Grevillea

Grevillea
Grevillea

La Grevillea, chiamata anche “fiore di ragno”, è una pianta vivace che squilla con le sue fioriture originali e colorate per tutto l’inverno fino alla primavera.

Quando non è fiorita ricorda, nel fogliame, il Rosmarino, ma può essere anche confusa con un Ginepro, o una piccola conifera cespugliosa. La Grevillea è un arbusto sempreverde, originario dell’Australia e Nuova Zelanda, il cui portamento varia, in base alla specie, dai piccoli cespugli prostrati ad alberi grandi come querce.

Classificazione botanica

Grevillea

Il genere Grevillea appartiene alla famiglia delle Proteaceae e include piante originarie della Nuova Zelanda, della Nuova Guinea, dell’Australia.

Principali specie

Grevillea

Il genere Grevillea è tra i più interessanti della famiglia delle Proteaceae, conta circa 200 specie coltivate soprattutto per le fioriture molto appariscenti.
Il genere è suddiviso in due sezioni: una è denominato Anadenia che comprende specie che hanno normalmente foglie pennate o frastagliate, (a questo gruppo appartiene la specie Grevillea robusta), l’altra sezione è la Manglesia che comprende specie caratterizzate da foglie alterne intere più o meno aghiformi (a questo gruppo appartiene la specie Grevillea juniperina).

Ecco alcune specie del genere.

Grevillea robusta

Grevillea robusta
Grevillea robusta

Questa specie appartiene alla sezione Anadenia, si tratta della specie più grande. Può raggiungere, con le condizioni ottimali, anche è i 30 metri di altezza. Troviamo la Grevillea robusta sulla riviera ligure, nei parchi e nei viali. E’ una specie molto apprezzata per la bellezza delle foglie che hanno una forma variabile, che sono spesso pennate con profonde lobature, o che hanno un aspetto simile a quello di alcune felci. La specie è usata nello Sri Lanka come ombreggiante per le piantagioni di tè. Nelle regioni a clima temperato, invece, l’uso della specie, è prettamente ornamentale sia come pianta da fogliame per interno, nei paesi a clima nordico che, in piena aria, nelle città mediterranee

Grevillea banksi

Grevillea banksi – foto di mauroguanandiCC BY 2.0

E’ una specie adatta ai climi miti ed ai giardini mediterranei in riva al mare. Si tratta di un grande cespuglio di aspetto molto elegante che può assumere il portamento di un piccolo albero. Presenta foglie pennatifide con lobi sottilissimi ed allungati. I fiori formano lunghe spighe terminali con stigmi rossi ed apice giallo. Esemplari con tanti anni raggiungono un’altezza di 10 metri e una larghezza di 5 metri.

Grevillea stenomera

Questa specie è un bel cespuglio dal fogliame argentato, che ha un’altezza di circa 2 metri, adatta a climi miti. E’ caratterizzata da calici rosso acceso o rosa carico, dai quali sporgono lunghissimi stili che sfumano verdi, e che creano un contrasto cromatico singolare.

Grevillea lanigera

Grevillea lanigera
Grevillea lanigera – foto di Stan ShebsCC BY-SA 3.0

La specie lanigera presenta un portamento compatto, nano e prostrato, talvolta scomposto. E’ caratterizzata da piccole foglie disposte fittamente sui rametti, che sono rigide e tomentose, le foglie hanno i margini arrotolati e compongono dense masse di foglie punteggiate di fiori rossi o rosati, con contrasti tra rosso e crema o verde e crema.

Si tratta di una specie che vanta una buona rusticità. Le cultivar consigliabili, sono Grevillea lanigera ‘Mount Tamboritha’, denominata anche Grevillea lanigera ‘Compacta’ e Grevillea lanigera ‘Clearview John’.

Grevillea thelemanniana

Grevillea thelemanniana
Grevillea thelemanniana – foto di Krzysztof Ziarnek, Kenraiz – CC BY-SA 3.0

Questa specie ha dimensioni ridotte arriva al massimo ad 1,80 metro di altezza. E’ caratterizzata da fiori rossi riuniti in dense pannocchie perfettamente simmetriche, ha rami ricoperti di foglie strettissime talvolta pennatifide. Con il trascorrere degli anni diventa sempre più rustica.

Grevillea johnsonii

Grevillea johnsonii
Grevillea johnsonii – foto di Paul Hermans CC BY-SA 3.0

Questa specie è caratterizzata da foglie aghiformi lunghissime, che ricordano quelle dei pini marittimi. Si tratta di una specie perfetta per climi caldi e soleggiati.

Grevillea juniperina

Grevillea juniperina
Grevillea juniperina – foto di Christer T JohanssonCC BY-SA 3.0

Questa specie è originaria del New South Wales orientale e del Queensland sud-orientale in Australia. Il botanico scozzese Robert Brown ha descritto la specie nel 1810 e sono state riconosciute sette sottospecie. E’ un arbusto denso con portamento arrotondato con foglie lanceolato-lineari di color verde spinose.

Tra le specie cespugliose, è indubbiamente la più diffusa, ha la forma arrotondata e dal fogliame verde intenso, fitto, rigido e pungente .Produce una bellissima fioritura rossa, arancione o gialla che comincia al termine della primavera fino a metà estate. Consistono di graziosi racemi penduli che arrivano a misurare fino a 6 centimetri di lunghezza.

La sua altezza può arrivare invece a 2 metri. Per questo motivo è ampliamene utilizzata per creare siepi di piccole dimensioni con un alto valore ornamentale soprattutto per essere coltivate in un clima marino e mediterraneo. Gli uccelli ne sono attratti e impollinano i fiori.

E’ una specie caratterizza per una estrema facilità di coltivazione, per la ricchezza e precocità nella fioritura e per la notevole resistenza ai geli. Tra le varie specie-cultivar è sicuramente la più consigliabile nelle zone climatiche fredde dell’Italia.

La specie juniperina si adatta prontamente alla coltivazione ed è stata importante in orticoltura in quanto è la madre di molti popolari ibridi da giardino. La sottospecie allojohnsonii fiorisce da settembre a febbraio, la sottospecie “trinervis” fiorisce da agosto a dicembre, mentre le sottospecie “juniperina”, “amphitricha”, “sulfurea”, “villosa” e “fortis” fioriscono in agosto e settembre.

Grevillea rosmarinifolia

Grevillea rosmarinifolia
Grevillea rosmarinifolia – foto di JJ HarrisonCC BY-SA 3.0

Una specie molto simile, sia come dimensioni che come portamento che come rusticità alla specie juniperina, ma, diversamente da quest’ultima ha un fogliame argenteo, e rami arcuati e ricadenti.

Si tratta di un cespuglio aggraziato, aperto e leggero che produce fiori con calice corto e contorto, quasi a formare fitte spirali dalle quali si irradiano lunghi stili rossi. Una delle cultivar più amate e diffuce è la specie rosmarinifolia ‘Desert Flame’.

Un bellissimo ibrido tra la specie juniperina e la specie rosmarinifolia è  Grevillea ‘Canberra Gem’, caratterizzata da dense spighe di fiori rosso intenso o rosa vivace, che sbocciano in successione dalla fine dell’inverno fino a fine estate.

Fioritura

Grevillea

Se si dovesse descrivere la fioritura della Grevillea con un aggettivo questo aggettivo sarebbe “squillante”. E’ caratterizzata da una grande quantità di densi fiori riuniti in racemi, e sono portati in posizione terminale, raramente ascellari, sono privi di petali e sono formati dal solo calice dal quale sporge, lunghissimo e colorato lo stilo.

L’epoca di fioritura varia da specie a specie. Generalmente la pianta fiorisce per tutto l’autunno e l’inverno, ad esempio la Grevillea rosmarinifolia fiorisce in autunno-inverno

Ma se esistono alcune specie, come la specie Juniperina, che fioriscono in estate e regalano, per tutto il resto dell’anno, la bellezza semplice delle fronde rustiche sempreverdi.

Una delle caratteristiche di tutto il genere è dato dal colore dei fiori che rappresenta una forte attrazione verso negli uccelli che fungono da impollinatori per le piante. Un certo numero di specie ha su altri metodi di impollinazione, per esempio, tramite scarabei, lepidotteri, api, formiche e perfino piccoli marsupiali.

Consigli per la coltivazione della Grevillea

Grevillea
Grevillea

La Grevillea è una pianta molto adatta a formare vivaci bordure o ad essere impiegati come esemplari isolati. Questa pianta è abituata ai climi delle foreste tropicali, la zona di origine fanno ben comprendere le esigenze climatiche e podologiche sia in vaso che in piena terra: preferisce un terreno asciutto, un clima secco ed inverni miti.

E’ poco resistente al gelo (massimo resiste a – 5° se ben lignificata) e richiede una posizione soleggiata, soprattutto nelle regioni del centro-nord, mentre a sud può essere anche collocata in luoghi più riparati.

Questa sempreverde può essere coltivata in giardino e anche in vaso, in particolare le specie più piccole,

Coltivazione in vaso

Grevillea

Per la coltivazione in vaso il terreno più idoneo è quello per piante acidofile con aggiunta di sabbia. E’ importante apportare fertilizzazioni mensili con concime ricco di fosforo. Inoltre sono importanti le annaffiature che vanno diradare durante l’inverno. Per la coltivazione in vaso si può impiegare un terriccio per piante acidofile avendo cura di mettere uno strato di argilla o perlite sul fondo per migliorare il drenaggio. Il vaso più adatto è quello di terracotta che permette al terriccio di respirare di più. Il rinvaso si fa ogni anno ad inizio della primavera.

Coltivazione in piena terra

Grevillea
Grevillea

Il periodo ideale per la messa a dimora della pianta è la primavera, quando le temperature salgono sopra i 10°C e consentono alla pianta di prepararsi per la produzione di nuovi fiori e nuove foglie. Alcune specie del genere tollerano molto bene l’ambiente salmastro e sono quindi idonee anche per un giardino al mare. La Grevillea teme i ristagni idrici, pertanto è bene porre sul fondo della buca uno strato di ghiaia o sabbia, per aumentare l’effetto drenante.

Pianta da siepe

Grevillea
Grevillea

Alcune specie di Grevillea , come la specie juniperina, ben si prestano per la creazione di siepi ornamentali.

Coltivazione in terrazzo

La pianta può essere allevata in vaso e tenuta in terrazzo. E’ bene scegliere un’idonea collocazione, riparata dal vento e che assicuri le adeguate ore di sole.

Temperatura

Grevillea
Grevillea

La rusticità della Grevillea cambia in base alla zona di provenienza. Ci sono specie che sono in grado di resistere fino a -7°C, e ce ne sono altre, più delicate, che necessitano di temperature minime superiori. Nelle zone a clima mite si possono coltivare tutte le specie mentre in pianura padana ed in altre zone analoghe bisognerà orientarsi per le specie più resistenti. La pianta resiste invece bene a qualsiasi temperatura estiva, ma teme i colpi di vento e il freddo. Nelle regioni più fredde occorre proteggere la pianta o metterla a riparo all’inizio dell’inverno.

Luce

Grevillea

L’esposizione migliore della Grevillea è il pieno sole.

Terriccio

La Grevillea coltivata in piena terra richiede un terreno moderatamente fertile da acido a neutro.

Annaffiatura

Grevillea
Grevillea

La pianta è abituata ai climi caldi, ma è in grado di resistere anche a lunghi periodi di siccità. E’ comunque opportuno annaffiarla regolarmente durante l’estate e la primavera. Nel momento in cui ci si rende conto che il terreno è completamente asciutto, mentre in autunno ed in inverno è possibile diradare la frequenza e irrigare soltanto in momenti con piogge particolarmente scarse.

Moltiplicazione

Grevillea

La pianta si moltiplica per seme e per talea estiva di legno semimaturo. Tranne che per specie robusta, le altre specie hanno una germinazione difficile. Per raccogliere i semi si lega un sacchetto di carta intorno alle capsule quasi mature.

La moltiplicazione per talee apicali si esegue in estate e ad inizio autunno. Le talee devono essere lunghe circa 6-8 centimetri. Vanno tagliate appena al di sotto dei nodi fogliari. Successivamente vanno eliminate delicatamente le foglie e si fanno attecchire le talee in un mix di due parti di sabbia grossa e una parte di torba.

Concimazione

Grevillea

La Grevillea va concimata ogni tre mesi, a partire dalla primavera fino all’autunno, con un concime granulare a lenta cessione.

Potatura

Grevillea

Le potature non sono necessarie, vanno limitate all’eliminazione di rami rotti o fuori forma. Il periodo migliore per procedere alla potatura di questa sempreverde è l’autunno. Nel taglio, non serve tagliare troppo a fondo: è sufficiente cimare ed elimnare i rami secchi per dare forma al cespuglio e per stimolare la ricrescita di nuove fronde.

Parassiti, malattie ed altre avversità

Grevillea
Grevillea

Generalmente la pianta è resistente a quasi tutti i tipi di parassiti o agenti patogeni, ma è sensibile alle malattie fungine che si possono svilupparsi in seguito a marciumi radicali causati da un’eccessiva umidità o dai ristagni idrici. Occorre, pertanto, fare attenzione all’irrigazione ed evitare i ristagni d’acqua.

Curiosità

Grevillea
Grevillea

Il genere Grevillea è stato dedicato a uno dei fondatori della Royal Horticultural Society nel 1804, Charle Francis Greville.

La specie robusta, esattamente come l’eucalipto, è stata largamente utilizzata in Asia ed in Africa come essenza forestale, è infatti usata per produrre un legno rosa pallido o marrone molto simile al legno di rovere considerato di pregio per le elevate doti di resistenza, colore e lavorabilità e particolarmente adatto per realizzare lavori di ebanisteria, parquet ed infissi.

Tossicità  e/o uso erboristico

Grevillea
Grevillea

Le foglie di alcune specie del genere possono causare irritazioni della pelle. La sensibilità dipende da persona a persona ma anche tra specie ed ibridi. Le specie che più di altre provocano dermatite da contatto sono gli ibridi della specie Grevillea banksii “Robyn Gordon”.

La varietà red, australiana, è usata per il trattamento del dolore muscolare all’articolazione temporomandibolare. È l’unica delle oltre 250 specie usata in fitoterapia e erboristeria.


Attenzione: Le applicazioni farmaceutiche sono indicate a solo scopo informativo. Devono essere consigliate e prescritte dal medico.”

Libri su Grevillea

Grevillea
Grevillea

Grevillea: A Quarterly Record of Cryptogamic Botany and Its Literature, Volumes di Anonymous

Grevillea: A Monthly Record of Cryptogamic Botany, di Unknown Author

Grevillea, a Quarterly Record of Cryptogamic Botany and Its Literature, di M. C. Cooke

Articoli correlati che possono interessarti

L'hai trovato interessante? Votalo, e dicci come migliorarlo nei commenti
[Voti Totali: 0 Media: 0]

Vuoi fare una domanda? Vuoi dire la tua? Ti serve aiuto o consigli?

Fai la tua domanda sul nostro gruppo FACEBOOK (clicca qui)


Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.