Escolzia

Escolzia
Escolzia

L’ Escolzia è una pianta perenne, anche se ci sono specie annuali, che appartiene alla famiglia delle Papaveraceae  originaria del Nord America e del Messico occidentale.

Si tratta di una pianticella piuttosto esile ma cespitosa e ben ramificata con fusticini per lo più prostrati e ascendenti. E’ caratterizzata da radici a fittone e foglie basali raccolte in una rosetta, produce foglie laggiadre, profondamente frasta-incise e di colore verde glauco. I fiori, che somigliano a quelli del Papavero, crescono all’estremità del fusto, da soli o in cime con molti fiori. Sono bisessuali e presentano due sepali fusi in una struttura a coppa, che cadono all’apertura del fiore, quattro petali e tanti stami. Il colore dei petali va dal giallo all’arancio, in alcuni casi con una macchia arancio alla base. Il frutto è una capsula allungata deiscente che contiene al suo interno numerosissimi semi minuscoli e neri. I fiori si chiudono al tramonto e nelle giornate nuvolose.

Nonostante sia una pianta perenne, nelle zone a clima mite, conviene rinnovare la coltura annualmente visto che è una pianta di rapida crescita e di facile coltivazione.


Classificazione botanica

Escolzia
Escolzia

L’ Escolzia, nome scientifico Eschscholzia, è un genere appartenenente alla famiglia delle Papaveraceae. Il genere prende il nome dal botanico Johann Friedrich von Eschscholtz (1793-1831).

Principali specie

Il genere contiene circa 10 specie, molte affini tra loro e difficili da distinguere. Ci sono specie che sono inoltre molto variabili tanto che in passato ne sono state distinte oltre 100, oggi per lo più comprese nell’ a Eschscholzia californica. 

Eschscholzia californica

Escolzia
Eschscholzia californica – foto di docentjoyceCC BY 2.0

E’ nota anche come papavero della California, si tratta di una pianta originaria delle regioni orientali degli Stati Uniti. Arriva a misurare 30-40 cm di altezza, è caratterizzata da foglie verde-azzurre, profondamente divise.

Produce fiori, giallo-arancio vivo, a forma di coppa, larghi 6-8 cm, che sbocciano nel periodo che va da giugno a ottobre. Alla fioritura segue la produzione di capsule verde-azzurre, cilindriche, lunghe 8-10 cm. E’ una pianta perenne, ma viene generalmente coltivata come annuale.

L’ Eschscholzia californica è piuttosto rustica.

Tra le varietà ci sono la  Monarch Art Shades, che misura 30 cm di altezza e dai fiori semidoppi e Mission Bells, che è alta 20-25 cm. Si tratta di varietà disponibili in una vasta varietà di colori come bianco, giallo, arancio, scarlatto, cremisi, rosa e carminio.

Eschscholzia caespitosa

Eschscholzia caespitosa
Eschscholzia caespitosa – foto di Curtis ClarkCC BY-SA 2.5

E’ una specie originaria della California. Arriva a misurare 10-15 cm di altezza. Si tratta di una pianta annuale, rustica, nana, caratterizzata da foglie verde-azzurre profondamente divise a segmenti lineari. Produce fiori, gialli, che misurano 2,5 cm di larghezza e che sbocciano numerosissimi nel periodo che va da giugno a settembre.

Si tratta di una pianta particolarmente adatta per bordure e i giardini rocciosi.

Tra le varietà si ricorda la  Sundew dai fiori giallo-limone.

Eschscholzia androuxii

Eschscholzia androuxii
Eschscholzia androuxii

Si tratta di un endemismo del Joshua Tree National Park in California; è simile a Eschscholzia minutiflora  subsp. twisselmannii , ma è caratterizzata da fiori di dimensioni maggiori e foglie più numerose e più strette. Il nome specifico è una crasi dei cognomi di James André e Tasha La Doux.

Fioritura

Eschscholzia californica
Eschscholzia californica


L’ Escolzia fiorisce in primavera o in estate, in base al clima ed in funzione del periodo della semina. Generalmente va da giugno ad ottobre, asportando le capsule sfiorite, si favorisce la produzioni di altri boccioli. Per poter godere di una fioritura continua, è preferibile effettuare semine ripetute. I fiori da taglio si raccolgono quando sono ancora in boccio.

Consigli per la coltivazione dell’Escolzia

L’Escolzia è una pianta che ben si presta per essere coltivata nelle aiuole, nelle bordure, nei giardini rocciosi e nelle scarpate soleggiate. E’ facile da coltivare e non richiede particolari cure.

Alcune specie sono annuali, come Escolzia caespitosa, altre sono perennii come l’ Escolzia californica, o papavero di California, coltivata tuttavia come annuale.

Cresce bene nei terreni poveri e sabbiosi con un buon drenaggio, in posizioni soleggiate.
Prospera in climi caldi e secchi, ma sopporta un po’ di gelo.

Coltivazione in vaso

L’Eschscholzia può essere coltivata anche in vaso, in tal caso è necessario garantire un perfetto drenaggio del terreno e assicurare un’esposizione adeguata. Le piante in vaso in casa vanno seminate 2-3 settimane prima dell’ultima data di gelo primaverile.

Coltivazione in piena terra

Escolzia
Escolzia

Perfetta nelle aiuole, nei giardini rocciosi, lungo sentieri o passerelle è una pianta indicata per le parti più difficili del giardino. Si semina direttamente a dimora in marzo-aprile (o a settembre, se il terreno è leggero), coprendo appena i semi. Non si deve concimare. Asportando le capsule, si favorisce lo sviluppo di altri boccioli.

Nelle zone fredde, con terreni umidi, durante l’ inverno è opportuno proteggere le piante seminate in settembre (che fioriranno a maggio). Nelle zone a clima mite si può seminare anche in autunno così da ottenere un’abbondante fioritura già all’inizio della primavera.

Coltivazione in terrazzo

Gli esemplari allevati in vaso possono abbellire i terrazzi. Si deve scegliere un’esposizione adeguatamente soleggiata.

Temperatura

Escolzia
Escolzia

L’ Escolzia è una pianta rustica che resiste bene sia alle alte che alle basse temperature, è comunque consigliabile non scendere al di sotto dei 0 gradi, in tal questo caso le piante andrebbero riparate per scongiurare il rischio che presentino segni di sofferenza.

Luce

Questa pianta ha bisogno di sole, deve ricevere molte ore di sole diretto al giorno e possono sopportare il freddo, purchè non sia intenso e non si presenti con temperature inferiori allo zero.

Terriccio

L’Escolzia si sviluppa senza problemi in qualsiasi terreno, purché sia molto ben drenato ma preferisce prediligono i terreni sciolti e sabbiosi .

Annaffiatura

Escolzia
Escolzia

Pur non necessitando di grandi quantità d’acqua e pur sopportando brevi periodi di siccità, questa pianta va annaffita con regolarità durante il periodo di fioritura, mantenendo il terreno sempre leggermente umido senza eccessi e ristagni d’acqua.

Nei periodi particolarmente caldi va annaffiata in maniera più abbondante.

Si può aggiungere del concime per piante da fiore all’acqua delle annaffiature ogni 10-15 giorni

Moltiplicazione

L’ Escolzia si moltiplica d per seme, impiegando, a fine inverno o all’inizio della primavera, i semi dell’anno precedente, che la pianta produce in grande quantità. E’ preferibile optare per la semina primaverile, direttamente a dimora, per scongiurare il rischio che il trapianto rovini le piantine. Prima di seminare si deve lavorare bene il terreno aggiungendo del concime organico. Spesso le escolzie si autoseminanosemina direttamente a dimora, coprendo appena i semi, nei mesi di settembre o in marzo. Vanno poi diradate le giovani piantine fino alla distanza desiderata.


Concimazione

Escolzia
Escolzia

Per le piante coltivate in vaso occorre intervenire durante il periodo vegetativo aggiungendo all’acqua di annaffiatura un fertilizzante liquido.

Potatura

L’Escolzia non va potata, è sufficiente eliminare le parti che via via diseccano.

Altri consigli per la cura

I fiori da taglio si raccolgono quando sono ancora in boccio. Per ottenere una fioritura continua, è preferibile procedere a semine ripetute. Si deve però ricordare che l’escolzia tende ad autodisseminarsi e quindi a spuntare di nuovo negli anni successivi, può essere opportuno diradare le piantine.

Parassiti, malattie ed altre avversità

Escolzia
Escolzia

Le foglie di Escolzia sono appettibili per le lumache. Nemici di questa pianta sono anche gli afidi ed i ragnetti rossi che rovinano sia le foglie che i fiori. Per contrastare con efficacia la possibile insorgenza di questi parassiti occorre intervenire nel periodo invernale, prima della fioritura, impiegando specifici prodotti insetticidi disponibili in commercio, che proteggono al meglio le piante. Se sono già presenti i fiori e si notala presenza di parassiti si possono tentare rimedi naturali come un composto di acqua in cui sia stata fatta macerare una testa d’aglio da vaporizzare sulla pianta.

L’eccesso di umidità può fare insorgere malattie fungine e marciumi radicali molto pericolosi per lo sviluppo dell’ Escolzia. Occorre quindi controllare con attenzione le condizioni climatiche e che il terreno sia adeguatamente drenato.

Curiosità

L’ Escolzia è originaria delle regioni occidentali degli Stati Uniti. E’ nota anche come “papavero della California”. Sono note diverse varietà che si differenziano per taglia delle piante, la grandezza e la forma dei fiori che possono risultare semplici, semidoppi, a petali lisci o ondulati. In medicina l’ Escolzia vanta diverse proprietà terapeutiche: è sedativa e analgesica, ed è utilizzata in terapie per combattere l’insonnia, il nervosismo e stati d’ansia. In passato gli indiani d’america la impiegavano per curare  coliche intestinali e altri malesseri.

L’ Escolzia è stata raccolta per la prima volta vicino a San Francisco da Adelbert von Chamisso, che volle dedicare questa scoperta al compagno di viaggio e capo della spedizione scientifica, J.F. Eschscholtz, botanico ed entomologo russo la introdusse che per primo in Europa all’inizio del 1800, come specie botanica ornamentale, proprio per la bellezza dei suoi variopinti fiori.

Gli indiani d’America e i primi coloni del Nord America usavano le foglie di Escolzia come legume, bollite oppure cotte su pietre calde. Come medicamento era usata per trattare le coliche intestinali, biliari, nel mal di denti e anche per ridurre la lattazione; esternamente, in cataplasmi, nelle ulcerazioni.

La pianta oggi è chiamata anche “Papavero della California”, proprio per l’appartenenza alla stessa famiglia del papavero e per la sua grande diffusione nello stato californiano. E’ addirittura fiore ufficiale della Califronai e viene festeggiato il 6 Aprile di ogni anno: il “Californian Poppy Day”.

E’ frequentemente coltivata nei giardini e a volte sfugge alla coltivazione apparendo allo stato subspontaneo, come nella città di Udine, in cui la specie Eschscholzia californica è nota per una singola stazione nell’estrema peeriferia orientale.

Tossicità  e/o uso erboristico

Escolzia
Escolzia – foto di Evelyn SimakCC BY-SA 2.0

Come molte Papaveraceae, anche l’Eschscholzia è tossica per la presenza di alcaloidi con proprietà antidolorifiche, sonnifere, emetiche contenute nelle parti aeree (stelo, il fiore). Gli alcaloidi agiscono da un lato sull’attività cardiaca, abbassandone la pressione; dall’altro sul sistema nervoso centrale, riducendo l’attività delle cellule della corteccia cerebrale, inducendo il rilassamento muscolare e stimolando il sonno. L’azione della pianta diminuisce il periodo dell’addormentamento e produce il mantenimento di una buona qualità del sonno, durante tutta la notte evitando risvegli improvvisi.

L’uso dell’Escolzia è pertando indicato in caso ansia, stress, disturbi del sonno (insonnia, risvegli notturni), disturbi psicosomatici, irritabilità, flessione dell’umore, dolori di natura psichica, nervosismo.

La pianta vanta anche un’azione antispasmodica e analgesica, dovuta alla presenza della chelidonia, che agisce come spasmolitico soprattutto al livello del sistema gastroenterico. Si rivela quindi utile nei crampi notturni (i flavonoidi migliorano anche la circolazione del microcircolo), nelle sindromi dolorose, per trattare i mal di testa, per gli spasmi colici e biliari, com calmante della tosse e per la distonia neurovegetativa. 


Attenzione: Le applicazioni farmaceutiche sono indicate a solo scopo informativo. Devono essere consigliate e prescritte dal medico.

Linguaggio dei fiori

Nel linguaggio dei fiori l’Escolzia simboleggia la ricchezza ed il successo.

L'hai trovato interessante? Votalo, e dicci come migliorarlo nei commenti
[Voti Totali: 4 Media: 4.5]

Se vuoi fare una domanda, falla pure sul gruppo FACEBOOK (clicca qui) Un pensiero su “Escolzia

Vuoi fare una domanda? Vuoi dire la tua? Ti serve aiuto o consigli?

Fai la tua domanda sul nostro gruppo FACEBOOK (clicca qui)


Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.