Forsizia (Forsythia)

i cespugli di forsizia fioriscono a fine inverno

i cespugli di forsizia fioriscono a fine inverno

Classificazione botanica

La Forsythia (comunemente indicata con il nome di forsizia) appartiene alla famiglia delle Oleacee e comprende circa 11 specie. La Forsythia è un genere di Angiosperme. Di tutte le sue specie la maggior parte trova le sue origini nell’Asia orientale in particolare in Cina ed in Giappone. Una specie, (Forsythia europaea Degen & Bald ) è invece originaria dell’Europa sud orientale.

Caratteristiche generali

La Forsythia è un arbusto a fogliame deciduo che raggiunge un’altezza di 1-3 m. Le specie coltivate come piante ornamentali nei giardini sono siepi caratterizzate da corolle di un colore giallo brillante che sbocciano con fiori a gruppetti di tre all’inizio della primavera. Sono estremamente decorative e di forte impatto visivo.

Alla vista la Forsythia appare in sostanza come un cespuglio piuttosto informale, con i fusti eretti, scarsamente ramificati, di colore bruno; il fogliame si sviluppa dopo la fioritura ed è di colore verde e presenta una forma ovale o lanceolata.

Velenosità
Le parti che compongono la Forsythia sono tutte leggermente velenose. Questo è dovuto alla presenza di glicosidi e saponine. Se si fa indigestione di quantità considerevoli dei semi, dei frutti, delle foglie o dei fiori di questa pianta si possono presentare delle indisposizioni.

forsizia

forsizia

Foto di pixabay licenza Pubblico Dominio di Gellinger

Principali specie

Al genere Forsythia appartengono diverse specie di arbusti a foglia caduca, originari dell’Asia; la più comunemente coltivata è un ibrido (tra forsythia suspensa e forsythia vividissima) vediamo di seguito quali sono le specie di questa pianta ed i rispettivi luoghi di origine.
1. Forsythia europaea Degen & Bald. Origine Balkans in Albania and Serbia.
2. Forsythia giraldiana Lingelsh. Origine Northwest China.
3. Forsythia × intermedia. Garden hybrid between F. suspensa and F. viridissima.
4. Forsythia japonica Makino. Origine Japan.
5. Forsythia koreana (Nakai) T.B.Lee. Origine Korea.
6. Forsythia likiangensis Ching & Feng ex P.Y.Bai. Origine Southwest China.
7. Forsythia × mandschurica Uyeki. Origine Northeast China.
8. Forsythia mira M.C.Chang. Origine North central China.
9. Forsythia ovata Nakai. Origine Korea.
10. Forsythia saxatilis (Nakai) Origine Nakai. Korea.
11. Forsythia suspensa (Thunb.) Vahl. Origine Eastern and central China.
12. Forsythia togashii H.Hara. Origine Japan (Shōdoshima).
13. Forsythia velutina Nakai. Origine Korea.
14. Forsythia viridissima Lindley. Origine Eastern China.

Consigli per la coltivazione della forsythia

Se si ha intenzione di coltivare una forsythia non si deve fare troppa fatica perché questa è una pianta robusta e facile da mantenere. Diciamo che il risultato che da questo arbusto è più che soddisfacente rispetto alla fatica che si fa a coltivarlo ed a curarlo. La sua crescita è rapida ed i suoi fiori sono molto belli da vedere. E’ opportuno sapere che la forsythia cresce meglio in un ambiente assolato e che presenta un’umidità moderata. Per il suo mantenimento è bene potarla regolarmente anche per far si che abbia un aspetto sano.

Ecco come coltivare una forsythia:

  1. Prendere una talea da una pianta di forsizia matura. La maggior parte dei “pollici verdi” preferisce coltivare la forsythia da una talea, rispetto che dalle sementi, questo perché il seme è molto meno gestibile rispetto alla talea. Quindi è opportuno cercare una talea nuova e flessibile e tagliare una sezione di 8-15 cm di lunghezza. È più semplice reperire una bella talea fine primavera o inizio dell’estate.
  2. Riempire un vaso di dimensioni medie con del terriccio. E’ opportuno utilizzare una miscela di terreno che dreni bene, un ottimo esempio è un composto di terreno igienizzato del giardino, torba e compost, il tutto in parti uguali.
  3. Inserire la talea nel terreno in modo deciso. La parte finale della talea deve trovarsi sotto il suolo ad un profondità di circa 2,5 cm, lo scopo è quello che resti in posizione verticale senza avere necessità di alcun supporto.
  4. Inumidire il suolo. E’ bene sapere che la talea non mette radici il terreno è troppo secco, è opportuno quindi mantenere lo stesso con un’umidità costante, questo può essere fatto bagnandolo con un annaffiatoio.
  5. Tenere la talea in un ambiente caldo, in una posizione soleggiata. La posizione ideale è presso una finestra con esposizione a sud. Le piante di forsythia hanno una crescita migliore in pieno sole anziché in ombra o in penombra.
  6. Controllare la pianta qualora non riesca a radicare bene. Le talee di forsythia fanno le radici facilmente, ma può succedere qualche intoppo ed allora per evitare che la pianta sviluppi correttamente occorre controllare. Se si osserva qualche anomalia (tipo che la pianta si asciughi o stia marcendo) è il caso di ripetere tutto il procedimento da capo. La pianta in genere attecchisce nel giro di qualche settimana.
  7. Tenere la forsythia il vaso fino al momento del trapianto. In tardo autunno in inverno, durante il “sonno” della pianta arriva il momento ideale per il trapianto della stessa. Qualora l’arbusto cresca troppo allora lo si può trapiantare in anticipo. In teoria il trapianto si può fare in qualsiasi momento dell’anno ma la fase dormiente risulta essere il periodo migliore per questa operazione.
  8. Scegliere un punto del giardino soleggiato. Anche quando la sia trapianta in giardino occorre tenere presente che questa pianta predilige il pieno sole. Tollera anche un po’ di ombra ma il sole deve essere comunque in “dose” maggiore rispetto all’ombra.
  9. Lavorare bene il suolo. IL suolo va smosso con una paletta da giardino oppure con un rastrello. Occorre mescolare muschio di torba e compost per aumentare la capacità drenante del terreno e per renderlo più ricco.
  10. Scavare un buco che abbia le dimensioni del vaso. La buca deve avere più o mno le medesime dimensioni del vaso.
  11. Togliere con delicatezza la forsythia dal vaso. E’ un’operazione che richiede la massima delicatezza, il vaso va piegato e bisogna fare scivolare una spatola fra terreno e bordo del vaso. Bisogna quindi estrarre delicatamente la pianta, facendo attenzione alle radici che devono mantenersi intatte.
  12. Mettere le radici nella buca. Il suolo attorno alla pianta va premuto perché aderisca bene.
la forsythia ama il sole

la forsythia ama il sole

Foto di pixabay licenza Pubblico Dominio di Hans

Concimazione
La Forsizia va concimata ogni 3 – 4 mesi con concime granulare a lenta cessione che sia ricco di azoto e di potassio. Il terriccio limitrofo alla pianta può essere integrato ed arricchito da stallatico che garantisce il giusto apporto di sostanze e favorisce lo sviluppo di nuove gemme da foglia e da fiore. Nei periodi precedenti la fioritura si possono effettuare dei trattamenti contro gli afidi che attaccano spesso gli esemplari di questa pianta.

Annaffiature
Queste piante quando sono coltivate in piena terra generalmente “ si accontentano” delle piogge ma appena poste a dimora hanno necessità di una annaffiatura che bagni in profondità il terreno; le piante coltivate in vaso necessitano di annaffiature in caso di prolungate siccità visto che non hanno a disposizione l’umidità naturalmente che è presente nel terreno.

La specie Forsizia di zabel risente più degli eventuali ristagni d’acqua che si possono formare sul terreno, che non della carenza di acqua.
Comunque in linea di massima gli arbusti di Forsizia posti in piena terra vanno innaffiati circa una volta ogni 3 settimane con una ventina di litri di acqua assicurandosi che il terreno venga bagnato a fondo. Per gli esemplari in vaso l’apporto di acqua deve invece essere maggiore, circa 1 volta a settimana. questo perchè le coltivazioni in vaso, tutte non solo quelle relative a questo arbusto, non giovano delle innaffiature naturali (pioggia, brina) e della naturale umidità del terreno.

forsythia fiorita

forsythia fiorita

Foto pixabay di Pubblico Dominio  di Loggawiggler

Terreno
La Forsythia si adatta facilmente a qualsiasi tipologia terreno, ma anche questa pianta ha le sue  “preferenze”, infatti predilige comunque terreni soffici e ricchi di humus, che siano ben drenati. Questo arbusto teme i ristagni idrici, quindi è opportuno miscelare al substrato di coltivazione una buona quantità di sabbia onde garantire il giusto grado di drenaggio. Per questo motivo sarebbe meglio evitare i terreni troppo ricchi di argilla.

Esposizione
La Forsythia non teme il freddo; questo tipo di arbusto ha un carattere molto robusto e rustico.
Nonostante ciò questa varietà di piante preferisce le posizioni soleggiate, o semi ombreggiate, il sole deve comunque prevalere rispetto all’ombra. La scarsità di sole non compromette comunque la vita di questo arbusto.
Una posizione poco soleggiata può causare fioriture scarse o addirittura assenti seppure la pianta, essendo molto resistente riesce generalmente a sopravvivere anche in queste condizioni. La Forsizia non teme il vento, quindi si adatta anche alle zone esposte; se però l’intensità è piuttosto forte, allora la fioritura sarà meno rigogliosa. Diciamo quindi che se non sussistono le condizioni ottimali la fioritura può essere compromessa.

Fioritura

La forsizia fiorisce alla fine dell’inverno, tra marzo ed aprile, prima dell’emissione delle foglie, si ricopre di fiori di colore giallo-zolfo che sbocciano lungo i rami dell’anno precedente. I suoi fiori sono gamopetali con una corolla di 4 lobi ed un calice ridotto anch’esso gamopetalo anche se con incisure dei lobi molto profonde. Le sue foglie sono opposte, oblunghe o tondeggianti, a volte seghettate. Il suo frutto è una capsula plurisperma.

Le specie coltivate come piante ornamentali nei giardini per siepi presentano corolle di colore giallo brillante e sbocciano con fiori a gruppetti di tre all’inizio della primavera.

forsythia

forsythia

Foto pixabay Licenza di Pubblico Dominio di wikimedialmages

Moltiplicazione

La moltiplicazione della forsizia avviene solitamente e facilmente per talea legnosa, utilizzando i rami di 1 anno che siano potati dopo la fioritura; per margotta o propaggine; è anche possibile la la coltivazione in vaso per la decorazione dei terrazzi.

Ci si può anche affidare ai semi per ottenere nuove piante; la propagazione per seme può essere effettuata in primavera, anche se non sempre gli esemplari che ne risultano sono identici alla pianta che ha fornito i semi.

Potatura

La potatura della Forsizia va effettuata dopo la fioritura di febbraio-marzo. Si devono accorciare i rami che portavano i fiori ed eliminare quelli secchi o legnosi, senza gemme. La potatura invernale è invece da evitare. Purtroppo, invece, viene spessissimo potata in inverno, perdendo così il 90% della sua splendida fioritura. Anche questa operazione errata (potatura invernale) compromette dunque la fioritura.

Parassiti e malattie

La Forsizia è molto resistente ma può venire colpita da marciumi radicali provocati da pericolosi ristagni d’acqua.
Talvolta gli acari possono rovinare vistosamente il fogliame.
Prima della fioritura potrebbe essere utile provvedere a un trattamento preventivo con specifici prodotti insetticidi e antiparassitari così da proteggere la Forsythia da possibili attacchi.

Curiosità

Il nome del genere Forsythia è in onore di William Forsyth che visse nel Settecento e che fu uno dei fondatori della Reale Società di Orticoltura di Londra, la più importante associazione botanica del mondo.

Linguaggio dei fiori

Nel linguaggio dei fiori la Forsythia indica la bellezza fugace, questo per la fioritura estremamente breve ma molto apparisce di questi arbusti.

In conclusione possiamo dire che la Forsizia è una pianta che da tantissimo e non chiede molto. E’ resistente, robusta e mette tanta allegria con la sua meravigliosa fioritura di un giallo intenso. Altro pregio è quello di fiorire nei mesi invernali, o meglio alla fine dell’inverno preannunciando festosamente l’arrivo della primavera. Se avete un giardino dunque arricchitelo con questa pianta, altrimenti provate a coltivarla in vaso seguendo le nostre indicazioni, con la consapevolezza (e questo vale sempre) che la coltivazione in vaso richiede più accorgimenti rispetto a quella in piena terra.

Dove Acquistare

Vivai Le Georgiche Forsythia
EUR 9,60 EUR 9,60
Generalmente spedito in 6-10 giorni lavorativi
Vivai Le Georgiche Forsythia
EUR 9,60 EUR 9,60
Generalmente spedito in 6-10 giorni lavorativi
1 PIANTA DI FORSYTHIA INTERMEDIA
EUR 9,90 EUR 9,90
Generalmente spedito in 1-2 giorni lavorativi

Articoli correlati che possono interessarti

Cosa ne pensano i nostri lettori:
Ti è piaciuto l'articolo? Dagli un voto:
[Voti Totali: 15 Media: 3.8]
E ora Condividilo sui tuoi social preferiti:Share on Facebook5Share on Google+3Pin on Pinterest1Tweet about this on Twitter0Email this to someone
Vuoi ricevere tutti gli articoli come questo?
Iscriviti ora. E' gratis.

Non facciamo spam!
TI invieremo anche qualche offerta speciale

Riceverai al massimo due mail al mese
Autorizzo al trattamento dei dati personali D.L. 196/03

Rispondi