Felce

 

Immaginate un giardino dell’epoca vittoriana: ricco di felci che alla fine dell’ottocento erano piante molto apprezzate sotto l’aspetto decorativo ma anche per le proprietà medicinali.

Le felci sono molto antiche, sono apparse già nell’era del Devoniano inferiore (stiamo parlando di circa 400 milioni di anni fa!). Sono  le prime piante terrestri che hanno cominciato a differenziare un sistema di trasporto dei fluidi, permettendo così un ulteriore accrescimento in altezza differenziandosi dai muschi che non sono riusciti ad affrancarsi totalmente dalla vita acquatica.

Le felci non sono dotate di semi ma si diffondono nell’ambiente mediante spore.

Classificazione botanica

felci

La felce fa parte dell’ordine delle  Polypodiales. Quelle che generalmente chiamiamo felci sono piante senza fiori, senza frutti e senza semi e sono incluse  tra le Briofite e le Gimnospermae.

Caratteristiche generali

In sostanza le felci sono piante che, pur essendo ben formate in tutte le loro parti (radici, fusti, foglie, vasi, midollo) non posseggono gli organi di riproduzione.

Per riprodursi le felci producono delle spore che si trovano all’interno di sporangi ossia di capsule. Gli sporangi sono a loro volta raggruppate in sori.

Quando la spora cade nel terreno trasportata dal vento, germina e da vita ad una pianta del  tutto indipendente produttrice di gameti.  Sulla pianta si formano organi sessuali maschili e femminili sui quali maturano anterozoi (per gli organi maschili) e le oosfere (per gli organi femminili). L’acqua trasporta gli anterozoi che fecondano le oosfere, queste ultime germogliano subito e danno vita alla felce.

Consigli per la coltivazione delle felci

Felci in appartamento

La cura della felce in appartamento richiede particolare attenzione in quanto il fogliame tende ad ingiallire ed a cadere.

Tra le felci da appartamento sono molto apprezzate la felce Boston (Nephrolepis exaltata), tutte le varietà di Davallia,  l’Asplenium bulbiferum, l’Asplenium trichomanes (erba rugginina), i capelvenere (Adiantum capillus-veneris L., 1753) e l’Asplenium nidus (lingua di cervo) che vanta foglie lisce, lucide e di un verde brillante.

Luce e temperatura delle felci

Le felci in casa necessitano di luce soffusa e naturale e non devono essere esposte  ai raggi diretti del sole. una volta alla settimana è opportuno  ruotarle di mezzo giro, per consentire uno sviluppo armonico della chioma

Le felci mal sopportano gelate e correnti d’aria, ma anche un ambiente troppo secco è mal tollerato. La temperatura perfetta deve collocarsi tra i 15 ed i 18 gradi.

Terreno ed annaffiature delle felci

Il terreno idoneo è un terriccio mischiato con torba.

Per le annaffiature è opportuno utilizzare acqua priva di calcare. La felce va annaffiata regolarmente, durante l’inverno ci si limita ad annaffiarla ogni 4 – 5 giorni.  E’ opportuno mantenere la giusta umidità anche utilizzando un nebulizzatore.

E’ opportuno evitare ristagni idrici, quindi è consigliabile  disporrete la pianta su  sottovaso riempito di ciottoli o argilla e poca acqua avendo cura di  non tenere il fondo del vaso in immersione.

Concimazione e potatura delle felci

La concimazione della falce deve essere mensile ogni mese da primavera ad autunno con fertilizzanti ricchi di azoto. solubili e ben diluiti. La felce non necessita di potatura ma occorre eliminare le foglie secche.

Felci in giardino

In giardino la felce necessita di una posizione ombreggiata

adiantum-pedatum-

Principali specie

Nel  mondo si contano quasi 12.000 varietà di felci (divisione dellePteridophytae), che, a loro volta, hanno moltissimi generi tra cui Asplenium, Adiantum, Nephrolepis, Capelvenere e Davallia,

Ecco le più note:

ADIANTUM

Adiantum capillus veneris è noto come Capelvenere si tratta di una delle piante più conosciute, caratterizzata da steli neri e delicati che ricordano i capelli di una donna (da qui il nome)

Il nome scientifico è Adiantum capillus veneris e è originaria delle zone temperate e tropicali di tutto il mondo.

ASPLENIUM

Esistono numerose specie di Asplenium, ricordiamo le più diffuse:

ASPLENIUM ADIANTUM NIGRUM

L’Asplenium adiantum nigrum caratterizzata da foglie pennato composte portate da un lungo picciolo di colore bruno – rossastro.

ASPLENIUM NIDUS

L’Asplenium nidus possiede grandi fronde verdi brillanti, ha le foglie sono disposte a rosetta.

Si tratta di una pianta epifita che vive appoggiata agli alberi .

ASPLENIUM BULBIFERUM

L’Asplenium bulbiferum è originario dell’Australia e della Nuova Zelanda

ASPLENIUM VIVIPARUM

L’Asplenium viviparum è originario  delle isole Mauritius.

BLECHNUM

Le Blechnum vantano una facile coltivazione.

asplemium

WOODWARDIA

WOODWARDIA FIMBRIATA o WOODWARDIA CHAMISSOI

La Woodwardia fimbriata o Woodwardia chamissoi originaria del nord America. E’ una delle specie più grandi : le sue fronde raggiungono anche i 4 m di lunghezza ed i 45 cm di larghezza.

WOODWARDIA RADICANS

La Woodwardia radicans posside fronde di un bel verde intenso, lunghe fino a 2 m e larghe 45 cm.

WOODWARDIA VIRGINICA

La Woodwardia virginica è originaria degli Stati Uniti

E ancora:

Cyrtomium,  Davallia, Nephrolepis,  Pellaea,  Platycerium,  Polypodium, Pteris, Woodwardia

 

 

Articoli correlati che possono interessarti

Cosa ne pensano i nostri lettori:
Ti è piaciuto l'articolo? Dagli un voto:
[Voti Totali: 12 Media: 3.7]
E ora Condividilo sui tuoi social preferiti:Share on Facebook5Share on Google+1Pin on Pinterest4Tweet about this on Twitter4Email this to someone
Vuoi ricevere tutti gli articoli come questo?
Iscriviti ora. E' gratis.

Non facciamo spam!
TI invieremo anche qualche offerta speciale

Riceverai al massimo due mail al mese
Autorizzo al trattamento dei dati personali D.L. 196/03

Rispondi