Iberide perenne

Iberis Sempervirens

iberis semprevirens

Una nuvola bianca che da vita, stile e bellezza al vostro terrazzo: l’iberis semprevirens, una pianta coraggiosa, forte e bellissima.

Alcune specie di iberis si coltivano come annuali e sono interessanti per aiuole o bordi misti in quanto restano in fiore per molti mesi dalla primavera all’autunno (i graziosi fiori variano dal bianco al rosa e dal lilla al viola). Delle specie perenni la più conosciuta è l’Iberis sempervires che forma dei cespugli compatti, folti e sepreverdi; è inconfondibile per i fiori di colore bianco puro riuniti in eleganti infiorescenze ad ombrella che spiccano sulle minute foglioline verdi e lucenti. Una specie similare, l’Iberis gibraltarica, ha invece i fiori di colore bianco rosato o lilla chiaro.

Classificazione botanica

L’Iberis perenne è  comunemente chiamata Raspo, il suo nome scientifico è, invece, Iberis sempervirens. Fa parte della famiglia delle Crucifere (Brassicacee). Si tratta di un cespuglietto che rallegra terrazze e balconi con le sue fioriture che avvengono ad  inizio stagione.

Caratteristiche generali

Si tratta di una pianta erbacea perenne sempreverde che raggiunge un’altezza ed una larghezza pari a circa  30 cm. E’ originaria dell’Europa meridionale e dell’Asia occidentale.

Principali specie

L’iberis  conta circa 40 specie di piante erbacee e alberelli, si adatta molto bene per bordure e per muri a secco.

Tra le specie affini e varietà troviamo  Iberis semperflorens, di dimensioni maggiori, fino a 40 cm d’altezza; e Iberis aurosica ´Sweetheart´ che fiorisce da maggio a luglio, con fiori inizialmente di color rosa pallido, che con il tempo diventano lilla.

Iberis Sempervirens

Iberis Sempervirens

Consigli per la coltivazione dell’iberis serprevirens

L’ Iberis Sempervirens è una pianta resistente e semplice da coltivare. In vaso si coltiva  usando un vaso in plastica o in terracotta, di diametro di almeno 24 cm per una pianta di 20 cm d’altezza; va rivasata ad anni alterni usando un vaso con  una misura in più.

Terreno

L’ Iberis Sempervirens cresce senza problemi in qualsiasi tipo di terreno purché sia ben drenato ma preferisce i  terreni fertili e freschi . Per ottenere  un risultato più vigoroso e una fioritura più abbondante è preferibile coltivare  l’ Iberis Sempervirens in  un terreno sciolto e ricco di materia organica.

Annaffiature

L’ Iberis Sempervirens non ha bisogno  di grandi quantitativi d’acqua, ma occorre evitare lunghi periodi di siccità, si deve dunque annaffiare  ad intervalli piuttosto regolari avendo cura di fare asciugare bene il terreno tra un’annaffiatura e l’altra.

Esposizione

L’Iberis Sempervirens predilige stare al sole almeno alcune ore durante la giornata poichè l’ombra non favorisce la produzione dei fiori.  E’ considerata una pianta coraggiosa in quanto è in grado di sopportare  gelate intense.

Fioritura

La fioritura avviene da marzo a giugno, l’beris semprevirens produce fiori piccoli, bianchi nella specie, portati in infiorescenze a racemo, numerosissime tanto che al momento della fioritura la pianta perde il suo aspetto un po’ banale e assume le sembianze di  una nuvola candida.

Concime

L’Iberis Sempervirens va concimata ogni 3-4 mesi, somministrando un concime granulare a lenta cessione, in un’unica soluzione. Si può anche utilizzare un concime liquido per piante da fiore che sia ricco in potassio e fosforo, diluito all’acqua di annaffiatura ogni 20-25 giorni.

Potatura  

Dopo la fioritura vanno tagliate le cime sfiorite potando drasticamente la pianta. È bene  eliminare le parti secche, danneggiate o troppo cresciute, per ottenere una fioritura più prolungata ; quando la fioritura termina  la pianta va cimata per stimolare la nuova vegetazione e mantenere la forma compatta delle piante

Moltiplicazione

L’Iberis Sempervirens  si può moltiplicare  per talea di ramo tra maggio e agosto o per divisione del cespo in ottobre.

Iberis Sempervirens

Iberis Sempervirens

Consigli

L’Iberis Sempervirens  funge da perfetto tappezzante e risulta quindi perfetta lungo il muro o in un giardino roccioso; tra gli abbinamenti ideali ci sono  il Geranio Birch Double nelle aiuole o con Eriche, Viole o Senecio cineraria, o l’ Heuchera.

Oltre il ruolo estetico questa pianta risulta fondamentale per  coprire il terreno in modo fitto da  evitare che la polvere intasi la porosità del terreno, inoltre consente che l’umidità prodotta dalle piante non venga spazzata via dall’aria inquinata e non consente lo sviluppo delle erbacce.

Parassiti e malattie

Uno dei problemi più riscontrabili è l’appassimento dei rami, con o senza annerimento della base della pianta  dovuto al marciume radicale.

 

Articoli correlati che possono interessarti

Cosa ne pensano i nostri lettori:
Ti è piaciuto l'articolo? Dagli un voto:
[Voti Totali: 9 Media: 4.4]
E ora Condividilo sui tuoi social preferiti:Share on Facebook11Share on Google+2Pin on Pinterest0Tweet about this on Twitter3Email this to someone
Vuoi ricevere tutti gli articoli come questo?
Iscriviti ora. E' gratis.

Non facciamo spam!
TI invieremo anche qualche offerta speciale

Riceverai al massimo due mail al mese
Autorizzo al trattamento dei dati personali D.L. 196/03

2 pensieri su “Iberide perenne

Rispondi