Calendula Officinalis

Calendula Officinalis

Calendula Officinalis

Hildegard von Bingen (1098-1179) mistica benedettina meglio nota come Santa Ildegarda, studiosa di medicina e riteneva questa pianta un rimedio per tutta una serie di malattie e questo rappresenta, a mio avviso, il supervalido motivo per coltivarla.

Si chiama, e il nome la dice già lunga su di lei, Calendula officinalis ed è una pianta annuale molto rustica e di piccola taglia ridotta ( la sua altezza va dai 20 a 50 cm).

Produce  fiori, una volta al mese durante tutta l’estate fino a novembre, che sono molto simili a quelli della margherita con  la corolla che può essere semplice o doppia che può  raggiungere i 10 cm di diametro. Il fogliame, fitto e di un bel verde brillante. La cadenza mensile della fioritura per alcuni da l’origine al nome ricordando le  calendae romane, che indicano per antonomasia una ricorrenza mensile, nella fattispecie la rifioritura regolare della pianta, secondo altri il nome deriverebbe per le proprietà emmenagoghe (stimolo delle mestruazioni).

L’origine della Calendula Officinalis è ignota in quanto non è mai stata individuata allo stato spontaneo; si pensa che sia originaria del Marocco o che derivi da una specie diffusa nell’Europa meridionale e che giunge sino alla Persia e all’Arabia: la Calendula Arvensis. E’ diffusa ovunque proprio  per la fioritura ripetuta che arriva fino a novembre e la rende perfetta per scopo decorativo. E’ possibile esemplari inselvatichiti in ambiente mediterraneo fra 0 e 600 m. sul livello del mare.

Calendula Officinalis

Calendula Officinalis

Classificazione botanica

Calendula officinalis è una specie di pianta officinale appartenente al genere Calendula della  famiglia delle Asteraceae.

Principali varietà

Ci sono numerosissimi ibridi sia ornamentali che officinali che si differenziano per le diverse dimensioni dei fiori, per il loro colore, per la taglia (ci sono varietà nane) e per la lunghezza dello stelo fiorale (ossia la varietà da fiore reciso).

Fioritura

I fiori, che sbocciano una volta al mese, somigliano alle margherite. La fioritura inizia nel mese di giugno e può durare fino all’inizio dell’ inverno. I fiori sono capolini di colore giallo-arancio con una corolla composta da numerosi e lunghi petali ligulati.

Calendula Officinalis

Calendula Officinalis

Consigli per la coltivazione della Calendula officinalis

Questa pianta è perfetta sia per essere coltivata per uso ornamentale che per uso alimentare.

Viene coltivata per giardini o vasi  sui terrazzi, e anche  industrialmente per la produzione del fiore reciso invernale. I  fiori sono commestibili, essiccati e ridotti in farina, detta “Marigold”.

Coltivazione in vaso

La Calendula officinalis  è la pianta ideale per balconi e terrazze Per il rinvaso si deve impiegare un vaso leggermente più ampio del precedente.

Coltivazione in piena terra

Può essere coltivata anche in piena terra nei vostri giardini, ma prima è oppurtuno  lavorare il terreno per  eliminare la crosta superficiale e per renderlo meno compatto. Unendo della sostanza organica si garantisce la giusta ricchezza dello stesso.

Calendula officinalis

Calendula officinalis

Temperatura

La Calendula officinalis  ha un’ ottima resistenza al freddo

Luce

La Calendula officinalis  va posizionata in zone soleggiate o leggermente in  ombra.

Terriccio

La Calendula officinalis si adatta a qualsiasi tipo terreno ma preferisce un  terreno ricco e soffice, poco acido ricco di sostanze organiche e ben drenato.

Annaffiatura

Per la Calendula officinalis  è sufficiente l’acqua piovana ma nei periodi di prolungata siccità è opportuno annaffiare regolarmente acqua per favorire la fioritura. Le annaffiature devono essere regolari ma occorre porre attenzione che non i formino ristagni d’ acqua

Moltiplicazione

La moltiplicazione della Calendula officinalis  avviene per seme. Nelle zone a clima mite ossia nelle regioni meridionali e in Liguria la semina avviene in  estate trapiantando o diradando le piantine in settembre-ottobre per la fioritura in novembre, che regala  fiori più grandi rispetto alle fioriture estive date dalle piante ottenute nelle zone a clima rigido dove la  semina è invece primaverile. Per le semine  direttamente in campo o in giardino, si deve lavorare il terreno per  eliminare la crosta superficiale, renderlo meno compatto e si deve unire della sostanza organica.

I semi si trovano sotto la corolla del fiore aranciato ed hanno una forma a falce, quando il fiore appassisce e si secca sono facilmente visibili. Grazie alla loro forma restano parzialmente interrati con una punta rivolta verso l’esterno.

In appartamento si devono mettere i semi, prelevati direttamente dai fiori o acquistati, su un vaso riempito di terriccio, poi vanno coperti con uno strato di circa 1 cm di ulteriore terriccio e vanno  abbondantemente innaffiati. Si devono lasciare  i vasi esposti verso sud in maniera da garantire sole tutto il giorno. Le piantine appena germogliate si riconoscono facilmente per le due foglioline allungate, lineari e spesse come quelle dei girasoli.

Quando le giovani piantine saranno abbastanza robuste per poter  essere manipolate vanno trapiantate in vasi singoli usando un terreno come indicato per le piante adulte e trattatele come tali. Dal momento della semina la pianta dura dai 3 ai 4 mesi.

Calendula officinalis

Calendula officinalis

Concimazione

La Calendula officinalis  va concimata ogni 15 giorni da quando iniziano a formarsi i germogli e per tutta la fioritura impiegando un fertilizzante liquido, diluito nell’ acqua di annaffiatura, e che abbia un titolo più elevato di potassio e fosforo per favorire la fioritura.

Potatura

Per favorire la crescita dei germogli laterali e quindi avere un maggior numero di fiori occorre cimare gli apici vegetativi primari.

Calendula officinalis

Calendula officinalis

Parassiti, malattie ed altre avversità

La Calendula officinalis  può subire gli  attacchi da parte di funghi come Erysiphe cichoracearum, Entyloma calendulae, Alternaria calendulae e Cercospora calendulae, Sphaerotheca fuliginea che provocano danni all’apparato fogliare.

Fra gli insetti può subire attacchi da parte del dittero Phytomiza atricornis, la cui larva scava sulle foglie una mina lunga e serpentiforme, e dell’afide Brachycaudus helichrysi, veicolo del virus Y della patata. Altri agenti patogeni sono Bemisia tabaci, Aphis fabae e Myzus persicae, che provocano in alcuni casi l’accartocciamento delle foglie o l’arresto dell’accrescimento dei germogli.

Se notate la presenza di una patina biancastra sulle parti verdi della pianta probabilmente la pianta ha subito un attacco di mal bianco causato da Erysihe spp. Il fungo si manifesta in primis con una muffa biancastra e successivamente le foglie ingialliscono e cadono.

Si tratta di una malattia che, se presa in tempo,  non è letale ed è sufficiente eliminare le parti colpite. In caso di attacchi gravi devono essere impiegati degli antiparassitari specifici registrati per questa pianta.

Se sulle foglie compaiono foglie di macchie colore verde pallido probabilmente la pianta è stata colpita dal fungo la Entyloma spp. E’ sempre bene prevenire adottando le pratiche colturali volte a mantenere un ambiente asciutto intorno alla pianta in quanto il fungo trova ambiente fertile con l’alta umidità.

Se si notano dei piccoli insetti sulla pianta probabilmente la pianta ha subito l’attacco di afidi.

Calendula officinalis

Calendula officinalis

Curiosità

La Calendula officinalis  si trova spontaneamente nei prati e nei pascoli. Ha diverse proprietà medicinali, in Europa si utilizzano le preparazioni in caso di stati infiammatori della pelle e della membrana delle mucose, lievi bruciature e scottature solari. I capolini sono usati per tingere con varie sfumature di giallo tessuti delicati quali la seta e la lana.

Tossicità

I fiori di Calendula officinalis hanno effetti antispasmodici e cicatrizzanti. Il decotto prodotto con circa 50 g di fiori essiccati per litro d’acqua, è consigliato contro l’ulcera gastrica e l’afta; possiede effetti sudoripari e attenua e previene i dolori mestruali. Per il ciclo mestruale ha anche un effetto attenuante del flusso e regolarizzante per questo in molte zone è anche nota come oro di Maria forse le proprietà del suo infuso di alleviare i dolori mestruali.

Viene a impiegata all’interno di prodotti antistaminici per le allergie causate dalla polvere e dagli acari. Nell’omeopatia la calendula viene consigliata anche in caso di ustioni, di cure dentarie e dopo il parto.

In dermocosmesi la calendula viene largamente impiegata come disinfiammante (in colliri e detergenti intimi) come nutriente e protettiva per la pelle e ha anche un effetto antiacneico.

Nell’impiego  domestico i fiori secchi si fanno macerare in olio d’oliva (50g per mezzo litro) per produrre un rimedio per bruciature e ustioni. Viene usata anche come impacco decongestionante.

Le foglie della Calendula possono essere consumate come le normali insalate; i boccioli possono essere impiegati come sostituti dei capperi; i petali essiccati sono usati per aromatizzare l’aceto o trasformati in  canditi.

Della calendula si utilizzano tutte le parti della pianta che sono ricche di flavonoidi; oli essenziali (; carotenoidi e in particolare il Beta-carotene, licopene, luteina, xantine che conferiscono il caratteristico colore aranciato; alcoli triterpenici e saponosidi.

“Attenzione: Le applicazioni farmaceutiche sono indicate a solo scopo informativo. Devono essere consigliate e prescritte dal medico.”

Come si raccoglie la Calendula officinalis

Le foglie si possono raccogliere da marzo a novembre, i fiori si raccolgono da aprile e a giugno quando non sono completamente aperti altrimenti perderebbero i petali.

Per essiccare foglie e fiori si deve agire immediatamente dopo la raccolta in luoghi caldi, asciutti e bui in modo tale che l’acqua venga eliminata velocemente e la pianta di calendula non perda il colore e le sue proprietà.

La conservazione deve essere fatta in luoghi molto asciutti, perché  tende ad assorbire l’umido e quindi a deteriorarsi. Si possono ad esempio conservare  in barattoli di vetro o porcellana o di tela e tenuti rigorosamente in luoghi bui.

Calendula officinalis 

Calendula officinalis

Linguaggio dei fiori

Per capire bene il significato di questa pianta occorre ricordare una leggenda che racconta che Afrodite, piange per la morte del suo amante Adone e  le sue lacrime non appena toccavano terra si trasformavano in calendule. Nel linguaggio dei fiori la calendula rappresenta il dolore, il dispiacere e le pene d’amore. Personalmente interpreto la questione in un altro modo: le lacrime sono addolcite da questa pianta che le trasforma in fiore. La calendula è una cura per le pene d’amore quindi. Anche per quelle.

L'hai trovato interessante? Votalo, e dicci come migliorarlo nei commenti
[Voti Totali: 4 Media: 4.5]
oppure sentiti libero di Condividerlo
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Pin on Pinterest
Pinterest
0Email this to someone
email

Vuoi fare una domanda? Vuoi dire la tua?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.