Miscanthus

Miscanto
Miscanthus

Ci sono piante che sanno suonare, lo fanno quando il vento muove le loro foglie e allora con movimenti sinuosi come una danza, si muovono regando uno spettacolo fatto di colori, luci e suoni.

E’ nota anche come Miscanto, si tratta di una graminacea erbacea perenne. Il Miscanthus è originario delle regioni tropicali e subtropcali dell’Africa e del sud-asiatico. La diffusione più alta si ha in Giappone ed in Cina, in particolare nelle aree antropizzate e degradate. In tal senso può essere considerata un’erbaccia infestante, ma è comunque largamente apprezzata per l’eleganza, per questo è spesso rappresentata in pitture e tessuti.

Si tratta di una pianta che si rivela molto utile per tutte e quattro le stagioni in quanto riesce a superare brillantemente il ciclo intero dell’anno. Attorno al mese di aprile, dal terreno tornano a spuntare nuove foglie, accompagnate, in estate dagli scapi fiorali. Poi i fiorellini si tramutano in minute infruttescenze, che durano minimo una decina di mesi, resistendo anche sotto la neve.

Il Miscanthus arriva a misurare un’altezza di 2 metri, è caratterizzato da rigogliosi e abbondanti ciuffi di foglie, fini e strette di colore verde /azzurre. Le foglie sono variegate, presentano sottili linee bianche longitudinale e questo sortisce un effetto argenteo. Al soffiare del vento le foglie emettono un suono soave. Il fusto è eretto e culmina in ricche e piumose infiorescenze.

La radice è un rizoma robusto. I fiori sono riuniti in pannocchie o spighe portate da steli cilindrici. Ogni spiga è composta da fiori bianco-argentei o giallo-arancioni piccolissimi ma che durano mesi sulla pianta.

I fiori del Miscanthus somigliano a quelli della Cortadeira (Erba delle Pampas).

In poco tempo questa graminacea tende a comporre fitti cespugli dal portamento elegante e leggiadro. I fiori sono vistose e decorative infiorescenze a pannocchia o a spighe che sono portate da esili steli cilindrici di colore verde che sovrastano di molto la lunghezza delle foglie. Ciascuna spiga persiste sulla pianta per mesi. 

I semi sono leggeri e vengono dispersi dal vento anche a notevole distanza dal luogo di produzione.

Classificazione botanica

Il Miscanthus è un genere appartenente alla famiglia delle Poaceae (cui appartiene anche il bambù Bambusa).

Principali specie

Il genere Miscanthus annovera una ventina di specie, alcune delle quali si fanno apprezzare per bellezza e per la versatilità.

Indubbiamente la specie più diffusa ed apprezzata è il Miscanthus sinensis, che da si dimostra perfetta per la creazione di numerosi ibridi. Il lavoro di Ernst Pagels, un vivaista tedesco ed ad altri coltivatori, ha fatto si che il numero delle varietà disponibili abbia superato le 200 unità.

Miscanthus sinensis

Miscanto
Miscanthus sinensis

Questa specie è originaria dell’Asia orientale (Cina, Giappone, Taiwan e Corea).

È un’erbacea perenne vigorosa, che arriva a misurare fino a 2 metri di altezza, raramente raggiunge i 4 metri. Forma densi ciuffi che partono da un rizoma sotterraneo.

Le foglie sono verdi-azzurre con nervatura bianca. I fiori sono violacei.

In questa pianta nidificano alcune specie di vespe come la Ropalidia fasciata.

Miscanthus sinensis Variegatus
Miscanthus sinensis Variegatus

Ci sono tante varietà tra cui citiamo:

  • Il Miscanthus sinensis Gracillimus, una pianta alta 50-80 cm e del diametro di 45-60 cm, molto ornamentale, caratterizzata da foglie verde-salvia più strette rispetto alla specie tipica.
  • La Miscanthus sinensis Variegatus, alta 1-1,5 m e del diametro di 40-60 cm, caratterizzata da foglie striate di giallo-cuoio.
  • La Miscanthus sinensis Zebrinus, alta 1-1,2 m e del diametro di 60 cm, caratterizzata da foglie arcuate, striate trasversalmente di giallo.
  • La varietà Miscanthus sinensis Purpurascens, dal portamento a colonna, a bassissima manutenzione. La peculiarità è la colorazione rosso-porpora che assume quando le temperature notturne d’inizio autunno si fanno più fresche.

Miscanthus sacchariflorus

Miscanthus sacchariflorus
Miscanthus sacchariflorus

Questa specie è originaria della Cina settentrionale e della Siberia sud-orientale. Misura circa 3 metri di altezza.

Si tratta di una pianta perfetta per la la formazione di siepi frangivento o per ombreggiare altre piante. E

‘ caratterizzata da foglie, con lamina stretta, lunga, arcuata, con nervatura principale chiara.

La varietà Variegatus presenta foglie variegate di bianco.

Fioritura

La fioritura del Miscanthus avviene in periodi diversi in base alla varietà, ma generalmente questa graminacea fiorisce nel periodo estate – autunno.

I fiori sono panicoli piumosi che cascano a fontana e che sono portati sulle cime di steli eretti. I fiori persistono sfioriti anche durante l’ inverno.


Le foglie sono decidue, di colore verde glauco, variegate di bianco a striscie molto sottili longitudinali, lunghe tutta la lunghezza della foglia. Quando gela seccano e si arricciano a spirale, diventando molto ornamentali.

Consigli per la coltivazione del Miscanthus

Miscanthus giganteus
Miscanthus giganteus

Il Miscanto è una graminacea rustica che viene coltivata per la produzione di biomassa vegetale ma è apprezzata anche come pianta ornamentale, isolata o a gruppi.

Tra le qualità ci sono la resistenza all’avversità, il fatto che sia una pianta “quattro stagioni”.

L’alto potere decorativo, la peculiarità del suono delle foglie che si muovono con il vento, il fatto che le infiorescenze riescono a catturare la luce e trasmetterla al giadino, sono tutte caratteristiche che rendono questa pianta perfetta per i giardini sensoriali.

E’ perfetta posta nell’ultimo piano delle bordure miste di grandi dimensioni, ma anche fra gli arbusti, come esemplari singolo in mezzo al campo, o lungo le rive di corsi d’acqua. E’ sfruttata anche come schermo frangivento.

Coltivazione in vaso

Il Miscanthus può essere coltivata anche in vaso, si tratta di una pianta molto adattabile e che richiede una minima manutenzione.

Coltivazione in piena terra

 Miscanthus
Miscanthus

In giardino il Miscanthus mette in risalto gli arbusti e le erbacee da fiore. E’ inoltre una pianta adatta per creare barriere frangivento, ma può essere coltivata anche come esemplare isolato.

La messa a dimora si fa nel mese di marzo, in tutti i terreni da giardino freschi, al sole. Seppur si tratta di una pianta alta non ha bisogno di sostegni. Nel mese di agosto vanno tagliate le foglie che si possono far essiccare appese per creare composizioni floreali invernali.

Pianta da siepe

Il Miscanthus è adatto alla formazione di barriere frangivento.

Coltivazione in terrazzo

Gli esemplari allevati in vaso possono decorare i terrazzi.

Temperatura

Questa graminacea tollera le temperature invernali, fino a –20°C, anche se le gelate tardive possono danneggiare i giovani getti primaverili. In tal caso, nelle aree più fredde, si devono pacciamare accuratamente le piante più giovani.

Luce

 Miscanthus
Miscanthus

Il Miscanthus ama un’esposizione al sole, ma cresce bene anche a mezz’ombra.

Terriccio

Il terreno preferito dal Miscanto è fertile e torboso, e preferibilmente un po’ umido.

Annaffiatura

Generalmente il Miscanthus si accontenta delle piogge, ma in caso di prolungata siccità e in particolare in estate ha bisogno di moderate irrigazioni, soprattutto nel primo anno della messa a dimora o dell’impianto.

Moltiplicazione

 Miscanthus
Miscanthus

Il Miscanto si moltiplica in serra attraverso la semina in superficie, verso i mesi di marzo-aprile.

La germinazione avviene dopo un paio di settimane e, nel momento in cui le piantine sono abbastanza grandi per poter essere maneggiate, si ripicchettano individualmente in vasi, facendo passare in serra il primo inverno.

L’anno seguente, in tarda primavera, le giovani piante possono essere poste a dimora definitiva.

La propagazione può avvenire anche per divisione, da farsi in aprile o in autunno, ripiantando subito le divisioni più grandi in giardino, mentre per le più piccole è più adeguato un contenitore, collocato poi a mezz’ombra in serra fredda, dove piante lesi irrobustiranno fino alla primavera seguente.

 Miscanthus
Miscanthus

Concimazione

Durante la primavera e al momento dell’impianto, è bene somministrare alla base dei cespi di questa pianta del concime complesso ternario ricco in azoto (N), potassio (K) e fosforo (P) per permettere alla pianta di svilupparsi in modo armonioso ma soprattutto perchè possa formare nuova massa vegetale. Anche lo stallatico pellettato rappresenta un adeguata concimazione.

Potatura

Qualora il Miscanto tenda a diventare invadente, è necessario intervenire con adeguate operazioni di sfalcio.

Nel maneggiare le foglie è importante fare attenzione ai margini dentati, che possono facilmente tagliare la pelle. Gli interventi si fanno alla fine dell’inverno, prima della ripresa vegetativa.

Abbinamenti con altre piante

 Miscanthus
Miscanthus

Il Miscanto è ideale coltivato nelle bordure erbacee miste, nei giardini sensoriali e per tappezzare i giardini rocciosi. E’ perfetto allevato accanto a piante di Rudbeckia, di bambù giallo, di Tasso e anche di Bosso, di Agrifoglio, di Pini.

Ma può essere abbinato anche a bulbose, perenni, sempreverdi nane, arbusti da fiore e anche rose.

Parassiti, malattie ed altre avversità

Il Miscanto è una pianta rustica che ha una buona resistenza ai comuni parassiti animali come afidi e cocciniglia. Tra le malattie fungine teme la ruggine che si manifesta con macchie brune sulle foglie e il marciume radicale che provoca ristagni idrici nel terreno.

Curiosità

Miscanthus
Miscanthus

La radice etimologica del nome binomiale ‘Miscanthus’ deriva dal greco miskos ‘stelo’ e anthos che significa ‘fiore’, in riferimento alle spighette peduncolate.

L’epiteto specifico riferito alla specie Miscanthus sinensis deriva dal latino e significa “dalla Cina”, anche se la pianta si trova in Asia orientale.

Il Miscanto è sfruttato per bonificare il terreno inquinato da metalli pesanti ed altre sostanze nocive.

La varietà Miscanthus giganteus, è una coltura energetica e da oltre 30 anni è coltivata a biomassa per produrre energia e biocarburanti di seconda generazione in numerosi paesi europei come Svizzera, Germania, Danimarca, Regno Unito, Polonia, Austria, Francia.

In agricoltura questa graminacea è usata come pacciamatura e gli allevatori di bestiame la impiegano come lettiera.

La pianta di Miscanthus sinensis è nota anche come Erba elefantina. Da questa specie sono state ricavate numerose varietà ibride, che si diversificano per il colore e la forma delle foglie per la struttura  dell’infiorescenza.

Tossicità  e/o Uso Erboristico


Il Miscanto non è tossico né per l’uomo né per gli animali

Attenzione: Le applicazioni farmaceutiche sono indicate a solo scopo informativo. Devono essere consigliate e prescritte dal medico.

Articoli correlati che possono interessarti

L'hai trovato interessante? Votalo, e dicci come migliorarlo nei commenti
[Voti Totali: 4 Media: 5]

Vuoi fare una domanda? Vuoi dire la tua? Ti serve aiuto o consigli?

Fai la tua domanda sul nostro gruppo FACEBOOK (clicca qui)


Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.