Bulbose a fioritura estiva

Bulbose a fioritura estiva
Bulbose a fioritura estiva

Quando si parla di bulbose, vengono subito alla mente le bulbose a fioritura primaverile come il giacinto, il narciso, il tulipano, la scilla, ecc. In realtà ci sono bulbose che fioriscono in ogni periodo dell’anno, e quelle a fioritura estiva, nulla hanno da invidiare a quelle a fioritura primaverile, anzi sono più numerose.

Le bulbose a fioritura estiva, sempre rispetto a quelle a fioritura primaverile, sono però un po’ più delicate: molte di loro se l’inverno è particolarmente freddo, necessitano di essere estratte dal terreno quando le foglie sono disseccate per essere ripiantate nella primavera successiva.

Si tratta di una sorta di difetto che può essere sfruttato per posizionare le piante sempre in posti diversi, variando anche la forma e la dimensione dell’aiuola. Le bulbose estive, in generale, sono anche meno resistenti, meno longeve e più sensibili alle condizioni ambientali avverse come l’umidità persistente, il ristagno ed il terreno pesante.

Di solito vanno piantate in primavera, meglio se entro il mese di marzo di ogni anno. Qualora i bulbi non possano essere piantati immediatamente, è consigliabile conservarli in un ambiente fresco e al riparo dal gelo.

Come impiegarle

Possono essere utilizzare in diversi modi: nelle aiuole, in macchie sparse in mezzo al prato, in gruppi, nelle fioriere, nei vasi, nelle bordure, in macchie folte, nel giardino roccioso. La maggior parte delle specie sboccia sia in pieno sole sia in ombra parziale.

Nelle zone molto calde e poco ventilate è consigliabile piantarle ad est o ad ovest per proteggerle dal sole cocente di mezzogiorno, si tratta di un accorgimento utile per prolungare il periodo della loro fioritura.

Ci sono specie che fioriscono bene anche all’ombra, ma raggiungono l’apice del loro splendore se esposte in piena luce

Come coltivarle

I bulbi vanno messi a dimora prima che il germoglio diventi verde in quanto lo sviluppo si completa sottoterra.
Il terreno va lavorato profondamente, con un’adeguata vangatura che raggiunge una profondità maggiore rispetto a quella a cui andranno posti i bulbi.

É possibile migliorare il terreno argilloso incorporando sabbia, compost o terricciato di letame maturo. Si può quindi ottenere un substrato ideale, ricco e ben drenato eliminando la metà del terriccio di scavo e sostituendolo con sabbia, compost o terricciato di letame maturo in quantità uguale.

Un elenco di piante bulbose a fioritura estiva

Ecco un elenco, non esaustivo, di piante bulbose a fioritura estiva. Se volete suggerirne altre inseritele pure nei commenti.

Acidanthera

Acidanthera

Del genere, l’unica specie adatta ai nostri climi è l’Acidanthera bicolor.

E’ originaria dell’Abissinia, e l’acidantera bicolor muriele è la varietà più rustica del genere. Si tratta di una pianta elegante, con fusti che possono arrivare a misurare fino ad 80 cm. A partire dal mese di luglio e fino a settembre produce fiori a forma di stella, bianchi e purpurei al centro, larghi fino a sette centimetri, in numero di 5-7 per stelo.

I bulbo-tuberi vanno piantanti in primavera, a 10 -12 cm di profondità, nelle bordure o in macchie in mezzo al prato. E’ in grado di resistere nel terreno nelle zone caratterizzate da inverni miti, in queste zone si possono lasciare nel terreno per più anni, nelle zone caratterizzate invece da inverni rigidi, è opportuno estirpare i bulbi dopo la fioritura e conservarli in un locale asciutto e non troppo freddo fino alla primavera successiva. La pianta ha una buona capacità di moltiplicarsi.

Agapanthus

Agapanthus
Agapanto

L’Agapanto è una pianta perenne originaria della Provincia del Capo, in Sudafrica ed è una pianta che far parte delle Bulbose a fioritura estiva . Può raggiungere i 70 cm di altezza e forma delle ombrelle dai fiori azzurro intenso.

Nelle zone costiere a clima invernale mite, la pianta può essere lasciata nel terreno in quanto è in grado di fiorire per diversi anni consecutivi. Si coltiva facilmente anche nelle regioni caratterizzate da inverni rigidi, avendo però l’accortezza di proteggere dal gelo i bulbi lasciati nel terreno e coprendoli con uno strato di foglie o di torba. Le varietà più diffuse sono quelle di Agapanthus africanus e Agapanthus umbellatus.

Allium

Bulbose a fioritura estiva: Allium
Allium

L’Allium è una pianta rustica, facile da coltivare, resistente nel tempo. Il terreno ideale deve essere mantenuto fertile, pertanto è opportuno corporare ogni anno a primavera terricciato o compost, profondo per favorire lo sgrondo, privo di scheletro e tendenzialmente acido, con una pacciamatura acida di aghi di pino, pigne o corteccia.

Alstroemeria

Alstroemeria
Alstroemeria

L’Alstroemeria è un arbusto perenne. Il genere comprende circa 50 specie di piante da fiore. E’ originaria delle zone montuose dell’America meridionale

E’ una pianta rizomatosa con radici carnose che produce steli non ramificati con  all’ estremità un’ infiorescenza ombrelliforme formata  da 3-7 fiori imbutiformi con 6 sepali.

Le alstroemerie,  sono piante perfette per la composizione di  aiuole e per le bordure.  Sono adatte anche per la coltivazione in  vaso, in particolare le varietà nane, si possono creare insiemi molto attraenti piantando i rizomi vicinissimi tra loro.

Anemone coronaria

Anemone coronaria
Anemone coronaria

L’Anemone coronaria fiorisce tra maggio e agosto. I bulbi vanno impiantati ad una profondità di circa 5 cm e vanno distanziati tra loro, di 10 cm. La messa a dimora deve essere eseguita a mezz’ombra o in pieno sole a patto che la piante abbiano un riparo dal sole pomeridiano.

Arisaema

Arisaema
Arisaema

Il genere Arisaema comprende piante erbacee perenni a radice tuberosa. Le specie del genere sono caratterizzate da foglie grandi, lunghe circa 4 cm che generalmente compaiono insieme ai fiori. I fiori hanno una forma particolare: una spata di 12-20 cm di lunghezza abbraccia lo spadice rigonfio a forma di clava, lungo 5 cm. Lo spadice è costituito da fiori maschili a 2-5 stami e da fiori femminili.

Begonia 

Begonia
Begonia


La Begonia è molto apprezzata per il suo fogliame ornamentale e per la forma e il colore dei fiori. La sua coltivazione inizia a fine di marzo e inizio di aprile, il tubero va interrato quando le temperature sono superiori ai 16 °C.

Canna da fiore

Canna indica.
Canna indica

Il suo nome botanico è Canna indica. Le canne da fiore che coltiviamo oggi sono ibridi e non più le specie originarie. E’ una pianta vigorosa, che fiorisce copiosamente e che sviluppa una ricca vegetazione. Si tratta di una pianta amante del caldo che può rimanere nel terreno durante l’inverno solo al sud o in posizioni calde e riparate dalle piogge fredde. Riprende a vegetare tardi, quando le temperature notturne si sono stabilizzate attorno ai 15°C. Nei climi freddi, va ritirata e messa in vasi con terriccio.

I suoi rizomi vanno piantati in tarda primavera al nord e quando i terreni iniziano a scaldarsi al sud, a circa 10 cm di profondità. Le canne da fiore possono creare delle aiuole miste insieme a bulbi di gladioli e dalie.

Crinum

Crinum
Crinum

La fioritura dei Crinum avviene solitamente nella stagione estiva. I fiori di questa bulbosa, la cui forma ricorda quelli dei Gigli, sono molto apprezzati per la loro eleganza e per i delicati colori. Tra le specie a fioritura estiva ci sono Crinum powellii, Crinum bulbispermum, una delle poche specie del genere Crinum che resiste anche alle nostre temperature invernali, Crinum campanulatum.

Crocosmia

Crocosmia
Crocosmia

La Crocosmia è una bulbosa che si è valsa il titolo, meritatissimo, di bulbo estivo dell’anno 2019. Ama il sole, è perfetta per realizzare bordure colorate, può essere usata come fiore reciso, può essere a fiore grande e piccolo, in tinta unita o bicolore e con altezze diverse in base alle varietà, è facile da coltivare.

Nelle zone fredde è opportuno estirpare i bulbo-tuberi in ottobre e conservarli in sabbia o torba leggermente umide mentre nei climi più miti i bulbi si possono lasciare indisturbati nel terreno, eventualmente fornendo una protezione durante l’inverno. Va piantata all’inizio della primavera, tra i fiori perenni o nell’angolo dei fiori da recidere, in terreno leggero e sabbioso. Ci sono diverse varietà e tra queste alcune fioriscono nella seconda metà dell’estate.

Cyrtanthus

Cyrtantus
Cyrtantus

Le Cyrtantus, conosciute in Italia con il nome di Vallota, sono bulbi che regalano meravigliose fioriture. Sono originarie delle regioni meridionali dell’Africa.

Non superano i 50-60 cm di altezza e nel nostro Paese vengono coltivate esclusivamente in vaso perché non tollerano i rigori dell’inverno. Hanno una consistenza quasi erbacea: dal fusto si sviluppano lunghe e spesse foglie lanceolate, disposte a raggio.

Dalia (Dahlia)

Dalia
Dalia

La Dalia è originaria del Messico, ma si ritrova anche in altre zone del Centro America e include un numero elevato di varietà tutte con radice tuberose, differenziate fra di loro per altezza del fusto, disposizione dei petali, colori e inflorescenze.

Dracunculus vulgaris

Dracunculus vulgaris

Si tratta di una robusta pianta erbacea perenne che può arrivare a misurare oltre il metro di altezza. Germoglia da un bulbo sotterraneo, spaccando il terreno con punte leopardate. E’ caratterizzata da un rizoma tuberiforme e di un fusto eretto, glabro, grosso e picchiettato di macchie rosse-brune che ricordano la pelle di un serpente.
Dal bulbo si ergono le foglie che si avvolgono al fusto con guaine chiazzate. Dal fogliame si svilluppa un lungo picciolo di 20-30 centimetri.

Gladiolo

Gladiolo
Gladiolo

Si tratta di fiori apprezzati soprattutto per la lunga durata quando recisi. In giardino si coltivano nei bordi misti e tra i fiori annuali estivi. Ci sono molte specie e varietà, tra cui alcune di piccola taglia.

I bulbo-tuberi vanno piantati a partire dalla metà di marzo in poi, in terreni ben drenati e ben esposti al sole, ad una profondità di 10-15 cm.

Giacinto estivo

Bulbose a fioritura estiva: giancinto estivo
Giacinto estivo – foto di Keith EdkinsCC BY-SA 3.0

Conosciuto anche come giacinto del Capo (Galtonia candicans), è un grande giacinto dal fusto fiorifero alto oltre un metro e con un bel grappolo di piccoli fiori campanulati, bianchi, delicatamente profumati, che sbocciano da luglio a settembre.

E’ perfetto per essere coltivato nelle aiuole, nell’angolo dei fiori da taglio, in gruppi in mezzo al prato. I bulbi si piantano in marzo-aprile, a 10-15 cm di profondità in terreno leggero, sano e fertile, in posizione soleggiata. Si possono lasciare nel terreno anche durante l’inverno, ma al nord è necessario proteggerli dal freddo con paglia, torba o foglie secche.

Giglio (Lilium)

Giglio
Lilium

E’ una bulbosa perenne molto rustica, che viene coltivata in ogni ambiente climatico. Ha un’altezza che varia dagli 80 cm ai 2 metri. Produce fiori imbutiformi, con petali a volte retroflessi e di grandi dimensioni, riuniti in infiorescenze terminali lasse e fioriscono in estate.

E’ adatto per la decorazione di bordi misti, aiuole, per produrre fiori da recidere e anche per la coltivazione in vaso. Le varietà di piccola taglia sono indicate per il giardino roccioso. I bulbi vanno piantati nel mese di ottobre o in marzo, a 10-15 cm di profondità, e possono essere lasciati indisturbati a dimora per parecchi anni avendo cura di proteggerli dalle forti gelate.

Hemerocallis

Hemerocallis: bulbose a fioritura estiva
Hemerocallis

Conosciuti anche come Daylily (gigli di un giorno), gli esemplari appartenenti al genere che abbiamo deciso di presentarvi sono delle vere e proprie fabbriche di fiori. La fioritura degli Hemerocallis avviene solitamente tra maggio e ottobre. Si parla di ininterrotta fioritura, poiché la danza di cui prima parlavamo continua per lungo periodo, regalando ogni giorno nuovi fiori dai brillanti colori. I fiori sono simili a quelli dei Gigli, ma con la particolarità della durata giornaliera.

Hymenocallis

Hymenocallis
Hymenocallis

Hymenocallis è un genere di bulbose particolarmente apprezzate per la delicata forma dei fiori. Il genere fa parte della grande famiglia delle Amaryllidaceaee ogni specie presenta foglie arcuate e fiori dai tepali sottili che partono da un piccolo imbuto centrale.

Quasi tutte le specie di Hymenocallis sono originarie dell’America Centrale e Meridionale e non possono di certo essere inserite nella categoria delle piante più resistenti. Tra le specie a fioritura estiva c’è Hymenocallis festalis.

Hippeastrum

Hippeastrum
Hippeastrum foto di Yercaud-elango , CC BY-SA 4.0

L’Hippeastrum è originario dell’America meridionale.

E’ una pianta bulbosa eretta con il fusto cavo e con foglie lineari, nastroformi, spegnate da numerose nervature longitudinali, di colore verde scuro.

É coltivato soprattutto in vaso, in serra o in casa, ma può essere piantato anche in piena terra: in autunno nelle zone a clima mite, in primavera avanzata in quelle a clima freddo.
Il fiore, grande e maestoso, sboccia tra la primavera e l’estate, a seconda delle varietà.

Iris

Tra le tantissime specie e varietà di Iris ci sono bulbose a fioriruta estiva che si distinguono per la bellezza dei fiori.

Leucojum

coltivazione Leucojum
Leucojum

Il genere Leucojum, comprende diverse specie note anche come “fiocchi di neve” o “campanelle bianche”, con fiori simili ai Bucaneve. Solitamente crescono spontanee anche in zone dove il clima è più rigido, e possono essere coltivate senza troppi problemi nei giardini italiani.

Il Leucojum aestivum, il campanellino estivo, raggiunge i 40-50 cm di altezza, ha un aspetto slanciato e meno cespuglioso. Si mette a dimora in autunno e non teme il freddo invernale. È indicato per i terreni umidi perché non teme il ristagno. Fiorisce nel mese di giugno e può essere coltivato anche a mezz’ombra.

Nerine

Bulbose a fioritura estiva: Nerine
Nerine

Il genere Nerine comprende diverse specie di bulbose, che vengono coltivate sia come piante da vaso, sia in giardino in piena terra. Hanno bisogno di condizioni ambientali stabili e mai troppo fredde.

La Nerine ha un portamento elegante, i suoi i bulbi si possono piantare nell’angolo dei fiori da taglio o anche nei vasi di terrazze e balconi.
Esistono delle specie e della varietà dotate di una buona rusticità e i cui bulbi possono trascorrere l’inverno in piena terra, purché si proteggano con uno strato di paglia e di torba.

Ornithogalum

Bulbose a fioritura estiva Ornithogalum
Ornithogalum

L’Ornithogalum, noto come Ornitogallo, è una pianta erbacea bulbosa facile da coltivare.

Ci sono specie che fioriscono in estate producendo numerosi fiori stellati sono sorretti da steli che possono raggiungere i 40cm di altezza e mostrarsi nelle più delicate tonalità del rosso, arancione, giallo o indossare un bellissimo abito bianco. La specie Ornithogalum thyrsoides fiorisce in luglio-agosto e si utilizza nei bordi misti, nel giardino roccioso, nelle bordure, in posizione calda e soleggiata. Il bulbo si pianta in marzo, in terreno leggero e ben drenato, a 5-8 cm di profondità.

Pelargonium

Pelargonium
Pelargonium

Lo conosciamo come geranio ed è uno dei simboli dell’estate italiana. La fioritura di queste piante si protrae per tutto il periodo estivo, arrivando ad illuminare, in alcuni casi, anche le prime giornate autunnali.

Sandersonia (Sandersonia aurantiaca)

Sandersonia
Sandersonia

La Sandersonia è una pianta esotica rampicante o ricadente sempreverde che, nei periodi siccitosi, tende a diventare decidua. E’ originaria delle zone boschive del Sudafrica.

I fiori sono molto decorativi, di un colore arancione brillante, hanno la corolla campanulata con petali fusi tra loro a comporre una piccola lanterna cinese.

Scadoxus

Scadoxus

Sono piccole bulbose che non amano il freddo e che producono fiori piumosi fiori dai colori accesi e che vantano un fogliame molto decorativo. La specie Scadoxus multiflorus è tra quelle a fioritura estiva.

Sprekelia

Bulbose a fioritura estiva Sprekelia
Sprekelia Foto di Maja DumatCC BY 2.0

Del genere, la Sprekelia formosissima è il massimo esponente. Si può coltivare in piena terra. Produce fiori molto grandi che sbocciano in luglio-settembre, sono solitari e di un colore rosso vivo. La fioritura purtroppo è molto breve. I bulbi si piantano in primavera, a 10-15 cm di profondità, in terreno leggero e ben soleggiato. In autunno i bulbi vanno tolti dal terreno.

Tulbaghia

Tulbaghia violacea
Tulbaghia violacea

La Tulbaghia fiorisce generalmente dalla primavera all’autunno inoltrato, ma il periodo può variare a seconda della specie. La Tulbaghia violacea, ad esempio, è a fioritura estiva. É la pianta ideale per arricchire di colori il giardino, per le bordure e per formare siepi basse. Si presta bene al  clima mediterraneo e marino.

Zephyranthes

Bulbose a fioritura estiva: Zephyranthes

Lo conosciamo come Giglio della pioggia, si tratta di una bulbosa perenne a foglia caduca o sempreverde (in base alla fascia climatica) che ha fioriture stagionali differenti: la più comune produce masse floreali alla fine dell’estate fino all’ inizio autunno.

Prepariamoci quindi ad un’estate coloratissima e fioritissima e se conoscete altre bulbose a fioritura estiva, scrivetelo nei commenti!

Articoli correlati che possono interessarti

L'hai trovato interessante? Votalo, e dicci come migliorarlo nei commenti
[Voti Totali: 4 Media: 3.8]

Vuoi fare una domanda? Vuoi dire la tua? Ti serve aiuto o consigli?

Fai la tua domanda sul nostro gruppo FACEBOOK (clicca qui)


Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.