Crocosmia

Crocosmia
Crocosmia

Sembrano dei gladioli in miniatura ma in realtà sono i fiori della Crocosmia una bulbosa che vanta il titolo di “Bulbo estivo dell’anno 2019” dell’ organizzazione olandese iBulb, impegnata a promuovere il settore dei bulbi da fiore. Andiamo a conoscere questa Miss.

Le Crocosmie sono originarie del Sudafrica e sono arrivate in Europa ad inizio Novecento.

È una perenne molto apprezzata per le sue innumerevoli qualità: adora il sole, è la pianta perfetta per le bordure colorate, può essere usata come fiore reciso, può essere a fiore grande e piccolo, in tinta unita o bicolori e con altezze diverse in base alle varietà, è facile da coltivare.

I suoi piccoli fiori a forma di campanula con colori vivaci, dal giallo all’arancio, al rosso, a seconda della specie, si schiudono sugli steli leggeri e ramificati, eretti in mezzo a un ciuffo di fogliame fine. I suoi rami possono arrivare a misurar e anche un metro in altezza.

Il bulbo misura circa 7-8 centimetri, in base alla specie di appartenenza.

La specie più robusta è la Crocosmia x crocosmiflora, nelle regioni con inverni freddi e umidi è la sola specie in grado di resistere in piena terra senza alcuna protezione.

Una volta messa a dimora può restare in piena terra e prosperare come tutte le perenni rustiche colonizzando i terreni freschi, preferibilmente leggeri, grazie ai suoi polloni e alla disseminazione spontanea.

Classificazione Botanica

Crocosmia
Crocosmia

Il genere Crocosmia appartiene alla famiglia delle Iridaceae come gli Iris, il Gladiolo, la Fresia, i Crochi.

Principali Specie

Sono tante e diverse le specie e le varietà di Crocosmia che si differenziano per colore e forma dei fiori. Vediamone alcune.

In primis è bene evidenziare a cosa ci si riferisce quando si parla della Crocosmia chiamandola Mombrezia.
La Mombrezia è la Crocosmia x crocosmiiflora: si tratta dunque di una crocosmia, ma ibrida (mombrezia è il nome comune sempre meno utilizzato).

Crocosmia aurea

Crocosmia aurea
Crocosmia aurea

Si tratta di una varietà perenne caratterizzata da foglie lineari a interi margini alte 70-80 cm disposte a ventaglio. Durante il periodo della fioritura, che va da giugno ad agosto, produce delle infiorescenze ramificate con fiori lunghi 3-5 cm arancio brillante e rossi.

Crocosmia masoniorum

Crocosmia masonorum
Crocosmia masonorum – Foto di peganum from Small Dole, England (CC BY-SA 2.0)

Originaria dell’Eastern Cape del Sud Africa, presenta fusti sotterranei lungo i quali si formano numerosi nuovi bulbo-tuberi.

I fiori lunghi 2-3 cm, sono espansi, di color arancio o rosso brillante e sbocciano da giugno a settembre. La pianta è alta 70-80 cm.

Ha bisogno di annaffiature regolari quando è in crescita dalla primavera sino alla fioritura estiva.

Crocosmia mathewsiana

Crocosmia mathewsiana– Foto di Troos van der Merwe, (CC-BY-NC)

Endemica della provincia di Mpumalanga, in Sud Africa, cresce in ombra leggera lungo i margini della foresta o talvolta nella foresta in un terreno sabbioso ben drenato tra i massi. Le piante arrivano ad una altezza di 1,5/2,5 m e sono ramificate. I fiori sono zigomorfi e di un arancione brillante. La fioritura avviene dall’estate all’inizio dell’autunno.

Crocosmia paniculata

Crocosmia paniculata – foto di Matt Prinsloo, (CC-BY-NC)

Arriva fino a 1,2-1,5 m ed è originaria dell’Africa meridionale orientale dove cresce lungo i corsi d’acqua, le linee di drenaggio e nelle paludi. I fiori sono zigomorfi, da arancione intenso a marrone-arancio, a volte sfumati di marrone rossastro all’esterno. I tre tepali inferiori sono contrassegnati nel terzo inferiore con striature mediane rosso scuro. Le foglie sono lanceolate e pieghettate e raggiungono la base delle spighe. La fioritura avviene in estate.

Crocosmia pottsii

Crocosmia pottsii
Crocosmia pottsii peganum from Small Dole, England CC BY-SA 2.0

Specie selvatica originaria del Sudafrica che in pieno sviluppo vegetativo forma folti e vigorosi cespugli composti da foglie lineari di colore verde brillante.

È alta 1-2 metri, ha fusti sotterranei lungo i quali si formano numerosi nuovi bulbo-tuberi.

I fiori sono lunghi 3-4 cm, sbocciano in agosto e sono arancioni o gialli disposti in due file su steli verticali. Preferisce il terreno umido, il pieno sole o l’ombra parziale.

Crocosmia x crocosmiflora

Montbretia
Montbretia

Ibrido (Crocosmia aurea x Crocosmia pottsii) conosciuto anche come Montbretia crocosmiiflora. Si tratta di una perenne alta mediamente 60 cm con foglie nastriformi di colore verde. Molto resistente, e molto diffusa, si propaga facilmente.

I fiori sono lunghi 5-6 cm, di colore che varia dal giallo al rosso carico, e sbocciano da luglio a settembre. Fra le tantissime varietà disponibili in commercio citiamo:

  • Babilonia‘ − con fiori rosso-arancio e gola gialla
  • Earlham Hybrids‘ con fiori grandi rosso e arancio;
  • Emily McKenzie‘ con fiori arancio e striature marroni;
  • George Davidson‘ – di colore giallo
  • His Majesty‘ − dai fiori grandi di colore arancione
  • Jackanapes‘ – fiori rosso-arancio, lobi interni giallo oro
  • Meteor‘ – giallo arancio
  • Solfatare‘ − a fiori gialli con fogliame bronzeo
  • Star of the East‘ − arancio chiaro con il centro più chiaro

Si coltiva nel comune terreno da giardino in pieno sole.

Crocosmia “Lucifer”

Crocosmia Lucifer
Crocosmia Lucifer

Si tratta di un ibrido (Crocosmia masoniorum × Crocosmia paniculata) molto resistente e molto comune in commercio, alta circa un metro e perfetta per la realizzazione di aiuole dal design raffinato.

Durante l’estate, tra luglio-agosto, produce fiori di un bel colore rosso fuoco.

Fiorisce ininterrottamente da luglio a settembre. Va piantata in terra comune, permeabile o leggera e ricca e in pieno sole.

Nelle zone a clima freddo si deve proteggere il ciuffo dopo averlo cimato oppure si devono mettere i bulbi al riparo.

Fioritura

Crocosmia
Crocosmia


La Crocosmia regala fioriture spettacolari che durano per tutta l’estate, fino a metà autunno nelle zone a clima mite. I fiori sono riuniti in infiorescenze le cui tonalità variano a seconda della specie. Si tratta comunque sempre di colori, caldi, vivi ed accesi che spaziano dai toni del giallo intenso al rosso scuro creando un bel contrasto cromatico con il fogliame.

Il fiore reciso continua a vivere a lungo se adeguatamente innaffiato, lasciando inalterati i colori più caratteristici della specie che si desidera coltivare.

Consigli per la coltivazione della Crocosmia

Crocosmia
Crocosmia

La Crocosmia è una bulbosa di grande impatto ed è facile da coltivare, le sue fioriture spettacolari possono impreziosire il nostro giardino.

Cresce bene in ambienti caldi e soleggiati, teme il vento, quando la pianta è sfiorita, i fusti possono resistere bene anche al freddo dell’inverno. Ci sono specie più abituate a crescere in zone calde ma semi ombreggiate, rispetto ad altre.

Coltivazione in Vaso

Crocosmia
Crocosmia

La Crocosmia può essere coltivata in vaso. In tal caso occorre scegliere con cura il vaso che dev’essere capiente e profondo a sufficienza per contenere i cormi.

I cormi hanno uno sviluppo particolare: in condizioni di freddo e siccità si sviluppano in linea retta, in verticale, con i cormi più vecchi che si trovano nella parte bassa della linea di sviluppo, e quelli giovani che si trovano in alto. È quindi importante consentire alle radici di svilupparsi anche in profondità, in tal modo il vaso si riempirà in toto di foglie e fiori nel corso degli anni.

Si riempie il vaso con un terreno ricco e permeabile, arricchito con poco stallatico ed alleggerito con sabbia.

Meglio aggiungere del concime granulare a lenta cessione per evitare qualsiasi tipo di successiva concimazione.

La Crocosmia in vaso ha bisogno di annaffiature più frequenti rispetto alla Crocosmia allevata in piena terra.

In autunno si possono dissotterrare i cormi, e dividere quelli vecchi dai più giovani, che andranno spostati in un altro vaso, o in piena terra.

Queste piante geofite tendono costantemente, di anno in anno, a produrre ulteriori organi sotterranei, che possono originare nuove piante, se vogliamo propagare la Crocosmia, si possono semplicemente prelevare i nuovi cormi.

L’intervento di dissotterramento dei cormi, che andrebbe fatto ogni 2-3 anni è fondamentale in vaso, che altrimenti tenderà diverrà troppo affollato, impedendo alle piante il corretto sviluppo.

Coltivazione in Piena Terra

Crocosmia
Crocosmia

Quando possibile, la piena terra, è la collocazione migliore.

Il momento migliore per piantare la Crocosmia in giardino è la fine dell’inverno, quando sta per arrivare la primavera.
Si deve tenere conto di un’esposizione in una posizione soleggiata e riparata.

I bulbi devono essere sani e asciutti e non presentare muffe o ammaccature.
Si procede scavando una buca di circa 15 cm e distanziando i bulbi tra loro circa 20 cm. Si deve annaffiare con regolarità senza far marcire il terreno.

In primavera si vedranno sbucare le prime foglie poi a seguire, ma non prima di giugno, arriverà la fioritura.

Temperatura

La Crocosmia cresce bene e fiorisce abbondantemente soprattutto nelle regioni a clima invernale non troppo rigido. Si possono lasciare i tuberi indisturbati nel terreno per anni nelle zone dove la temperatura invernale non scende troppo sotto lo zero.

Ma anche nelle zone con climi più rigidi è possibile lasciare i bulbi nel terreno se sono piantati ad una profondità maggiore e se sono ricoperti da una pacciamatura di foglie secche o paglia, è comunque preferibile levarli dal terreno e conservarli in ambiente asciutto e fresco. Questo perché, pur resistendo alle basse temperature, il gelo e il freddo diretto a contatto con i bulbi possono ledere l’integrità della pianta.

Luce

Crocosmia
Crocosmia

La Crocosmia ama il sole, pertanto sceglietele un’esposizione che le garantisca di ricevere continuamente i raggi del sole. Tuttavia i fiori crescano anche in posizioni leggermente ombreggiate.

Si deve fare attenzione al vento che rappresenta il vero nemico di tutte le pianti appartenenti alla famiglia delle Iridaceae.

Terriccio

La Crocosmia preferisce un terreno soffice, ben drenato e ricco di sostanze organiche. Nel momento del trapianto è possibile arricchire il terreno con un fertilizzante a lenta cessione per piante da fiore.

Meglio orientarsi per un terreno ricco di sostanze organiche che rendono la densità della terra soffice e drenante.

Annaffiatura

Nella coltivazione delle piante occorre sempre considerare il clima del luogo di origine, che, in questo caso, è il clima secco africano. La Crocosmia può pertanto sopportare lunghi periodi di siccità ma ha comunque bisogno di annaffiature regolari, intervenendo solo quando il terriccio è ben asciutto. E’ bene accertarsi del corretto drenaggio del terreno.

A fine fioritura, quando le foglie cominciano a ingiallire si possono interrompere le innaffiature per procedere al taglio della parte fuori terra. Per la coltivazione in giardino, si deve innaffiare in maniera costante durante i periodi della fioritura e durante i periodi più aridi. Con l’avvicinarsi dei mesi freddi è sufficiente l’acqua piovana. Un eccesso di irrigazione, porta ai pericolosi ristagni idrici fonte di marciumi radicali.

Moltiplicazione

Crocosmia
Crocosmia

La Crocosmia si moltiplica per divisione dei bulbi. Si tratta di un’operazione che generalmente si esegue ad anni alterni o meglio ogni 3-4 anni.

I bulbi vanno disotterrati e divisi subito dopo la fioritura o all’inizio della primavera.

La pianta si può riprodurre anche per seme, in tal caso i semi vanno raccolti in autunno e messi in terrine in serra fredda o cassone. Ci vorranno circa 2 anni per vedere i fiori dalle piante così ottenute.

Concimazione

Nel momento dell’impianto dei bulbi è opportuno eseguire una concimazione con concime organico, e poi proseguire dopo che spuntano le prime foglie, con cadenza settimanale somministrando fertilizzante a base di concime minerale solubile da sciogliere nell’acqua delle annaffiature.

Potatura

Nei mesi autunnali è possibile tagliare la pianta a livello del suolo, lasciando solo i cormi, che vanno messi a dimora, come si fa normalmente per i bulbi più comuni. In ogni caso, in primavera i nuovi getti iniziano di nuovo a crescere dal bulbo.

Abbinamenti con altre piante

La Crocosmia tende ad essere invadente nelle regioni a clima mite, per tenerla sotto controllo può essere consociata con ortensie, fuchsie rustiche, rose o ibischi.

Si abbina benissimo ad altri bulbi a fioritura estiva, come il giglio (Lilium), la dalia e la canna.

Sono molto scenografici gli abbinamenti della crocosmia con una graminacea come la Stipa o il Miscanthus.

Si combina ottimamente con le piante perenni, quali Helenium, Verbena e Kniphofia.

Altri Consigli per la cura

Il potere decorativo della Crocosmia non si esaurisce al termine della fioritura perchè al posto dei fiori crescono delle bacche.

Per mantenere la pianta in salute anche con le gelate invernali si può proteggere la piante di crocosmia con della paglia fino all’arrivo della stagione più mite.

Le varietà basse che crescono in modo compatto sono perfette per essere coltivate in vasi e fioriere.

Parassiti, malattie ed altre avversità

I fiori di Crocosmia soffrono il freddo, per evitare che la pianta possa riportare danni a causa del gelo invernale occorre proteggerla ricoprendola con 15 cm di paglia o foglie secche, evitando materiali che trattengono l’umidità.

Come tutte le piante che nascono da bulbi, rizomi o tuberi, soffre molto il ristagno idrico, pertanto occorre garantire sempre un buon drenaggio.

Per debellare l’attacco degli acari si deve intervenire con un insetticida naturale contro i ragnetti rossi e si devono diminuire le innaffiature.

Curiosità

La Crocosmia è nota anche come pianta del falso zafferano per il suo profumo che somiglia appunto a quello dello Zafferano.

Produce fiori di altissimo pregio quindi è particolarmente apprezzata per creare angoli scenografici in casa ed in giardino.

Fra le varietà più apprezzate dagli appassionati si sono la Crocosmia Lucifer, la Crocosmia Aurea e la Crocosmia Pottsii.

Libri Crocosmia

Ecco qualche suggerimento per chi volesse cimentarsi nella lettura della Crocosmia

Crocosmia and Chasmanthe (in inglese) di Peter Goldblatt (Autore), John Manning (Autore), Gary Dunlop (Autore)

Iscriviti alla newsletter

Compila il form per ricevere periodicamente novità dal nostro sito.

* Ho letto l’informativa completa ed accetto di ricevere la newsletter di Edendeifiori.it (Obbligatorio)
Voglio essere aggiornato su offerte speciali ed occasioni. (Facoltativo)
Leggi Informativa Completa Privacy
L'hai trovato interessante? Votalo, e dicci come migliorarlo nei commenti
[Voti Totali: 15 Media: 4.7]

Articoli correlati che possono interessarti


Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.