Camellia (Camelia)

camelia

camelia

La Camelia è  una pianta di grande bellezza, amante del freddo e degli ambienti ben ventilati. Da coltivare preferenzialmente all’ aperto, ma può essere usata anche come pianta d’ appartamento, in particolare nelle zone dove il clima è più rigido.

Classificazione botanica

La Camelia fa parte della famiglia delle Theaceae , genere Camellia

Caratteristiche generali

La camelia è originaria da Cina e Giappone, qui, diversamente da come accade altrove, è un meraviglioso arbusto legnoso molto ramificato di un’ altezza che può superare i dieci metri con la  la corteccia liscia. E’ caratterizzata da  foglie sono cuoiose, lucide, con picciolo corto verde intenso, glabre, alterne ed appuntite. Il fiore della Camelia è solitario, ascellare e si forma sui rami di un anno ed è di forma e colore tra i più vari in considerazione della grande selezione genetica che nel secolo scorso è stata fatta su queste piante.

camelia

camelia

Principali specie

Esistono diverse specie appartenenti a questo genere, ma le più note sono:

CAMELLIA JAPONICA

La Camellia japonica proviene dall’Asia, dal Giappone e dalla Corea. E’ una pianta portamento arbustivo la cui altezza arriva fino a sei metri. Presenta  foglie cuoiose, ovali o ellittiche con i margini seghettati, lucide e persistenti.

Da febbraio a maggio produce fiori bianchi, rosa, rossi, porpora, la cui larghezza varia da 7 a 14 cm. I fiori sono semplici, doppi, semidoppi, ad anemone, a begonia. Si tratta di una specie che vanta tantissime varietà e che è molto coltivata.

CAMELLIA SASANQUA

La Camellia sasanqua trova le sue origini  in Cina, si tratta di una specie piuttosto rustica la cui fioritura va da novembre a marzo, con produzione di  fiori semplici di colore che variano dal bianco al rosa al rosso.

CAMELLIA RETICULATA

La Camellia reticulata ha origini cinesi, si tratt di una pianta semirustica caratterizzata da fiori rosa molto grandi (15 cm) e vistosi.

camelia

camelia

Consigli per la coltivazione della Camelia

Le camelie hanno una facile coltivazione, l’importante è non sottovalutare le loro esigenze. Sono amanti dell’aria aperta e possono stare al chiuso solo per periodi brevi (quando ci sono temperature esterne inferiori ai 5 gradi).

La Camelia non va posizionata al sole diretto ma alla mezz’ombra in quanto ha  bisogno di luce in abbondanza ma non sopporta il sole diretto. L’ideale è collocarla in un luogo ventilato, fresco e luminoso.

Preferisce gli ambienti freschi. In inverno, la temperatura ideale si aggira intorno agli 8 °C, senza superare i 12°C.

TIPO DI TERRENO – RINVASO

Il terreno adatto per la coltivazione della camelia è acido, drenato e ricco di sostanza organica. Il rinvaso va fatto nei mesi di settembre ottobre.

ANNAFFIATURA

La camelia durante la bella stagione  va annaffiata costantemente così da mantenere il terreno umido. Anche le sue foglie vanno innaffiate due volte la settimana. Durante l’inverno il terreno va lasciato asciugare tra un’annaffiatura  e l’altra. Per le annaffiatura  è bene non utilizzare mai acqua calcarea. Mantenere la zolla uniformemente umida quando la pianta è senza fiori e non appena si stiano formando i boccioli.

L’ambiente attorno alla pianta deve essere mantenuto piuttosto umido .

CONCIMAZIONE

La concimazione della Camelia va fatta da marzo a settembre con un  concime composto da  2 parti di azoto (N), 0,8 parti di fosforo (P2O5) e 1,5 parti di potassio (K2O).

camelia

camelia

Fioritura

E’ una delle poche varietà che fiorisce in inverno, da ottobre a marzo.La pianta di camelia è piuttosto generosa nelle sue fioriture, se riteniamo lo sia decisamente troppo è  opportuno diradare i fiori così da averne meno ma più grandi.

Potatura

La camelia tende  a crescere in maniera disordinata compromettendo la corretta circolazione di  luce e aria. Dopo la fioritura si tagliano i rami secchi o storti o poco sviluppati e si procede con  una cimatura degli apici vegetativi per favorire l’accestimento della pianta.

 Moltiplicazione

La Camelia può essere moltiplicata per talea, per seme, per propaggine o per margotta.

 

MOLTIPLICAZIONE PER TALEA

Per questo tipo di moltiplicazione si esclude la Camellia reticulata che presenta difficoltà di radicazione.

Durante il periodo estivo si prelevano le talee lunghe 8-15 cm, lasciando solo  2-3 foglie apicali.La talea va sistemata in un vaso contenente torba e sabbia in parti uguali, va mantenuto  il terriccio costantemente umido il vaso va collocato  in un ambiente dove la temperatura sia costante intorno ai 25-30°C.

Nel giro di 3-4 mesi la talea radicherà.

MOLTIPLICAZIONE PER SEME

 Con la  moltiplicazione per seme non si ha la certezza di  ottenere delle piante uguali alla pianta madre.

Il seme va raccolto  in autunno e la semina si fa  in un substrato acido e a temperatura di circa 20°C. Dopo quattro anni la pianta inizierà a fiorire.

MOLTIPLICAZIONE PER MARGOTTA

Si scelgono rami  di due anni con  diametro massimo di  1 cm ed una lunghezza compresa tra i 30-40 cm

Attorno  al ramo si applica un involucro di plastica con  terriccio o altro materiale opportunamente inumidito che provochi l’emissione delle radici. Quando avviene l’emissione delle radici si deve tagliare  la barbatella al di sotto delle radici e si rinvasa in un terreno compostp da torba e sabbia in parti uguali .

MOLTIPLICAZIONE PER PROPAGGINE

La moltiplicazione per propaggine prevede l’interramento di  una parte di un ramo facendo  fuoriuscire una parte verso l’alto. La parte ripiegata va interrata, dopo due anni si formano le radici e avviene il  distacco dalla pianta madre.

Parassiti e malattie

Molte patologie della camelia possono derivare da sproporzioni nutrizionali.

Se le  foglie sono fragili e hanno un colore  molto pallido significa che la pianta ha carenza di  i Azoto;

Se lo sviluppo dei fiori è lento allora siamo di fronte a troppe concimazioni azotate;

La carenza di fosforo si manifesta con la presenza di foglie piccole che si distaccano facilmente.

Se i fiori hanno poca colorazione sono indice di una carenza di Potassio.

Se la pianta ha un ingiallimento diffuso può essere non adatto il terreno

Anche l’eccesso di umidità, la poca luce, la temperatura troppo alta o troppo bassa possono provocare  la caduta delle gemme e l’ imbrunimento dei petali

Tra le infezioni fungine troviamo alla Pestalozzia guepini, un fungo molto dannoso  che si manifesta con maculature fogliari rotondeggianti irregolari.

La cocciniglia bruna o farinosa si  può  togliere  con un batuffolo di cotone imbevuto di alcool o con  antiparassitari specifici.

Tra i nemici della Camelia troviamo anche gli acari delle piante che si prevengono aumentando l’umidità intorno alla pianta.

Curiosità

La camelia proviene dalla Cina e dal Giappone, dove ne crescono moltissime varietà. Il tè verde, estratto dalle foglie di camelia, è una sostanza anticancro, 100 volte più efficace della vitamina c nel combattere i radicali liberi, causa di tumori.

Linguaggio dei fiori

Il significato attribuito a questa pianta è: BELLEZZA e SUPERIORITA’.

 

Camellia2

L'hai trovato interessante? Votalo, e dicci come migliorarlo nei commenti
[Voti Totali: 13 Media: 4.6]
oppure sentiti libero di Condividerlo
Share on Facebook
Facebook
5Tweet about this on Twitter
Twitter
Pin on Pinterest
Pinterest
1Email this to someone
email

2 pensieri su “Camellia (Camelia)

Vuoi fare una domanda? Vuoi dire la tua?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Add your own review

Rating

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.