Eragrostis trichodes

Eragrostis trichodes
Eragrostis trichodes

Nel meraviglioso mondo delle graminacee usate come ornamentali c’è l’Eragrostis trichodes, una perenne nota anche come erba della sabbia, originaria dell’Ohio e del Nebraska, nonché della Louisiana e del Texas.

È una pianta a ciuffi densi che raggiunge in genere i 1,2 metri di altezza. È compatta ed caratterizzata da un fogliame verde chiaro in estate e bronzeo-rosso in autunno, le foglie sono piatte e lucide. Regala fiori rosa, che con il tempo virano al color crema sfumato di bordeaux, e che conferiscono alla pianta un aspetto soffice e piumoso.

La sua fioritura eterea rende l’Eragrostis trichodes una pianta perfetta per essere allevata in massa ma anche in vaso per la forma piena e compatta. 

Classificazione botanica

L’Eragrostis trichodes è una specie della
– famiglia delle Poaceae
– sottofamiglia Chloridoideae
– tribù Eragrostideae
– sottotribù Eragrostidinae
– genere Eragrostis

Principali varietà

Al genere appartengono diverse varietà e cultivar.

Eragrostis trichodes ‘Bend’

La varietà ‘Bend’ è caratterizzata da foglie strette di colore verde scuro, che si alzano in ciuffi e si piegano bruscamente all’apice. Le pannocchie sono pesanti per questo gioverebbe un sostegno o una recinzione. Ottimo come fiore fresco reciso o essiccato.

Fioritura

L’Eragrostis trichodes fiorisce in estate ed in autunno, generalmente da luglio a settembre.

I fiori sono piccoli, riuniti in pannocchie e formano una nuvola in mezzo al fogliame.
Il colore dei fiori è un bellissimo rosa ametista con sfumature porpora-violacee.
I fiori sono magnifici anche come fiori recisi.

Consigli per la coltivazione dell’Eragrostis trichodes

Questa graminacea richiede terreni ben drenati e sopporta bene la siccità.

Può essere allevata in massa o in aree dove è libera di naturalizzarsi.

Coltivazione in vaso

Si tratta di una graminacea che è bellissima da sola in vaso per la forma piena e compatta, così come abbinata ad altre perenni che fioriscono contemporaneamente.

Il rinvaso si esegue nel momento il cui le radici della pianta fuoriescono dai fori di drenaggio dell’acqua di sgrondo e il fogliame è costretto in poco spazio.

Coltivazione in piena terra

L’Eragrostis trichodes è una pianta abbastanza rustica, in piena terra si deve scegliere un’esposizione al sole, si deve considerare che la temperatura minima che sopporta è di circa 10 gradi sotto lo zero e che il terreno deve essere ben drenato.

Le piante si mettono a dimora in primavera in buche profonde, che siano state precedentemente ben lavorate e ben drenate che abbiano una distanza tra loro di 50 cm.

Ben si presta per le aiuole e le bordure fiorite, per i giardini rustici e informali, per i giardini informali.

Pianta da siepe

Tutte le graminacee ornamentali formano dei bei cespugli.

Coltivazione in terrazzo

Gli esemplari allevati in vaso possono decorare terrazzi e balconi

Temperatura

L’Eragrostis trichodes sopravvive tra -15 e 37 °C

Luce

L’esposizione ideale è a mezzombra o al sole.

Terriccio

Cresce bene qualsiasi ben drenato, anche povero, me preferisce un terreno dev’essere fertile, ricco di sostanze organiche e ben drenato.

Annaffiatura

Per gli esemplari allevati in piena terra è sufficiente irrigare saltuariamente all’incirca da aprile a ottobre. Gli esemplari allevati in vaso, necessitano di annaffiature regolari da marzo a ottobre.

Moltiplicazione

La propagazione dell’Eragrostis trichodes può avvenire per divisione dei cespi in primavera o per semina.

Si deve considerare che in condizioni di crescita ottimali le piante si autoseminano e si diffondono facilmente.

Il seme va seminato in vaso in serra fredda in primavera e la dei cespi si fa all’inizio dell’estate.

Concimazione

È sufficiente concimare all’inizio della primavera.

Potatura

Le pannocchie piumose restano attraenti per gran parte dell’inverno, per questo si può lasciare tutta la pianta intatta in quanto è ornamentale anche da secca. Tuttavia occorre eliminare regolarmente i fiori appassiti, a meno che non si desideri raccoglierne i semi.

In autunno, al completamento del ciclo vegetativo, è bene tagliare la parte aerea che si sta seccando e che ributterà in primavera. Si può anche decidere di rimandare l’operazione se il fogliame autunnale o le infiorescenze appassite hanno un valore ornamentale.

Abbinamenti con altre piante

L’Eragrostis trichodes si abbina perfettamente a salvia, echinacea, zauschneria, sedum.

Parassiti, malattie ed altre avversità

Generalmente questa graminacea non presenta gravi problemi di insetti o malattie. I ciuffi maturi tendono a volte ad allargarsi o ad afflosciarsi.

Curiosità

Il nome del genere deriva dalle parole greche eros che significa amore e agrostis che significa erba. L’epiteto specifico significa peloso o ispido.

Tossicità  e/o uso erboristico

Non è una pianta tossica per l’uomo né per gli animali.


Attenzione: Le applicazioni farmaceutiche sono indicate a solo scopo informativo. Devono essere consigliate e prescritte dal medico.”

Iscriviti alla newsletter

Compila il form per ricevere periodicamente novità dal nostro sito.

* Ho letto l’informativa completa ed accetto di ricevere la newsletter di Edendeifiori.it (Obbligatorio)
Voglio essere aggiornato su offerte speciali ed occasioni. (Facoltativo)
Leggi Informativa Completa Privacy
L'hai trovato interessante? Votalo, e dicci come migliorarlo nei commenti
[Voti Totali: 2 Media: 5]


Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.