Rincospermo (Rhyncospermum jasminoides)

Trachelospermum jasminoides

Trachelospermum jasminoides – foto di Kai Yan, Joseph Wong (CC BY-NC-SA 2.0)

Il Rincospermo, detto anche Rincospermum o Falso Gelsomino (nome latino Trachelospermum jasminoides) è un arbusto rampicante e vigorosissimo, produce lunghi tralci almeno in parte volubili che si allungano fino a 10-12 metri; si distingue nettamente dai Gelsomini per le foglie intere, oblunghe, molto spesse e coriacee.

I fiori sono riuniti in cime ascellari e, per il colore bianco puro, per la forma e per il profumo molto intenso, gradevole ma dolciastro ricordano quelli dei veri Gelsomini.

Di solito questa pianta viene coltivata in giardino, per ricoprire ringhiere di separazione fra giardini, per pergolati, muri fioriti e siepi.

Se coltivato sui terrazzi consigliamo vasi capienti poiché ha un grande apparato radicale, per un esemplare ci vuole un contenitore con un diametro almeno di 40 cm.

Fioritura

Fiorisce abbondantemente tra maggio e luglio tanto che i numerosissimi fiori bianchi a girandola coprono quasi completamente la vegetazione.

Fiorisce anche una seconda volta nella seconda metà di Agosto, ma meno copiosamente.

Meno sole prende la pianta, meno fiori sbocceranno.

I fiori attraggono le api.

Trachelospermum jasminoides

Trachelospermum jasminoides – foto di chuck b. (CC BY 2.0)

Consigli per la Coltivazione del Falso Gelsomino

Il falso gelsomino vive bene a lungo sia in vaso e sia giardino.

Coltivazione in piena terra

Si adatta a qualsiasi tipo di terreno ma conviene predisporre con cura delle buche profonde, dato il forte sviluppo dell’apparato radicale.

Si usa in giardino a masse per la formazione di spalliere, pergolati, muri fioriti, siepi. La distanza deve essere di almeno 80cm fra una pianta e l’altra.

Coltivazione in Vaso

Ottimo anche in vaso, ma usate vasi grandi.
Per le coltivazioni in vaso, rinvasare solitamente una volta l’anno, in primavera.

Rincospermo in vaso

Rincospermo in vaso – foto di Mike Atkinson (CC BY-NC-ND 2.0)

Luce

Predilige esposizioni soleggiate ma può essere coltivato anche in penombra e mezzo sole, anche se fiorirà di meno.

Acqua

In vaso l’acqua somministrata deve essere abbondante e distribuita regolarmente durante la fioritura nel periodo maggio-giugno, medio-abbondante in luglio/agosto, poca ad aprile e settembre, scarsa nei restanti mesi. Resiste comunque a brevi periodi di siccità.

Se piantate in giardino e in piena terra, le dosi di acqua devono essere più basse. Datene di più solo in presenza di esemplari giovani.

Evitare in ogni caso i ristagni idrici, che possono danneggiare le piante.

Temperatura

Per ottenere una buona crescita, il Rincospermo richiede una temperatura notturna di 10-13°C e temperature diurne di 20-22°C.

Per un breve arco di tempo può essere mantenuto anche in appartamento, a condizione di garantire alla pianta almeno 4-6 ore di buona illuminazione giornaliera.

Rustico in Italia, tollera sia il caldo sia il freddo.

Non teme il gelo.

Non teme nemmeno la salsedine, per cui può essere piantato anche nelle vicinanze del mare.

Terriccio

La terra deve essere fertile, fresca, non pesante, ad esempio metà terra da giardino e metà terriccio universale con aggiunta di sabbia. Ricordatevi solo che teme i ristagni d’acqua, per cui curate molto il drenaggio. Sconsigliato il terreno con pH Acido in caso di piena terra.

Concime

Nel periodo vegetativo, se volete favorire la crescita e la fioritura, va somministrato regolarmente (ogni 15 giorni) qualsiasi tipo di concime universale a lento rilascio.

Va bene il concime liquido diluito nell’acqua quando si annaffia, ma va bene fare le concimazione in giugno e nel periodo ottobre-novembre con un prodotto granulare a lenta cessione per arbusti da fiore.

Un eccesso di concime può far diventare le foglie rosse e poi farle cadere. Non esagerare.

Se le foglie sono di un colore più chiaro del normale, può essere una clorosi. In tal caso è meglio prevedere anche una integrazione di ferro, soprattutto se il terreno è calcareo e/o l’acqua è dura. In questi casi è opportuno usare l’integratore di ferro a inizio primavera e inizio autunno.

Moltiplicazione

Puoi propagare il trachelospermum per semina o per talea e margotta.

Ma non è così facile ottenere semi.

Pertanto, l’ideale è propagarlo per talea

Periodo ideale: In estate o in autunno dopo la fioritura

Taglia un ramo lungo 10 cm, verde o semi-maturi che contenga dei germogli
Mettilo in un vaso con terriccio.
Garantiscili una temperatura di 15 – 20°C.
Per una migliore crescita, coprire il vaso con un foglio di plastica per ottenere un’umidità elevata.

Innaffia le talee con parsimonia e lascia asciugare il terreno di tanto in tanto.
In primavera, le piante radicate possono essere rinvasate.

Trachelospermum jasminoides

Trachelospermum jasminoides – foto di Kai Yan, Joseph Wong(CC BY-NC-SA 2.0)

Potatura

I tralciNON andrebbero mai tagliati: se venissero potati, la pianta ritarda lo sviluppo e la fioritura.

Il falso gelsomino o rincospermo richiede una radicale potatura solo dei rami secchi

Quando tagliate i tralci esce un lattice.
Potate solo se necessario magari perché la pianta di Rincospermum sta diventando troppo grande e ne dovete ridurre lo sviluppo.

Nel caso di potatura fatelo possibilmente nel periodo di riposo vegetativo, ovvero dicembre/gennaio.

Problemi (parassiti e malattie) con il Rincospermum

Sui germogli giovani talvolta possono verificarsi infestazioni di afidi. In questi casi quando l’attacco è piccolo, provate a bagnare le foglie.

Altri problemi, a volte, sono costituiti dalla cocciniglia cotonosa, riconoscibile dai piccoli batuffoli cotonosi che si rinvengono sulle foglie, anche nella pagina inferiore, e dalla mosca bianca.

Può essere attaccato anche da alcune malattie fungine come la fumaggine che si manifesta a carico delle foglie con depositi o ammassi di polvere nerastra simile alla fuliggine dei camini.

In questi casi provate ad irrogare (nelle ore fresche) con un apposito anticrittogramico.

Classificazione botanica

Appartiene al genere Trachelospermum.

La specie Trachelospermum jasminoides è sinonimo di Rhynchospermum jasminoides

Varietà

La specie tipo è quella che fa i fiori bianchi, ma esistono varie cultivar

Trachelospermum jasminoides ˈStar Of Toscaneˈ
cultivar con fiori gialli

Rincospermo Giallo

Rincospermo Giallo

Trachelospermum jasminoides Variegatum

Cultivar a foglie variegate

Trachelospermum jasminoides Variegatum

Trachelospermum jasminoides Variegatum – foto di David J. Stang(CC BY-SA 4.0)

Curiosità

Pianta originaria della Cina, Giappone, Corea e Vietnam. È una tipica pianta rampicante delle zone a clima mediterraneo e va piantato in posti caldi e in pieno sole. Resiste comunque agli inverni rigidi.

Pianta resistente allo smog e all’inquinamento

Il nome botanico deriva dal greco e si riferisce al fatto che i semi (spermum) sono nella “gola” (trachelos) dei fiori.

Il Rincospermo è velenoso?

Si è molto velenoso.

La linfa lattiginosa che secerne può essere irritante per alcune persone, causando gonfiore, arrossamento ed eruzioni cutanee. Anche il resto della pianta è molto tossico per l’uomo e gli animali. In caso di ingestione, consultare immediatamente un medico. La pianta è particolarmente pericolosa per i bambini, perché l’odore potrebbe spingerli ad assaggiarla

Differenza tra Gelsomino e Rincospermo

Ma quali sono le differenze tra Gelsomino e Rincospermum? Come si fanno a distinguere le 2 piante?

  • Il rincospermo è un sempreverde, perde solo qualche foglia in inverno, e resiste bene alle basse temperature italiane. Il gelsomino invece ha bisogno di un clima bello caldo e un inverno poco rigido.
  • Il fiore del Rincospermo ha i petali che girano su se stessi, ha fiori con petali che ricordano una girandola. I fiori del Gelsomino hanno i petali piatti.
  • le foglie del Rincospermum sono ovali, coriacee e appuntite. Quelle del Gelsomino sono più piccole e composite
  • Se stacchi una foglia o un tralcio ed esce un liquido bianco appiccicoso, allora è rincospermo.

Linguaggio dei Fiori

Il Rincospermo (falso gelsomino) simboleggia l’immortalità.

rincospermo

Se vuoi acquistare online, ecco delle proposte

Puoi acquistare su amazon

Iscriviti alla newsletter

Compila il form per ricevere periodicamente novità dal nostro sito.



* Ho letto l’informativa completa ed accetto di ricevere la newsletter di Edendeifiori.it (Obbligatorio)
Voglio essere aggiornato su offerte speciali ed occasioni. (Facoltativo)

Leggi Informativa Completa Privacy


L'hai trovato interessante? Votalo, e dicci come migliorarlo nei commenti
[Voti Totali: 245 Media: 4.4]

24 pensieri su “Rincospermo (Rhyncospermum jasminoides)

  1. ho visto la fioritura. E' anche profumato.Ma non so se può attecchire in vaso onde coprire superfici di vari metri quadri.

  2. quale consiglio puoi dare per la manutenzione dei rami ? ok per la lunghezza ma la distanza dalla parete quanto deve essere per non creare nascondigli per topi e varie? Questo chiaramente per i rametti se condari….grazie per quanto andrai a consigliarmi. Saluti

  3. ho già questa pianta da 5 anni su un terrazzo che si sviluppa per 10 mt, piantate in vasi rettangolari di cm 60 x 20, ma quest'anno dopo la fioritura le piante si presentano con foglie molto chiare e da qualche giorno sembrano seccarsi e perderle, premetto che ho usato concimi sia di inverno che in questo periodo. cosa devo fare??? grazie!

    • ma se le mie piante sono attaccate alla ringhiera come posso cambiare la terra nel vaso?? considerando che i miei vasi sono lunghi circa un metro e profondi circa 60 cm…. o-0'

  4. Ho più piante di rincospermo, ma in una stranamente in autunno compaiono come dei frutti cioè dei fagiolini che spuntano a coppia da uno stesso punto. Cosa sono e cosa fare?

  5. HO NOTATO CHE QUESTA PIANTA PATISCE – FINO A MORIRNE- IL TERRENO TROPPO BAGNATO: MEGLIO LASCIARLO ASCIUGARE TRA UN'ANNAFFIATURA E L'ALTRA.. ZIO PIPPO

  6. Ho acquistato un rincospermo in un vivaio, l'ho rinvasato in un recipiente da 60, i rami sono stati liberati dai legacci e fatto arrampicare alla ringhiera del mio terrazzo, poi ho proceduto alla prima annaffiatura e successivamente l'ho annaffiato regolarmente e concimato con concime universale liquido. Tuttavia nel giro di una settimana tutti i fiori sono appassiti e le foglie incominciano a seccarsi con colorazoni rosso-bruno. Quale è il problema e riesco a recuperarlo. Grazie.

  7. Ciao a tutti,
    avrei bisogno di chiedervi un consiglio:
    sono rientrati dalle ferie di settimane, e prima di partire ho messo nei vasi delle bottigliette con del gel per cercare di non fare seccare le mie piante di ricnsperno.
    Purtroppo al mio rientro erano seccate.
    C è il modo di poterlo recuperare?
    non mi sembra del tutto morta..
    Grazie a tutti

  8. Quel ke so io è ke sicuramente non bisogna tenerle annacquate, poi x facilitare la crescita dei rametti "secondari" è meglio ma mano dargli una legata…poi concime, terra, acqua, sole e ogni tanto dei antiparassitari naturali faranno il loro…tanti saluti

  9. salve sono raffaele, il mio rhincospermun verso maggio si è riempito tantisimo con un'abbondante esplosione di boccioli, pero' ho notato che quando si aprono i fiori sono piccoli di foglie e cadono subito, mi potete dare una spiegazione

  10. Ho due piante nel mio orticello ed ho notato che da quando sfiorisce e cadono insieme alle foglie le piante di pomodoro che sono vicine non producono più e si seccano.
    Cè qualche relazione?

  11. Un consiglio: ho una parete di 5m x 2m volevo piantare in un vaso da 1m x 0,40 x 0,40 un paio di questa rampicante.
    Bastano per coprire la parete ?

    • una vaso da un metro per una parete da 5 metri di lunghezza, mi sembra poca. Forse ne dovresti mettere un paio. Fai una prova.

      Il Rhyncospermum è un rampicante, con un fogliame fitto ed è un rampicante sempreverde da fiore che sostiene anche gli inverni rigidi. Dovrebbe andare bene

  12. Leggo che molti usano il gelsomino per profumare tisane, questa varietà (falso gelsomino) è ugualmente utilizzabile?
    Può essere nociva?

  13. Buongiorno, ho comprato a febbraio un appartamento con un giardino attorniato dal finto gelsomino, bello verde e sano, questa primavera ha fatto tantissimi fiori profumati ed ora nonostante lo annaffio una volta ogni due giorni solo all’altezza della terra, per non bagnare il passaggio condominiale, le foglie si sono ammosciate ingiallendo i fiori sono secchi e non butta più. Può essere che sia successo perchè mia figlia l’ha bagnato una volta con il sole bagnandolo tutto. Cosa dovrei fare ora, morirà?
    Ringrazio in anticipo per l’attenzione.
    Patrizia

  14. Ho 4 piante nel terrazzo da 5/6 anni arrampicate su delle grate di legno. Negli ultimi anni nn le ho potate per difficoltà della posizione e adesso il risultato è rami secchi nella grata e germogli verdi e sani che vanno dappertutto. Cosa posso fare?

  15. Più di un mese fa ho potato forse troppo il mio gelsomino o farlso gelsomino, adesso però non ha ancora emesso nemmeno un gernoglio … Significa che l’ho rovinato io irreparabilmente o c’è speranza che torni a germogliare ?

  16. Buonasera a tutti. Ad aprile ho comprato il mio falso gelsomino.Adesso a distanza di un mese e mezzo è fiorito tantissimo. Pero le foglie nuove si piegano e si seccano. Mi potete aiutare?grazie


Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.