire nelll’acqua delle annaffiature ogni 20-25 giorni

Potatura

Non richiede nessuna potatura se non dei tagli di contenimento.

Abbinamenti con altre piante

L’Ophiopogon planiscapus è adatto per realizzare tappeti di grande effetto cromatico in contrasto con altre tappezzanti con foglie chiare.

Si abbina molto bene al verde chiaro di Pachisandra terminalis e di Geranium macrorrhizum o alle foglie più scure e sfumate di Epimedium.

Altri consigli per la cura

Ophiopogon planiscapus
Ophiopogon planiscapus- foto di David J. StangCC BY-SA 4.0

L’elevato sbalzo termico tra giorno e notte, e le piogge possono favorire l’insorgenza malattie fungine, che vanno trattate preventivamente con un fungicida sistemico, da usare prima che le gemme ingrossino eccessivamente, al termine dell’inverno è consigliabile anche un trattamento insetticida ad ampio spettro, per prevenire l’attacco di afidi e cocciniglie.

Parassiti, malattie ed altre avversità

È una pianta a bassa manutenzione e piuttosto rustica che non presenta gravi problemi di insetti o malattie.

Curiosità

L’epiteto generico è composto dalle parole greche ófis che significa serpente e pógon che significa barba probabilmente in riferimento alle foglie lunghe e sottili.

L’epiteto specifico deriva dal latino planus (piatto) e da scapus (fusto, gambo) ‘con stelo piatto’.

Tossicità  e/o uso erboristico

Questa pianta non è tossica né per l’uomo né per gli animali.


Attenzione: Le applicazioni farmaceutiche sono indicate a solo scopo informativo. Devono essere consigliate e prescritte dal medico.”


Iscriviti alla newsletter

Compila il form per ricevere periodicamente novità dal nostro sito.

* Ho letto l’informativa completa ed accetto di ricevere la newsletter di Edendeifiori.it (Obbligatorio)
Voglio essere aggiornato su offerte speciali ed occasioni. (Facoltativo)
Leggi Informativa Completa Privacy

Articoli correlati che possono interessarti

L'hai trovato interessante? Votalo, e dicci come migliorarlo nei commenti
[Voti Totali: 1 Media: 5]


Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.