Hepatica

Hepatica
Hepatica

L’Hepatica è un genere di piccole erbacee perenni dai delicati fiori primaverili, originario dell’Europa, di alcune zone dell’Asia e del Nord America orientale.

Il genere conta una decina di specie di piante erbacee, rizomatose, perenni, resistenti, caratterizzate da foglie tribolate. Si tratta di piante a sottobosco, dove formano cuscinetti verde scuro. I fiori, solitamente blu ma anche bianchi o rosa, hanno corolle con un diametro di 2-2,5 centimetri. Per lo più hanno radici fibrose ma la specie Hepatica nobilis, ha un breve e spesso rizoma.

Ci sono specie molto simili tra loro, tantoche i tassonomisti recenti hanno raggruppato la maggior parte nella specie Hepatica nobilis, come sottospecie o come varietà.


Classificazione botanica

Hepatica
Hepatica

Hepatica è un genere di piante che appartiene alla famiglia delle Ranunculaceae.

Principali specie

Sono una decina le specie del genere. La più diffusa è sicuramente l’Hepatica nobilis.

Hepatica nobilis

Hepatica nobilis
Hepatica nobilis

L’Hepatica nobilis è una pianta perenne che annuncia la primavera fiorendo ad inizio marzo, regalando al sottobosco i suoi fiori che formano cespuglietti colorati. E’ diffusa nelle zone fredde e temperato-fredde dell’Europa, Asia e Nordamerica. Cresce in luoghi di semiombra, come boschi e siepi, soprattutto in collina e montagna, da 100 a 2000 metri sul livello del mare.

E’ caratterizzata da foglie verdi lucide, talvolta marmorizzate. I fiori con 6-7 sepali vistosi, sono per lo più blu, ma ci sono cultivar con fiori bianchi e rosa. Si tratta dell’unica specie con qualche pretesa di essere un bulbo perché ha un corto e spesso rizomatoso portainnesto.

La fioritura dell’Hepatica nobilis è abbastanza breve, ma viene comunque impiegata nei giardini per la fioritura precoce.E’ popolarmente conosciuta col nome di anemone epatica, fegatella e erba trinità. Seppur si tratta di un pianta selvatica e spontanea può essere facilmente coltivata.

Arriva a misurare 10 centimetri di altezza. Da questa specie sono state create tutte le specie ibride fiore doppio e di vari colori (bianche, rosse, blu, rosa ecc). Si tratta di piante particolarmente indicate per l’allestimento di giardini rocciosi.

Hepatica acutiloba

Hepatica acutiloba
Hepatica acutiloba-foto di Jay SturnerCC BY 2.0

L’Hepatica acutiloba è originaria del Nord America. Cresce in habitat boschivi nella metà orientale degli Stati Uniti e in Canada fino alla punta settentrionale del Quebec. E’ caratterizzata da foglie con tre lobi distinti con punte accuminate. Somiglia alla speice Hepatica nobilis ma si differenzia proprio per le foglie verdi a punta o leggermente marmorizzate. Il colore dei fiori, che sono rivolti verso l’alto, va dal bianco al blu intenso, con forme intermedie rosa. Apprezza i terreni alcalini. Qualora il terreno non fosse alcalino ma acido, può essere essere aggiunta della calce.

Hepatica transsilvanica

Hepatica transsilvanica
Hepatica transsilvanica


L’Hepatica transsilvanica, a differenza della specie nobilis, può raggiungere un’altezza di 15  e in alcuni casi 20 centimentri. E’ caratterizzata da fiori, di colore malva chiaro, con una corolla che raggiunge anche i 4 centimetri di diametro. Fiorisce come tutte le specie del genere da febbraio ad aprile. La sua distribuzione è più limitata: cresce in piccole colonie in Romania soprattutto nei Carpazi e in Transilvania

Hepatica x media

Si tratta di un incrocio tra Hepatica nobilis e Hepatica transilvanica la cui diffusione in natura è limitata a piccole colonie in Romania.

Hepatica japonica

H. japonica
H. japonica-foto di KENPEI CC BY-SA 3.0

L’Hepatica japonica è una specie giapponese, disponibile in molte tonalità e forme. Generalmente i fiori hanno tra 9 e 12 petali, con colori molto intensi.

Fioritura

Hepatica
Hepatica

I fiori dell’Hepatica sbocciano all’inizio della primavera nel mese di marzo sputando nel terreno freddo e indurito dall’inverno, tra le radici degli alberi nel sottobosco e anche tra le pietre. Annunciano proprio la primavera. La fioritura è brevea, dura appena poco più di una settimana.

Consigli per la coltivazione dell’Hepatica

Le piante di Hepatica possono essere allevate in vaso o in piena terra. Possono decorare le aiuole, riempire gli angoli in ombra dei giardini rocciosi, possono crescere all’ombra delle siepi e nel sottobosco.

Coltivazione in vaso

La pianta può crescere anche in vaso, anche se non si tratta della coltivazione ottimale per l’Hepatica. Per le operazioni di rinvaso, si deve rimuovere la pianta dal vaso piccolo, mettere del terriccio nel nuovo, riempire il vaso fino a 5 centimetri dalla cima e fermarsi intorno alla zolla. E’ importante garantire un buon drenaggio, aggiungendo ghiaia o perlite sul fondo del contenitore.

Coltivazione in piena terra

Hepatica
Hepatica

L’Hepatica va messa a dimora in autunno mantenendo una distanza di impianto di almeno 25-30 centimetri. E’ preferibile optare per un terreno dotato di humus ( 50-70 kg/mq di sostanza organica ben matura ) e provvisto di calcio, con pH 6,5-7,5. Durante la primavera è bene eseguire una concimazione organica di copertura ( 30-40 kg/mq ) oppure concimare con ferlilizzanti granulari nella dose di 20-30 g/mq per favorire lo sviluppo e la fioritura.

In giardino queste piante danno il meglio quando piantate sotto l’ombra dei rami di un rododendro o di un albero deciduo. Si deve scegliere un punto d’ombra in un letto rialzato o un giardino roccioso. Tutte le specie di Hepatica, una volta stabilite, possono essere divise, meglio se in primavera o alla fine di settembre, quando le piante iniziano la dormienza.

Hepatica
Hepatica

Coltivazione in terrazzo

Gli esemplari di Hepatica coltivati in vaso possono decorare terrazzi e balconi. Si deve scegliere una collocazione in ombra o in semiombra.

Temperatura

Tutte le specie del genere hanno una buona resitenza sia alle alte che alle basse temperature.

Luce

L’esposizione ideale per le specie di Hepatica è l’ombra completa o la semiombra. Si deve evitare una collocazione ai raggi diretti del sole che è preferibile raggiungano direttamente la pianta solo nella ore più fresche della giornata.

Terriccio

Hepatica
Hepatica

La pianta va messa a dimora in terriccio fresco, leggero e soffice, che tenda a mantenersi leggermente umido. Il substrato deve ricco di materia organica e sciolto. Si devono evitare i luoghi molto asciutti.

In natura queste piante si sviluppano nei boschi ombreggiati, con terriccio ricco di humus dato dalle foglie in decomposizione. Per migliorare lo sviluppo della pianta e facilitarne la crescita, nella fase di messa a dimora si può aggiungere dello stallatico maturo al terreno di coltivazione.

Annaffiatura

Il terreno deve essere mantenuto sempre leggermente umido, soprattutto durante la stagione più calda dell’anno, evitando che rimanga asciutto per periodi prolungati.

Durante l’inverno, questa pianta si accontenta delle piogge, si deve quindi intervenire solo nel caso di periodi aridi e siccitosi. E’ importante evitare i ristagni idrici che portano al marciume radicale ed alla morte della pianta.

Moltiplicazione

La propagazione dell’Hepatica può essere fatta per semina in primavera oppure per divisione dei cespi in autunno. La semina si esegue in cassetta in luogo riparato. Il terreno deve essere formato da 1/3 di terriccio fertile, 1/3 di foglie mature con l’aggiunta di un po’ di sabbia a grana grossa. Le piantine vanno poi lasciate indisturbate sino alla primavera successiva, quindi vanno invasate singolarmente con lo stesso terriccio e poi messe a dimora l’autunno successivo.

Concimazione

Hepatica
Hepatica

Durante i mesi primaverili è opportuno eseguire una concimazione organica di copertura ( 30-40 kg/mq ). In alternativa si può concimare con ferlilizzanti granulari nella dose di 20-30 g/mq per favorire lo sviluppo e la fioritura. Nella fase della messa a dimora si può favorire lo sviluppo della pianta aggiungendo dello stallatico maturo al terreno di coltivazione.

Potatura

Non si parla di vera e propria potatura, è sufficiente eliminare i fiori appassiti e le foglie danneggiate.

Abbinamenti con altre piante

In giardino questa pianta può crescere ai piedi rododendro o di un albero deciduo

Altri consigli per la cura

E’ bene mantenere il terreno sempre leggermente umido e, nel contempo, evitare la formazione di ristagni idrici.

Parassiti, malattie ed altre avversità

Hepatica
Hepatica

Uno dei nemici principali di questo genere è il marciume radicale provocato dall’inadeguato drenaggio. Anche un’esposizione in pieno sole può provocare una crescita stentata e anche ingiallire le foglie. Rispettare le esigenze colturali dellae pianta, e questo vale sempre per tutte le piante, rappresenta il presupposto fondamentale per una crescita ed uno sviluppo ottimale.

Curiosità

L’Hepatica è impollinata dagli insetti, mentre le formiche provvedono alla dispersione dei semi. Nella leggenda greca era dedicata a Giove, questa pianta simboleggiava il fuoco e l’amore.

Il termine Hepatica è una chiaro riferimento al fegato, questo a fronte della forma trilobata e del colore violaceo della pagina infiore delle foglie.
Dalla forma delle foglie deriva il soprannome di ‘erba trinità’, dal latino-medioevale herba trìnitas: nelle chiese medioevali europee le foglie venivano per l’appunto raffigurate, negli affreschi e nelle sculture, per simboleggiare la Santissima Trinità.

Tossicità  e/o uso erboristico

Hepatica
Hepatica

La pianta è tossica per la presenza di sostanze che si perdono con l’essiccazione. Deve essere dunque utilizzata esclusivamente disseccata, soprattutto le foglie, che si usano per preparare un diuretico, che può anche essere applicato per favorire la cicatrizzazione delle ferite. Attualmente, in omeopatia, viene usata la tintura di foglie fresche contro tracheiti e bronchiti.

Tra le proprietà di questa pianta ci sono il suo potere disintossicante per il fegato: assumendo questa erba nelle giuste dosi depura il fegato ad un lavaggio da tutte le tossine che si sedimentano e che ne compromettono la funzione e la capacità di lavorare a pieno regime.

L’Hepatica vanta anche importanti proprietà diuretiche, emollienti ed astringenti e porta vantaggi anche all’apparato circolatorio.


Attenzione: Le applicazioni farmaceutiche sono indicate a solo scopo informativo. Devono essere consigliate e prescritte dal medico.”

Linguaggio dei fiori

Nel linguaggio dei fiori e delle piante, questa perenne simboleggia la fiducia, ma vale la pena anche riportare il significato che attribuiva la leggenda greca, secondo la quale, questa pianta simboleggiava il fuoco e l’amore.

Bibliografia

Per chi volesse cimentarsi nella lettura su questa pianta ecco alcune interessanti letture

Conoscere e coltivare le hepatica di Michael Dale Myers e Iacopo Lazzareschi Cervelli

Dove comprare l’Hepatica

su Ebay trovi molte proposte

Articoli correlati che possono interessarti

L'hai trovato interessante? Votalo, e dicci come migliorarlo nei commenti
[Voti Totali: 6 Media: 4.3]

Vuoi fare una domanda? Vuoi dire la tua? Ti serve aiuto o consigli?

Fai la tua domanda sul nostro gruppo FACEBOOK (clicca qui)


Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.